Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

Drammi moderni

By Henrik Ibsen

(66)

| Others | 9788817029025

Like Drammi moderni ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

3 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 1 person finds this helpful

    Casa di Bambola
    Spettri
    Un nemico del popolo
    L'anitra selvatica
    La signora del mare
    Quando noi morti ci destiamo

    Is this helpful?

    Reina said on Sep 22, 2013 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    I SOSTEGNI DELLA SOCIETÁ *****
    Sono rimasta molto colpita da questo dramma di Ibsen, non fosse per altro che per il profondo realismo di cui è intrisa. Tocca temi universali ed è di un'attualità disarmante.
    Il console Bernick, mestiere imprenditore, ...(continue)

    I SOSTEGNI DELLA SOCIETÁ *****
    Sono rimasta molto colpita da questo dramma di Ibsen, non fosse per altro che per il profondo realismo di cui è intrisa. Tocca temi universali ed è di un'attualità disarmante.
    Il console Bernick, mestiere imprenditore, è il primo cittadino di una cittadina norvegese per ricchezza e fama di morigeratezza. Si appresta a fare uno dei suoi affari migliori, costruire una ferrovia, spacciando come sempre la cosa come un bene per la società (intanto si è comprato prima della costruzione terreni adiacenti che essendo mal serviti non valevano nulla e che, logicamente, si rivaluterebbero immensamente grazie al collegamento ferroviario). Scopriamo che nella sua vita tutto è sempre stato così, volto al proprio tornaconto. Cercherò di essere realista. Non mi ricordo chi disse che il bravo politico è colui che mentre fa i propri interessi riesce a combinare qualcosa di buono anche per gli altri. Se questa definizione è esatta Bernick è sicuramente un bravo affarista e politico. Purtuttavia, io lo trovo spregevole. Bernick sacrifica amicizie e parentele e sopprime ogni giorno i valori morali più profondi, convincendosi di essere un dritto. Lo è perchè vince, ma se il figlio Olaf fosse salito sulla "Indian Girl" (nave che lo stesso console aveva mandato scientemente a naufragare per far fuori il suo ex migliore amico e toglierselo dai piedi), sarebbe stato un perdente. Evidentemente questi soggetti hanno anche un immenso fondoschiena. Eccezionale il monologo finale da imbonitore dove confessando le menzogne dette fino a quel punto riesce comunque a uscirne vincitore. Sto ancora meditando se per merito della sua furbizia o della stupidità e corruzione dei suoi stessi cittadini (probabilmente entrambe le cose).
    Troviamo due genere di figure femminili: le "spose" tra cui la moglie di Bernick, Betty, secondo me totalmente priva di cervello e per questo perfettamente felice, e Maria e Lona, zitelle che potrebbero essere autosufficienti ma rimangono comunque, per via indiretta e in maniera più nascosta, al servizio dell'uomo che amano. Ibsen in Una casa di bambola ha sostenuto che una donna si può emancipare solo tramite il lavoro, secondo me non è così, non basta. Maria e Lona sono la testimonianza che è la sudditanza psicologica e l'amore patologico a dover essere estirpati dalla lista delle nostre cattive abitudini.

    UNA CASA DI BAMBOLA *****
    È la terza volta che leggo questo dramma, ed ogni volta ne rimango più scioccata della precedente. E lo rileggerò di sicuro. Letto in seguito a I sostegni della società sono ancor più convinta del mio pensiero. Nora si emancipa perchè non ama e non ha mai amato Torvald, il giogo dei sentimenti è forse più soffocante della dipendenza economica. Un plauso alla traduzione e alla cura delle note anche se credo che a volte intervengano un po' troppo a guidare l'interpretazione del lettore.

    SPETTRI ***
    Nonostante la fama dell'opera non sono rimasta colpita in maniera particolare. Sì, è gradevole ma nulla più. Ho trovato alcune delle tematiche (incesto) abbastanza comuni e meno fresche dei precedenti due drammi, altre (ereditarietà) proprio vecchiotte e a me poco gradite. La scena del fantasma del marito che colpisce una seconda volta tramite Osvald, nella serra, è molto potente e ben scritta. L'incendio nel convitto è citofonato sin dall'inizio quando il pastore e la signora Alving decidono di non assicurare la proprietà. Penso che la resa sia migliore a teatro. Anche qui si salvano i peggiori, è un'abitudine che detesto. Il pastore bacchettone e moraleggiante che se n'è allegramente infischiato, ai suoi tempi, della triste Helene Alving (per salvaguardarsi dalle chiacchiere), e il ciambellano Alving che ha vissuto in maniera dissoluta ma grazie agli estremi sforzi della sua vedova viene ricordato come una persona nobile dalla comunità. A pagare sono sempre gli onesti, che tamponano le malefatte altrui e le scontano tutte finendo in ultimo soffocati dall'intrico di bugie che hanno tessuto a lungo ma in primo luogo per proteggere altri. Una triste parabola.

    Is this helpful?

    Ayrinne said on Nov 16, 2010 | 1 feedback

  • 4 people find this helpful

    Strepitoso

    E' un peccato pensare che uno degli autori più grandi e meritevoli, sia così poco conosciuto. Ho avuto la fortuna di fare un bel corso universitario su di lui ed è stato semplicemente amore. Lo consiglio a TUTTI. I suoi drammi sono assolutamente sple ...(continue)

    E' un peccato pensare che uno degli autori più grandi e meritevoli, sia così poco conosciuto. Ho avuto la fortuna di fare un bel corso universitario su di lui ed è stato semplicemente amore. Lo consiglio a TUTTI. I suoi drammi sono assolutamente splendidi.
    Consigliati in modo particolare: Casa di bambola, L'anitra selvatica, il piccolo Eyolf

    Is this helpful?

    Takiko said on May 25, 2010 | 1 feedback

Book Details

  • Rating:
    (66)
    • 5 stars
    • 4 stars
    • 3 stars
  • Others
  • ISBN-10: 8817029025
  • ISBN-13: 9788817029025
  • Publisher: BUR Biblioteca Univ. Rizzoli
  • Publish date: xxxx-xx-xx
Improve_data of this book

Groups with this in collection

Margin notes of this book