Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Drive-in

La trilogia

Di

Editore: Einaudi

3.7
(201)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 539 | Formato: Paperback

Isbn-10: 8806211986 | Isbn-13: 9788806211981 | Data di pubblicazione:  | Edizione 2

Disponibile anche come: eBook

Genere: Horror

Ti piace Drive-in?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Ordina per
  • 5

    Io non ci riesco a scrivere recensioni quando un libro mi piace. È questo mi è piaciuto come il bitter dal congelatore quando fa caldo. O come una partita di basket al terzo supplementare. O come il L ...continua

    Io non ci riesco a scrivere recensioni quando un libro mi piace. È questo mi è piaciuto come il bitter dal congelatore quando fa caldo. O come una partita di basket al terzo supplementare. O come il Liverpool che rimonta tre gol al Milan e vince la Champions. Leggete questa trilogia del Drive-in. Ci sono cannibali e macchine infernali, mostri e popcorn (molti popcorn), dinosauri scorreggioni , uomini con la testa a forma di televisore, pesci elettrici, sangue, una città che si chiama Città Di Merda , avventure pinocchiesche. Leggetelo, perché si capisce che Lansdale si è divertito un mondo a scriverlo. Leggetelo, perché io horror, fantasy, fantascienza, vade retro! eppure questo l’ho letto tutto d’un fiato. Leggetelo, perché fa ridere, paura e schifo contemporaneamente. Insomma, leggetelo. Oppure leggete un altro Lansdale a caso, perché vada come vada, beccate bene sempre.

    ha scritto il 

  • 3

    “Sì, era per quello che piangevo: per la specie umana. Per il fatto che l’uomo non è per niente buono. Poi capii che era solo un bluff e che in realtà piangevo per me stesso, per la mia solitudine, la ...continua

    “Sì, era per quello che piangevo: per la specie umana. Per il fatto che l’uomo non è per niente buono. Poi capii che era solo un bluff e che in realtà piangevo per me stesso, per la mia solitudine, la mia delusione, la presa di coscienza della mia mortalità, la consapevolezza che l’universo è un luogo buio, vuoto, e la vita è soltanto un giro in giostra, metti i piedi sul nulla. E a quel punto, è tutto finito, non c’è più niente. Carne e anima potrebbero anche non essere mai esistite.”

    ha scritto il 

  • 4

    Grande Lansdale a creare personaggi e situazioni al di fuori dell'immaginario e collocarle nella realtà americana di oggi. Dissacrante, violento, esagerato, tiene il lettore sempre sul filo e lo fa di ...continua

    Grande Lansdale a creare personaggi e situazioni al di fuori dell'immaginario e collocarle nella realtà americana di oggi. Dissacrante, violento, esagerato, tiene il lettore sempre sul filo e lo fa divertire spedendolo in un mondo fatto di demoni, costrizioni, allucinazioni. I tre libri, letti tutti di fila, possono risultare impegnativi, ma costruiscono una fiction perfetta e godibilissima.

    ha scritto il 

  • 5

    "Dio è solo la mente che fa gli straordinari."

    Meraviglioso C-A-P-O-L-A-V-O-R-O.
    Non credo che alcun verbo proferito o vergato su questo trittico possa in qualche modo dare una semplice idea di ciò che è davvero contenuto in queste circa 600 pagin ...continua

    Meraviglioso C-A-P-O-L-A-V-O-R-O.
    Non credo che alcun verbo proferito o vergato su questo trittico possa in qualche modo dare una semplice idea di ciò che è davvero contenuto in queste circa 600 pagine.
    Respiri, attimi, poesia, truculenta scabrosità...ce ne è davvero per tutti.
    Colori accesi sullo sfondo di un cielo decembrino.

    "Non è che mi aspettassi che la vita fosse tutta rose e fiori, e che sarei cresciuto sudando perle e scoreggiando bocciuoli di pesca, e neanche mi aspettavo di vivere un milione di anni e di ricevere un'infinità di lettere di stelline di Hollywood dalle lunghe gambe e affamate di sesso, che non vedevano l'ora di violentare il mio corpo e di abbronzarmi l'uccello. Ma, d'altra parte, mi aspettavo qualcosa di meglio di questa roba."

    Follia gorgogliante nelle rubizze risa di un infante.
    Un allucinogeno dalle indubbie controindicazioni terapeutiche.
    Consigliato a chi, come me, non vuole dimenticare da dove provengono i sogni.

    ha scritto il 

  • 5

    Avevo già letto questi tre romanzi, ma separatamente.
    Leggerli tutti e tre d'un fiato è stata un esperienza quasi mistica, questo è il capolavoro indiscusso di Lansdale.
    Se volete leggere un romanzo i ...continua

    Avevo già letto questi tre romanzi, ma separatamente.
    Leggerli tutti e tre d'un fiato è stata un esperienza quasi mistica, questo è il capolavoro indiscusso di Lansdale.
    Se volete leggere un romanzo in cui vi sia violenza, sangue, popcorn con gli occhi, mostri tentacolari e che abbia anche tematiche sociali, allora leggetevi il Drive-In di Lansdale.
    La mia recensione completa la trovate sul mio blog :
    http://capitolonero.blogspot.it/2014/07/drive-in-joe-rlansdale.html

    ha scritto il 

  • 4

    difficile parlare di questo libro senza rischiare di fare spoiler, fatto sta che joe lansdale sa davvero come scrivere una buona storia, senza far annoiare il lettore e anzi incoraggiandolo a continua ...continua

    difficile parlare di questo libro senza rischiare di fare spoiler, fatto sta che joe lansdale sa davvero come scrivere una buona storia, senza far annoiare il lettore e anzi incoraggiandolo a continuare la lettura! bello poi come riesce a mescolare fantascienza-horror-humor; in poche parole il libro non è altro che un viaggio in un mondo paradossale e bizzarro, perfetto per chi cerca avventure fuori dal comune! di per se è bello il messaggio che l'autore vuole dare alla fine, anche se avrei sperato in un finale un po più positivo dopo tutto quello che ha fatto passare ai personaggi, comunque resta un libro che consiglio! ;)

    ha scritto il 

  • 3

    voto complessivo della trilogia 3 stelline e 1/2

    primo libro: il "drive-in" voto 4 stelline
    secondo libro: il "drive-in 2" voto 3 stelline e 1/2
    terzo libro: "la notte del drive-in 3" voto 3 stelline e 1/2

    ha scritto il 

  • 3

    Io amo Lansdale. Lo amo profondamente perché è uno scrittore che scrive perché gli piace farlo, che non pretende di portare chissà quale messaggio mistico e ricercato. Scrive di dinosauri gonfiabili, ...continua

    Io amo Lansdale. Lo amo profondamente perché è uno scrittore che scrive perché gli piace farlo, che non pretende di portare chissà quale messaggio mistico e ricercato. Scrive di dinosauri gonfiabili, di detective dai metodi poco ortodossi, zombie a Natale.
    Solo con un atteggiamento del genere, senza prendersi sul serio e senza scendere a compromessi con il pubblico si può scrivere qualcosa come la trilogia del Drive-In. A dirla proprio tutta, la due stelle mancanti sono date dalla scivolata delle ultime due parti della trilogia, che in confronto alla prima sono nettamente inferiori.
    La trilogia del Drive-In è una sorta di b-movie cartaceo che parla dei b-movie, mantenendone volutamente l'atmosfera surreale e le trovate incredibilmente bizzarre. È apocalittico, è drammatico, è forte; però i cattivi sono i pop corn, i dolci stucchevoli che annebbiano la mente, l'arena del massacro è un grande Drive-In.
    Difficilmente i non amanti del genere potrebbero apprezzare, ma credo che valga la pena dare una possibilità a questo libro anche solo per poi rimanerne perplessi ma avere un argomento di conversazione con i conoscenti. 'Sai, ho letto questo libro delirante…'

    ha scritto il 

  • 4

    Assurdo. Uno dei libri più assurdi che abbia mai letto. Ci ho messo un po' ad abituarmi all'idea che cose completamente assurde e sempre più macabre accadessero di continuo nel libro. Poi, come i prot ...continua

    Assurdo. Uno dei libri più assurdi che abbia mai letto. Ci ho messo un po' ad abituarmi all'idea che cose completamente assurde e sempre più macabre accadessero di continuo nel libro. Poi, come i protagonisti, ho cominciato ad accettare l'idea e a godermi la lettura (ma non il menù del drive-in).
    Mi ha deluso il finale perchè l'autore ha imboccato un vicolo cieco dando spiegazioni sempre più assurde finchè lui (e i lettori) hanno finito di cercare un senso e una conclusione dignitosa.

    ha scritto il 

Ordina per