Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Duel e altri racconti

Di

Editore: Fanucci

4.0
(162)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 432 | Formato: Paperback

Isbn-10: 8834710630 | Isbn-13: 9788834710630 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Traduttore: Maurizio Nati

Genere: Fiction & Literature , Mystery & Thrillers , Science Fiction & Fantasy

Ti piace Duel e altri racconti?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Nato ad Allendale, New Jersey, il 20 febbraio 1926, Richard Matheson è autore di romanzi e racconti che hanno forgiato il gusto e le caratteristiche del "fantastico" contemporaneo influenzando profondamente altri linguaggi, dal cinema ai fumetti ai videogiochi. La sua opera, accanto alla maestria nel tratteggiare il soprannaturale e la suspense, è caratterizzata da un realismo rigoroso e da una paradossale "credibilità", da un'attenzione commossa a quell'umanità marginale soggiogata da un potere, da un sistema, da una volontà che assumono caratteri "mostruosi". Oltre a racconti e romanzi gialli, di fantascienza, horror, fantasy e western, Matheson ha collaborato a lungo con il cinema e la televisione.
Ordina per
  • 2

    La colpa è mia. Non amo i racconti di fantascienza, avrei dovuto interrompere subito. Eppure sono andata avanti fino alla fine, con molta fatica. Nonostante adori Matheson e il suo modo di scrivere, questi racconti non mi hanno lasciato nulla, a parte 2-3 tra cui Duel.

    ha scritto il 

  • 5

    Scrivere dei bei racconti brevi non è facile.Bisogna avere la capacità in poche pagine di sviluppare la storia e caratterizzare i personaggi in modo da coinvolgerti; e in questo Matheson non ha paragoni.

    Duel
    Terzo dal Sole (Third from the sun)
    Sogni a occhi aperti (The Waker d ...continua

    Scrivere dei bei racconti brevi non è facile.Bisogna avere la capacità in poche pagine di sviluppare la storia e caratterizzare i personaggi in modo da coinvolgerti; e in questo Matheson non ha paragoni.

    Duel
    Terzo dal Sole (Third from the sun)
    Sogni a occhi aperti (The Waker dreams)
    Nato d'uomo e di donna (Born of Man and woman)
    Ritorno (Return)
    Fratello della Macchina (Brother to the machine)
    C...(fooddlegger)
    Sempre vicina a te (Lover when you're next me)
    Appartamento a basso canone (Ship shape home)
    Cuori solitari (SRL Ad)
    Lastronave della Morte (Death ship)
    L'ultimo giorno (The last day)
    Bambina smarrita (Little girl lost)
    Gravidnaza indesiderata (Mother by protest)
    Creatura (Being)
    L'esame (The Test)
    L'uomo enciclopedico (One of the books)
    Acciaio (Steel)

    ha scritto il 

  • 2

    L'ho preso perché il film Duel è un cult (che merita) degli anni '70 di Steven Spielberg (un commesso viaggiatore in giro in macchina lungo le assolate e solitarie strade del deserto americano, preso di mira da un TIR che lo segue e tenta di farlo uscire di strada; senza che si sappia mai nè chi ...continua

    L'ho preso perché il film Duel è un cult (che merita) degli anni '70 di Steven Spielberg (un commesso viaggiatore in giro in macchina lungo le assolate e solitarie strade del deserto americano, preso di mira da un TIR che lo segue e tenta di farlo uscire di strada; senza che si sappia mai nè chi fosse il camionista nè il motivo).
    Il racconto che dà il nome al libro è però un tantino deludente e gli altri racconti... booooh, non mi dicono nulla.

    ha scritto il 

  • 3

    Raccolta che mette insieme vari racconti di Matheson scritti negli anni ’50 (eccetto “Duel”, del 1971).
    Proprio perché risalenti agli anni ’50, in quasi tutte le narrazioni si percepisce il carattere un po’ vintage della fantascienza degli esordi, quella degli alieni inquietanti e delle tec ...continua

    Raccolta che mette insieme vari racconti di Matheson scritti negli anni ’50 (eccetto “Duel”, del 1971).
    Proprio perché risalenti agli anni ’50, in quasi tutte le narrazioni si percepisce il carattere un po’ vintage della fantascienza degli esordi, quella degli alieni inquietanti e delle tecnologie che invadevano in modo fantasioso la vita quotidiana.
    Lo stile (come pure i risultati) sono diseguali: si va dall’allegoria del futuro (“Sogni ad occhi aperti”) al comico (“Cuori solitari”), dai paradossi spazio-temporali e fisici (“Ritorno”, “L’astronave della morte”, “Bambina smarrita”) alle rappresentazioni simboliche (“Sempre vicina a te”, immagine della donna innamorata ma asfissiante in chiave aliena, o “L’ultimo giorno”, sulla paura tipica di quel decennio della fine del mondo a causa della guerra nucleare). Su tutti svetta “Duel”, piccolo capolavoro del thrilling la cui trama è arcinota, eppure si fa leggere ugualmente con avidità.
    Nel complesso un libro di puro intrattenimento che denota l’abilità con cui Matheson sa aiutare i suoi lettori ad evadere dalla realtà.

    ha scritto il 

  • 4

    Pura fantascienza del periodo d'oro...

    Bellissimi racconti PUNTO.
    A parte "Duel" scritto nel 1971 e pubblicato per la prima volta su "Playboy", questa antologia si fa apprezzare per tutta una serie di racconti dell'eta' dell'oro della SF, quella dei primi anni 50, quando i marziani facevano paura quasi quanto i russi e i cinesi. ...continua

    Bellissimi racconti PUNTO.
    A parte "Duel" scritto nel 1971 e pubblicato per la prima volta su "Playboy", questa antologia si fa apprezzare per tutta una serie di racconti dell'eta' dell'oro della SF, quella dei primi anni 50, quando i marziani facevano paura quasi quanto i russi e i cinesi...
    Possiamo trovare quindi razzi argentati che atterrano su pianeti sconosciuti abitati da creature strane, macchine del tempo e venusiane innamorate che cercano fidanzati terrestri, il tutto in un sapiente mix di suspence e ironia.
    Un libro da non perdere per gli amanti di Matheson e della fantascienza di una volta.

    ha scritto il 

  • 4

    Godibilissimi racconti, forse leggermente datati ma in ogni caso di ottimo livello. Non si può non notare quanto un certo genere di film abbia attinto a M. anche solo per elaborare sceneggiature autonome dal testo. Alcuni racconti sono piccoli gioiellini, scritti oltetutto da uno scrittore che di ...continua

    Godibilissimi racconti, forse leggermente datati ma in ogni caso di ottimo livello. Non si può non notare quanto un certo genere di film abbia attinto a M. anche solo per elaborare sceneggiature autonome dal testo. Alcuni racconti sono piccoli gioiellini, scritti oltetutto da uno scrittore che dimostra piena padronanza del "mezzo". Ottima lettura per il comodino.

    ha scritto il 

  • 4

    Quasi tutti i racconti sono di buon livello ma io dico che Duel, da solo, vale l'acquisto del libro.Una piccola perla, un racconto bellissimo...Da leggere assolutamente.Gran ritmo, suspense, il uno dei migliori Matheson di sempre...

    ha scritto il 

  • 3

    Molti di questi racconti sono delle vere gemme, ma alcuni mi hanno veramente annoiata, al punto di far valere i diritti del lettore di Pennac, abbandonandoli senza rimpianti. Insomma, non è il libro che consiglierei per un primo approccio a Matheson.

    ha scritto il