Dune

Le cycle de Dune, tome 1

By

Editeur: Pocket

4.4
(3922)

Language: Français | Number of pages: | Format: Paperback | En langues différentes: (langues différentes) English , Spanish , Chi simplified , Italian , German , Polish , Portuguese , Catalan , Dutch , Greek , Swedish , Czech , Hungarian

Isbn-10: 2266026658 | Isbn-13: 9782266026659 | Publish date: 

Aussi disponible comme: Others

Category: Fiction & Literature , Science & Nature , Science Fiction & Fantasy

Aimez-vous Dune ?
Devenez membre de aNobii, voyez si vos amis l'ont lu et découvrez des livres du mème genre!

Inscrivez-vous gratuitement
Description du livre
Il n'y a pas, dans tout l'Empire, de planète plus inhospitalière que Dune. Partout des sables à perte de vue. Une seule richesse: l'épice de longue vie, née du désert, et que tout l'univers achète à n'importe quel prix. Richesse très convoitée: quand Leto Atréides reçoit Dune en fief, il flaire le piège. Il aura besoin des guerriers Fremen qui, réfugiés au fond du désert, se sont adaptés à une vie très dure en préservant leur liberté, leurs coutumes et leur foi mystique. Ils rêvent du prophète qui proclamera la guerre sainte et qui, à la tête des commandos de la mort, changera le cours de l'histoire. Cependant les Révérendes Mères du Bene Gesserit poursuivent leur programme millénaire de sélection génétique; elles veulent créer un homme qui concrétisera tous les dons latents de l'espèce. Tout est fécond dans ce programme, y compris ses défaillances. Le Messie des Fremen est-il déjà né dans l'Empire?
Sorting by
  • 4

    Anni fa avevo visto lo scialbo film e questo mi aveva tenuto lontano dal romanzo.
    Alla fine mi sono convinto ad affrontarlo.
    Bello, senza se e senza ma. Drammatico, doloroso, avvincente.
    Nulla è fatto ...continuer

    Anni fa avevo visto lo scialbo film e questo mi aveva tenuto lontano dal romanzo.
    Alla fine mi sono convinto ad affrontarlo.
    Bello, senza se e senza ma. Drammatico, doloroso, avvincente.
    Nulla è fatto per rendere i protagonisti più o meno simpatici o antipatici: essi sono quel che sono, hanno scopi definiti, si muovono in base alle circostanze.
    La grandiosità degli ambienti e delle situazioni e di alcuni personaggi a volte può sfuggire, ma, nel corso della lettura, si finisce per coglierla ed esserne conquistati.
    Prima o poi leggerò gli altri romanzi.

    dit le 

  • 5

    Parlare di Dune non è per nulla facile, è un romanzo complesso e un mostro sacro della letteratura fantascientifica. I dati dicono che è, nel genere Sci-Fi il libro più venduto e letto con 12 milioni ...continuer

    Parlare di Dune non è per nulla facile, è un romanzo complesso e un mostro sacro della letteratura fantascientifica. I dati dicono che è, nel genere Sci-Fi il libro più venduto e letto con 12 milioni di copie vendute e continue ristampe e riedizioni, proprio in questo periodo nelle librerie ho visto spuntare una nuova riedizione il che vuol dire che il libro e i suoi seguiti sono ancora capaci di vendere e di essere apprezzati da nuovi lettori che mai ci si erano cimentati prima.
    Quando venne pubblicato per la prima volta nel 1965 vinse il premio Nebula e il successivo anno il premio Hugo e rivoluziono per molti versi il mondo della Sci-Fi. La sua mole e la sua complessità riuscirono a convincere parecchi scettici che la fantascienza è un genere letterario valido paragonabile agli altri generi, e non come si credeva in quegli anni un qualcosa di adatto solo ai ragazzini e privo di contenuti e credibilità. Probabilmente è grazie a Dune che il genere è divenuto più maturo e molti scrittori sono stati spronati a creare romanzi e storie di qualità superiore.
    Il libro è stato inoltre una fonte di ispirazione per molti scrittori e registi, influenzando molto di ciò che è venuto dopo, sia nella Fantascienza che in altri campi, per svariati motivi che vanno dallo stile alla precisione dei dettagli, dalla cura con cui è creato il mondo e la sua ecologia alla complessità dei personaggi e delle varie fazioni.
    [...]
    Continua a leggere la recensione http://n7blog.altervista.org/2014/01/dune-frank-herbert/

    dit le 

  • 4

    Belligeranti in un mondo fantasioso

    “Dune” è il primo di una serie di sei romanzi che fanno parte di una sequenza denominata “Il ciclo di Dune”; la stessa è poi seguita da un’altra serie di romanzi scritti dal figlio Brian dell’autore F ...continuer

    “Dune” è il primo di una serie di sei romanzi che fanno parte di una sequenza denominata “Il ciclo di Dune”; la stessa è poi seguita da un’altra serie di romanzi scritti dal figlio Brian dell’autore Frank Herbert.

    Lo considero uno dei classici più famosi del genere fantascientifico anche se , parer mio, vi è introdotta una componente fantasy in relazione ai numerosi personaggi che interpretano almeno il presente volume; infatti si richiama molto a uno stile medievale fantastico con casate nobiliari e dove non ci sono né alieni, né robot a causa della mancanza tecnologica portata da una precedente guerra. Tuttavia si può viaggiare attraverso lo spazio e raggiungere i diversi pianeti appartenenti a una galassia che accomuna una folta congregazione di vari mondi.

    Importanza precipua per la sopravvivenza e il benessere è un pianeta di nome Harrakis, i cui abitanti indigeni chiamano Dune, dove è presente una particolare spezia che permette di viaggiare attraverso lo spazio senza avere bisogno di strumentazione elettronica e inoltre allunga la vita e permette di avere visioni su cosa può succedere in futuro. Ha luogo, quindi, un forte contrasto tra due altolocate famiglie che anelano al controllo del pianeta.

    Il romanzo è affascinante e trascina il lettore in situazioni di profonda fantasia, in un ambiente meraviglioso nonostante la crudeltà insita nella narrazione che appare scorrevole ed edificante.

    Una lettura molto piacevole che analizza in maniera dettagliata la complessità di un certo tipo di società molto lontana dagli schemi cui siamo abituati; di conseguenza la lettura diventa una continua scoperta di modus vivendi e modus operandi in quel lontano futuro su un pianeta ai confini dell’immaginazione.

    dit le 

  • 4

    Grande opera di Herbert capace di creare un affresco narrativo in cui misticismo, politica e fantascienza si mescolano in maniera quasi sempre armoniosa; il ritmo narrativo a volte cala e alcune digre ...continuer

    Grande opera di Herbert capace di creare un affresco narrativo in cui misticismo, politica e fantascienza si mescolano in maniera quasi sempre armoniosa; il ritmo narrativo a volte cala e alcune digressioni sebbene necessarie appesantiscono la storia ma i personaggi sono approfonditi, i paesaggi incredibili e la storia accattivante. Curioso di leggere gli altri capitoli della saga!

    dit le 

  • 4

    Leggendo il libro in questo autunno del 2015 a 50 anni esatti dalla prima pubblicazione negli USA, fa di certo molto effetto; parallelismi con il nostro presente sono molti e tutti inquietanti.
    I temi ...continuer

    Leggendo il libro in questo autunno del 2015 a 50 anni esatti dalla prima pubblicazione negli USA, fa di certo molto effetto; parallelismi con il nostro presente sono molti e tutti inquietanti.
    I temi trattati nel libro sono tantissimi e forse un sola lettura non basta per apprezzarli tutti. E' forse il primo caso che sento la necessità di rileggere da capo subito appena finita l'ultima pagina.

    Detto questo, il punto più forte del libro è l'ambientazione con il pianeta Arrakis che diventa protagonista assoluto grazie alle abilissime descrizioni dell'autore che portano il lettore quasi fisicamente a sentire la sete e il sole devastante tra le dune del deserto.
    Anche la trama è molto buona, ricca e ben intrecciata. Il lato negativo è sicuramente un certa lentezza eccessiva in alcuni punti e di contro una eccessiva fretta nello sbrigare alcuni snodi cruciali della storia.
    Ho trovato un po' fastidioso passare lunghe pagine a descrivere cerimonie e dialoghi inconcludenti e poi da una pagina all'altra scoprire che sono passati due anni in cui il destino del pianeta è completamente cambiato.

    Non mi soffermo molto sul tema religioso, che tuttavia è fondamentale nella storia, essendo questo il punto pricipale che non ho assimilato appieno e richiederebbe una rilettura.

    dit le 

  • 3

    Leggendolo si capisce che è un capo d'opera e quanta influenza ha avuto su film/libri etc.

    In alcuni punti non apprezzo troppo la scrittura di Herbert ma sicuramente vale la lettura.

    dit le 

  • 4

    Misterioso al punto giusto

    Le mie impressioni riguardo questo libro sono molto contrastanti.
    Riassunto. Il primo capitolo della saga di "Dune", ambientato in un lontano futuro, narra le vicende degli Atreides, una nobile casata ...continuer

    Le mie impressioni riguardo questo libro sono molto contrastanti.
    Riassunto. Il primo capitolo della saga di "Dune", ambientato in un lontano futuro, narra le vicende degli Atreides, una nobile casata a cui viene affidata dall'imperatore Padishà Shaddam IV la gestione del pianeta Arrakis, il pianeta Dune, chiamato così perché desertico, in cui vivono pochissime persone (!) concentrate nelle città a nord dove c'è più acqua (!!). La grande distesa a sud, invece, è disabitata (!!!) perché totalmente desertica e sferzata da gigantesche tempeste. Perché è così importante questo pianeta? Per la spezia, una sorta di droga, venduta in tutto l'universo e che si trova solo lì. Poi c'è il pericolo dei vermi, lunghi anche chilometri, che spesso impediscono l'estrazione della spezia. I protagonisti sono il giovane Paul Atreides, figlio del Duca Leto (nome bellissimo!), e sua mamma, Jessica, concubina del Duca e Bene Gesserit, una figura a metà strada tra una sacerdotessa, una strega e una guerriera. Il cattivo? Vladimir Harkonnen, il precedente regnante di Arrakis. Il mistero della storia? Il popolo Fremen, gli abitanti del deserto.
    La mia parte più razionale e più esigente trova molte critiche: 1) Herbert cambia continuamente punto di vista nel narrare la storia ed è troppo focalizzato sui pensieri. Sembra di vedere una puntata di Dragon Ball in cui prima di passare all'azione ti devi sorbire tutte le riflessioni dei protagonisti; Lo stile in generale non mi è piaciuto. 2) il protagonista Paul ha 15 anni e, sebbene la sua storia sia molto particolare per una profezia svelata fin dall'inizio (quindi bruciato tutto il mistero), sembra un supereroe infallibile fin dal primo capitolo, risultando poco credibile; 3) I nomi della storia sono poco coerenti: innanzitutto Herbert ha saccheggiato dall'arabo senza neanche curarsi di modificare le parole, chiamando ad es "erg" il deserto (indovinate cos'è l'Erg? Un deserto fatto di dune), "jihad" una guerra di fanatici e tanto altro; per poi passare a nomi prettamente inglesi, come Paul, Jessica e Gurney (che non sarà inglese, ma lo sembra), latini e altro.
    MA, se tolgo tutte queste velleità, mi lascio catturare da un mondo creato fin nei minimi dettagli e nel quale è impossibile non sentirsi coinvolti: 1) l'invenzione di tutta l'ecologia del pianeta di Arrakis è fenomenale e (quasi) reale, nonostante sia un libro di fantascienza degli anni Sessanta; 2) il popolo dei Fremen potrebbe essere un qualunque popolo del deserto, ma si percepisce una propria originalità e unicità; mi ha entusiasmata; 3) Le decisioni politiche e mosse tattiche degli Atreides, degli Harkonnen e dell'imperatore sono calibratissime e degne di un libro di storia, come accade per il finale; 4) sebbene mi infastidiscano i pensieri dei personaggi, Herbert ha saputo coinvolgere me, persona razionalissima, in un viaggio mentale e temporale di Paul in una maniera mai provata prima. Ho invidiato e ammirato la sua capacità di mettere in fila le parole giuste per darmi la sensazione di sentirmi, con Paul, persa in un pensiero immenso come l'universo e piccolo come una biglia.
    Leggerò il seguito? Sì, certamente! Anche se la storia ha alcune pecche, mi ha lasciato addosso la curiosità di continuare a conoscere questo mondo che sembra così vero e che ha ispirato anche la creazione di una saga come quella di Guerre Stellari

    dit le 

  • 5

    Splendido

    Davvero un grande capolavoro. La trama, per quanto si svolga su un arco temporale piuttosto lungo, è sempre accattivante e ben strutturata. Il ritmo è incalzante, gli avvenimenti si succedono ad una v ...continuer

    Davvero un grande capolavoro. La trama, per quanto si svolga su un arco temporale piuttosto lungo, è sempre accattivante e ben strutturata. Il ritmo è incalzante, gli avvenimenti si succedono ad una velocità impressionante, cosa che non permette al lettore di lasciare il volume prima di averlo finito. Nonostante l'utilizzo di moltissimi termini inventati da Herbert (a tal proposito consiglio di leggere il glossario in appendice prima di affrontare la lettura vera e propria), la lettura è assolutamente scorrevole e piacevole. Ripeto, splendido in tutto e per tutto, appendici sulla cultura e la storia "dell'impero" comprese.

    dit le 

Sorting by
Sorting by
Sorting by