Create your own shelf sign up

Together we find better books

[−]
  • Rechercher Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Dune

Le cycle de Dune, tome 1

By

Editeur: Pocket

4.4
(3833)

Language:Français | Number of pages: | Format: Paperback | En langues différentes: (langues différentes) English , Spanish , Chi simplified , Italian , German , Polish , Portuguese , Catalan , Dutch , Greek , Swedish , Czech , Hungarian

Isbn-10: 2266026658 | Isbn-13: 9782266026659 | Publish date: 

Aussi disponible comme: Others

Category: Fiction & Literature , Science & Nature , Science Fiction & Fantasy

Aimez-vous Dune ?
Devenez membre de aNobii, voyez si vos amis l'ont lu et découvrez des livres du mème genre!

Inscrivez-vous gratuitement
Description du livre
Il n'y a pas, dans tout l'Empire, de planète plus inhospitalière que Dune. Partout des sables à perte de vue. Une seule richesse: l'épice de longue vie, née du désert, et que tout l'univers achète à n'importe quel prix. Richesse très convoitée: quand Leto Atréides reçoit Dune en fief, il flaire le piège. Il aura besoin des guerriers Fremen qui, réfugiés au fond du désert, se sont adaptés à une vie très dure en préservant leur liberté, leurs coutumes et leur foi mystique. Ils rêvent du prophète qui proclamera la guerre sainte et qui, à la tête des commandos de la mort, changera le cours de l'histoire. Cependant les Révérendes Mères du Bene Gesserit poursuivent leur programme millénaire de sélection génétique; elles veulent créer un homme qui concrétisera tous les dons latents de l'espèce. Tout est fécond dans ce programme, y compris ses défaillances. Le Messie des Fremen est-il déjà né dans l'Empire?
Sorting by
  • 3

    C'è forse qualcosa di Edgar Rice Burroughs, e molto di originale da cui devono aver tratto spunto George Lucas e George R.R. Martin (il primo dichiaratamente, il secondo non lo so). Il messianismo e i ...continuer

    C'è forse qualcosa di Edgar Rice Burroughs, e molto di originale da cui devono aver tratto spunto George Lucas e George R.R. Martin (il primo dichiaratamente, il secondo non lo so). Il messianismo e i riti magici fanno pensare più a un fantasy che a una vera e propria space opera. Personalmente non l'ho trovato niente di eccezionale.

    dit le 

  • 5

    Il Capolavoro

    Che sia un capolavoro è scritto sulla pietra.
    La storia al netto delle diversità o sfumature le sapevo già, avendo visto il film e avendo giocato in passato ai videogiochi.
    La lettura è scorrevole, de ...continuer

    Che sia un capolavoro è scritto sulla pietra.
    La storia al netto delle diversità o sfumature le sapevo già, avendo visto il film e avendo giocato in passato ai videogiochi.
    La lettura è scorrevole, dettagliato fino a 2/3 dopodiche subisce un'accelerata che mi ha lasciato un pò con l'amaro in bocca.
    Oltre all'universo fantasioso creato, la cosa che più mi è piaciuta è la scrittura per esteso dei pensieri e dei ragionamenti interiori. Senza parlare che di fatto, non c'è un personaggio cui lo si possa definire "puro", ognuno ha il suo lato oscuro.

    dit le 

  • 3

    5/10

    Ambientazione fantastica, e questo è in sostanza il pregio del romanzo e il motivo per cui l'ho terminato. La trama è ok, pur zavorrata da pippozzi politici e tirate morali di cui francamente non avre ...continuer

    Ambientazione fantastica, e questo è in sostanza il pregio del romanzo e il motivo per cui l'ho terminato. La trama è ok, pur zavorrata da pippozzi politici e tirate morali di cui francamente non avrei sentito la mancanza; i personaggi fanno ciò che devono fare per far procedere la trama nella direzione indicata, e Paul in particolare è un Gary Stue come ne ho visti pochi anche nelle fanfiction dei quindicenni, la quintessenza della perfezione divina scesa in terra. Credo che il difetto principale del libro sia che si prende mortalmente sul serio: Herbert pare convinto di fare disquisizioni interessantissime sulla propria visione del mondo, vuole disperatamente infondere a tutto un senso di grandezza e di epicità che però è spesso forzato e a tratti pedante (vedi il personaggio di Paul).

    dit le 

  • 5

    questo libro è semplicemente uno dei migliori universi immaginari mai portati sulle pagine, siamo tranquillamente ai livelli di fantasia e precisione di tolkien.
    ho sbagliato a rimandarne la lettura p ...continuer

    questo libro è semplicemente uno dei migliori universi immaginari mai portati sulle pagine, siamo tranquillamente ai livelli di fantasia e precisione di tolkien.
    ho sbagliato a rimandarne la lettura per anni...

    dit le 

  • 5

    MERAVIGLIOSO

    Il mio libro di fantascienza preferito, supera perfino Asimov. Peccato che i successivi Dune diventino, a mano a mano che si prosegue con la saga, sempre meno leggibili.

    dit le 

  • 3

    Un libro che mi ha colpito perché non ci si trova in un futuro superipertecnologico.
    Qui siamo nel XXX secolo, circa (credo, almeno), ma c'è l'Imperatore, ci sono rapporti di vassallaggio e feudali, m ...continuer

    Un libro che mi ha colpito perché non ci si trova in un futuro superipertecnologico.
    Qui siamo nel XXX secolo, circa (credo, almeno), ma c'è l'Imperatore, ci sono rapporti di vassallaggio e feudali, ma soprattutto si combatte all'arma bianca.
    Insomma, un fantasy-fantascientifico? Probabilmente sì.
    Avevo intenzione di continuarlo, ma forse meglio lasciare che la storia sfumi così, in questo primo capitolo...

    dit le 

  • 4

    Herbert ha saputo creare un mondo completo sotto praticamente tutti i punti di vista. L'intreccio regge sempre, l'aspetto epico è forte e la vicenda oltre ad essere avvincente è anche emozionante. Non ...continuer

    Herbert ha saputo creare un mondo completo sotto praticamente tutti i punti di vista. L'intreccio regge sempre, l'aspetto epico è forte e la vicenda oltre ad essere avvincente è anche emozionante. Non aggiungo altro, a parte... leggetelo!

    dit le 

  • 5

    Grande romanzo, epico e avvincente.
    A fine lettura, però, mi rimane un dubbio scientifico: i Fremen si dissetano principalmente con acqua distillata (ottenuta dalla condensa dei liquidi persi dal corp ...continuer

    Grande romanzo, epico e avvincente.
    A fine lettura, però, mi rimane un dubbio scientifico: i Fremen si dissetano principalmente con acqua distillata (ottenuta dalla condensa dei liquidi persi dal corpo o della scarsa umidità dell'atmosfera)... Non dovrebbero tutti morire in pochi giorni?

    dit le 

  • 2

    Il duca Leto Atreides il Giusto è un uomo di grande carisma che incarna i migliori ideali della casa Atreides, giustizia e fedeltà ai propri subordinati. Grazie a queste qualità il duca riscuote grand ...continuer

    Il duca Leto Atreides il Giusto è un uomo di grande carisma che incarna i migliori ideali della casa Atreides, giustizia e fedeltà ai propri subordinati. Grazie a queste qualità il duca riscuote grande popolarità fra le altre case nobiliari che formano il Landsraad, il consiglio che affianca nel governo l'imperatore. Il duca inoltre, con l'aiuto dei suoi abili aiutanti Duncan Idaho, Gurney Halleck e il mentat Thufir Hawat ha addestrato una forza combattente capace di competere in abilità con i temuti Sardaukar imperiali, per quanto numericamente molto più piccola.
    Per queste ragioni l'imperatore Shaddam IV della casa Corrino comincia a considerare il duca una minaccia al suo trono e decide che la casa Atreides deve essere distrutta. Non potendo ricorrere ad un attacco diretto, che scatenerebbe una rivolta di tutte le altre case, Shaddam decide di sfruttare una faida secolare fra gli Atreides e gli Harkonnen come copertura, con l'assistenza dell'astuto e crudele Barone Vladimir Harkonnen.

    Il deserto di Arrakis
    Lo scenario per la trappola è fornito dal pianeta Arrakis, detto Dune. Si tratta di un mondo ostile coperto da un unico immenso deserto, con una scarsa popolazione, i Fremen, costretta a vivere stentatamente risparmiando ogni goccia d'acqua, in pochi rifugi protetti (i sietch). La superficie priva di significativi rilievi e di mari è frequentemente spazzata dalle tempeste di Coriolis, micidiali uragani con venti anche di ottocento chilometri orari saturi di sabbia abrasiva. Nel deserto, inoltre, scorrazzano i vermi delle sabbie, gigantesche creature lunghe centinaia di metri, invulnerabili a quasi ogni arma umana e dotati di migliaia di denti cristallini capaci di ridurre in briciole qualsiasi materiale.
    Nonostante la sua inospitalità, Arrakis è forse il mondo più importante della galassia in quanto è l'unica fonte della più preziosa merce dell'impero: la spezia (o Melange), una droga capace di allungare la vita, mostrare il futuro e dischiudere tutte le potenzialità della mente umana. La spezia inoltre è essenziale ai navigatori della Gilda spaziale nel pilotaggio delle grandi astronavi che assicurano il commercio e la comunicazione fra i mondi dell'impero, delle quali la Gilda detiene il monopolio, in più è necessaria ai mentat (computer umani, unica forma di calcolatori permessi dopo la Jihad Butleriana) ed alle stesse "streghe" del Bene Gesserit per le loro capacità di prescienza e scovare la verità; perciò sulla spezia si basa tutta l'economia della galassia. Per tutte queste ragioni, vista l'importanza del pianeta, Arrakis non appartiene a nessuna casa nobiliare, neppure a quella imperiale, ma viene assegnato in gestione ad una delle Case Maggiori dall'imperatore, secondo criteri che riflettono i complessi equilibri di potere dell'universo di Dune e che coinvolgono anche altre potenti organizzazioni come la sorellanza delle Bene Gesserit. La gestione di Arrakis rappresenta una grande responsabilità per un casato che deve garantire una costante produzione di spezia ad ogni costo, ma è anche l'opportunità per accumulare immense ricchezze.
    Il libro è diviso in tre parti ed al termine contiene sei appendici (Ecologia di Dune, La religione di Dune, Relazione sui motivi e propositi delle Bene Gesserit, Almanacco Al-Ashraf, Terminologia dell'Impero, Carta di Dune) volte a meglio spiegare il contesto e gli antefatti della vicenda.

    dit le 

Sorting by
Sorting by