Dust & Decay

Di

Editore: Delos Books (Odissea Zombi)

4.2
(58)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 312 | Formato: Paperback | In altre lingue: (altre lingue) Inglese

Isbn-10: 8865302666 | Isbn-13: 9788865302668 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Genere: Narrativa & Letteratura , Horror , Fantascienza & Fantasy

Ti piace Dust & Decay?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis

ACQUISTA LIBRO
Acquisto non disponibile
per questo libro
Descrizione del libro
Sono trascorsi sei mesi dalla terribile battaglia contro Charlie-occhio di vetro e Motor City Hammer, nelle infestate terre di Rot & Ruin; sei mesi da quando Benny Imura e Nix hanno visto qualcosa sorvolare i cieli. Qualcosa che ha cambiato per sempre la loro vita.
Ora, dopo mesi di rigorosi allenamenti impartiti dal grande cacciatore di zombie Tom Imura, Benny e Nix sono pronti per lasciare Mountainside in cerca di un futuro migliore. Lilah, la Lost Girl, e il miglior amico di Benny, Lou Chong, andranno con loro.
Il viaggio si prospetta interessante. Ma pochi istanti dopo aver superato i cancelli del fortilizio, la compagnia si rende conto che qualcosa di inquietante aleggia tra i boschi: non solo zombie, ma anche animali selvaggi mai visti prima, uomini deliranti, falsi profeti e... ciò che resta degli orrori di Gameland, dove gli adolescenti sono spinti a battersi per la propria vita in perversi giochi di sopravvivenza.
E peggio che mai, può quel diavolo di Charlie-occhio di vetro essere ancora vivo?
A Rot & Ruin ogni cosa può ucciderti. E non tutti, nella piccola compagnia, riusciranno a sopravvivere...
Ordina per
  • 5

    Piacevolissima sorpresa

    Nonostante il mio errore di iniziare dal secondo libro della saga (recupererò!), mi aspettavo un testo pesante e non originale.
    Sono stato positivamente sorpreso da due cose in particolare:
    1) Leggere ...continua

    Nonostante il mio errore di iniziare dal secondo libro della saga (recupererò!), mi aspettavo un testo pesante e non originale.
    Sono stato positivamente sorpreso da due cose in particolare:
    1) Leggerezza e scorrevolezza dello stile...veramente un toccasana! Descrizioni concise e chiare, facilità di lettura estrema e non c'è ridondanza nel parlato! Veramente formidabile.
    2)La Trama: nonostante l'argomento ormai più che sfruttato e speculato, direi che c'è comunque originalità in questa storia che altro non è che un viaggio in uno scenario "distopico"...
    Da leggere assolutamente.
    Ora leggerò il primo...e successivamente il terzo e il quarto!!
    Speriamo bene

    ha scritto il 

  • 4

    **Caution: Spoilers! Read at your risk!**

    Loved Rot and Ruin. This book was also ten times better than Rot and Ruin. Everything just got better when I read this book.

    The characters got better (except ...continua

    **Caution: Spoilers! Read at your risk!**

    Loved Rot and Ruin. This book was also ten times better than Rot and Ruin. Everything just got better when I read this book.

    The characters got better (except Nix, for some reason I just can’t get myself to like her). There were moments of close calls for these characters and some nail biting moments. I absolutely loved the introduction of the different hunters (the Surfers were awesome! and Sally Two Knives!). The humor is back again in this book, I loved the banter between Benny and Chong. I also loved the banter between Lilah and Chong. I’m so happy they eventually became a couple. It’s an odd couple nevertheless, but given the circumstances of what’s happening around them, it goes hand in hand.

    The writing style and character development is excellent. There’s a handful of characters to keep track of but the main core would be Benny and his friends. Benny’s group including himself develop, and you see them grow up mentally. After what Nix experiences, she’s matured but through no choice of her own. However whenever you do read the banter between the friends, they act just like kids do and in a sense, it’s comforting because they can still act like their age despite what’s going on around them.

    The plot itself was excellent, and keep in mind it follows right after the events of Rot and Ruin, so it’s best if you read in order. The final third of the book is filled with action and an epic fighting scene. Unfortunately some characters do have to leave. I didn’t want this particular one to go and was absolutely blindsided with this turn of events. I was so attached to this particular character, I have to admit, I cried. This shows though, that Maberry’s writing and characters are very well done, because we get attached to them emotionally and we cheer them on.
    Definitely a good follow up to Rot and Ruin, and it looks like it’s a great series so far. An absolute must read for zombie YA readers.

    ha scritto il 

  • 5

    Questo è senza dubbio il più riuscito dei tre capitoli di questa saga, quelli che ho potuto leggere finora. Dopo la doverosa introduzione del “mondo straordinario” che fa da sfondo alle vicende, Maber ...continua

    Questo è senza dubbio il più riuscito dei tre capitoli di questa saga, quelli che ho potuto leggere finora. Dopo la doverosa introduzione del “mondo straordinario” che fa da sfondo alle vicende, Maberry è libero di esplorarne gli aspetti più intriganti e pericolosi, regalandoci un romanzo pieno di azione e di tensione. Azione e tensione che ti tengono incollato alle pagine, impedendoti di smettere (fortuna che l’ho letto nei primi giorni dell’anno, quando potevo passare le giornate col naso schiacciato sul mio Kindle. Il libro è ricco di battaglie epiche e orrori partoriti dalla mente di uomini che hanno fatto della fine del mondo l’occasione di un nuovo business si uniscono al “classico” interrogativo delle zombie story più riuscite: l’uomo merita davvero di sopravvivere? Gli esseri umani sono degni di essere salvati? La razza umana ha veramente il diritto di continuare a esistere?

    ha scritto il 

  • 3

    6 e mezzo

    Secondo capitolo della saga e diciamo che mi ha preso meno del primo.
    Ringrazio l'autore per avere mantenuto ben chiari i distinguo fra vivi e morti e per non aver reso gli zombie delle macchiette da ...continua

    Secondo capitolo della saga e diciamo che mi ha preso meno del primo.
    Ringrazio l'autore per avere mantenuto ben chiari i distinguo fra vivi e morti e per non aver reso gli zombie delle macchiette da libro rosa! Mantenere l'integrità del genere è sicuramente l'elemento più importante del libro. Poi bisogna ricordarsi che non è per adulti, ma per ragazzi (young adults a casa mia non vuol dire nulla, sappiatelo!) e quindi io ci ho visto alcune ingenuità.

    Per una critica più ampia http://amacadieuterpe.wordpress.com/2013/10/07/dust-decay-di-j-maberry/

    ha scritto il 

  • 4

    Teens of the Dead 2

    In questo secondo capitolo delle avventure di Benny&Co,ancora una volta ci troviamo ad affrontare il peggior nemico dell'uomo:
    La cattiveria umana.

    I poveri marcescenti zombies,nell'universo creato da ...continua

    In questo secondo capitolo delle avventure di Benny&Co,ancora una volta ci troviamo ad affrontare il peggior nemico dell'uomo:
    La cattiveria umana.

    I poveri marcescenti zombies,nell'universo creato da Maberry,sono in secondo piano,sempre e comunque un passo indietro dal flagello umano.

    La storia si attesta ancora su un buon livello,con l'ulteriore sviluppo delle personalità e con importanti accenni di epocali cambiamenti,che saranno affrontati nei capitoli successivi.

    Bel lavoro anche stavolta.

    ha scritto il 

  • 5

    Dopo Rot & Ruin arriva il secondo volume della serie con protagonista Benni Imura. Siamo in un futuro non ben definito, 15 anni circa dopo il Primo Giorno, quello in cui (come si legge dall’incipit so ...continua

    Dopo Rot & Ruin arriva il secondo volume della serie con protagonista Benni Imura. Siamo in un futuro non ben definito, 15 anni circa dopo il Primo Giorno, quello in cui (come si legge dall’incipit sopra) le persone hanno iniziato a morire e diventare zombie.
    Nel libro di Jonathan Maberry, però, non ci si interroga tanto su cosa sia successo quel famoso giorno se non su come sopravvivere e riconquistare le terre ore infestate...
    http://wonderfulmonsterbook.wordpress.com/2013/01/21/jonathan-maberry-dust-decay-odissea-zombie-n-4-delos/

    ha scritto il 

  • 4

    Conquistata da Rot&Ruin non potevo non leggerne il seguito.
    Le prime pagine sono lente, un tantino troppo idilliache dopo gli scenari visti nel primo romanzo, e questo mi ha creato una sorta di stonat ...continua

    Conquistata da Rot&Ruin non potevo non leggerne il seguito.
    Le prime pagine sono lente, un tantino troppo idilliache dopo gli scenari visti nel primo romanzo, e questo mi ha creato una sorta di stonatura che aveva rallentato la lettura.
    Poi, in un attimo, cambia tutto: il disastro entra in città ed incombe fuori. Tom guida il suo gruppo in una Ruin che è cambiata più di quanto creda, verso scoperte che segneranno lui, la compagnia, gli altri cacciatori e anche il lettore.
    Questa è una caratteristica che trovo in tutto il romanzo: appena c'è un attimo che sembra di tregua, quasi introspettivo, in cui si potrebbe tirare il fiato, scoppia l'inferno. Lo sai, ma non te lo aspetti comunque tanto è bravo Maberry.
    Aspetto con ansia il seguito.

    ha scritto il 

  • 5

    ho pianto alla fine.. bellissimo...

    "se ci fosse stato qualcuno lì a guardarlo, avrebbe visto un uomo in pace con se stesso e il mondo. e se fosse stato anche saggio, avrebbe riconosciuto in lui il p ...continua

    ho pianto alla fine.. bellissimo...

    "se ci fosse stato qualcuno lì a guardarlo, avrebbe visto un uomo in pace con se stesso e il mondo. e se fosse stato anche saggio, avrebbe riconosciuto in lui il più temibile dei guerrieri. colui che lotta per preservare l'amore, anzichè per perpetrare l'odio."

    "io.. cercherò di non tornare.
    e poi chiuse gli occhi."

    "lasciami dire una cosa, ragazza. le scelte che fai, non ti identificano per sempre. le persone a volte prendono decisione sbagliate, ma poi cambiano parere, qualcosa cambia nel loro cuore e per il resto della vita fanno solo cose buone. e allo stesso modo persone che fanno scelte giuste, poi si rigirano e percorrono strade terribili per il resto della loro vita. se hai fatto qualcosa che non ti è piaciuta, rimediala."

    ha scritto il 

  • 5

    Dust & Decay è il secondo romanzo della serie de “le avventure di Benny Imura”, scritto da Jonathan Maberry ed edito in Italia da Delos Books all’interno della collana zombie.

    Nel primo romanzo della ...continua

    Dust & Decay è il secondo romanzo della serie de “le avventure di Benny Imura”, scritto da Jonathan Maberry ed edito in Italia da Delos Books all’interno della collana zombie.

    Nel primo romanzo della serie conosciamo Benny, ingrato quindicenne, che crede di vivere con un debole senza spina dorsale, il fratello Tom, uno dei pochi samurai rimasti in vita. In questa nuova società al compimento dei quindici anni bisogna cercarsi un lavoro altrimenti le razioni alimentari verranno dimezzate. Dopo i vari tentativi di Benny di trovare un lavoro che fosse adatto a lui si ritrova a dover accettare l’offerta del fratello, viaggiando insieme nel regno di “Rot & Ruin” per dare una degna “chiusura” agli zombie. Nel primo romanzo incontriamo vari uomini che hanno fatto del loro mestiere, cacciatori di zombie, un vero è proprio giro di affari, come la creazione di “Gameland”, un luogo dove costringono dei bambini appena adolescenti a combattere con armi di fortuna contro gli zombie in un’arena. Gli Z-Games sono un’atrocità e già una volta Tom ha bruciato quel luogo per porre fine ai combattimenti, ma questi cacciatori hanno ricostruito nuovamente il loro business spostando la loro sede nella vasto territorio di Rot & Ruin.

    Dust & Decay riparte mostrandoci la preparazione del viaggio che Benny, Tom, Nix e Lilah hanno intenzione di intraprendere per cercare l’aereo che sei mesi prima hanno visto sorvolare il cielo.

    Cosa c’è di tanto strano nel vedere un aereo nel cielo? Tutto per dei ragazzi che hanno vissuto la propria vita dopo la tremenda epidemia della Piaga, i protagonisti non conosco le cose che per noi sono di uso comune come internet, computer, videogiochi e qualsiasi cosa di elettronico, si può dire che questa epidemia ha riportato gli umani a vivere con solo le cose necessarie per la vita.

    Un romanzo in cui il sentimento predominante è la speranza: la speranza di un futuro libero dagli Zom, un futuro in cui la gente inizierà a reagire alla piaga che 14 anni prima si è sparsa nel mondo, la speranza di cambiare la situazione che è propria delle nuove generazioni, poiché chi ha vissuto in prima persona questa grande “malattia” non riesce a reagire continuando ad avere avanti ma non vivendo appieno la propria vita, riuscendo a malapena a sopravvivere rinchiudendosi in un “luogo sicuro”.

    Il mondo non era più come lo aveva conosciuto. Con la Prima Notte il mondo era morto. I morti tornavano in vita e i vivi morivano.

    I veri nemici, nei romanzi di Maberry, non sono gli zombie ma gli umani, sia cacciatori che semplici umani. I cacciatori si accaniscono contro gli zombie che nulla possono essendo bloccati in uno stato di incoscienza totale dove l’unica cosa che posso fare è muoversi quando sentono rumore o l’odore degli esseri umani, l’unica loro arma è il morso che può infettare gli umani ma se non sono disturbati continuano a vivere senza nuocere a nessuno. Molto toccante la scena dello zombie e del cavallo in cui lo zombie cerca di mordere il cavallo nella radura e il cavallo che mangia indisturbato fino a spostarsi un po’ più in là quando lo zombie si avvicina troppo. Ripetendosi in un loop infinito.

    – Scommetto che vanno avanti così da giorni – disse Benny.

    La ragazza annuì con occhi tristi. Sembrava una commedia surreale: il cavallo, paziente e furbo, e lo zom, stupido, ma instancabile, che si muovevano avanti e indietro nello stesso perimetro, come uno stravagante passo a due di un ballo danzato per un numero infinito di volte, un numero infinito di giorni.

    In questa nuova avventura alla ricerca della vita e di un mondo in cui vivere non fa paura, dove nascondersi non è la cura, incontreremo tantissimi personaggi nuovi e alcuni già accennati nel precedente romanzo.

    Benny, il nostro protagonista principale, è cresciuto lasciando dietro di sé le convinzioni che l’hanno accompagnato per quindici anni e diventando, almeno fisicamente, un uomo grazie agli insegnamenti impartiti da Tom Il rapido, in vista del viaggio che devono intraprendere per andare verso est.

    L’insegnamento più importante che Tom impartisce al fratello ed ai suoi amici è quello che devono essere dei “Guerrieri Intelliggenti” non lasciandosi guidare dalle emozioni del momento ma ragionando sulla situazione e cercando una soluzione che possa farli sopravvivere, quindi la rabbia e l’emotività nei momenti di battaglia sono cattive consigliere poiché annebbiano la capacità di giudizio provocando più danni che benefici.

    Se ci fosse stato qualcuno lì a guardarlo, avrebbe visto un uomo in pace con se stesso e il mondo. E se fosse stato anche saggio, avrebbe riconosciuto in lui il più temibile dei guerrieri. Colui che lotta per preservare l’amore, anziché perpetrare l’odio.

    Il viaggio verso est sarà complicato, in molti cercano di convincere Tom Imura di restare in città, poiché è diventato un modello e un’autorità nel mondo di Rot & Ruin. Ma ormai la decisione è stata presa e niente potrà farlo tornare sui suoi passi.

    Rot & Ruin però sta mutando dagli ultimi sei mesi, gli zombie che prima erano innocui si stanno trasformando in morti con una forza pari a quella degli umani, strano per la loro specie che perde la forza e la capacità di ragionare quando ritornano alla vita. Ed iniziano anche a viaggiare in branco.

    Se credevate che con la morte di Charlie occhio-di-vetro Gameland trovasse la sua fine definitiva vi sbagliate di grosso, sarà ricreata e i nostri protagonisti si ritroveranno davanti a un difficile dilemma, continuare il proprio viaggio o liberare i bambini costretti a combattere?

    Dopo il primo giorno di viaggio, Benny, Nix, Lilah, Tom e Chong, che farà solo una parte di viaggio insieme a loro per poter dire addio ai suoi amici, saranno divisi dagli eventi.

    Come se non bastasse ci saranno dei nuovi ospiti in Rot & Ruin, animali fuggiti dagli zoo, avremo l’onore di incontrare un rinoceronte e sul momento lascerà tutti sbalorditi perché non è uno dei soliti abitanti delle lande desolate di quel territorio e Chong ne resterà così terrorizzato da mettere in pericolo i suoi compagni.

    Quella stessa sera, Chong, perdutamente innamorato di Lilah, decide di abbandonarli e di tornare da solo nel “porto sicuro” che è Mountainside, ma mentre cerca di ritrovare la retta via viene rapito da alcuni cacciatori di zombie e costretto a combattere negli Z-Games.

    A questo punto avviene una prima separazione in cui Tom lascerà da soli gli altri ragazzi per cercare Chong.

    A differenza del primo romanzo questo è un romanzo corale, molti sono i punti di vista che si alternano facendoci conoscere meglio i personaggi e le proprie emozioni, molto toccanti sono i pensieri di Tom Imura e della Lost Girl, che avendo passato una vita da sola dopo aver perso l’unico adulto che l’abbia mai cresciuta e la sorellina, riscoprirà i sentimenti che credeva non potesse più provare come l’amicizia e l’amore. Ma conosciamo anche tanti cacciatori di zombie e vediamo come la piaga abbia cambiato le loro vite, come Sally due Coltelli. Particolare interesse destano J-Dog e Dr.Skillz, due cacciatori di zombie che nella loro precedente vita erano due surfisti e che nonostante siano cresciuti si nascondo dietro il loro “personaggio” per affrontare le atrocità che ci sono in questo nuovo mondo.

    Ci sarà una vera è propria guerra all’interno delle pagine di Dust & Decay ma questo non andrà a discapito delle emozioni descritte da Maberry. La sua scrittura, migliorata in questo secondo romanzo della serie, ci trascinerà in un mondo in cui è difficile vivere ma a cui appena avrai letto l'ultima pagina sarà difficile da lasciare.

    Gli eventi porteranno ad un finale tragico, ma ehi voi cosa potevate aspettarvi da un libro sugli zombie, dove per vivere devi lottare… se cercate un happy ending dove tutto va come deve andare allora non vi conviene leggere questo libro. Ma se amate l’azione e perché no, il divertimento, allora dovete leggere questa saga perché anche nell’ora più buia non sai mai cosa potrà sorprenderti.

    Un romanzo che sa emozionare, dove dei ragazzini si trasformeranno in dei veri “guerrieri intelligenti” pronti ad affrontare ogni avversità che la vita gli metterà davanti. Assolutamente consigliato.

    http://sognandoleggendo.net/blog/?p=17333

    ha scritto il