Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Dylan Dog n. 111

La profezia

Di ,

Editore: Sergio Bonelli Editore

4.1
(85)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 98 | Formato: Paperback

Isbn-10: A000058827 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Illustrazione di copertina: Angelo Stano

Genere: Comics & Graphic Novels

Ti piace Dylan Dog n. 111?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Seconda parte di una storia divisa in due albi, "La profezia" è il seguito di "Aracne". Lydia, figlia di uno studioso di riti antichi scomparso da alcuni mesi, ha chiesto a Dylan Dog di accompagnarlo a Llandlow, paese celtico in cui tutti sembrano essere ostili ai nuovi arrivati. Lydia è convinta che a Llandlow ci siano le tracce per ritrovare il padre. Ma durante le indagini, Dylan scopre che tutto ciò che succede in paese è legato ad un'antica quanto oscura profezia: "l'erede di Llud, il condottiero, il primo di una nuova stirpe di uomini ragno deve nascere da uno straniero venuto dalla città di Llud".
Ordina per
  • 4

    "Molto spesso la verità parla per bocca dei folli."

    Sì, mi è piaciuto molto. Forse anche più del fumetto precedente che effettivamente serviva solo per introdurre la storia.
    Adoro i disegni di Roi, pulsano di vita, sono così dettagliati e realistici che quasi spaventano.
    La scena finale è straordinaria, oserei dire da film.


    Il mio lato o ...continua

    Sì, mi è piaciuto molto. Forse anche più del fumetto precedente che effettivamente serviva solo per introdurre la storia. Adoro i disegni di Roi, pulsano di vita, sono così dettagliati e realistici che quasi spaventano. La scena finale è straordinaria, oserei dire da film.

    Il mio lato oscuro mi spaventa. Quando emerge il mio spirito si ribella. E' da qui che nascono i miei incubi. Attraverso di loro torno a me stesso.

    ha scritto il