Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Dylan Dog n. 260

La condanna di Casper

Di ,

Editore: Sergio Bonelli Editore

3.7
(57)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 98 | Formato: Paperback

Isbn-10: A000080440 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Illustrazione di copertina: Angelo Stano

Genere: Comics & Graphic Novels

Ti piace Dylan Dog n. 260?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Un mistico “circolo” è stato spezzato e ora Madame Trelkovski deve individuare chi potrà ripristinare l’equilibrio tra il nostro mondo e l’aldilà. Dylan Dog è al suo fianco, ma la loro è una corsa contro il tempo, perché i morti hanno già cominciato a uscire dalle tombe!
Ordina per
  • 4

    Niente male, la signora Trelkovski è sempre una grande, Casertano secondo me è uno dei grandi disegnatori della serie, il risultato è un albo che, se non arriva a 5 stelline (soprattutto per il finale un po' compresso), raggiunge comunque un buon livello. E' uno di quegli albi che si rileggono vo ...continua

    Niente male, la signora Trelkovski è sempre una grande, Casertano secondo me è uno dei grandi disegnatori della serie, il risultato è un albo che, se non arriva a 5 stelline (soprattutto per il finale un po' compresso), raggiunge comunque un buon livello. E' uno di quegli albi che si rileggono volentieri, e questo è un segnale che c'è qualche spunto in più.

    ha scritto il 

  • 2

    Masiero, guarda che nessuno ti obbliga a scrivere soggetti e sceneggiature per albi a fumetti, eh. Voglio dire: se non hai uno straccio di idea, non è che questo sia proprio l'unico lavoro possibile. Per esempio, scommetto che un po' di calce tra un mattone e l'altro la sai dare anche tu.
    P ...continua

    Masiero, guarda che nessuno ti obbliga a scrivere soggetti e sceneggiature per albi a fumetti, eh. Voglio dire: se non hai uno straccio di idea, non è che questo sia proprio l'unico lavoro possibile. Per esempio, scommetto che un po' di calce tra un mattone e l'altro la sai dare anche tu.
    Prova, possibilmente prima di scrivere altre infamità del genere.

    ha scritto il