Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

E adesso, che succede?

Un libro su Mimla, il troll Mumin e la piccola Mi

Di

Editore: Salani

4.3
(25)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 28 | Formato: Copertina rigida | In altre lingue: (altre lingue) Inglese

Isbn-10: 8884513332 | Isbn-13: 9788884513335 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Traduttore: Laura Cangemi ; Adattatore: Roberto Piumini

Ti piace E adesso, che succede??
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Erano le cinque del pomeriggio, e il troll Mumin tornava a casa dalla latteria. Il latte cantava nel bidone... la strada era lunga e paurosa e il vento fischiava tutto intorno, nello spazio profondo del bosco. Il sole, laggiù, stava calando. E ora prova a immaginare: cosa sta per capitare?
Età di lettura: da 7 anni.
Ordina per
  • 5

    I Mumin (o Moomin, per chi li leggeva su Linus) sono dei troll finlandesi inventati da Tove Jansson, a cui ha dedicato una serie di romanzi (in parte editi da Salani), e molti libri illustrati e a fum ...continua

    I Mumin (o Moomin, per chi li leggeva su Linus) sono dei troll finlandesi inventati da Tove Jansson, a cui ha dedicato una serie di romanzi (in parte editi da Salani), e molti libri illustrati e a fumetti spesso in coppia con il fratello Lars. E adesso che succede? è un libro in cui ogni scena si svolge in due pagine e alla fine delle quali accade qualcosa che ti costringe a girare pagina ed andare avanti. In più, in ogni pagina ci sono dei buchi che permettono a disegni delle altre pagine di incastrarsi in quelle che si sta leggendo (un po' come nel geniale Nella nebbia di Milano di Bruno Munari). Bello e divertente, non solo per bimbi.

    ha scritto il 

  • 5

    Ben poco so della saga di questo Troll e dei suoi compagni d'avventure, essendo il mio primo tuffo di testa in codeste avventure. La morfologia zoomorfa del protagonista non è particolarmente incisiva ...continua

    Ben poco so della saga di questo Troll e dei suoi compagni d'avventure, essendo il mio primo tuffo di testa in codeste avventure. La morfologia zoomorfa del protagonista non è particolarmente incisiva, e rimanda ad altre figure simili: Barbapapà, il mio amato Babar, e la vaga forma glabra fra uovo e pera è stata probabilmente ispirata da Bondi (che, come è noto, deve i suoi unici trascorsi comunisti all'essere stato, nel lontano 1978, un peluche in premio alla Festa dell'Unità di San Fasciano di Mezzo, dove però fu barattato dalla sig.ra Masciarelli, biglietto vincente 17586, con un aspirapolvere Folletto rivelatosi poi guasto che le fu offerto da un apparente gentile e sorridente pianista da crociera con le zeppe, ma questa è una storia dell'orrore, e noi si parla di favole per bimbi, scusate).
    Neanche il testo lo è, a drila tutta, nonostante lo sforzo di Piumini: E adesso che succede? vi fa girar la pagina come se cercaste di seguire il dibattito precongressuale fra franceschini e bersani, e alla fine tocca alla mamma del troll di risolvere tutto (mamma baffina, per rimanere in metafora politica diessina, ma perchè mi son cacciato in questo tunnel metaforico?).

    MA: I DISEGNI E I COLORI E L'ARCHITETTURA TUTTA DI QUEST'ALBO E BELLISSIMA. PSICHEDELICA.

    Insomma, vedete voi.

    E se non vi piace, donatelo alla festa dell'unità di San Fasciano, che così si tolgono dalle balle quell'aspirapolvere folletto guasto, che sono anni che è lì e non lo vuole ritirare nessuno.

    ha scritto il