Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

E lasciamole cadere queste stelle

Di

Editore: Fandango libri

3.3
(342)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 288 | Formato: Altri

Isbn-10: A000075581 | Isbn-13: 9788860440242 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Disponibile anche come: Copertina morbida e spillati

Genere: Art, Architecture & Photography , Family, Sex & Relationships , Fiction & Literature

Ti piace E lasciamole cadere queste stelle?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
"Una donna anche quando è calma non è mai veramente tranquilla. Ogni donna è tutte le donne, come se all'interno di una donna ci fossero tutte le età e tutte le donne insieme. Scrivere sulle donne è come dare una struttura a un mistero. Ma è impossibile farlo con un libro lineare, ho cercato piuttosto di avvicinarmi alla geometria dei fiori, In questo senso la donna è una natura." (Filippo Timi). Dal fallimento di un rapporto all'eros delle notti d'amore, dalla ricerca disperata di un uomo alla rassegnazione casalinga forzata, mortificazione, ferite, eccitazione e abbrutimento. E un insieme di storie, con un filo ideale che le collega, dove non sono i personaggi ad avere un volto ma le emozioni. La voce di un autore che il lettore può ascoltare anche nel CD allegato al volume, che completa il testo con composizioni inedite, presentate solo in forma orale.
Ordina per
  • 3

    Adoro gli uomini che adorano le donne, ma...

    L'inizio è folgorante, il primo ritratto meraviglioso... sarà che ognuno cerca qualcosa di se stesso in ciò che legge e io mi sono rivista in pieno. Dopo un po', però, lo stile di scrittura stanca, l'insistenza su certi elementi, persino l'ammirazione per la donna in quanto tale diventa stucchevo ...continua

    L'inizio è folgorante, il primo ritratto meraviglioso... sarà che ognuno cerca qualcosa di se stesso in ciò che legge e io mi sono rivista in pieno. Dopo un po', però, lo stile di scrittura stanca, l'insistenza su certi elementi, persino l'ammirazione per la donna in quanto tale diventa stucchevole.
    Un ossimorico stile di scrittura, ma contemporaneamente ridondante di parole. In una parola: Timi.

    ha scritto il 

  • 5

    Filo è matto

    Ma la follia conduce al castello della conoscenza. Bisogna essere matti sul serio per parlare di donne di amore di uomini di sesso di froci oggi e tutt'insieme. Bisogna avere un cielo pieno di stelle e e il coraggio di parlare di morte e di vita.
    Romanticismo moderno, o post-moderno?, che g ...continua

    Ma la follia conduce al castello della conoscenza. Bisogna essere matti sul serio per parlare di donne di amore di uomini di sesso di froci oggi e tutt'insieme. Bisogna avere un cielo pieno di stelle e e il coraggio di parlare di morte e di vita.
    Romanticismo moderno, o post-moderno?, che getta via a piene mani gigli di sentimenti, cuori, lacerazioni, fiche e cazzi.
    Guardare su e giù, perché non c'è solo l'anima, c'è anche il corpo. Dire cose belle, senza tirare giù le solite cose-frasi-paragoni già fatti. Filo non ti racconterà mai dei cinquanta modi di dire neve dei siberiani (che poi è una balla bella e buona) non andrà a rompere le palle a Platone e alle sue mele divise.
    Uno che ha tutte queste cose, che se ne fa? Uno che va dentro l'anima delle donne e ci si mischia, diventa donna, ma poi dopo diventa uomo e poi anche frocio e poi trans e poi lesbo e non lo so più.
    Si, d'accordo, fa l'attore ed è pure un'attore bravo di quelli che ti pigliano allo stomaco, che ti fanno sognare e ti mettono paura. Ma mica tutti gli attori scrivono e scrivono bene. E dicono cose che è difficile per un uomo dire, anzi impossibile.
    Di uno così ti innamori. Dici caspita ma se capisce così, se riesce a mettersi l'anima delle donne dentro.
    Il dolore. L'amore. Il male che si fanno le donne per amore, per gli uomini, per i figli, per certi figli di puttana che non le meritano. Le donne sole che si sentono vecchie e brutte e inutili. Le donne che si ammazzano. Che donne che vengono ammazzate magari solo con le parole e non con le botte.
    Un sogno raccontato con il dialetto di Magione che se non fosse in bocca a lui farebbe ridere. E invece è bellissimo. Sembra un sogno di Hieronymus Bosch.
    Filo è matto, proprio matto, ma il cammino delle conoscenza è dei matti.

    ha scritto il 

  • 4

    Mi piace la scrittura che caratterizza questi molteplici mini racconti che formano “E LASCIAMOLE CADERE QUESTE STELLE” ritrovo lo stile di Bukowski, nudo e crudo, come una ferita che sanguina ma che, a tratti, dona conforto. In questi racconti viene descritto l’Amore in tutte le sue forme da quel ...continua

    Mi piace la scrittura che caratterizza questi molteplici mini racconti che formano “E LASCIAMOLE CADERE QUESTE STELLE” ritrovo lo stile di Bukowski, nudo e crudo, come una ferita che sanguina ma che, a tratti, dona conforto. In questi racconti viene descritto l’Amore in tutte le sue forme da quello consumato in una notte sola a quello platonico passando per vari episodi e molteplici voci narranti. Bello!

    ha scritto il 

  • 5

    Un piccolo capolavoro!

    A mio parere il libro più bello di Timi...riesce ad affrontare i temi relativi alle donne con estrema sensibilità e profondità!!!E' un libro che tutti dovrebbero leggere almeno una volta nella vita!

    ha scritto il 

  • 4

    "Ci sono gesti improvvisi di una donna talmente legati a un amore così spontaneo che l'uomo per arrivare a una simile civiltà del cuore ci metterà, se mai ne avesse il tempo, altri cinque secoli d'evoluzione"

    "Le donne non sono un'idea.
    Le donne sono una natura.
    Le donne s
    ...continua

    "Ci sono gesti improvvisi di una donna talmente legati a un amore così spontaneo che l'uomo per arrivare a una simile civiltà del cuore ci metterà, se mai ne avesse il tempo, altri cinque secoli d'evoluzione"

    "Le donne non sono un'idea.
    Le donne sono una natura.
    Le donne sono qualcosa che accade per sempre.
    Le donne sono un cielo che potrebbe cadere e troppo spesso piange in se stesso, e troppo spesso non riesce a farsi primavera.
    Le donne sono l'estate che brilla nelle infinite stelle che popolano il vestito nero da sera dei sogni del cielo, pronte a ballare, pronte a restare nude, pronte a tacere.
    Pronte ad amare."

    "Innamorarsi di un buffone è una tragedia.
    Non capisci mai quando parla sul serio, e la dolcezza mischiata con la paura è un cocktail troppo dolce e senza sapore, non ubriaca mai"

    "Se il paradiso esiste, lassù siamo tutti rock star, e se l'eternità esiste è un eterno concerto"

    ha scritto il 

  • 2

    Benché io ami molto l'autore (e l'attore) trovo che questo poteva risparmiarselo. Mi è sembrato di leggere gli scarti editoriali degli altri suoi libri, mescolati a paginette del suo diario intimo che potevano anche restare private. Così pieno di stereotipi poi...

    ha scritto il 

  • 1

    Non sono riuscita a finirlo tutto, ma ho letto dei raccontini qui e là. Sin dalle prime pagine non mi aveva convinto, e andando avanti nella lettura è andata sempre peggio...un insieme di pensieri e parole scollegati fra loro...non riesco a trovare un senso o un filo logico al libro. Per me è boc ...continua

    Non sono riuscita a finirlo tutto, ma ho letto dei raccontini qui e là. Sin dalle prime pagine non mi aveva convinto, e andando avanti nella lettura è andata sempre peggio...un insieme di pensieri e parole scollegati fra loro...non riesco a trovare un senso o un filo logico al libro. Per me è bocciato! :(

    ha scritto il 

Ordina per