Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

Easter Parade

By Richard Yates

(1197)

| Paperback | 9788875211837

Like Easter Parade ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

Easter Parade, uscito originariamente nel 1976 e ora pubblicato per la prima volta in Italia, è un romanzo esemplare della sensibilità di Yates: una saga familiare senza concessioni al romanticismo, un limpido ritratto di esistenze borghesi in Continue

Easter Parade, uscito originariamente nel 1976 e ora pubblicato per la prima volta in Italia, è un romanzo esemplare della sensibilità di Yates: una saga familiare senza concessioni al romanticismo, un limpido ritratto di esistenze borghesi in bilico fra la mediocrità e le aspirazioni. Le protagoniste sono due sorelle, dal carattere diverso ─ Sarah più solare e convenzionale, Emily più chiusa e indipendente ─ ma sempre unite da un legame che a tratti si trasforma in rivalità; i loro destini si dipanano per quasi cinquant'anni, sullo sfondo di un'America che man mano perde la sua innocenza gioiosa (quella immortalata in un'istantanea della parata di Pasqua a cui si riferisce il titolo), alla ricerca di una «felicità» difficile tanto da identificare quanto da ottenere.

233 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 2 people find this helpful

    Yates è un maestro nel ritrarre con precisione chirurgica e abbacinante nitidezza tutto ciò che è fallimento (non solo professionale, ma anche e soprattutto affettivo), rovina, distruzione e disperazione, in vite tutto sommato normali. Si sente che i ...(continue)

    Yates è un maestro nel ritrarre con precisione chirurgica e abbacinante nitidezza tutto ciò che è fallimento (non solo professionale, ma anche e soprattutto affettivo), rovina, distruzione e disperazione, in vite tutto sommato normali. Si sente che in quello che scrive c’è molto di sé stesso (e se ne ha conferma leggendo la nota biografica), eppure spazio per l’indulgenza non ce n’è: è spietato con sé stesso come con i suoi personaggi soli, alcolizzati, senza speranze. E provo una pena infinita.

    Is this helpful?

    zumurruddu said on Aug 26, 2014 | Add your feedback

  • 4 people find this helpful

    Come ho scritto all'amica che me lo ha consigliato, cosa di cui la ringrazio, perchè è stata una nuova scoperta in un anno di letture forsennate e bellissime, Easter Parade è un romanzo disperato. Scritto da una personalità disperata. Yates è morto a ...(continue)

    Come ho scritto all'amica che me lo ha consigliato, cosa di cui la ringrazio, perchè è stata una nuova scoperta in un anno di letture forsennate e bellissime, Easter Parade è un romanzo disperato. Scritto da una personalità disperata. Yates è morto a poco più di sessant'anni per le complicanze a seguito di un intervento operatorio e oggi mi viene fin troppo facile il confronto con Robin Williams, il paragone di due disperazioni e due solitudini interiori profonde, tanto da non lasciare più la possibilità di una speranza. In fondo anche quello di Yates può essere considerato un suicidio, perchè ci si è messo da solo su quel tavolo operatorio, bevendo come un pazzo e fumando 4 - QUATTRO - pacchetti di sigarette al giorno per quarant'anni.
    Easter Parade non è solo un romanzo di Yates, ma è un romanzo con Yates, che ha messo se stesso, la sua famiglia, il suo infelice vissuto in quella famiglia in ogni riga. E c'ha messo soprattutto sua madre, l'alfa e l'omega, principio e termine di tutte le sventure, le tristezze, i fallimenti e le piccoli futili gioie di tutta una vita. Una donna alcolizzata, insoddisfatta, vanesia, anaffettiva, che emerge prepotente dalle pagine nella figura di Esther Grimes, madre delle due sorelle protagoniste, Sarah ed Emily. E una delle due sorelle, come l'autore stesso confessò in un'intervista, è lui stesso.
    La triste bellezza del libro non sta nella storia, semplice, banale se vogliamo: due sorelle che crescono lottando sempre contro la mancanza di denaro, cambiando continuamente casa per seguire le peregrinazioni di una madre sola e insoddisfatta, ma mai doma nei suoi sogni di benessere e raffinatezza.
    Sarah seguirà la strada del più comune e apprezzato perbenismo dell'epoca, si sposerà giovanissima e rigorosamente vergine con quello che sembra l'uomo perfetto, dal quale avrà tre vigorosi figli maschi. Ma non sto a scrivere la realtà cruda e angosciante che si nasconde dietro la facciata di questa coppia che, a ogni brindisi (e in questo libro si brinda molto), intreccia ancora i calici come nei primi tempi dell'innamoramento.
    Emily, la sorella minore, che nei tempi dell'adolescenza ammira e desidera emulare la vita della più bella e affascinante sorella, segue invece la via dell'emancipazione. Studia, si trova un lavoro, vive da sola e si mantiene e passa, con una disinvoltura a volte sorprendente, di uomo in uomo per tutta la vita. Conosciuto o sconosciuto. Che le piaccia molto o molto poco. Alla ricerca disperata di quell'amore, di quella comprensione, di quegli abbracci che non aveva mai avuto dall'unica persona che avrebbe dovuto darglieli, la sua mamma.
    Fa rabbia la disperata - sì, ancora questo aggettivo, non ne trovo uno più calzante - rassegnazione con cui Emily (il cui punto di vista è il principale nella storia) accetta ogni abbandono. Perchè verrà sempre abbandonata, da tutti. Per un'altra donna più giovane, più vecchia, più grintosa, più formosa, sempre più qualcosa di lei, ma la sua risposta sarà sempre e solo: "Ho capito". Mai un urlo di rabbia, uno scatto, uno schiaffo, una preghiera, un pianto, un qualsiasi tentativo di reazione. Solo "Ho capito".
    Non c'è nessun vincitore in questo romanzo, solo vinti.
    A nessun personaggio, che sia principale o secondario o semplicemente una comparsa, va bene.
    E due sono le grandi protagniste che ne escono sconfitte e distrutte. Non Sarah ed Emily. Ma la famiglia e, fondamentalmente, la vita.
    E' un romanzo di tentativi falliti, di speranze abbandonate

    Is this helpful?

    claudia said on Aug 14, 2014 | 3 feedbacks

  • 1 person finds this helpful

    "Easter Parade" di Richard Yates

    Grande lettura questo romanzo di Yates, una di quelle molto viscerali, che rimangono, senza alcun dubbio, nel tempo.
    Il pretesto per far emergere così tante e dense emozioni nel lettore, è in verità una storia semplice, di quelle realistiche, che rac ...(continue)

    Grande lettura questo romanzo di Yates, una di quelle molto viscerali, che rimangono, senza alcun dubbio, nel tempo.
    Il pretesto per far emergere così tante e dense emozioni nel lettore, è in verità una storia semplice, di quelle realistiche, che raccontano la vita di una famiglia (ok, sui generis, ma forse non così tanto) newyorkese della middle class negli anni '40-'60.
    Le protagoniste sono le due sorelle Grimes, e non vi svelo troppo dicendo che la loro è una storia di vite sprecate:
    "Né l'una né l'altra delle sorelle Grimes avrebbe avuto una vita felice".
    Questo è il monito di Yates, che fin da subito avverte con l'incipit lapidario l'incauto lettore: ti racconterò qualcosa che ti disturberà, che ti farà riflettere sulle miserie umane e che ti provocherà discreto struggimento. Miserie che ritroviamo numerose nel corso della narrazione: incomunicabilità, violenza, sopportazione, invidia, solitudine, senso di fallimento, ...
    [...]

    http://lanostralibreria.blogspot.it/2014/07/libro-easte…

    Is this helpful?

    Glò said on Jul 31, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Buona visione :)

    https://www.youtube.com/watch?v=G64jH5hHefA

    Is this helpful?

    Anto Dng93 said on May 31, 2014 | Add your feedback

  • 2 people find this helpful

    Come nel suo stile, Yates va a cercare le vite dei perdenti, sollevando il velo su due vite apparentemente riuscite di due sorelle. La prima, Sarah, sembra aver fatto fin da giovane un matrimonio perfetto con l'uomo dei sogni, la seconda, Emily incar ...(continue)

    Come nel suo stile, Yates va a cercare le vite dei perdenti, sollevando il velo su due vite apparentemente riuscite di due sorelle. La prima, Sarah, sembra aver fatto fin da giovane un matrimonio perfetto con l'uomo dei sogni, la seconda, Emily incarna l'ideale dello "spirito libero" e indipendente. Si scoprirà poi che il matrimonio della maggiore non è poi così idilliaco e che la minore (tra le due il personaggio più approfondito) non si sente realizzata in quel suo susseguirsi di relazioni con gli uomini sbagliati.
    Tuttavia, rispetto ad altri romanzi di Yates, non si ha mai il senso di tragedia incombente, benché le tragedie accadano.
    Il racconto di due vite normali, banali quasi, viste da una prospettiva e con un acume tutt'altro che banale.

    Is this helpful?

    Claudia said on May 7, 2014 | Add your feedback

  • 3 people find this helpful

    Easter Parade, Richard Yates

    "Quelle lacrime, come sempre finora nella sua vita, erano totalmente per se stessa: per la povera, sensibile Emily Grimes che nessuno capiva, e che non capiva niente."

    Questo libro è uno di quei romanzi che lascia addosso la sgradevole sensaz ...(continue)

    "Quelle lacrime, come sempre finora nella sua vita, erano totalmente per se stessa: per la povera, sensibile Emily Grimes che nessuno capiva, e che non capiva niente."

    Questo libro è uno di quei romanzi che lascia addosso la sgradevole sensazione di stare sbagliando tutto nella vita. Con una storia che potrebbe apparire lineare, semplice; una comune storia che narra le vicende e le disgrazie di una famiglia; una storia che ti lascia alla fine annientato, quasi prendendosi gioco di te.
    Questo perché pensi che si tratti solo di un libro.. Ma chi non ha vissuto, anche se in modi forse differenti, alcune delle vicende raccontate? E allora mandi al diavolo tutto e tutti. Perché vuoi convincerti che sei tu l'artefice del tuo destino, ma sai - in fondo, molto in fondo - che c'è quella dannata eredità che potrà solo farti sperare di non seguire in tutto e per tutto le orme di chi ti ha preceduto nell'albero genealogico.

    Quattro stelline che sarebbero potute essere cinque se non fosse stato che credo ancora nella possibilità di fare della mia vita qualcosa di buono, piuttosto che dare piena ragione al messaggio trasmesso da Yates. Ma sono quattro stelline perché è stato terribilmente bravo a mettermi addosso l'angoscia e la paura nelle scelte che faccio quotidianamente e che, in un modo o nell'altro, pagherò per tutta la vita e lascerò pagare a chi verrà dopo di me.
    Autore da approfondire, magari col tanto acclamato "Revolutionary Road".

    Is this helpful?

    IfeelBook said on Apr 23, 2014 | 1 feedback

Book Details

Improve_data of this book