Ecco la storia

Audiolibro letto da Claudio Bisio sulle musiche di Paolo Silvestri

Di

Editore: Gruppo Editoriale l'Espresso SpA

3.5
(2490)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: | Formato: CD audio | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Francese , Spagnolo , Catalano , Greco

Isbn-10: A000096539 | Data di pubblicazione: 

Disponibile anche come: Tascabile economico , Copertina morbida e spillati , eBook

Genere: Narrativa & Letteratura , Umorismo , Viaggi

Ti piace Ecco la storia?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Ecco la storia di un dittatore agorafobico, in un paese qualsiasi. Di quelli dal sottosuolo abbastanza ricco perché si desideri prendervi il potere e abbastanza arido in superficie per andar bene come cornice a una favola sul potere. È qui che inizia la vicenda di Manuel Pereira da Ponte Martins. Un nome plausibile per un dittatore. Ma allora, perché agorafobico?
Ordina per
  • 0

    Pennac ha finito le idee ?

    La storia potrebbe essere intrigante per il fatto di parlare di identità e ricerca del sè, ma non mi pare per nulla sviluppata. Mi sembra un intricato assemblaggio di fatti e piccole idee (viaggio ed ...continua

    La storia potrebbe essere intrigante per il fatto di parlare di identità e ricerca del sè, ma non mi pare per nulla sviluppata. Mi sembra un intricato assemblaggio di fatti e piccole idee (viaggio ed atterraggio di fortuna in Brasile, ironia sulla politica, Charlot, Valentino, suoi amici, ecc,) in un guazzabuglio senza significato.Quasi onirico. Forse è il caso che ritorni ad insegnare.

    ha scritto il 

  • 4

    Bisio voce narrante dell'audiolibro "Ecco la storia" di Pennac l'ho trovato eccezionale.
    Sa trascinarti con la sua verve e riesce con voce suadente e autoritaria al tempo stesso intrappolarti in un vo ...continua

    Bisio voce narrante dell'audiolibro "Ecco la storia" di Pennac l'ho trovato eccezionale.
    Sa trascinarti con la sua verve e riesce con voce suadente e autoritaria al tempo stesso intrappolarti in un vortice dal quale è difficile uscire.
    Vien la voglia di riascoltarlo più e più volte.

    ha scritto il 

  • 4

    immaginare in libertà

    Questo libro parla di una strana storia di un dittatore sudamericano, poi parla della vita di Pennac in Brasile che gli ha ispirato la prima storia, poi parla del sosia del dittatore, poi della ragazz ...continua

    Questo libro parla di una strana storia di un dittatore sudamericano, poi parla della vita di Pennac in Brasile che gli ha ispirato la prima storia, poi parla del sosia del dittatore, poi della ragazza che ha trovato il sosia, poi di una interessante donna a Parigi che forse è la ragazza, poi una specie di epilogo. Che confusione! Ma tutto è collegato, e si parla sopratutto di scrivere, e di immaginare. Mi è piaciuto molto proprio per questa indeterminatezza di immaginare cosa si vuole.

    ha scritto il 

  • 1

    Deludente

    Ho fatto molta fatica a finirlo perché l'ho trovato molto noioso,ma me lo sono imposta giusto perché era l'ultimo che mi mancava per completare la bibliografia di Pennac. Va bene i rimandi letterari,c ...continua

    Ho fatto molta fatica a finirlo perché l'ho trovato molto noioso,ma me lo sono imposta giusto perché era l'ultimo che mi mancava per completare la bibliografia di Pennac. Va bene i rimandi letterari,cinematografici ecc.. Ma poi? Dove va a parare?
    C'è un abisso con il ciclo Malaussene.

    ha scritto il 

  • 3

    Pennac è l'asso per parlare di cose da adulti raccontandole come se fossero una novella per bambini e in questo audiolibro Claudio Bisio è stata una scelta azzeccatissima.
    Una storia breve e intellige ...continua

    Pennac è l'asso per parlare di cose da adulti raccontandole come se fossero una novella per bambini e in questo audiolibro Claudio Bisio è stata una scelta azzeccatissima.
    Una storia breve e intelligentemente costruita, il cui succo si può riassumere in questa citazione:
    “Fa' come mio padre," gli aveva ordinato Pereira, "ascol-tali a ore fisse, metti nel tuo sguardo l'umanità necessaria e taci. Per far capire che il colloquio è finito, limitati a dire: 'Ti ho ascoltato' e passa al seguente."

    "E' tutto?" aveva domandato il sosia.

    "Ed è una rivoluzione" aveva assentito Pereira. "Nessuno li ha mai ascoltati, gli ci vorranno tre generazioni per chiedere di più; a quell'epoca né tu né io saremo più in grado di ascoltare chicchessia.” (Passi di: Ecco la storia. “Daniel Pennac”)

    ha scritto il 

  • 3

    Forse ho troppo amato il Pennac della saga del Signor Malaussène per apprezzare ogni suo altro romanzo che tratti argomenti diversi, fatto sta che questo non mi ha coinvolto affatto. Posso apprezzare ...continua

    Forse ho troppo amato il Pennac della saga del Signor Malaussène per apprezzare ogni suo altro romanzo che tratti argomenti diversi, fatto sta che questo non mi ha coinvolto affatto. Posso apprezzare la scrittura e l'inventiva che anche qui dimostra l'autore, ma per me il vero Pennac è un'altra cosa.

    ha scritto il 

  • 3

    Insolito

    Portato in vacanza per passare le ore del viaggio in aereo, scegliendo Pennac pensavo di andare sul sicuro, con la sua scrittura leggera, originale e divertente, e mai avrei pensato di trovarmi di fro ...continua

    Portato in vacanza per passare le ore del viaggio in aereo, scegliendo Pennac pensavo di andare sul sicuro, con la sua scrittura leggera, originale e divertente, e mai avrei pensato di trovarmi di fronte a una storia del genere. Non mi ha fatto impazzire ma non la definirei brutta o noiosa, piuttosto, insolita e sorprendente. L'idea del dittatore che addestra il sosia per fuggire dalla sua gabbia - e della conseguente catena di sosia - è favolosa e nel finale si capisce anche la profonda morale. La storia del parrucchiere sosia del dittatore, sosia di Chaplin e sosia di Valentino, che è il fulcro concreto del libro, l'ho trovata simpatica ma non mi ha entusiasmato quanto la sua morte, e l'invenzione finale di Sonia. La parte dedicata a lei l'ho letteralmente bevuta. Diciamo che inizialmente sembra un po' noioso, ma migliora man mano che si legge.

    ha scritto il 

  • 2

    STRANO

    E' strano, partendo dalla storia di un dittatore agorafobico che si fa sostituire da un sosia, che a sua volta si fa sostituire da un altro sosia, e così via, i personaggi prendono vita propria e Penn ...continua

    E' strano, partendo dalla storia di un dittatore agorafobico che si fa sostituire da un sosia, che a sua volta si fa sostituire da un altro sosia, e così via, i personaggi prendono vita propria e Pennac sguinzaglia la sua fantasia costruendone vite su vite, storie su storie. Un po' pesante però e difficile da seguire nel filo dei pensieri.

    ha scritto il 

  • 3

    Lo strano Pennac

    E' una storia particolare che non ha nulla a che vedere col classico Pennac.
    Ironica e a tratti un po' ingarbugliata, ma interessante. Una cosa è certa: questo non è il libro giusto per avvicinarsi a ...continua

    E' una storia particolare che non ha nulla a che vedere col classico Pennac.
    Ironica e a tratti un po' ingarbugliata, ma interessante. Una cosa è certa: questo non è il libro giusto per avvicinarsi a questo autore. E' il libro giusto per apprezzarne sfaccettature nascoste, per approfondirne la conoscenza.

    ha scritto il 

  • 3

    Pereira

    Il libro non è tra i più semplici. A volte mi son ritrovato a rileggere più volte un paragrafo; devo comunque ammettere che è la prima volta che mi trovo a leggere un'opera di Pennac, che fino ad ora ...continua

    Il libro non è tra i più semplici. A volte mi son ritrovato a rileggere più volte un paragrafo; devo comunque ammettere che è la prima volta che mi trovo a leggere un'opera di Pennac, che fino ad ora non avevo avuto modo di sentire. Tutto sommato la trama non è male, anche innovativa per certi versi ed è questa particolarità che premio con tre stelle il libro.

    ha scritto il 

Ordina per
Ordina per