Educazione europea

Voto medio di 310
| 81 contributi totali di cui 65 recensioni , 16 citazioni , 0 immagini , 0 note , 0 video
Il personaggio centrale di questo romanzo è Janek, un ragazzo che, nella spietata durezza del combattimento clandestino, conosce il freddo e la fame, il tradimento, l'orrore e la morte senza che l'odio afferri, anche per un solo istante, il suo cuore ...Continua
Giogio53
Ha scritto il 01/07/18
Delle buone letture - 01 lug 18
Inizio tributando un doveroso omaggio alla mia amica Nico che, amando solo i classici, riesce a farmi recuperare qualche buona lettura nel corso del tempo. Come questa di Romain Gary, scrittore che neri Pozza sta riproponendo alla grande negli ultimi...Continua
Ermione9
Ha scritto il 04/06/18
Molto bello, Gary mi ha regalato capolavori. In questo libro si entra nel grande gelo, il freddo, il nemico per tanti giovani che sono andati a morirci dentro. Tutto ciò è mirabilmente scritto in queste pagine. Indimenticabile la giovane prostituta c...Continua
AdrianaT.
Ha scritto il 30/04/18
Il partigiano Janek
"Certo, un uomo muore quando è pronto per morire; ed è pronto quando si sente troppo infelice. Oppure un uomo muore quando non gli resta nient'altro da fare. È la strada che l'uomo prende quando non ha proprio più dove andare." Ma per lui, per l'anco...Continua
utti
Ha scritto il 08/10/17
Un romanzo di formazione nel vero senso del termine. L'educazione europea non è quella che ci aspetteremmo, dello studio, dell'Università e delle arti, ma è l'educazione dovuta alla guerra e all'occupazione. Parlare di seconda guerra mondiale e resis...Continua
Auta49
Ha scritto il 07/10/16
L’autore ci racconta la vita dei partigiani polacchi durante la resistenza nella seconda guerra mondiale, in particolare ci parla di Janek un ragazzo che entra a far parte del gruppo, quel ragazzo “troppo giovane per tutto, fuorché per la fame, il fr...Continua

Gilda
Ha scritto il Oct 02, 2011, 10:44
E a Janek parve che il mondo degli uomini non fosse altro che un sacco immenso, dentro al quale si dibatteva una massa informe di patate cieche e sognanti: l'umanità.
Pag. 252
Gilda
Ha scritto il Oct 02, 2011, 10:27
Ma lei sapeva già che questo non era vero, che gli uomini non combattono mai per un'idea, ma semplicemente contro altri uomini, che la forza del soldato non è lo sdegno ma l'indifferenza, e che le vestigia della civiltà sono e saranno sempre le rovin...Continua
Pag. 182
Gilda
Ha scritto il Oct 02, 2011, 10:10
L'Europa ha sempre avuto le migliori e più belle università del mondo. E' là che sono nate le idee più alte, quelle che hanno ispirato le nostre opere più grandi: i concetti di libertà, di dignità umana, di fraternità. Ma esiste anche un'altra educaz...Continua
Pag. 82
Gilda
Ha scritto il Oct 02, 2011, 10:04
La verità è che ci sono momenti nella storia, momenti come quello che stiamo vivendo, in cui tutto quello che impedisce all'uomo di abbandonarsi alla disperazione, tutto ciò che gli permette di avere una fede e continuare a vivere ha bisogno di un na...Continua
Pag. 70
Gilda
Ha scritto il Oct 02, 2011, 10:01
Gli uomini si raccontano delle belle storie e poi si fanno ammazzare per esse, e si figurano che in questo modo il mito divenga realtà.
Pag. 67

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una immagine!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una nota!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo un video!

Lorem Ipsum Color sit Amet
di Nome Autore
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur Suspendisse varius consequat feugiat.
Scheda libro
Aggiungi