Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Ehi, prof!

Di

Editore: Adelphi (Gli Adelphi; 335)

3.7
(1158)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 309 | Formato: Paperback | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Tedesco , Spagnolo , Catalano , Chi tradizionale , Francese , Portoghese

Isbn-10: 8845923207 | Isbn-13: 9788845923203 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Traduttore: Claudia Valeria Letizia

Disponibile anche come: Altri

Genere: Biography , Education & Teaching , Fiction & Literature

Ti piace Ehi, prof!?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Se i lettori delle “Ceneri di Angela” e di “Che paese, l’America” sanno già cosa aspettarsi da McCourt in termini di sarcasmo, empatia e comicità allo stato puro, quelli di “Ehi, prof!” scopriranno come i tre elementi possano fondersi a caldo in un genere completamente nuovo, che difficilmente troverà, in futuro, epigoni all’altezza.

«Frank McCourt racconta come si combatte il disastro scolastico – che non è, ahinoi, solo quello dell’America del presidente Ike Eisenhower – e come sul mutuo soccorso che c’è tra i due lati della cattedra si possa fondare il senso della vita. È un romanzo nudo, come di chi sa raccontare se stesso; ironico, come di chi vuole incriminare la realtà per poi assolverla; e commovente, come solo quel destino qualunque quando si riconosce in una missione». Valeria Parrella
Ordina per
  • 5

    Se potessi mettere 10 stelle le metterei e probabilmente ne aggiungerei altre.
    Un libro sensazionale, particolare, profondo, coinvolgente, anche commovente, emozionante, e chi più ne ha più ne metta.
    Ho scoperto questo libro un paio di anni fa, grazie ad una lettura che facemmo durant ...continua

    Se potessi mettere 10 stelle le metterei e probabilmente ne aggiungerei altre.
    Un libro sensazionale, particolare, profondo, coinvolgente, anche commovente, emozionante, e chi più ne ha più ne metta.
    Ho scoperto questo libro un paio di anni fa, grazie ad una lettura che facemmo durante l'ora di Psicologia. Rimasi affascinata dall'estratte e mi annotai il titolo. E meno male.
    Ora ho davvero qualcosa in più nel mio bagaglio culturale!

    ha scritto il 

  • 4

    capacità-entusiasmo-fortuna

    Teacher Man, 2005


    <Che sia paura? Risposta esatta, Francis. Il piccolo pezzente ha ancora paura di perdere il lavoro. Ha ancora paura di ritrovarsi al buio, assordato dai pianti, dai gemiti, dal digrignar di denti. Insegnante inventivo e ardito incoraggia adolescenti a can ...continua

    Teacher Man, 2005

    <Che sia paura? Risposta esatta, Francis. Il piccolo pezzente ha ancora paura di perdere il lavoro. Ha ancora paura di ritrovarsi al buio, assordato dai pianti, dai gemiti, dal digrignar di denti. Insegnante inventivo e ardito incoraggia adolescenti a cantare ricette ma si chiede quando calerà la scure, quando i severi ospiti giapponesi lo denunceranno alle autorità di Washington. Gli ospiti giapponesi coglieranno subito nella mia classe i segni della degenerazione americana e si domanderanno come hanno fatto a perdere la guerra.
    E se cala la scure?
    In malora lei e il boia.>

    <Sto imparando. Dentro di me il mick dei vicoli di Limerick lascia debordare l'invidia. Ho a che fare con immigrati di prima e seconda generazione come me, ma anche coi ceti privilegiati, e grondo sarcasmo. Non vorrei, ma le vecchie abitudini sono dure a morire. E' il rancore. Neanche la rabbia; solo il rancore. Mi spazientisce sentire i loro problemi: che caldo che fa, che freddo che fa, il mio dentifricio è quello là. Discorsi da privilegiati. Io dopo trent'anni vissuti in America ancora mi rallegro di avere la luce elettrica o di prendere un asciugamano dopo aver fatto la doccia.>

    ha scritto il 

  • 1

    forse solo ai prof piace

    Deludente! dopo aver letto "le ceneri di Angela" mi aspettavo di leggere un bel libro, invece l'ho trovato proprio deludente. Inoltre si piace troppo questo "prof", che nel denunciare i suoi limiti di insegnate in realtà si autoincensa. Ci dice che ha compensato i propri limiti e la sua incapacit ...continua

    Deludente! dopo aver letto "le ceneri di Angela" mi aspettavo di leggere un bel libro, invece l'ho trovato proprio deludente. Inoltre si piace troppo questo "prof", che nel denunciare i suoi limiti di insegnate in realtà si autoincensa. Ci dice che ha compensato i propri limiti e la sua incapacità di essere uomo con il rispetto per gli alunni e con un filosofia del "vivi e lascia vivere". Ovviamente dando la colpa di tutte le sue incapacità e dei suoi limiti all'educazione cattolica ricevuta, e con questo si autoassolve e se ne esce da vincitore. Forse solo ai prof può piacere questo libro, peraltro piuttosto noioso.

    ha scritto il 

  • 3

    This book represents a kind of memoir which describes the teaching experiences of Frank McCourt.


    What I've enjoyed/appreciated is:


    - His idea of "learning process" based on students own responsability.


    - The modest style of McCourt which comes to light through his shyness, hi ...continua

    This book represents a kind of memoir which describes the teaching experiences of Frank McCourt.

    What I've enjoyed/appreciated is:

    - His idea of "learning process" based on students own responsability.

    - The modest style of McCourt which comes to light through his shyness, his lack of self-esteem, his negative description of his physical appearance, his puzzling relationships with women. All these failures are balanced by the success with his students and his teaching career.

    ha scritto il 

  • 5

    Frank Mc Court ha davvero fatto l'insegnante per tanti anni e ci racconta la sua storia di professore. Magari averne incontrati di così ammalianti! Divertente e molto ben scritto.

    ha scritto il 

  • 4

    Il problema con quasi tutti i prof è questo: che ti accorgi di quello che ti hanno dato dopo troppo tempo.
    Ma la cosa veramente bella è che con altri prof ti accorgi di quello che ti danno proprio mentre segui la lezione.

    ha scritto il 

  • 3

    " Professore, lei è uno simpatico, ma lo sa che certe volte diventa esasperante?
    Lo sai, Jack, che cosa disse Ben Jonson?
    No, professore, non so che cosa disse Ben Jonson?
    E' il linguaggio a svelare l'uomo. Parla, così ch'io possa vederti.
    Ah, Ben Jonson ha detto così?"

    ...continua

    " Professore, lei è uno simpatico, ma lo sa che certe volte diventa esasperante?
    Lo sai, Jack, che cosa disse Ben Jonson?
    No, professore, non so che cosa disse Ben Jonson?
    E' il linguaggio a svelare l'uomo. Parla, così ch'io possa vederti.
    Ah, Ben Jonson ha detto così?"

    ha scritto il 

  • 3

    L'autore de LE CENERI DI ANGELA ci parla della sua vita di professore. Si tratta di un insegnante piuttosto originale che cerca di catturare la curiosità e l'interesse degli allievi anche con modi poco ortodossi. A volte leggiamo pagine molto divertenti, a volte il discorso va avanti in maniera p ...continua

    L'autore de LE CENERI DI ANGELA ci parla della sua vita di professore. Si tratta di un insegnante piuttosto originale che cerca di catturare la curiosità e l'interesse degli allievi anche con modi poco ortodossi. A volte leggiamo pagine molto divertenti, a volte il discorso va avanti in maniera piatta. Ecco perché tre stelle. Dietro la facciata spiritosa e leggera spesso ci affacciamo su problemi esistenziali o sociali, comunque il tono vuole essere brioso.

    ha scritto il 

Ordina per