Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

El Cementerio de Praga

By Umberto Eco

(39)

| Hardcover

Like El Cementerio de Praga ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

1125 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 1 person finds this helpful

    Perfecta lectura para los interesados en las intrigas político-religiosas de la Europa del siglo XIX que, entre otras cosas, llevaron a la edición de diversos libelos antisemitas. La historia se cuenta a través de un personaje muy interesante, un fal ...(continue)

    Perfecta lectura para los interesados en las intrigas político-religiosas de la Europa del siglo XIX que, entre otras cosas, llevaron a la edición de diversos libelos antisemitas. La historia se cuenta a través de un personaje muy interesante, un falsificador de documentos bastante maquiavélico. El libro en sí me ha parecido una obra de erudición y de literatura impecables, pero me he perdido tantas veces en disquisiciones políticas y tantas otras me ha costado seguir leyendo, que no me queda más remedio que darle tres estrellas. En cualquier caso, recomiendo al que lea este libro que alterne su lectura con repasos a la historia francesa e italiana del siglo XIX, más que nada para poder disfrutar más de la trama.

    Is this helpful?

    manzano said on Aug 28, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Eco, un maestro della letteratura moderna

    Umberto Eco è uno dei "geni" della letteratura moderna...
    Mai immediato, ha bisogno di essere "digerito" per le prime decine di pagine..
    Poi, quando il ritmo della sua scrittura, i tempi, il linguaggio... sono diventati più familiari al lettore...
    B ...(continue)

    Umberto Eco è uno dei "geni" della letteratura moderna...
    Mai immediato, ha bisogno di essere "digerito" per le prime decine di pagine..
    Poi, quando il ritmo della sua scrittura, i tempi, il linguaggio... sono diventati più familiari al lettore...
    Beh , allora Eco "ti porta" nelle storie, ti sorprende, ti "educa"..
    Romanzo straordinario, affascinanti i personaggi dalle molteplici angolature, ricostruzioni storiche perfette..
    Insieme al "il nome della rosa" , uno dei suoi romanzi più riusciti.

    Is this helpful?

    MaoK said on Aug 9, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Tre stelle più o quatto stelle meno meno

    L'idea, la bravura, la storia. Eco c'è, anche se al di sotto di se stesso. Lo azzoppano le digressioni e un tirare inutilmente in lungo sconfinando in alcuni passaggi nella eccessiva prolissità e talvolta ripetitiva. Per altro compensata di picchi di ...(continue)

    L'idea, la bravura, la storia. Eco c'è, anche se al di sotto di se stesso. Lo azzoppano le digressioni e un tirare inutilmente in lungo sconfinando in alcuni passaggi nella eccessiva prolissità e talvolta ripetitiva. Per altro compensata di picchi di alto livello.

    Is this helpful?

    Gigioprimon said on Jul 30, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Tenga per sé la Sua saccenteria. E si sa, il troppo stroppia

    “Mi stavo dicendo che quell'uomo seguiva la via sbagliata: non puoi mai creare un pericolo dai mille volti, il pericolo deve averne uno solo, altrimenti la gente si distrae. Se vuoi denunciare gli ebrei parla degli ebrei, ma lascia stare gli irlandes ...(continue)

    “Mi stavo dicendo che quell'uomo seguiva la via sbagliata: non puoi mai creare un pericolo dai mille volti, il pericolo deve averne uno solo, altrimenti la gente si distrae. Se vuoi denunciare gli ebrei parla degli ebrei, ma lascia stare gli irlandesi, i prìncipi napoletani, i generali piemontesi, i patrioti polacchi e i nichilisti russi. Troppa carne al fuoco. Come si fa ad essere così dispersivi?” (Pag 258)

    Ecco, con questa frase mi viene da pensare: “da quale pulpito viene la predica!”
    Sempre il solito Eco: tanta carne al fuoco, troppa brodaglia condisce questo piatto e si rischia di non assaggiare nulla di buono.
    Non c'è bisogno di raccontare tutto lo scibile umano per dimostrare di essere di altri e alti livelli, comportandosi da saccente con il lettore non soltanto indirettamente con quanto scritto, ma con note di ripresa per il lettore in cui gli viene sottolineato come, in realtà, lui si aspetta che il pubblico non sia riuscito a seguire i suoi discorsi, inserendo così tabelle o lasciandolo solo nel suo brodo: certo che non si capisce niente, non ha un filo logico quello che scrive. Se invece il sig. Eco si soffermasse su un solo argomento, senza impasticciare con altri, il suo racconto sarebbe stato degno di appartenere ai grandi della narrativa. E invece no, ma come si suol dire: “il troppo stroppia...” E ben gli sta!

    E cosa dire del suo amato Simonini: un affarista, ipocrita, egoista, spudorato, vittima di un'adolescenza fatta di complotti e paranoie storiche da parte del nonno, il quale lo ha spinto a diventare la iena che effettivamente è.
    Tutti odiano tutti, cristiani contro ebrei, repubblicani contro monarchici, gesuiti contro socialisti, non si capisce più nulla. Tutti odiano tutti, e i motivi sono alquanto fasulli, come lo stesso Eco ha voluto sottolinearci: l'odio nasce da pregiudizi infondati e senza valore, la maggior parte delle volte dal potere economico. Ci poteva insegnare questa perla anche con 250 pagine e non le 400 e passa tirate e sputate con fatica.
    Per non parlare del finale. Ti viene da pensare: “tutta sta storia per 'sto finale?” Mah!
    Descrizione troppo minuziose, a volte al limite del ridicolo, oppure elenchi talmente lunghi da essere completamente saltati e da essere sempre allo stesso punto.

    Io non ci sto a farmi trattare così. Proprio no.
    Sig. Eco, Lei non rispecchia per niente ciò che io considero essere un “Autore”.

    Is this helpful?

    Darkàla92 said on Jul 29, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Del romanzo, per altro bello, ben narrato e ben costruito, ho trovato irritanti le digressioni culinarie che, tutto sommato, a mio parere, potevano essere ridotte di numero e in dettagli.
    Un libro che si legge bene, un po' lento, necessariamente, nel ...(continue)

    Del romanzo, per altro bello, ben narrato e ben costruito, ho trovato irritanti le digressioni culinarie che, tutto sommato, a mio parere, potevano essere ridotte di numero e in dettagli.
    Un libro che si legge bene, un po' lento, necessariamente, nella prima parte, ma che non stanca.
    L'argomento può essere considerato un ampliamento di quanto già trattato da Eco in un altro, riuscitissimo, suo romanzo.

    Is this helpful?

    Polideuce said on Jul 20, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Che Lavoro

    Questo romanzo, è quasi un libro di storia, splendidamente narrato come solo Eco sa fare!

    Is this helpful?

    Paologarolla said on Jul 17, 2014 | Add your feedback

Book Details

Improve_data of this book