Create your own shelf sign up

Together we find better books

[−]
  • Search Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

El Gran Gatsby/the Great Gatsby

(Clasicos Universales)

By

Publisher: AIMS International Books

4.0
(16756)

Language:Español | Number of Pages: 192 | Format: Paperback | In other languages: (other languages) English , Chi simplified , Chi traditional , Japanese , Portuguese , French , Italian , German , Swedish , Dutch , Finnish , Catalan , Slovak , Polish , Romanian , Greek , Czech

Isbn-10: 8495311291 | Isbn-13: 9788495311290 | Publish date: 

Also available as: Hardcover , Library Binding , Audio CD , Audio Cassette , Mass Market Paperback , Others , Leather Bound

Category: Family, Sex & Relationships , Fiction & Literature , Romance

Do you like El Gran Gatsby/the Great Gatsby ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description
Sorting by
  • 4

    Gatsby o della vanità di un amore lungo tutto la vita

    Classico della narrativa americana del Novecento, “Il grande Gatsby” non è un romanzo vero e proprio, quanto piuttosto una novella – genere o sottogenere cui la letteratura americana da James in poi ha dato un contributo fondamentale. Della novella il testo ha la misura e la durata del tempo nar ...continue

    Classico della narrativa americana del Novecento, “Il grande Gatsby” non è un romanzo vero e proprio, quanto piuttosto una novella – genere o sottogenere cui la letteratura americana da James in poi ha dato un contributo fondamentale. Della novella il testo ha la misura e la durata del tempo narrato, che è condensato nell’epilogo della vicenda e risale indietro tramite analessi dosate un po’ alla volta. Scritto da un giovane Fitzgerald a ridosso dell’epoca cui fa riferimento, si presenta come un’opera che esprime già un distacco e di conseguenza un giudizio storico sull’ambiente e l’età rappresentati. Colpisce la lingua scintillante e c’è da credere che l’originale avesse tutti i numeri per conquistare un’immediata fama al suo autore. Che fu in gran parte scialata dallo stesso Francis Scott – non tanto diversamente dal suo celebre protagonista, colpa dell’alcol, di Hollywood, di un matrimonio disastroso.
    Gatsby è la storia di un grande scialo. Apperentemente è il ritratto di una generazione – ma questo è l’aspetto più transeunte e oggi ci dice poco, a cominciare dalle sue diafane eroine, le quali risultano, sotto le pose artefatte, di un vuoto interiore agghiacciante. Il dramma di Gatsby non è tanto la sua morte violenta e ingiusta – assassinato dal marito dell’amante su istigazione proprio dell’amante della coniuge adultera, il quale è il marito – insulso – del suo grande amore,quella a cui ha dedicato tutta la vita e per la quale ha costruito un castello di lusso, sfarzo e grandezza. La tragedia di Gatsby sta in quell’epilogo desolante con il carro funebre seguito sotto la pioggia soltanto dal narratore, da suo padre e da un domestico. Di tutta la pletora di invitati e scrocconi alle sue interminabili feste nessuno ha trovato il tempo e la voglia di rendergli il più modesto degli omaggi: l’atto di presenza al funerale. Peggio ancora è andata con Daisy, la responsabile di tutto, che non ha telefonato né mandato neppure un biglietto e se n’è partita in vacanza col maritino: senza castigo, senza pentimento e neppure un briciolo di consapevolezza, sia pure a posteriori. Che fregatura , Gatsby! Quale nobile sentimento per una destinararia così immeritevole!
    A distanza di tanti anni dalla sua apparizione e diversi adattamenti cinematografici, questo nucleo disperatamente disincantato che si cela nella storia di Gatsby, non smette di pulsare ed è la più terribile epigrafe sulla vanità dell’amore.
    Le due righe finali con le quali si congeda sono tra le più belle chiusure di tutti i tempi: “So we beat on, boats against the current, borne back ceaselessly into the past.” Che in italiano diventa: “Così continuiamo a remare, barche contro corrente, risospinti senza posa nel passato.”

    said on 

  • 4

    Favourite quotation:

    “There must have been moments even that afternoon when Daisy tumbled short of his dreams -- not through her own fault, but because of the colossal vitality of his illusion. It had gone beyond her, beyond everything. He had thrown himself into it with a creative passion, adding to it all the time, ...continue

    “There must have been moments even that afternoon when Daisy tumbled short of his dreams -- not through her own fault, but because of the colossal vitality of his illusion. It had gone beyond her, beyond everything. He had thrown himself into it with a creative passion, adding to it all the time, decking it out with every bright feather that drifted his way. No amount of fire or freshness can challenge what a man will store up in his ghostly heart.”

    said on 

  • 3

    A very well written, a magnum opus novel by F. Scott Fitzgerald. A story of a great man obsess with his lost love. A setting portraying the lives of the American in the 20s.

    For more of my review, please visit the ff. link:
    http://www.literateknolohitura.com/2015/01/the-great-ga… ...continue

    A very well written, a magnum opus novel by F. Scott Fitzgerald. A story of a great man obsess with his lost love. A setting portraying the lives of the American in the 20s.

    For more of my review, please visit the ff. link:
    http://www.literateknolohitura.com/2015/01/the-great-gatsby-book-review-novel-by-f-scott-fitzgerald.html

    Thanks!

    said on 

  • 3

    Leggerlo in lingua originale, sebbene con qualche fatica, è stato estremamente gradevole; il testo non è difficilissimo e ne vale davvero la pena. La commovente storia di Gatsby non può lasciare nessun cuore indifferente.

    said on 

  • 4

    mancava fra le mie letture "classiche". Uno dei rari casi in cu dalla visione di un film vado a leggere il romanzo. Il film mi pare abbia seguito perfettamente il testo del romanzo, che trovo interessante nella descrizione di un periodo storico e di una classe sociale. Fra ironia e romanticismo ( ...continue

    mancava fra le mie letture "classiche". Uno dei rari casi in cu dalla visione di un film vado a leggere il romanzo. Il film mi pare abbia seguito perfettamente il testo del romanzo, che trovo interessante nella descrizione di un periodo storico e di una classe sociale. Fra ironia e romanticismo ( a tratti leggermente stucchevole), mi piace come viene raccontato un amore idealizzato, atteso, sognato, e il momento del nuovo incontro. Il finale potrebbe apparire una sorpresa, ma è solo il tragico epilogo di una vita vissuta troppo freneticamente e in modo superficiale. Una buona lettura

    said on 

  • 4

    Così remiamo.... barche controcorrente, risospinti senza sosta nel passato....

    RILETTURA
    Ci dovevano essere stati momenti (perfino quel pomeriggio) in cui Daisy non era stata all'altezza dei suoi sogni - non per colpa sua, ma per la colossale vitalità della sua illusione. Era andato oltre lei, oltre tutto. Si era gettato in quella storia con una passione creativa, ...continue

    RILETTURA
    Ci dovevano essere stati momenti (perfino quel pomeriggio) in cui Daisy non era stata all'altezza dei suoi sogni - non per colpa sua, ma per la colossale vitalità della sua illusione. Era andato oltre lei, oltre tutto. Si era gettato in quella storia con una passione creativa, accrescendola continuamente, ornandola con tutte le piume più colorate trovate sulla sua strada.
    Non c'è fuoco o gelo che possa sfidare ciò che un uomo può immagazzinare nella sua anima.

    said on 

  • 2

    Leggendo questo libro mi sono chiesta cosa intendesse comunicare l'autore.. la lettura di questo libro non mi ha suscitato alcuna emozione. Mi sono sentita un lettore, e questo dice tutto.

    said on 

  • 4

    Leggere il Grande Gatsby significa vivere una vita parallela. Vuol dire aprire questo libro su di un autobus, in una stazione o in qualsiasi altro luogo ed immergersi in un altro mondo. Non sentire più i rumori della vita reale e iniziare a vivere nell’America del 1922, un’America fatta di sfarz ...continue

    Leggere il Grande Gatsby significa vivere una vita parallela. Vuol dire aprire questo libro su di un autobus, in una stazione o in qualsiasi altro luogo ed immergersi in un altro mondo. Non sentire più i rumori della vita reale e iniziare a vivere nell’America del 1922, un’America fatta di sfarzo, feste, luci e denaro.
    Significa incontrare la figura misteriosa di Gatsby, esserne attratti e scorrere velocemente le pagine per saperne di più, per capire chi si cela dietro a questa figura enigmatica e piena di fascino.
    Significa incontrare il suo amore per Daisy: un sentimento profondo, idealizzato, alimentato e accresciuto dal fatto di non poter essere vissuto. Un amore che lo porterà all’autodistruzione.
    Significa provare disgusto per i comportamenti privi di moralità che guidano un’aristocrazia affamata di potere e denaro ma, allo stesso tempo, percepirne lo smarrimento, il vuoto che cercano di colmare con feste, eccessi e opulenza.
    Significa riuscire a vedere questo mondo grazie agli occhi di Nick Carraway, voce narrante e personaggio pulito e positivo di questo libro che, alla fine , prende consapevolezza dello squallore di un mondo a cui non appartiene e se ne allontana per moralità, per smarrimento o forse solamente per paura .
    Il grande Gatsby rappresenta il romanzo del grande sogno Americano. Tuttavia Fitzgerald preferisce raccontarci la storia di quelli che hanno fallito, mostrando quanto irreale e illusorio sia questo traguardo e di come tutti coloro che tentano di raggiungerlo rimangano delusi.

    said on 

  • *** This comment contains spoilers! ***

    4

    la luce verde

    Tutto il romanzo si concentra in un'unica domanda...Chi è Gatsby?.
    Jay Gatsby è un uomo ricco, un uomo romantico, un uomo bellissimo, un uomo potente, un uomo festaiolo, un uomo intrigante, un uomo avventuriero, un uomo amante del pericolo e della bella vita. Sembrerebbe quello che tutte le ...continue

    Tutto il romanzo si concentra in un'unica domanda...Chi è Gatsby?.
    Jay Gatsby è un uomo ricco, un uomo romantico, un uomo bellissimo, un uomo potente, un uomo festaiolo, un uomo intrigante, un uomo avventuriero, un uomo amante del pericolo e della bella vita. Sembrerebbe quello che tutte le donne cercano se non fosse per il fatto che "vive" nel passato.
    Daisy. Lei è il suo scopo, la sua destinazione, la sua intera vita. Tutto quello che ha creato, quello che ha vissuto, l'ha fatto esclusivamente per la donna che amava. La storia d'amore tra Jay e Daisy mi ha messo una certa malinconia addosso. Da una parte, troviamo un uomo innamorato perso del ricordo della donna di un tempo, che oramai non esiste più. Dall'altra parte invece, c'è una ragazza, moglie e madre che ricambia il sentimento ma che, al momento di scegliere, si tira indietro. Questo è stato il grande errore di Gatsby, il non rendersi conto che non si può rivivere il passato... che le persone cambiano così come cambiano i sentimenti. Gatsby doveva dimenticare quella luce verde perché quella è stata la sua perenne condanna.

    said on 

Sorting by