El Maravilloso Mago De Oz/the Wizard of Oz

By

Publisher: Lectorum Pubns Inc (J)

4.1
(4134)

Language: Español | Number of Pages: | Format: Hardcover | In other languages: (other languages) English , Chi traditional , German , Italian , French , Greek , Catalan , Dutch , Swedish , Japanese , Portuguese

Isbn-10: 8475251358 | Isbn-13: 9788475251356 | Publish date: 

Also available as: Paperback , Others , Mass Market Paperback , Softcover and Stapled

Category: Children , Fiction & Literature , Science Fiction & Fantasy

Do you like El Maravilloso Mago De Oz/the Wizard of Oz ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description
Sorting by
  • 5

    Io sono Oz, il grande e terribile Oz ... mi ricorda un più moderno, sono Bond, James Bond

    Come per tanti libri generalmente considerati per bambini ho sempre pensato che il Mago di Oz andasse letto da adulti per poterne cogliere a pieno le sfumature, la bellezza e la maturità. Inoltre non ...continue

    Come per tanti libri generalmente considerati per bambini ho sempre pensato che il Mago di Oz andasse letto da adulti per poterne cogliere a pieno le sfumature, la bellezza e la maturità. Inoltre non credo che sia tra i libri preferiti dai bambini di oggi: al mago mancano tutte quelle caratteristiche che connotano la fiaba a cominciare dal classico "C'era una volta", non si prova simpatia per lui e sicuramente non ci fa bella figura. La mia attenzione si è però concentrata sul quartetto protagonista e sulla semplicità ma allo stesso tempo grandezza di questa storia. Dorothy si trova scaraventata con il suo cagnolino in un mondo fantastico, lontano da casa sua e soprattutto da sola. La prima cosa che colpisce è che la bambina non si perde d'animo e comincia il suo viaggio sotto i migliori auspici: la sua casa uccide la perfida strega dell'Est, e la buona strega del Nord le fornisce una protezione contro tutti i pericoli. Alla comitiva si aggiungono man mano altri personaggi a cominciare dallo spaventapasseri, il boscaiolo di stagno ed il leone pavido. Ognuno di loro ha un desiderio, volere qualcosa che non ha, il cervello, il cuore, il coraggio, e chi meglio del meraviglioso, grande e terribile Oz può dar loro queste cose ed oltretutto far tornare Dorothy a casa? La cosa che da sempre mi ha lasciata strabiliata è che il vero fulcro della storia non si trova tanto nelle avventure che il quartetto affronta, salvo rendersi conto che Oz non è altro che un ciarlatano, ma nel fatto che i protagonisti posseggono già in abbondanza quelle cose di cui pensano di difettare. In più di un'occasione lo spaventapasseri, con straordinario acume per un fantoccio senza cervello, trova la soluzione ai problemi; così come in più di un'occasione il boscaiolo di stagno dimostra di avere un cuore enorme, una bontà d'animo notevole, per un contenitore vuoto senza cuore; analogamente il leone pavido è più coraggioso di quanto si pensi, l'importante è non pensare alla situazione nella quale si trova ad operare. E il mago di Oz, nel suo essere ciarlatano e furfante, una cosa giusta l'ha detta: ai tre protagonisti manca un'unica cosa: la fiducia in se stessi. Mai lezione resterà più impressa.
    Comunque sia il Mago di Oz resta un gioiellino assoluto a mio parere troppo sottovalutato. Inoltre la mia edizione con le illustrazioni originali è fantastica.

    said on 

  • 4

    Un classico meraviglioso in mondo magico! La prima volta che conobbi la storia ero talmente piccola che fu mia mamma a leggermi l'intero libro. Dopo averlo riletto, anni dopo, l'ho apprezzato ancora d ...continue

    Un classico meraviglioso in mondo magico! La prima volta che conobbi la storia ero talmente piccola che fu mia mamma a leggermi l'intero libro. Dopo averlo riletto, anni dopo, l'ho apprezzato ancora di più.

    said on 

  • 5

    Il primo indizio da cui iniziare la ricerca di sé stessi è la famiglia, il contesto sociale e le condizioni in cui si nasce, la casa appunto. Nessuno di noi è nato sbagliato, ma è nato giusto per il c ...continue

    Il primo indizio da cui iniziare la ricerca di sé stessi è la famiglia, il contesto sociale e le condizioni in cui si nasce, la casa appunto. Nessuno di noi è nato sbagliato, ma è nato giusto per il compito che lo aspetta.

    said on 

  • *** This comment contains spoilers! ***

    2

    Il "meraviglioso" mago di Oz? Non proprio.

    Dorothy, una bambina rimasta orfana e che vive in una fattoria con i suoi zii e il suo cagnolino Toto, viene trasportata con la sua casa nel "magico" mondo di Oz, ma non è così tanto magico.
    Da subito ...continue

    Dorothy, una bambina rimasta orfana e che vive in una fattoria con i suoi zii e il suo cagnolino Toto, viene trasportata con la sua casa nel "magico" mondo di Oz, ma non è così tanto magico.
    Da subito Dorothy conosce i suoi fedeli e affidabili compagni di viaggio: lo spaventapasseri, l'uomo di latta e il leone fifone. Dopo averli aiutati partono per Oz dove ognuno vuole esaudire un proprio desiderio: Dorothy vuole tornare a casa, l'uomo di latta vuole un cuore, il leone del coraggio e lo spaventapasseri un cervello. Dopo tante avventure riescono ad arrivare nella città di smeraldo dove vengono portati - uno ad uno - dinanzi al "grande" mago. Oz chiede a Dorothy e alla sua combricola che se vogliono avere quello che vogliono devono UCCIDERE la strega cattiva. Come si può chiedere a una BAMBINA di commettere un atto così brutto? In ogni caso, anche se per errore, accade (senza tralasciare i tanti animali che lo spaventapasseri e l'uomo di latta hanno dovuto uccidere) e una volta ritornati ad Oz, il grande mago si rivela per quello che è in realtà: un bugiardo. Ma davvero? Chi l'avrebbe mai pensato? Un grande mago che chiede a una bambina di uccidere una strega, beh, avrebbe messo in dubbio molta gente.
    Alla fine riesce a tornare a casa grazie alle scarpette che indossava già dall'inizio del libro.

    Sarò l'unica ma non mi è piaciuto moltissimo.

    said on 

  • 4

    ¿Quién no conoce este maravilloso cuento? ¿eh? ¿Quién osa a hacer tal cosa? Es un clásico infantil de nuestra literatura, y aunque muchos no lo hayáis leído, estoy segura que lo conocéis.
    Aunque soy m ...continue

    ¿Quién no conoce este maravilloso cuento? ¿eh? ¿Quién osa a hacer tal cosa? Es un clásico infantil de nuestra literatura, y aunque muchos no lo hayáis leído, estoy segura que lo conocéis.
    Aunque soy muy fan de la película desde que era pequeña, nunca me había atrevido a adentrarme entre las páginas del libro ya que, al ser tan antiguo, imaginé que el lenguaje en particular y la narración en general serían muy complicados, pero fue un grandísimo error. ¡Ni un día me ha durado! ¡Lo he devorado como si no hubiese mañana! Y ha sido en parte gracias a la narración, ya que es muy sencilla y amena. Además, los personajes son tan tiernos y achuchables que no cesan las ganas de seguir sus aventuras de camino a Ciudad Esmeralda.
    Recomendadisimo.

    said on 

  • 4

    Devo dire che questa fiaba non la ricordavo affatto, ed è proprio per questo che ho deciso di leggerla.
    Tutti ovviamente conoscono la storia di Dorothy che dopo essere stata catapultata in una terra d ...continue

    Devo dire che questa fiaba non la ricordavo affatto, ed è proprio per questo che ho deciso di leggerla.
    Tutti ovviamente conoscono la storia di Dorothy che dopo essere stata catapultata in una terra dagli abitanti strani, incomincia la sua avventura e il suo percorso per riuscire a tornare a casa. Nel corso della storia e del suo percorso la protagonista incontra personaggi strani che poi diventano suoi amici: lo spaventapasseri, l'omino di latta, il leone codardo.
    Tutti e 4 vanno alla ricerca di ciò che è perduto: Dorothy vuole ritornare a casa sua, il leone codardo vuole ritorvare il coraggio, l'omino di latta il cuore e lo spaventapasseri il cervello; per ottenerli dovranno superare varie prove e durante il percorso i personaggi scoprono il valore dell'amicizia e la forza dell'unione.
    In tutti i personaggi si nasconde una morale : lo spaventapasseri che si dispera di non avere cervello invece dimostra da subito di avere la personalità più giudiziosa di tutti; l'uomo di latta che rimpiange di non avere un cuore dimostra di avere una grande sensibilità e bontà d'animo che poi i due raffigurano il proverbiale dibattito: è preferibile essere intelligenteo avere un buon cuore? Lo spaventapasseri sostiene che l'intelligenza è l'unica cosa che vale la pena di avere in questo mondo, mentre l'uomo di latta pensa che l'intelligenza non rende una persona felice. Che poi è una grande verità della vita: l'intelligenza ci porta a riflettere e dubitare, di allontanarci dalle cose semplici.
    Il leone è convinto di essere codardo ma in realtà è solo intimorito dalla paura stessa.
    Quindi la morale del libro ci insegna che l'importante è credere in se stessi.
    Una favola che ho ritrovato con piacere.

    said on 

  • 5

    Dorothy è una bambina rimasta orfana che vive in una fattoria del Kansas insieme agli zii Henry ed mmy.
    Un giorno un terribile e violento ciclone trasporta la casetta, dove Dorothy si era rifugiata co ...continue

    Dorothy è una bambina rimasta orfana che vive in una fattoria del Kansas insieme agli zii Henry ed mmy.
    Un giorno un terribile e violento ciclone trasporta la casetta, dove Dorothy si era rifugiata con il suo cagnolino Toto, in un meraviglioso Paese. Qui Dorothy si imbatterà in strane creature, streghe buone e cattive ed intraprenderà un avventuroso viaggio,in compagnia del suo fedelissimo cagnolino e altri 3 bizzarri personaggi, fino ad arrivare alla città di Smeraldo, regno del potente mago Oz per chiedergli di esaudire dei desideri.

    Il mago di Oz è una favola per bambini molto delicata e a lieto fine. Con questa favola Baum ci fa capire che non bisogna andare molto lontani per cercare ciò di cui crediamo di avere bisogno ma, semplicemente, basta guardare dentro noi stessi e avere più fiducia nelle nostre capacità.

    said on 

  • 5

    libro per bambini ma con riflessioni interessanti anche per i grandi

    E' un bel libro, non conoscevo benissimo la storia visto che non ho mai visto il film. Interessante e molto educativo sia per bambini che per i più grandi.
    l'ho comprato perchè l'ho trovato nella seri ...continue

    E' un bel libro, non conoscevo benissimo la storia visto che non ho mai visto il film. Interessante e molto educativo sia per bambini che per i più grandi.
    l'ho comprato perchè l'ho trovato nella serie minimammut della Newton Compton a soli 4,90 euro.
    Lo consiglio perchè si può imparare molto da questo libro.

    said on 

  • 5

    Emozionante

    La lettura di questo libro, affrontato in età quasi adulta, ha richiamato alla mia mente una tenera immagine: recita delle elementari, io che agito le manine mentre salgo sul palco dell'auditorium ins ...continue

    La lettura di questo libro, affrontato in età quasi adulta, ha richiamato alla mia mente una tenera immagine: recita delle elementari, io che agito le manine mentre salgo sul palco dell'auditorium insieme a tanti altri bambini/papaveri che devono far addormentare Dorothy.
    E con questo ricordo la lettura è stata ancora più piacevole ed emozionante.

    said on 

  • 3

    Non il meraviglioso mago di Oz ma la meravigliosa Dorothy.

    Una storia per bambini con insegnamenti morali per adulti. La piccola Dorothy orfana vive comunque felice con gli zii poveri contadini. Portata da un ciclone nel mondo di Oz lotta per tornare a casa a ...continue

    Una storia per bambini con insegnamenti morali per adulti. La piccola Dorothy orfana vive comunque felice con gli zii poveri contadini. Portata da un ciclone nel mondo di Oz lotta per tornare a casa aspettandosi che il potente mago di Oz l'aiuti, dal momento che è solo una piccola bimba indifesa. Il mago come ogni adulto è però chiaro: pretende sempre qualcosa in cambio. Solo la piccola Dorothy è felice di aiutare gli altri per il gusto di aiutare. Il lieto fine è dovuto per la gioia di piccoli e grandi dal cuore puro.

    said on 

Sorting by
Sorting by