Create your own shelf sign up

Together we find better books

[−]
  • Search Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

El Trastorn de Portnoy

By

4.0
(3119)

Language:Español | Number of Pages: 227 | Format: Others | In other languages: (other languages) English , German , French , Italian , Russian , Dutch , Portuguese , Catalan , Finnish , Greek , Polish

Isbn-10: 8429742395 | Isbn-13: 9788429742398 | Publish date: 

Also available as: Mass Market Paperback , Hardcover

Category: Family, Sex & Relationships , Fiction & Literature , Humor

Do you like El Trastorn de Portnoy ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description
Sorting by
  • 5

    tra un film di woody allen e una barzelletta sulle mamme ebree. il tutto condito da molte fantasie sessuali, e da un lacerante quanto canonico senso di colpa da post bar mitzvah (mica ce l'abbiamo solo noi cattolici sto diamine di senso di colpa). il titolo dice bene, perché quello di alex portno ...continue

    tra un film di woody allen e una barzelletta sulle mamme ebree. il tutto condito da molte fantasie sessuali, e da un lacerante quanto canonico senso di colpa da post bar mitzvah (mica ce l'abbiamo solo noi cattolici sto diamine di senso di colpa). il titolo dice bene, perché quello di alex portnoy è realmente un lamento: una giaculatoria formulata dal molto newyorkese lettino dello psicanalista, e scritta da roth in modo quasi necessario. da leggere, senza ma.

    said on 

  • 4

    Sto pensando cosa potrei mai dire su questo libro che non ci sia scritto proprio tra queste pagine . È riuscito con accalorata passione dalla prima all'ultima pagina in un aggrovigliato quanto mai esaustivo monologo ad esprimere l'opprimente senso di colpa che affligge gran parte dell'umanità. ...continue

    Sto pensando cosa potrei mai dire su questo libro che non ci sia scritto proprio tra queste pagine . È riuscito con accalorata passione dalla prima all'ultima pagina in un aggrovigliato quanto mai esaustivo monologo ad esprimere l'opprimente senso di colpa che affligge gran parte dell'umanità. Il grande problema del non sentirsi accettati, di non essere all'altezza , il non riuscire a godersi la vita , compiendo azioni autopunitive. Il retaggio della propria famiglia e della riligione purtroppo la fanno da padroni. quel maledetto senso di colpa che sguscia da dentro l'anima e che ti dice questo non lo meriti ,paga dazio. Scritto indubbiamente sopra le righe, ma che righe, con la sua scrittura anti moralista schietta e incline ai particolari più osceni fa si che si possa entrare appieno nello stato d'animo del protagonista, Tanto da faticare a collocarlo nel tempo stesso del racconto . Pubblicato nel 1969 a mio avviso poteva benissimo essere stato scritto ieri. Questo non è solo un libro ma un vero trattato di psicologia! A proposito...... Forse noi adeso potvemmo incominciave. No?

    said on 

  • 4

    Una chicca su papá Portnoy:
    Mio padre, oggi in pensione, ha in realtá un solo argomento in cui riesce ad affondare i denti: l'autostrada del New Jersey. <<Non andrei su quella roba neanche se mi pagassero. Devi essere fuori di testa per viaggiarci... é l'Accomandita Omicidi, é un s ...continue

    Una chicca su papá Portnoy:
    Mio padre, oggi in pensione, ha in realtá un solo argomento in cui riesce ad affondare i denti: l'autostrada del New Jersey. <<Non andrei su quella roba neanche se mi pagassero. Devi essere fuori di testa per viaggiarci... é l'Accomandita Omicidi, é un sistema legalizzato per accoppare la gente...>>

    said on 

  • 4

    Una rapsodia in forma di monologo: Roth da voce alla crisi d'identità e di valori dell'uomo moderno. Il protagonista è in frantumi, sull'orlo della nevrosi. Una disgregazione psico-fisica che non è solo di matrice etnica (il non sentirsi pienamente americano, il non voler essere ebreo), ma che ri ...continue

    Una rapsodia in forma di monologo: Roth da voce alla crisi d'identità e di valori dell'uomo moderno. Il protagonista è in frantumi, sull'orlo della nevrosi. Una disgregazione psico-fisica che non è solo di matrice etnica (il non sentirsi pienamente americano, il non voler essere ebreo), ma che riguarda più in generale lo spaesamento del non avere un posto nel mondo come uomo. Una crisi che è solo in parte spinta alla liberazione (come quando il "lamento" diventa critica feroce di una piccolo-borghesia incastrata nei suoi schemi e nei suoi rituali). Il sesso, ad esempio, riveste per Zuckerman un ruolo duplice e ambiguo: tensione libertaria e specchio delle proprie frustrazioni.
    Una riflessione non retorica, senza peli sulla lingua, tutt'altro che auto-conclusiva. Il più volte menzionato "provincialismo" rothiano è sottoposto ad una feroce ed implacabile autoanalisi.

    said on 

  • 4

    Leggere un libro e sospettare che quando un mio amico spiritosone mi chiama “scimmia” non si stia riferendo ai miei peli superflui...
    Alex Portnoy, afflitto da una madre esasperante ed onnipresente (non capita solo ai figli di madri ebree, caro Alex) e da un inesauribile attaccamento al ses ...continue

    Leggere un libro e sospettare che quando un mio amico spiritosone mi chiama “scimmia” non si stia riferendo ai miei peli superflui...
    Alex Portnoy, afflitto da una madre esasperante ed onnipresente (non capita solo ai figli di madri ebree, caro Alex) e da un inesauribile attaccamento al sesso, dall' “home made” al sesso di gruppo, racconta all'analista la sua vita, trascorsa nel tentativo di liberarsi delle convenzioni ed imposizioni familiari, sociali, religiose.
    Il linguaggio è spesso sopra le righe, se non addirittura fuori, ma ci regala delle pagine davvero esilaranti! Solo l'ultimo capitolo meno convincente degli altri.

    said on 

  • 5

    “questa è la mia vita, la mia unica vita, e la sto vivendo da protagonista di una barzelletta ebraica” (Alexander Portnoy)

    Archetipo del protagonista di tutti i romanzi di Philip Roth, Alex Portnoy domina fin dal titolo l’intero libro, che non presenta una storia lineare nè uno sviluppo temporalmente coerente né una forma narrativamente levigata e compiaciuta: è un’invettiva, uno sfogo, una confessione davanti all’im ...continue

    Archetipo del protagonista di tutti i romanzi di Philip Roth, Alex Portnoy domina fin dal titolo l’intero libro, che non presenta una storia lineare nè uno sviluppo temporalmente coerente né una forma narrativamente levigata e compiaciuta: è un’invettiva, uno sfogo, una confessione davanti all’immaginiamo esterrefatto psichiatra, un vero e proprio “Lamento” che travolge ogni resistenza razionale nell’interlocutore e nel lettore.

    Nel corso della carriera di Roth ci sono opere successive ben più compiute, perfette dal punto di vista letterario, puntuali nella descrizione dei luoghi, degli ambienti e dei personaggi e nel susseguirsi degli eventi, ma in nessuna di esse l’autore ha saputo (o voluto) riversare altrettanta foga e passione, dalla prima parola all’ultima, scatenando, quando il “Lamento” piombò sulla scena letteraria americana, un putiferio nel mondo accademico, nella comunità ebraica, nella sua stessa famiglia (e probabilmente anche dentro di lui).

    E se a distanza di mezzo secolo l’effetto è ancora così integralmente vivo e pulsante, è segno (oltre che di un talento già sviluppato a 35 anni, sebbene destinato a occuparne altri 40) di quanta parte di sé Roth seppe infondere in queste pagine senza pudore, senza pietà per sé stesso e per i suoi genitori, senza remora per la religione, non solo la sua religione ebraica, ma qualunque religione, il concetto stesso di religione o di un Dio cui rivolgersi.

    Ha poco senso estrapolare dal nucleo rovente di questo libro le sue più forti componenti, il sesso naturamente, le figure della madre modello di tutte le madri ebree, invadenti, possessive, appassionate e castratrici, che percorrono il cinema, il teatro e la narrativa americana recente, del padre e degli altri componenti della famiglia, gli zii infiniti che a loro volta compaiono in varie forme nella bibliografia di Roth, le donne, connotate in modo preciso e spietato (la Scimmia, il Melone, il Tenente) oppure assunte a genere a sé stante (le shikses): ha poco senso perché tutto è mescolato in questo diluvio di sensazioni e sentimenti, che suscita commozione e rabbia, riso e malinconia, indignazione e complicità. In due parole, la vita…

    said on 

  • 5

    Avere più di 40 anni e non sentirli! Non io, il romanzo di Roth!!
    Leggere il lungo monologo di Alex Portnoy è stata una rivelazione ed insieme una conferma del genio narrativo di quest’uomo.
    Roth ha pubblicato nel 1969 questo romanzo assolutamente perfetto e continua a trovare stimoli ...continue

    Avere più di 40 anni e non sentirli! Non io, il romanzo di Roth!!
    Leggere il lungo monologo di Alex Portnoy è stata una rivelazione ed insieme una conferma del genio narrativo di quest’uomo.
    Roth ha pubblicato nel 1969 questo romanzo assolutamente perfetto e continua a trovare stimoli per scrivere ancora oggi, a distanza di quattro decenni, libri mai meno che eccellenti… che aspettano a dargli il Nobel per la letteratura?!

    said on 

Sorting by