El Turò de Watership

Per

Editor: Edhasa

4.2
(3762)

Language: Català | Number of Pàgines: 604 | Format: Paperback | En altres llengües: (altres llengües) Chi simplified , German , English , Italian , French , Spanish , Dutch , Swedish , Chi traditional , Portuguese

Isbn-10: 8435033678 | Isbn-13: 9788435033671 | Data publicació: 

Translator: Montserrat Solana i Mata

Category: Fiction & Literature , Pets , Science Fiction & Fantasy

Do you like El Turò de Watership ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Registra't gratis
Descripció del llibre
Sorting by
  • *** Aquest comentari conté spoilers! ***

    0

    Meno male che non mangio più coniglio da anni.....

    ......quasi quasi mi veniva il rimorso per essermi mangiata carne di coniglio per 40 anni....
    Bel libro,bella storia.Non la metteri giù troppo dura menandola con la storia che si rifà alle civiltà ant ...continua

    ......quasi quasi mi veniva il rimorso per essermi mangiata carne di coniglio per 40 anni....
    Bel libro,bella storia.Non la metteri giù troppo dura menandola con la storia che si rifà alle civiltà antiche e compagnia cantante.
    Narra la storia di un gruppo di conigli guidati da un coniglietto "sensitivo" e dal fratello Moscardo che lasciano la vecchia conigliera per trovare un posto sicuro in cui vivere.Io ho trovato nelle avventure del gruppo le stesse sensazioni di leggere le avventure dei vecchi pionieri "umani" in cerca di nuove terre ,nè più nè meno.Ci sono i pericoli,le gioie i dolori,la morte e la vita.Che siano conigli o umani non è che la cosa cambi,cambia il linguaggio;-).Perchè poi anche tra i conigli ci sono quelli "cattivi che vogliono fare i tiranni" e i buoni.....come noi!Certo ,il tutto è visto con l'occhio dei conigli e la figura umana quasi sempre viene toccata senza un vero approfondimento.Ho immaginato gli uomini come li vedono i coniglietti dal basso:dei bipedi alti alti che camminano senza guardarsi troppo attorno.Certo, noi facciamo quasi sempre la figura degli "infami" come quando vanno a "gassare" la conigliera abbandonata da Moscardo & CO.Però ci sono anche la bambina e il dottore che salvano Moscardo....
    Molto divertenti i dialoghi tra il gabbiano e i conigli:puro stile sturmtruppen ,da ribaltarsi dalle risate.
    Finale.....magari potessimo morire noi così...

    dit a 

  • *** Aquest comentari conté spoilers! ***

    4

    Il Signore degli Anelli incontra l'Esodo, più o meno.

    Il libro di Adams è consigliato a chiunque abbia voglia di avventura nella sua accezione più pura: urti fra eserciti, esplorazione e scoperte non mancheranno. Se questi elementi de La collina dei coni ...continua

    Il libro di Adams è consigliato a chiunque abbia voglia di avventura nella sua accezione più pura: urti fra eserciti, esplorazione e scoperte non mancheranno. Se questi elementi de La collina dei conigli (e altri che tralascio, come il Lapino - linguaggio proprio della specie dei conigli) faranno esclamare "Tolkien!" a molti lettori, c'è un altro aspetto che merita di essere approfondito.
    Sostanzialmente, La collina dei conigli narra la storia di un profeta che conduce il Popolo Eletto lontano dalla distruzione, verso una Terra Promessa resa talvolta irreale dallo scoramento degli esuli. Il gruppo guidato da Quintilio evita le tentazioni (la conigliera "apparentemente" prospera..), conosce guide insperate e giunge infine a Watership Down (collina realmente esistente, e meta finale del viaggio dei nostri eroi). A questo punto, si passa direttamente a riferimenti presi dalla mitologia Romana (diciamo che assisteremo ad una sorta di rato delle Sabine).
    Il testo di Adams mostra la grande padronanza dell'autore nel trattare il materiale mitico, dando un alone di universalità alla storia di un gruppo di conigli in fuga. non a caso, in UK La collina dei conigli è un classico della letteratura per l'infanzia. Adams riesce a creare un mondo coerente e credibile per i suoi conigli, regolato da tradizioni che traggono origine dalla mitologia lapina generata ad hoc per questo romanzo. I momenti drammatici sono numerosi nel libro, e danno a tutta la storia una dimensione insospettabilmente adulta che contribuisce a farne un classico. Il malinconico finale del libro (reso bellissimo nel film d'animazione inglese del 1978) può rappresentare un momento di crescita e maggiore comprensione del mondo per l'interiorità di un qualsiasi giovane lettore.

    dit a 

  • 5

    "Il mio cuore e' andato a unirsi ai Mille, perche' il mio amico oggi ha smesso per sempre di correre"

    E’ uno dei libri più belli, scorrevoli e incredibili che abbia letto in tutta la mia vita.
    E’ un libro per sognatori, per chi ha ancora la capacità, in questo mondo così falso, superficiale e distrutt ...continua

    E’ uno dei libri più belli, scorrevoli e incredibili che abbia letto in tutta la mia vita.
    E’ un libro per sognatori, per chi ha ancora la capacità, in questo mondo così falso, superficiale e distruttivo, di credere ancora nei propri sogni.
    Seguire passo dopo passo le peripezie di Moscardo e dei suoi compagni è stata un’emozione per me indescrivibile, mi sono sentita letteralmente catapultare in un mondo fiabesco, completamente immersa nella natura e circondata dalle sue sempieterne bellezze.
    Un romanzo che mi ha coinvolta, incuriosita, tenuta col fiato sospeso, divertito e innamorare di tutti i suoi meravigliosi personaggi.
    Un consiglio spassionato: abbandonate per un momento la vostra frenetica vita e lasciatevi abbracciare dalla poesia con cui viene raccontato, non ne rimarrete delusi, ve lo assicuro.

    "Gli animali non si comportano come gli uomini" disse "se devono battersi, si battono. Se devono uccidere, uccidono, ma non usano la loro intelligenza per trovare la maniera di arrecare danni alle altre creature, di avvelenare loro la vita. Essi hanno dignita', hanno animalita'"

    dit a 

  • 4

    Finito di leggere questa notte, mentre fuori gelava e le stelle sembravano duri diamanti conficcati in cielo. E come sempre accade, quando un libro è davvero bello, si possono dimenticare gli affanni ...continua

    Finito di leggere questa notte, mentre fuori gelava e le stelle sembravano duri diamanti conficcati in cielo. E come sempre accade, quando un libro è davvero bello, si possono dimenticare gli affanni e i problemi e partire per un lontano Altrove, questa volta nella conigliera del Colle Watership, insieme a Moscardo, Parruccone, Quintilio, Nicchio, Dente di Leone, coraggiosi piccoli conigli disposti a tutto per difendere la propria libertà. Anche la traduzione, a tratti comica nella resa del linguaggio degli uomini o degli animali non-conigli, e un po' datata, a me è piaciuta nella sua ingenua poesia, nella delicata descrizione della natura e del paesaggio, del volgere delle stagioni. Sono un'inguaribile romantica, lo so, ma il libro merita. Fidatevi.

    dit a 

  • 4

    IL MERAVIGLIOSO MONDO DEI LAPINI

    Ho accolto Aprile con una splendida edizione del 1986 de "LA COLLINA DEI CONIGLI" di Richard Adams, edita dalla Rizzoli, leggendo quasi sempre a colazione e prima di addormentarmi.
    E direi che il libr ...continua

    Ho accolto Aprile con una splendida edizione del 1986 de "LA COLLINA DEI CONIGLI" di Richard Adams, edita dalla Rizzoli, leggendo quasi sempre a colazione e prima di addormentarmi.
    E direi che il libro in questione si presta a meraviglia per i "buongiorno" e i "dormi bene".

    Richard Adams lo scrisse tra il 1971 e il 1972, riadattando alla forma romanzo una delle fiabe della buonanotte che aveva inventato per le sue figlie. Proprio le sue figlie, tra l'altro, lo convinsero a farne un libro.

    E allora eccolo presentarci la splendida conigliera e i suoi palpiti. Nemici terribili (potenti e spaventosi anche per gli occhi di una trentenne ben abituata agli horror) e domande profonde. Necessità di automiglioramento e, insieme, capacità di far fronte comune alle brutture senza perdere l'indipendenza e il sano individualismo.
    Un gruppo di conigli che, sollecitato da un sogno premonitore, decide di mettersi in viaggio per scampare al pericolo. Ed ecco la magia del simbolo, l'onirico e - insieme - la capacità di affidarsi all'altro, al suo "sentire". Essere disposti al sacrificio tanta è la fiducia nell'altro.

    Una lettura all'inizio un po' zoppicante (chissà perché siamo sempre un po' fuori allenamento quando si tratta di fiabe?) ma poi prende il via in maniera potente e allora non si vede l'ora di ritagliarsi il tempo da dedicare a leggerne un pezzetto.

    dit a 

  • 5

    Ricordo ancora la prima volta che ho letto questo libro, a 9 anni dopo aver trovato una vecchia edizione sullo scaffale di mio padre. Dopo le prime pagine, un po' troppo lente per una bambina (lunghe ...continua

    Ricordo ancora la prima volta che ho letto questo libro, a 9 anni dopo aver trovato una vecchia edizione sullo scaffale di mio padre. Dopo le prime pagine, un po' troppo lente per una bambina (lunghe descrizioni con molta inceretezza di ciò che poteva essere la storia), mi sono già allora ritrovata incapace di abbandonare la lettura. Era un libro di avventura, con personaggi eroici e coraggiosi di cui mi è stato impossibile non innamorarmi, sorprese sempre nuove dopo ogni pagina, un finale che aveva dell'epico. Era diventato uno dei miei libri preferiti.
    Inutile dire quante volte l'ho riletto da allora, aprezzando ogni volta aspetti nuovi e amandolo di volta in volta di più.
    Lo consiglierei a tutti. E' un libro senza età, e io credo unico anche nel suo genere. Merita almeno una possibilità da parte di tutti, nonostante e proprio grazie ai conigli.

    dit a 

  • 5

    Lapino!

    Una grandiosa avventura. E poco importa se a viverla siano dei conigli. Adams traccia i personaggi come e meglio di tanti protagonisti umani. Sono bastate poche pagine e mi sono ritrovato con Moscardo ...continua

    Una grandiosa avventura. E poco importa se a viverla siano dei conigli. Adams traccia i personaggi come e meglio di tanti protagonisti umani. Sono bastate poche pagine e mi sono ritrovato con Moscardo e Quintilio, Parruccone e Dente di Leone a patire per le loro agonie, gioire per i loro insuccessi, tremare di fronte ai loro nemici. A proposito: raramente ho trovato un antagonista tanto potente, visionario e terrificante del coniglio Vulneraria che, appena incontrato, non scherzo, mi ha ricordato il Marlon Brando di Apocalisse Now e il tremendissimo capo dei feroci Maya di Apocalypto. Insomma, un grande romanzo che ha ben poco della letteratura di infanzia con cui mi era stato presentato, e che invece possiede il respiro della grande tradizione epica e avventuriera. Sebbene sempre di conigli si tratti...

    dit a 

  • 5

    Farei silflaia con loro tutte le sere

    Quante storie questi conigli! Come immaginare una società migliore? L'importanza di valorizzare i propri talenti? La capacità di riconoscere negli altri una bellezza speciale in ognuno? I ruoli dell'u ...continua

    Quante storie questi conigli! Come immaginare una società migliore? L'importanza di valorizzare i propri talenti? La capacità di riconoscere negli altri una bellezza speciale in ognuno? I ruoli dell'uomo e della donna con le loro peculiarità? Ma anche più semplicemente l'amicizia, la voglia di crescere, il fidarsi del diverso... insomma quante storie per questi conigli e alla fine una lacrimuccia per me.

    dit a 

Sorting by