El cuaderno de Maya

By

Publisher: Plaza & Janés

3.8
(1641)

Language: Español | Number of Pages: 443 | Format: Paperback | In other languages: (other languages) Dutch , Italian , Portuguese , English

Isbn-10: 6073105207 | Isbn-13: 9786073105200 | Publish date:  | Edition 1

Also available as: Others , Hardcover , eBook

Category: Family, Sex & Relationships , Fiction & Literature , Teens

Do you like El cuaderno de Maya ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description
"Soy Maya Vidal, diecinueve años, sexo femenino, soltera, sin un enamorado, por falta de oportunidades y no por quisquillosa, nacida en Berkeley, California, pasaporte estadounidense, temporalmente refugiada en una isla al sur del mundo. Me pusieron Maya porque a mi Nini le atrae la India y a mis padres no se les ocurrió otro nombre, aunque tuvieron nueve meses para pensarlo. En hindi, maya significa 'hechizo, ilusión, sueño'. Nada que ver con mi carácter. Atina me calzaría mejor, porque donde pongo el pie no sale más pasto".

"Esta Maya me ha hecho sufrir más que ningún otro de mis personajes. En algunas escenas le habría dado unas buenas cachetadas para hacerla entrar en razón, y en otras la habría envuelto en un apretado abrazo para protegería de mundo y de su propio corazón atolondrado".
Rúbrica de Isabel Allende

Sorting by
  • 4

    Frasi dal libro

    “Mi consegnò un quaderno con cento pagine perché tenessi un diario della mia vita, come avevo fatto dagli otto ai quindici anni, quando ancora il destino non mi aveva girato le spalle.”

    https://frasia ...continue

    “Mi consegnò un quaderno con cento pagine perché tenessi un diario della mia vita, come avevo fatto dagli otto ai quindici anni, quando ancora il destino non mi aveva girato le spalle.”

    https://frasiarzianti.wordpress.com/2017/06/19/il-quaderno-di-maya-isabel-allende/

    said on 

  • 5

    La protagonista del romanzo è Maya Vidal, una ragazza finita nel terribile tunnel della droga e dell'alcolismo con tutti gli annessi, spaccio e prostituzione in primis. Appartiene ad una famiglia poco ...continue

    La protagonista del romanzo è Maya Vidal, una ragazza finita nel terribile tunnel della droga e dell'alcolismo con tutti gli annessi, spaccio e prostituzione in primis. Appartiene ad una famiglia poco comune: la madre l'ha abbandonata dopo pochi giorni dalla sua nascita e il padre, pilota d'aerei, è sempre in giro per il mondo, è stata cresciuta in California dalla nonna paterna, cilena, e dal nonno acquisito, un distinto professore universitario afroamericano. Alla morte di quest'ultimo, Maya entra in una spirale di autodistruzione e finisce nei bassifondi di Las Vegas. Giunta alla soglia della morte si rialza a fatica e riesce a chiedere aiuto alla nonna che la spedisce in segreto in Cile sull'isola di Chiloé perché intanto mafia ed FBI cercano la ragazza.
    Una storia dei nostri giorni molto intensa e cruda, nello stile Allende, in cui si intrecciano e si incontrano le vite di personaggi particolari che all'apparenza non hanno nulla in comune. Amore, passione, coraggio si fondono con il mondo della malavita e con i terribili anni di Pinochet in Cile.

    said on 

  • 3

    null

    "è meglio chiedere scusa che chiedere permesso. mi perdoni?"
    un bel polpettone che scorre veloce (eccetto le pugnalate allo stomaco della parentesi droga - violenza - prostituzione a Las Vegas).
    un po ...continue

    "è meglio chiedere scusa che chiedere permesso. mi perdoni?"
    un bel polpettone che scorre veloce (eccetto le pugnalate allo stomaco della parentesi droga - violenza - prostituzione a Las Vegas).
    un po' troppi colpi di scena colorito nelle ultime 50 pagine.

    said on 

  • 3

    E’ la storia di Maya Vidal, un’adolescente americana che dopo la morte dell’amatissimo nonno, si mette nei guai, guai seri: caduta nel circuito dell'alcol e della droga , finisce in una vicenda crimin ...continue

    E’ la storia di Maya Vidal, un’adolescente americana che dopo la morte dell’amatissimo nonno, si mette nei guai, guai seri: caduta nel circuito dell'alcol e della droga , finisce in una vicenda criminale. Costretta a fuggire, viene aiutata dalla nonna cilena che la nasconde nel sud del sud del mondo, in una piccolissima isola del Cile, Chiloè. Lontano dal rumore, fuori dal caos, farà un viaggio interiore dove ritroverà nuove amicizie e se stessa.
    La storia è avvincente, scritta come un giallo tra passato e presente della giovane protagonista. Dai bassifondi e degradi di Las Vegas, solitudini e cattive compagnie all'atmosfera magica di Chiloè, fatta una vita semplice, magnifici tramonti, solidi valori e rispetto reciproco.
    La storia di una giovane donna, forte e coraggiosa.

    said on 

  • 3

    E tutti vissero felici e contenti dopo discese agli inferi inimmaginabili. Un po' troppo fumettone per i miei gusti ma mi incuriosiva l'ambientazione a Chiloé che peraltro resta uno sfondo abbastanza ...continue

    E tutti vissero felici e contenti dopo discese agli inferi inimmaginabili. Un po' troppo fumettone per i miei gusti ma mi incuriosiva l'ambientazione a Chiloé che peraltro resta uno sfondo abbastanza vago seppur con qualche interessante tocco realistico.

    said on 

  • 3

    Troppo telenovela

    Non è il primo libro di Allende che leggo e non sarà l'ultimo, ma rispetto ad un "La casa degli spiriti", a "Eva Luna racconta", a "Il piano infinito" o al toccante "Paula", manca di quella specialità ...continue

    Non è il primo libro di Allende che leggo e non sarà l'ultimo, ma rispetto ad un "La casa degli spiriti", a "Eva Luna racconta", a "Il piano infinito" o al toccante "Paula", manca di quella specialità che ci si aspetterebbe di trovare in ogni suo romanzo. La forza narrativa resta potente pur senza riuscire a coinvolgere al 100%. Protagonista di dubbio spessore e che non suscita particolare simpatia, trama che a volte rasenta la telenovela argentina con ripetuti (e spesso fastidiosi) flash back. E' una storia delle storie dei vari personaggi che la popolano con tanto di carrambate, da leggere sì, ma a tempo perso.

    said on 

  • 4

    Coinvolgente.Duro.Triste.Emozionante.

    Secondo libro che leggo della Allende e a differenza del primo ("L'isola sotto il mare") ho trovato la lettura molto coinvolgente, tanto da suscitare un pizzico di suspence in alcune parti della narra ...continue

    Secondo libro che leggo della Allende e a differenza del primo ("L'isola sotto il mare") ho trovato la lettura molto coinvolgente, tanto da suscitare un pizzico di suspence in alcune parti della narrazione.
    Molto dura la storia della giovane Maya e la realtà della droga e delle dipendenze con la quale la protagonista si trova a combattere.
    Ho apprezzato moltissimo le descrizione di Chiloé e delle sue tradizioni, un'isoletta del Cile lontano dal mondo dove il tempo sembra essersi fermato e dove nulla di male sembra poter accadere...

    said on 

  • 4

    Il quaderno di Maya

    Non ho letto ancora tutti i libri di Isabel Allende, sono appena al quarto, ma posso dire che non sono mai stata delusa. Questa autrice ha un modo di scrivere molto affascinante. Amo le storie di pers ...continue

    Non ho letto ancora tutti i libri di Isabel Allende, sono appena al quarto, ma posso dire che non sono mai stata delusa. Questa autrice ha un modo di scrivere molto affascinante. Amo le storie di persone che dopo essere sprofondate nel buio totale riemergono e ricominciano a vivere. Maya, la protagonista, dopo un forte dispiacere, incomincia a frequentare brutte compagnie a scuola e fare errori uno dietro l'altro, errori che la portano a Las Vegas in balìa di criminali pericolosi. Maya a Las Vegas toccherà il fondo. Grazie all'affetto di tanti personaggi Maya cambierà il suo modo di vivere. Mi sono piaciuti molto i nonni di Maya ( il Popo e la Nini) una coppia straordinaria. Libro consigliato, 4 stelle ben meritate.

    said on 

  • 4

    avevo il timore, leggendo questo libro, di ritrovarmi davanti una Allende senza più nulla da dire, ormai persa in una routine letteraria infarcita da donne così simili tra loro da portare allo sbadigl ...continue

    avevo il timore, leggendo questo libro, di ritrovarmi davanti una Allende senza più nulla da dire, ormai persa in una routine letteraria infarcita da donne così simili tra loro da portare allo sbadiglio facile. invece, la lettura è stata un piacere, e per di più assolutamente scontata. ritorna il tema dell'undici settembre 1973, però, come in ogni guerra, ogni uomo porta con sè un intero mondo che vale la pena essere scandagliato. in più c'è la storia di Maya, così giovane eppure così navigata. lo sprofondare nelle droghe e il contatto con la criminalità. La sua vita si svela di capitolo in capitolo. e ci viene raccontata, quando ormai la sua persona sembra scoprire la nuova se stessa in quell'isola feliche che è Chiloè, in compagnia di Manuel e Blanca.

    said on 

  • 2

    Non mi è piaciuto. Per niente. Mi è mancata la magia sudamericana, non ho amato affatto la protagonista. Storia che procede a strappi, con assurde accelerate e incomprensibili rallentamenti. Non la so ...continue

    Non mi è piaciuto. Per niente. Mi è mancata la magia sudamericana, non ho amato affatto la protagonista. Storia che procede a strappi, con assurde accelerate e incomprensibili rallentamenti. Non la solita Allende, e mi è dispiaciuto

    said on 

Sorting by
Sorting by