Create your own shelf sign up

Together we find better books

[−]
  • Search Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

El factor Scarpetta

By

Publisher: Ediciones B

3.1
(641)

Language:Español | Number of Pages: 488 | Format: Hardcover | In other languages: (other languages) English , Italian , French , Dutch , German

Isbn-10: 8466646507 | Isbn-13: 9788466646505 | Publish date: 

Also available as: Paperback

Category: Crime , Fiction & Literature , Mystery & Thrillers

Do you like El factor Scarpetta ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description
El desastre económico hace que la doctora Kay Scarpetta−pese a su apretada agenda y su trabajo como analista forense para la CNN− ofrezca sus servicios gratuitos a la Oficina del Jefe de Medicina Forense de Nueva York. Su mayor presencia pública parece precipitar una serie de acontecimientos turbadores e inesperados. En televisión, se le pregunta en directo por la sonada desaparición de Hannah Starr, a la que se da por muerta. Poco después, en el mismo programa, recibe la sorprendente llamada de una antigua paciente psiquiátrica de su marido. Cuando después del programa regresa a casa, encuentra un siniestro paquete, posiblemente una bomba, en la conserjería. Pronto las aparentes amenazas a la vida de Scarpetta se entrelazan en una trama surrealista que incluye a un actor famoso acusado de un delito sexual inimaginable y la desaparición de la hermosa millonaria con quien Lucy, sobrina de Scarpetta, quizá haya compartido un pasado secreto.
Una novela magnífica, de ritmo vertiginoso y acción trepidante. Una vez más, Patricia Cornwell sorprende con una obra maestra.
Sorting by
  • *** This comment contains spoilers! ***

    3

    Da piccolo leggevo più o meno religiosamente i romanzi di Patricia Cornwell ma mi devo essere perso ad un certo punto dalle parti di un lupo mannaro che si aggirava per Parigi e le troppe davvero troppe pagine dedicate a spiegare come si guida un elicottero...


    (continua qua: http://cheremo ...continue

    Da piccolo leggevo più o meno religiosamente i romanzi di Patricia Cornwell ma mi devo essere perso ad un certo punto dalle parti di un lupo mannaro che si aggirava per Parigi e le troppe davvero troppe pagine dedicate a spiegare come si guida un elicottero...

    (continua qua: http://cheremone.wordpress.com/2014/06/15/the-s-factor/ )

    said on 

  • 1

    non riesco a capire come l'autrice abbia tanto successo. scrive in modo confuso, con personaggi nevrotici e paranoici che non portano a nulla e i misteri si risolvono da soli. pessimo.

    said on 

  • 2

    e il movente?

    premessa, ho sempre amato la cornwell. ho cominciato a leggerla che ero ancora al liceo, quindi metà anni 90, in ordine cronologico, man mano che uscivano. ad un certo punto ho anche pensato di diventare medico legale... poi l'ho abbandonata quando si è data alle catastrofi umanitarie e a salvare ...continue

    premessa, ho sempre amato la cornwell. ho cominciato a leggerla che ero ancora al liceo, quindi metà anni 90, in ordine cronologico, man mano che uscivano. ad un certo punto ho anche pensato di diventare medico legale... poi l'ho abbandonata quando si è data alle catastrofi umanitarie e a salvare il mondo.. ho ripreso solo recentemente perchè, leggevo, sembrava tornata agli inizi. e in effetti, soliti dettagli hi-tech (che dopo un po' annoiano, perchè non aggiungono molto alla narrazione), l'assassino che caso strano se la piglia con lei.. ma posso dire che non ho capito la trama? cioè, quale sarebbe il movente dell'omicidio??? alla fine ricostrusice tutta la rava e la fava, ma mica si capisce perchè hanno fatto fuori Toni Darien...ok, basta.. la mollo definitivamente..

    said on 

  • 1

    Cara Kay penso proprio che con questo abbiamo chiuso!

    Perché continua a scrivere? E soprattutto perché mi ostino a leggerla? Mah...forse perché è stata la prima a farmi amare questo genere di letture, ma il talento della Cornwell si è esaurito da tempo ormai e come lei stessa scrive verso la fine del romanzo Non possiamo tornare indietro, possia ...continue

    Perché continua a scrivere? E soprattutto perché mi ostino a leggerla? Mah...forse perché è stata la prima a farmi amare questo genere di letture, ma il talento della Cornwell si è esaurito da tempo ormai e come lei stessa scrive verso la fine del romanzo Non possiamo tornare indietro, possiamo solo assumerci la responsabilità dei pasticci che abbiamo combinato, chiedere scusa e cercare di andare avanti....dovrebbe farne tesoro lei per prima!

    said on 

  • 4

    Lo salva la fine della storia

    Che dire...di sicuro Patricia Cornwell è stanca perchè mette su una storia così complicata che la dimentichi...e solo alla fine finalmente spunta Jean-Battiste, il cattivo Lupo mannaro per intenderci e allora l'interesse cresce...così come per il contenuto del pacco bomba. Però il finale è poco a ...continue

    Che dire...di sicuro Patricia Cornwell è stanca perchè mette su una storia così complicata che la dimentichi...e solo alla fine finalmente spunta Jean-Battiste, il cattivo Lupo mannaro per intenderci e allora l'interesse cresce...così come per il contenuto del pacco bomba. Però il finale è poco ad effetto, quasi come se avesse l'autrice fretta di chiudere o non avesse altre idee. Insomma un finale deludente che mi fa mettere solo 4 stelle.

    said on 

  • 5

    Otra entrega de la saga scarpetta, a estas alturas casi me interesa mas que sucede entre Benton y Kay, Lucy, Marino, etc....que el propio caso.
    Por suerte este libro sutilmente va haciendo memoria de que les ha ido pasando a los personajes desde que empezó la saga.
    En algún momento se hace un poc ...continue

    Otra entrega de la saga scarpetta, a estas alturas casi me interesa mas que sucede entre Benton y Kay, Lucy, Marino, etc....que el propio caso. Por suerte este libro sutilmente va haciendo memoria de que les ha ido pasando a los personajes desde que empezó la saga. En algún momento se hace un poco cientifico al explicar el porque de una situación, pero es breve.

    said on 

  • 2

    Che barba, che noia.

    E' stata dura portarlo a termine. Dopo un libro in cui la Cornwell si è ripresa, è tornata la noia nelle storie della Scarpetta. Sempre più verso il romanzo rosa a discapito dell'azione e del mistero. I personaggi stanno perdendo di credibilità e iniziano a diventare antipatici con le loro parano ...continue

    E' stata dura portarlo a termine. Dopo un libro in cui la Cornwell si è ripresa, è tornata la noia nelle storie della Scarpetta. Sempre più verso il romanzo rosa a discapito dell'azione e del mistero. I personaggi stanno perdendo di credibilità e iniziano a diventare antipatici con le loro paranoie sentimentali. Si salva il solo Marino che come sempre è il migliore (merita un libro tutto suo). In tutto questo, finale molto sbrigativo e con pochissime spiegazioni. Saltatelo tranquillamente se state leggendo la serie della Scarpetta.

    said on 

  • 3

    E' stata la prima volta che ho letto un libro della Cornwell e devo dire che non mi è piaciuto granchè. L'ho trovato a tratti molto noioso e difficile da finire. La storia mi sembra un pò forzata e molte cose non le ho capite, forse perchè non ho letto i libri precedenti. Il finale era scontato e ...continue

    E' stata la prima volta che ho letto un libro della Cornwell e devo dire che non mi è piaciuto granchè. L'ho trovato a tratti molto noioso e difficile da finire. La storia mi sembra un pò forzata e molte cose non le ho capite, forse perchè non ho letto i libri precedenti. Il finale era scontato e lo si capiva già quasi dalla metà del libro, avevo capito chi era l'assassino e quindi l'ho finito di leggere solo perchè volevo confermare la mia tesi a riguardo.. e avevo ragione!! =)

    said on