Create your own shelf sign up

Together we find better books

[−]
  • Search Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

El gremio de los magos

Crónicas del mago negro, 1

By

Publisher: Círculo de Lectores

3.8
(1704)

Language:Español | Number of Pages: 438 | Format: Hardcover | In other languages: (other languages) English , German , Italian , Portuguese

Isbn-10: 8467243082 | Isbn-13: 9788467243086 | Publish date:  | Edition 1

Translator: Manuel Viciano Delibano

Also available as: Paperback , Mass Market Paperback , eBook

Category: Fiction & Literature , Science Fiction & Fantasy , Teens

Do you like El gremio de los magos ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description
Cada año los magos de Imardin se reúnen para vaciar las calles de la ciudad de vagabundos, pícaros y maleantes. Son maestros en las diversas disciplinas de la magia, y saben que nadie puede oponérseles. Pero su escudo protector no es tan impenetrable como creen. Porque Sonea, una joven de la calle, está furiosa tras ver que su familia y sus amigos van a ser expulsados de la ciudad. Toda la rabia acumulada por años de injusticia va concentrada en una piedra que Sonea lanza contra las fuerzas del orden. Para sorpresa de todos, la piedra atraviesa la barrera invisible y derriba a uno de los magos. El peor de los temores del gremio se ha hecho realidad: hay un mago sin educar en las calles. ¡Un mago fuera de la nobleza! Deben encontrar a Sonea cuanto antes, porque se trata de una persona con un poder enorme que, descontrolado, representa una amenaza tanto para quien lo posee como para el resto de la ciudad.
Sorting by
  • 1

    Noioso, estremamente noioso.
    In buona sostanza, non succede assolutamente Niente per tutto il libro (e stiamo parlando di più di 400 pagine).
    "Niente" nel senso più ampio del termine: nessuna azione/scena degna di tal nome, nessun approfondimento di alcun personaggio, nessun avanzamen ...continue

    Noioso, estremamente noioso.
    In buona sostanza, non succede assolutamente Niente per tutto il libro (e stiamo parlando di più di 400 pagine).
    "Niente" nel senso più ampio del termine: nessuna azione/scena degna di tal nome, nessun approfondimento di alcun personaggio, nessun avanzamento della trama.
    Incredibile che si possa pubblicare una cosa così mal scritta..

    Il mio problema è che sono stato così incauto da comprare l'intera trilogia, sulla scorta dei commenti positivi che avevo ricavato in giro... resterà probabilmente tutta sullo scaffale, poichè il primo volume mi ha decisamente scoraggiato a leggere i due successivi

    said on 

  • 3

    INTRODUCCION

    http://mimoradafriki.blogspot.com.es/2012/05/cronicas-del-mago-negro-01-el-gremio-de.html


    Al final todo ello parece ciertamente un preludio para los libros siguientes. Como el típico McGuffin de los argumentos de películas o series. Lo más importante no es al final la decisión de Sonea sob ...continue

    http://mimoradafriki.blogspot.com.es/2012/05/cronicas-del-mago-negro-01-el-gremio-de.html

    Al final todo ello parece ciertamente un preludio para los libros siguientes. Como el típico McGuffin de los argumentos de películas o series. Lo más importante no es al final la decisión de Sonea sobre quedarse o no en el Gremio, sino algo que ella ha visto por su camino en las barriadas como losde entre Magos y Ladrones, que marca el final del libro y que, si no me equivoco, marcará la historia de los posteriores.

    said on 

  • 3

    L'impressione che ho avuto leggendo questo libro è che si tratti di un (troppo) lungo prologo a quanto viene descritto nei volumi seguenti. In particolare, la prima parte (quella che descrive "la ricerca") mi ha dato l'impressione di essere talmente supereflua da farmi quasi abbandonare la lettur ...continue

    L'impressione che ho avuto leggendo questo libro è che si tratti di un (troppo) lungo prologo a quanto viene descritto nei volumi seguenti. In particolare, la prima parte (quella che descrive "la ricerca") mi ha dato l'impressione di essere talmente supereflua da farmi quasi abbandonare la lettura. Ho trovato migliore la seconda parte, ma non abbastanza da farmi dire di aver letto un "bel libro".
    Sicuramente leggerò il seguito perchè ci sono tutte le premesse per tirare fuori qualcosa di buono, sperando che i personaggi vengano approfonditi un po' di più e che ci sia un po' più di "azione" rispetto a quanto letto fino ad ora.

    said on 

  • 3

    Coincido con la mayoría de comentarios. Es demasiado introductorio con una primera parte un poco repetitiva. Sin embargo me ha metido el gusanillo en el cuerpo y me ha dado ganas de continuar sabiendo más del mundo de los magos.

    said on 

  • 5

    Genial!!

    Me ha atrapado desde el primer momento. Es un libro genial y te deja con ganas de más. Es un poco similar al Nombre del Viento.
    Yo lo recomiendo muchísimo!

    said on 

  • 1

    http://ilsociopatico.wordpress.com/2014/05/17/scrittori-con-la-vagina-la-corporazione-dei-maghi-la-saga-dei-maghi-1-di-trudi-canavan/

    said on 

  • 2

    L'idea base di questo romanzo è buona e suggestiva. Non originalissima, ma chissenefrega: una corporazione di maghi che domina la città, una popolazione impoverita che vive nei bassifondi odiando i maghi e tirando avanti come può. La corporazione dei Ladri, che fa sempre figo. Purtroppo c'è tropp ...continue

    L'idea base di questo romanzo è buona e suggestiva. Non originalissima, ma chissenefrega: una corporazione di maghi che domina la città, una popolazione impoverita che vive nei bassifondi odiando i maghi e tirando avanti come può. La corporazione dei Ladri, che fa sempre figo. Purtroppo c'è troppo buonismo, e soprattutto non vi è alcuno sviluppo dei personaggi, che si muovono in un mondo piuttosto approssimativo. Dialoghi piatti, una trama priva di trovate. Alcuni personaggi sarebbero anche intriganti, se fossero più approfonditi: Akkarin, Cery, Dannyl. Le donne mancano o sono solo figure indistinte, tranne Sonea. Ma che peccato, le scrittrici donne che snobbano le donne. Tuttavia, nessuno di loro viene minimamente descritto, non vi è una diversificazione nei dialoghi, nei pensieri che li distingua. La narrazione scorre, e tanti saluti. Ho letto che poi nei due libri successivi andiamo un po' meglio, tuttavia da una saga di tanto successo mi aspettavo di più.

    said on