El guardián entre el centeno

By

Publisher: Alianza

4.0
(25961)

Language: Español | Number of Pages: | Format: Paperback | In other languages: (other languages) English , Chi traditional , German , Japanese , Portuguese , Chi simplified , Catalan , French , Italian , Russian , Finnish , Dutch , Swedish , Galego , Turkish , Polish , Czech , Romanian , Greek , Basque , Hungarian

Isbn-10: 950400220X | Isbn-13: 9789504002208 | Publish date: 

Curator: ALIANZA

Also available as: Mass Market Paperback , School & Library Binding , Hardcover , Others

Category: Family, Sex & Relationships , Fiction & Literature , Teens

Do you like El guardián entre el centeno ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description
Sorting by
  • 2

    Tanto rumore per nulla

    Un libro conosciutissimo, la fama lo precede, un romanzo di formazione che ha segnato un epoca. Decido di leggerlo e…boh! Non riesco ad inquadrarlo. Mi sembra quasi un libro per adolescenti scritto ne ...continue

    Un libro conosciutissimo, la fama lo precede, un romanzo di formazione che ha segnato un epoca. Decido di leggerlo e…boh! Non riesco ad inquadrarlo. Mi sembra quasi un libro per adolescenti scritto negli anni ’50 da un Moccia, un Volo del dopoguerra! Poteva forse avere un senso 60 anni fa, un inno alla ribellione nell’America bigotta e conformista che fu, ma oggi in un 2017 che è appena iniziato mi sembra anacronistico. Non è un classico, non è contemporaneo. È un libro piuttosto noioso sul weekend di un liceale, sulla sua incapacità di portare a termine le cose e, perchè no, sulla sua faccia tosta. Salvo solo il rapporto che ha il protagonista con la sorella (quello sì davvero tenero) e il generale disprezzo che ha per il 90% delle persone in cui si imbatte (forse un po’ mi ci ritrovo in tutto questo). Non lo consiglio particolarmente, leggetelo se lo avete in casa (come me) altrimenti passate oltre.

    said on 

  • 4

    Pazzia e depressione

    Sinceramente non ho ancora capito perché questo romanzo sia divenuto un’icona di diverse generazioni da oltre sessant’anni.
    Eppure ha ispirato scrittori di fama, interi filoni letterari, persino celeb ...continue

    Sinceramente non ho ancora capito perché questo romanzo sia divenuto un’icona di diverse generazioni da oltre sessant’anni.
    Eppure ha ispirato scrittori di fama, interi filoni letterari, persino celebri assassini.
    Holden Caulfield non è un eroe e nemmeno un anti-eroe. Non incarna la ribellione a valori tradizionali, idee rivoluzionarie, passioni ideologiche.
    Holden è in primo luogo dichiaratamente pazzo. Lo si trova all’inizio del libro in una clinica psichiatrica e durante la sua avventura metropolitana in più occasioni (ne ho contate almeno cinque) confessa: “Io sono pazzo. Giuro su Dio che sono pazzo”.
    Una pazzia lucida, di chi si rende conto che certi propri pensieri ed azioni sono privi di qualsiasi logica o spiegazione razionale.
    Negli intervalli della sua pazzia Holden è gravemente depresso, sempre in modo consapevole. Quella cosa è deprimente… mi sentivo depresso… ancora più depresso… in almeno una trentina di situazioni.
    Per non parlare poi di tutte le cose che odia, che non sopporta, che lo fanno vomitare. Praticamente tutto ciò che vede. Tranne i bambini, che considera i depositari della vera saggezza (in questo ricorda molto la morale del Piccolo Principe).
    Insomma, è un pazzo, è depresso, è un disadattato, è un nichilista ed è inoltre infantile, bugiardo e fugge continuamente dalla realtà.
    Ora io mi chiedo: ma come lo si può ritenere un modello, un’icona?
    Al massimo possiamo trovare alcuni suoi pensieri (o forse più di alcuni) simili a quelli che abbiamo fatto anche noi, nei momenti in cui abbiamo abbandonato per un po’ l’attaccamento alla realtà e siamo andati oltre e ci siamo fatti domande un po’ particolari.
    A parte questo, si tratta di un personaggio indubbiamente nuovo ed originale nella letteratura, capace di pensieri sorprendenti che rovesciano il senso comune, senza tuttavia arrivare a conclusioni diverse, ma lasciando tutto continuamente aperto ed irrisolto.
    Ora mi fermo e rileggo ciò che ho scritto. Salinger è stato in grado di mettere tutto questo in un pugno di pagine e in una storia che copre due o tre giorni della vita di un adolescente.
    In altre parole un grande romanzo, una pietra miliare della storia della letteratura contemporanea.

    said on 

  • 5

    L'ho semplicemente adorato. Me lo aspettavo così diverso: pretenzioso e altezzoso. E invece mi dispiace non averlo letto prima! Mi ricordo che in passato una mia amica me ne parlava come di una lettur ...continue

    L'ho semplicemente adorato. Me lo aspettavo così diverso: pretenzioso e altezzoso. E invece mi dispiace non averlo letto prima! Mi ricordo che in passato una mia amica me ne parlava come di una lettura obbligatoria (ma avevo la netta sensazione che non gli fosse piaciuto affatto però). Non mi fidavo molto del suo giudizio amorfo e per il semplice fatto che fosse lei a consigliarlo non lo lessi.
    E' stata una bellissima sorpresa. Ho trovato un romanzo di formazione che si fa divorare e una traduzione bellissima! Salinger ha usato un linguaggio così particolare, senza la storia non sarebbe stata la stessa. Condivido molto con Holden, e leggevo di lui come avrei letto di una me più giovane e parecchio più incasinata. Non vedo l'ora di consigliare questo splendido e particolare romanzo a chiunque!

    said on 

  • 5

    Storia di un ragazzo depresso, intelligente, empatico e misantropo, osservatore, forse sfortunato. Capolavoro raccontato in prima persona con tono anche divertente.

    said on 

  • 5

    La bellezza di questo libro sta nel modo del protagonista di raccontare le cose così come stanno. Holden, a diciassette anni, parla come un ragazzo della sua età, si sbronza nei peggiori bar di New Yo ...continue

    La bellezza di questo libro sta nel modo del protagonista di raccontare le cose così come stanno. Holden, a diciassette anni, parla come un ragazzo della sua età, si sbronza nei peggiori bar di New York, si accende per le cause che ritiene giuste, si annoia di fronte ai professori che gli danno consigli di vita, si scioglie di fronte alla sorellina, si sente estraneo alle regole della scuola, ancora non sa bene cosa sia l'amore. Ha un'infarinatura di tutto, ma non ha ancora capito quale sia la "taglia dei suoi pensieri".
    E quello, forse, non lo si capisce nemmeno da adulti.
    Holden è l'anello di congiunzione tra la spensieratezza dell'essere adolescenti e la paura di crescere, una paura che non ti lascia mai, nemmeno quando sei cresciuto.
    Da tenere sempre ben presente il discorso del professor Antolini: "non sei solo in tutto questo."

    said on 

  • 2

    Che fatica!

    Secondo me c'è un tempo preciso per leggere un libro. Questo in particolare, forse, lo avrei apprezzato di più in età adolescenziale e, dico forse, avrei potuto prendere a modello certi comportamenti. ...continue

    Secondo me c'è un tempo preciso per leggere un libro. Questo in particolare, forse, lo avrei apprezzato di più in età adolescenziale e, dico forse, avrei potuto prendere a modello certi comportamenti. Letto in età adulta mi è sembrato veramente immaturo e mi ha lasciato poco. Ho fatto veramente fatica a finirlo ed essendo una persona che non abbandona mai un libro a metà o voluto finirlo nella speranza che nella pagina successiva ci fosse stata una svolta...anche se non è stato così.
    E poi tutti quei "Eccetera eccetera", "e tutto il resto", "e qualcos' altro" "e compagnia bella" "e via dicendo" ripetuti all'infinito!

    said on 

  • 4

    "Se davvero volete sentirne parlare, la prima cosa che vorrete sapere sarà dove sono nato, e che schifo di infanzia ho avuto e cosa facevano e non facevano i miei genitori prima che io nascessi, e alt ...continue

    "Se davvero volete sentirne parlare, la prima cosa che vorrete sapere sarà dove sono nato, e che schifo di infanzia ho avuto e cosa facevano e non facevano i miei genitori prima che io nascessi, e altre stronzate alla David Copperfield, ma a me non va di entrare nei dettagli, se proprio volete la verità. Primo, è roba che mi annoia, e secondo, ai miei gli verrebbe un paio di ictus a testa se andassi in giro a raccontare i fatti loro. …". Si apre così "Il giovane Holden", uno di quei romanzi di cui, volente o non volente, avrai sentito o letto il titolo almeno una volta nella vita senza la più pallida idea di che cosa racconti. Mi trovo piuttosto in difficoltà nell'esprimere un mio parere al riguardo, ma un po' di cose posso dirle sebbene non ci sia nessun filo logico a unirle.
    Innanzitutto, già dalla prima pagina sono rimasta piuttosto sconcertata - in positivo - dallo stile. Mi aspettavo una maggiore complessità, un linguaggio più ricercato, qualcosa di noioso, sinceramente. Invece ho trovato il contrario più assoluto ed è stato un sollievo poter leggere una storia piacevole senza troppi sforzi.
    Il racconto inizia con Holden che lascia la scuola avventurandosi per le strade di New York, dove incontrerà i personaggi più disparati e vivrà una serie di sfortunati eventi. Tali esperienze dovrebbero essere il succo del romanzo di formazione e riportare Holden verso la retta via, eppure il finale non mi è pienamente piaciuto perché non l'ho trovato abbastanza concludente. Si evince un cambiamento di Holden, è vero, però ho sentito lo stesso la mancanza di qualcosa. La parte centrale mi ha coinvolta in modo scostante, a volte molto e a volte poco, ma nel complesso "Il giovane Holden" è un romanzo che mi ha lasciato dentro un segno e che forse non avrei apprezzato ugualmente se al posto di Holden ci fosse stato qualcun altro: Holden è un personaggio facile da prendere in simpatia, il ritratto di un giovane che non sa ancora bene che cosa farne del proprio futuro, con dei pensieri e delle riflessioni esternamente realistici. C'è in lui qualcosa di vagamente romantico, nell'eccezione originale del termine: sensibile come pochi coetanei, cosciente della propria codardia, per tutta la storia nuota in una tristezza pressoché permanente e l'unica persona in grado di comprenderlo davvero sembra essere la sorellina Phoebe. È facile immedesimarvici e difficilmente potrà essere dimenticato.

    said on 

  • 5

    "Tradurre “Il giovane Holden”: intervista a Matteo Colombo

    Questo libro sarebbe «The Catcher in the Rye», in Italia «Il giovane Holden», e l’affermazione è di Matteo Colombo, che per Einaudi ha curat ...continue

    "Tradurre “Il giovane Holden”: intervista a Matteo Colombo

    Questo libro sarebbe «The Catcher in the Rye», in Italia «Il giovane Holden», e l’affermazione è di Matteo Colombo, che per Einaudi ha curato una traduzione nuova di zecca del capolavoro di JD Salinger: è la terza versione italiana, dopo quelle del 1952 (Jacopo Darca, con il titolo «Vita da uomo», un’edizione controversa, quasi clandestina) e del 1961 (Adriana Motti: l’Holden che conosciamo tutti). Con Colombo, considerato uno dei migliori traduttori italiani, (già al lavoro, tra gli altri, su Don DeLillo, Jennifer Egan, Dave Eggers, Chuck Palahniuk, David Sedaris e Michael Chabon) abbiamo parlato di tante cose: del suo mestiere, di Salinger e dei suoi eredi, di traduzione e di metatraduzione, e via discorrendo.

    1. Il vecchio Holden 

    Com’è stato lavorare a un libro così… decisivo, per tante persone, e che continua ad attrarre nuovi lettori?

    Prima di tutto è stato un privilegio incredibile. Non soltanto perché si tratta di un titolo importante: ma perché «Il giovane Holden» in Italia ha avuto una traiettoria unica. È due cose contemporaneamente: da un lato è il grandissimo libro di Salinger, con le sue difficoltà per chi traduce. Ma è anche un libro che nel suo percorso editoriale italiano ha avuto un successo senza precedenti, grazie a una traduzione molto particolare: una traduzione che ha fatto innamorare diverse generazioni e che era molto creativa… a tratti anche parecchio libera. Tutto questo rendeva il mio lavoro una sorta di metatraduzione, una traduzione sulla traduzione. Per cui non riesco a immaginare un incarico diverso da questo che condensi in sé la summa del mio lavoro. Quando me l’hanno proposto, ero troppo felice, quasi non ci credevo.

    Qual era il tuo rapporto, da lettore, con «Il giovane Holden»?

    Ho letto «Il giovane Holden» nel periodo in cui più o meno lo leggono tutti, intorno ai 14-15 anni. Non ne ricavai una buona impressione… faccio un piccolo salto in avanti: quando ci abbiamo rimesso mano, in Einaudi, lo abbiamo fatto con una cura particolare. Nel corso della lavorazione ci sono state vere e proprie riunioni con la casa editrice al completo; riunioni in cui si è discusso tanto. Sono venute fuori un sacco di opinioni… mi ricordo in particolare un parere tra gli altri, una cosa che ha detto Susanna Basso – traduttrice, tra gli altri, di Ian McEwan: ha detto che quando lesse il libro, ne ricavò un’impressione di “irritazione linguistica”. Io mi sono riconosciuto molto in questa cosa: quando lessi «Holden», ricordo questa sensazione: era come se ci fosse un libro, lì sotto, qualcosa che si muoveva, qualcosa di interessante, ma era come se la lingua mi impedisse di accedervi. Non mi parlava, non mi ci riconoscevo… mi sembrava bizzarra, ma senza un vero motivo. Quando l’ho letto in inglese, anni dopo, nel momento in cui dovevo tradurlo, sono rimasto a bocca aperta, perché sembra scritto non dico ieri, ma poco prima.

    Volendo semplificare, si può dire – usando una parola sgradevole – che la “mission” del tuo lavoro era di svecchiare l’Holden del 1961 per renderlo più vicino a chi è nato negli ultimi vent’anni, o giù di lì?

    Il mio lavoro si è mosso su due piani. Da una parte avevo l’esigenza, che sempre accompagna il mio modo di tradurre, di rispecchiare con la maggiore fedeltà possibile quello che io sentivo leggendo il testo. E dall’altro c’era una richiesta abbastanza precisa da parte dell’editore: la nuova traduzione doveva poter durare nel tempo, il più possibile. Naturalmente, non si può prevedere quanto può durare una traduzione, e neanche quanto e in che modo si evolverà una lingua. Per fare un esempio, non abbiamo fatto dire a Holden “bella zio”… non gli abbiamo fatto usare un gergo troppo contemporaneo, insomma. Sarebbe invecchiato dopo pochi anni.

    2. “Perché ritradurre « The Catcher in the Rye»»” 

    Come sono andate le cose con gli eredi di JD Salinger, o con chi ne cura i diritti dopo la sua morte?

    Ho avuto rapporti con loro per interposta persona, ovvero attraverso la casa editrice…

    Ci spieghi come funziona? JD Salinger non era esattamente un tipo facile… ti hanno dato una sorta di placet, o cosa?

    Molto più di così! Innanzitutto abbiamo dovuto convincerli che una nuova traduzione fosse necessaria, e per farlo abbiamo elaborato, in casa editrice, collettivamente, un documento. Ho ancora il file sul computer: «Perché ritradurre The Catcher in the Rye».

    Avreste dovuto inserirlo nel libro come bonus track…

    Già… dentro ci abbiamo messo tante informazioni, cose emerse nel corso degli anni. Qualche tempo fa, durante una puntata di un programma radiofonico dedicata proprio alla traduzione del giovane Holden, venne fuori questa esigenza: c’era chi spiegava di voler passare il libro ai propri figli, ma era come se il testo non parlasse ai loro ragazzi. Fatto il primo passo, ovvero una volta che gli eredi hanno dato il via libera alla traduzione, hanno valutato il mio curriculum e quello del mio revisore, Anna Nadotti – una grandissima professionista, attualmente sta ritraducendo l’opera di Virginia Woolf. Dopodiché, sono arrivate le prove di traduzione, in colonne da tre, a fronte: originale; traduzione del 1961; proposta mia. Hanno approvato anche le prove. E da ultimo, doveva esserci l’okay definitivo alla stesura finale. Per fortuna la mia editor, Maria Teresa Polidoro, aveva taciuto questa parte dell’accordo, perché avrei potuto andare in paranoia… però alla fine è piaciuta, ecco.

    Accidenti, sembra che sia stato più difficile il lavoro precedente che la traduzione in sé.

    Guarda, per Holden ho lavorato come raramente capita di poter fare. In genere, nel mio mestiere c’è molta fretta, una fretta dettata dalle uscite, dai piani editoriali e così via. Questa volta ho avuto più tempo, ho impiegato quasi due anni. Ho scritto una prima stesura, prendendomi tutte le libertà del caso: quindi l’ho lasciata riposare, ne ho discusso… questa è una traduzione che è andata avanti “per strati”. Ho fatto una serie di esperimenti, ho provato a metterci un sacco di parolacce, poi le ho tolte… negli ultimi mesi ho capito che c’ero. Che la mia versione, quella che avevo in testa, c’era.

    3. Il titolo 

    Il libro continua a chiamarsi «Il giovane Holden». L’originale, come si sa, è «The Catcher in the Rye». Come vi siete mossi sotto questo aspetto?

    In francese il titolo è «L’attrape-coeurs», l’acchiappacuori. In tedesco è proprio l’equivalente dell’originale «Catcher in the Rye». In spagnolo è “El guardián entre el centeno”… nelle lettere di Adriana Motti è contenuta una sua proposta di titolo, secondo me molto bella, “Il pescatore nella segale”.

    Un pochino più sofisticato, forse, del giovane Holden, immediato e di successo incontestabile.

    Il problema del titolo ce lo siamo posto, ma fino a un certo punto. Ci abbiamo riflettuto. Qualcuno proponeva di chiamarlo soltanto «Holden», per segnare una differenza con l’edizione del 1961 e togliere questo “giovane” che può apparire troppo connotativo. Poi ci siamo detti: anche dovessimo intitolarlo «Passaggio in India”, che tra l’altro è il libro che tradusse Motti subito dopo Salinger, tutti continueranno a chiamarlo «Il giovane Holden», quindi la discussione è finita lì.

    4. Lingua, sintassi e punteggiatura del giovane Holden 

    Quali espressioni gergali ti hanno creato più problemi? Penso a parole che Adriana Motti aveva tradotto con “vattelapesca” o cose del genere…

    Contrariamente a quanto si pensa, Il giovane Holden ha sì una lingua gergale, ma non così tanto. Ha anche altre caratteristiche linguistiche, che sono un po’ più sottili… sono soprattutto ripetizioni. Quando si legge la traduzione di Adriana Motti, si ricava l’impressione che Holden abbia una lingua estremamente colorita, inventiva – e questo è vero, ma solo in parte. Però, se prendi l’originale, ti rendi conto che c’è dell’altro. Bisogna ricordare che Holden, quando racconta la sua storia, si trova in una clinica psichiatrica, anche se la cosa è solo accennata. E il fatto che non stia bene, nel corso di tutto il suo racconto, emerge con una certa chiarezza. A tratti ha dei veri e propri attacchi di panico. La nostra interpretazione – dico nostra perché mi sono consultato con molte persone – è che il suo linguaggio, il modo in cui parla, fosse strettamente collegato al suo disagio psicologico. Per cui: un sacco di parole ripetute, frasi spezzate… o quelle volte in cui Holden afferma una cosa per smentirla nella stessa frase.

    In ogni caso, mi pare che “vattelapesca” sia stato archiviato del tutto.

    Sì, “vattelapesca” è ovviamente andato in soffitta. Ho trentasette anni e non ho mai sentito nessuno dire “vattelapesca”. Che poi “vattelapesca”, come tante altre soluzioni adottate da Adriana Motti, traducono due sole parole: “and all”.

    Forse anche per questo, prima accennavi al fatto che la traduzione di Motti fosse un po’ troppo creativa.

    Vista oggi, sì, decisamente troppo. Però va contestualizzata. È una traduzione di cinquant’anni fa. Immagina di essere una traduttrice che, all’inizio degli anni Sessanta, lavora in Italia. E che si ritrova tra le mani questo testo che sul piano linguistico – ancora adesso – risulta dirompente. Era necessario adottare una strategia. E secondo me la strategia che lei decise di assumere era eccellente. Un traduttore, all’epoca, non aveva i mezzi che ho io. Io ho Google, i forum, ho, in generale, Internet. Posso avere il polso della lingua… per questo dico che, considerando l’epoca in cui lavorava, lei abbia fatto un lavoro mirabolante. Ho consultato l’archivio Einaudi con i carteggi di Motti… lei era anche una scrittrice. Scriveva a Calvino, a Fruttero, richiedeva un’opinione sui suoi testi. Ecco, secondo me lei ha tradotto da scrittrice. Io non sono uno scrittore, sono un traduttore: quando faccio il mio lavoro cerco di nascondermi, il più possibile. Non dico sia la scelta migliore: è il mio punto di vista.

    Hai letto la versione di Jacopo Darca?

    Sì, ho tenuto presente anche quella traduzione: c’è un’esemplare in una biblioteca di Milano, e l’ho fotografata pagina per pagina… Dai carteggi di Motti, sembrerebbe che “Darca” sia lo pseudonimo di un intellettuale dell’epoca, Corrado Pavolini. Quella versione non funziona: è una traduzione non riuscita, molto spigolosa, ha cose improponibili ed errori marchiani. A tratti ha dei lampi di modernità… ma no, nel complesso non funziona per niente. È piena di strani toscanismi…

    Sintassi, punteggiatura: come definiresti i tuoi interventi sotto questi aspetti?

    Molto rispettosi. La differenza principale tra le due traduzioni è che la mia è più fedele, a tutti i livelli. Compresa la punteggiatura, e i corsivi. Il libro originale è pieno di corsivi, e noi li abbiamo conservati quasi tutti. Quando l’enfasi data dal corsivo era ottenuta dalla struttura della frase, in alcuni casi, li abbiamo tolti: ma per il resto ci sono tutti.

    Nel tuo Holden ci sono, diciamo, esclamazioni più forti rispetto a quello di Motti.

    Prima di tutto bisogna dire che in «Holden» non c’è nessun “fucking”. C’è un “fuck you”, una scritta che compare due volte sulle pareti della scuola che frequenta Phoebe, la sorella di Holden… Ma ci sono tantissimi “goddam”; e sessant’anni fa “goddam” aveva tutta un’altra forza nel parlato, per cui abbiamo voluto evidenziarla.

    A volte voi traduttori sottoponete i vostri dubbi direttamente agli autori, quando si può. Avendo potuto farlo, cosa avresti chiesto a JD Salinger?

    Sai, probabilmente non gli avrei chiesto molto. In realtà non mi si sono presentati dubbi indissolubili. Quando ho tradotto «Falling Man» di Don DeLillo c’era una persona predisposta a rispondere ai dubbi dei traduttori, attraverso una mailing list. Nel caso di DeLillo, che è uno scrittore estremamente ellittico, bisogna unire molti puntini e intuire cosa c’è sotto le sue parole. Con Salinger questo non accade. Rispetto a lui, mi ha dato decisamente più filo da torcere Adriana Motti."

    Liborio Conca. Mucchio, 13 giugno 2014

    said on 

Sorting by
Sorting by