Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

El hobbit

Historia de una ida y de una vuelta

By J.R.R. Tolkien

(127)

| Hardcover | 9788445073803

Like El hobbit ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

Un gran clásico moderno y el preludio a las vastas y poderosas mitologías de El Señor de Los Anillos..  
Cuando alrededor de 1930, J. R. R. Tolkien comenzó a escribir El hobbit, hacía ya diez años que trabajab Continue

Un gran clásico moderno y el preludio a las vastas y poderosas mitologías de El Señor de Los Anillos..  
Cuando alrededor de 1930, J. R. R. Tolkien comenzó a escribir El hobbit, hacía ya diez años que trabajaba en el vasto panorama mitológico de El Libro de los Relatos, que más tarde se llamaría El Silmarillion. Así como esas crónicas tempranas narraban los mitos inmemoriales de la Primera y Segunda Edad, Tolkien pronto advirtió que El hobbit iba ordenándose de algún modo como un relato de la Tercera Edad (Gandalf habla del Nigromante en las primeras páginas), aunque las inesperadas aventuras de un pacífico hombre del campo no parecieran tener mucha relación con las vastas y oscuras mitologías de la Tierra Media. El estilo directo y lineal, con alusiones (que el autor deploró más tarde) a un público infantil, no impide la poderosa irrupción -- unas pocas veces en términos de comedia -- de los grandes temas tolkienianos (el poder, la codicia, la guerra, la muerte) que reaparecerían en una dimensión a menudo obviamente épica en El Señor de los Anillos.  
Todos los que aman esos libros para niños que pueden ser leídos y releídos por adultos-- escribió C. S. Lewis a propósito de la aparición de The Hobbit en 1937-- han de tomar buena cuenta que una nueva estrella ha aparecido en esa constelación. Para el ojo entrenado algunos de los caracteres han de parecer casi mitopoieicos.  
Uno de los libros más influyentes de nuestro tiempo... Una impecable obra maestra. -- The Times  
Una saga espléndidamente escrita de enanos y elfos, duendes y trasgos terribles... una excitante épica de viajes y aventuras mágicas que alcanza al fin un clímax devastador.--The Observer  

1203 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 1 person finds this helpful

    Bellissimo!! L'ho letto dopo "Il signore degli anelli" con alte aspettative e devo dire che me le ha confermate tutte! La trilogia è comunque più impegnativa e più pregnante rispetto a "Lo hobbit" che ho trovato più scorrevole, scritto per colloquiar ...(continue)

    Bellissimo!! L'ho letto dopo "Il signore degli anelli" con alte aspettative e devo dire che me le ha confermate tutte! La trilogia è comunque più impegnativa e più pregnante rispetto a "Lo hobbit" che ho trovato più scorrevole, scritto per colloquiare con il lettore e decisamente più fresco. Mi ha fatto riscoprire Bilbo, personaggio che non mi è mai stato particolarmente simpatico, e lo preferisco ne "lo hobbit" che ne "Il signore degli anelli". Adesso manca solo di vedere come le hanno adattato a film ;)

    Is this helpful?

    Darietta91 said on Sep 17, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    LO HOBBIT: questo libro mi è piaciuto molto soprattutto per la sua trama complessa ed anche perché la sua è storia tratta dal SIGNORE degli ANELLI.
    Questo libro narra di una famiglia che a tutti i costi deve ritrovare il proprio tesoro ovvero un ane ...(continue)

    LO HOBBIT: questo libro mi è piaciuto molto soprattutto per la sua trama complessa ed anche perché la sua è storia tratta dal SIGNORE degli ANELLI.
    Questo libro narra di una famiglia che a tutti i costi deve ritrovare il proprio tesoro ovvero un anello molto importante per fermare l'occhio malvagio, i protagonisti di questa storia sono BILBO BAGGINS ; FRODO BAGGINS e GANDALF IL GRIGIO con la compagnia degli anelli. Durante il cammino essi dovranno percorrere e superare molti tranelli, inganni, sortilegi e incantesimi. Lungo il cammino GANDLF IL GRIGIO muore ma poi risuscita diventando: GANDALF IL BIANCO. Arrivati alla terra dei giganti riescono a sconfiggere l'occhio malvagio, cosicché tutti nel regno degli HOBBIT vissero felice e contenti e fecero ritorno alla loro terra.
    CHIARA

    Is this helpful?

    Classe1maimi said on Sep 13, 2014 | 5 feedbacks

  • 1 person finds this helpful

    Tolkien è diverso, ma in senso buono. Quella pesantezza, quella smania descrittiva, quell'essere eccessivamente prolisso, vengono abbandonati all'insegna di un libro fresco, divertente, che scorre e che si lascia leggere con leggerezza. Questa sua le ...(continue)

    Tolkien è diverso, ma in senso buono. Quella pesantezza, quella smania descrittiva, quell'essere eccessivamente prolisso, vengono abbandonati all'insegna di un libro fresco, divertente, che scorre e che si lascia leggere con leggerezza. Questa sua leggerezza lo contraddistingue dal Signore degli Anelli (anche dal punto di vista fisico!) e lo rende, da un certo punto di vista, più gradevole.
    Ovviamente, il voto continua ad andare al Signore, ma ciò non significa che Tolkien non ci abbia dimostrato di essere incredibilmente versatile e coraggioso nel passare da uno stile così leggero (ma, ripeto, gradevolissimo) ad uno più pomposo come quello signorannelliano.

    Is this helpful?

    milkshake ☆彡 said on Sep 9, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Molto molto molto bello

    Primo libro che leggo di Tolkien ma l'ho trovato davvero fantastico. Leggero, scorrevole e avvincente!

    Is this helpful?

    _Mo_ said on Sep 7, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    -Questa è la storia di come un Baggins ebbe un'avventura e si trovò a fare e dire cose del tutto imprevedibili.- (J.R.R. Tolkien, Lo Hobbit) -e quel Baggins era lo zio di Frodo e quindi è tutto detto.- Avrei aggiunto io alla parole pronunciate da To ...(continue)

    -Questa è la storia di come un Baggins ebbe un'avventura e si trovò a fare e dire cose del tutto imprevedibili.- (J.R.R. Tolkien, Lo Hobbit) -e quel Baggins era lo zio di Frodo e quindi è tutto detto.- Avrei aggiunto io alla parole pronunciate da Tolkien quando presentò il suo libro apprendo così le porte su un mondo incantato, un mondo che incanta, ancora oggi.

    Is this helpful?

    Tizzy D. said on Sep 7, 2014 | Add your feedback

Improve_data of this book