Create your own shelf sign up

Together we find better books

[−]
  • Search Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

El jardín olvidado

By

Publisher: Suma de Letras

4.3
(1726)

Language:Español | Number of Pages: 537 | Format: Paperback | In other languages: (other languages) English , German , French , Italian

Isbn-10: 8483651564 | Isbn-13: 9788483651568 | Publish date:  | Edition 1

Translator: Carlos Schroeder

Also available as: Hardcover , eBook , Others

Category: Family, Sex & Relationships , Fiction & Literature , Mystery & Thrillers

Do you like El jardín olvidado ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description
Una niña desaparecida…
Un terrible secreto…
Una misteriosa herencia…
Situaciones que tres generaciones de una familia tendrán que afrontar a lo largo de un siglo para poder descubrir la verdad que se oculta en su seno.
Sorting by
  • 5

    Perdetevi anche voi nel giardino segreto solo per ritrovarvi!

    Mi è difficile scrivere questa recensione, semplicemente perché mi è difficile riuscire a trasmettere ciò che questo libro mi ha lasciato. Era tanto che non leggevo un libro con una prosa così scorrevole e perfetta. La Morton scrive con la semplicità che, a mio parere, caratterizzava i romanzi de ...continue

    Mi è difficile scrivere questa recensione, semplicemente perché mi è difficile riuscire a trasmettere ciò che questo libro mi ha lasciato. Era tanto che non leggevo un libro con una prosa così scorrevole e perfetta. La Morton scrive con la semplicità che, a mio parere, caratterizzava i romanzi della Rowling. Scrittura semplice e scorrevole, ma comunque perfetta. Il romanzo parla di tre vite, tre donne appartenenti alla stessa linea di discendenza, pur se collocate su differenti piani temporali. La storia spazia in un arco temporale che va dalla fine dell'Ottocento agli anni 2000. Il filo conduttore che lega le tre protagoniste è un orribile segreto che viene celato da anni e che coinvolge in prima persona Nell, la nonna di Casssandra. Nell infatfi, all'età di 21 anni scopre di non essere chi credeva che fosse, scopre all'improvviso che quella che pensava essere la sua famiglia in realtà non lo era. Lei era stata trovata in un porto australiano all'età di quattro anni, a seguito di uno sbarco di una nave venuta da non si sa dove. Intorno ai 60 anni, Nell decide di mettersi sulle tracce della sua vera famiglia e i suoi unici indizi sono una valigia, un libro di favole gotiche ed un ritratto a carboncino. Purtroppo la sua vita sarà spezzata da una malattia ed il testimone di questa impresa passerà alla nipote Cassandra a cui lei lascerà in testamento una proprietà in Cornovaglia. Cassandra, decisa a scoprire perché la nonna possedesse tale proprietà dall'altra parte del modo, parte per un lungo viaggio alla scoperta dei segreti celati ed in fondo alla scoperta anche di se stessa. La bravura della Morton sta nel lasciare in bilico il lettore tra realtà e fantasia e nel donare ad una storia di vita Vera un tocco di unicità e surrealismo. Peccato che non posso dare più di cinque stelline!

    said on 

  • 3

    avvincente,un libro perfetto "da vacanza".la storia si delinea attraverso continui salti temporali che uniscono la storia,attraverso segreti e misteri,di tre donne. una storia di famiglia ma anche di legami che nascono dall'abbandono e dalla disperazione.

    said on 

  • *** This comment contains spoilers! ***

    5

    Lo amo

    E' uno dei miei libri preferiti in assoluto. E' completo, scorrevole e chiaro e ti prende al tal punto da leggerlo tutto in una volta. Amo inoltre, le storie in costume nella Londra del '900. Un romanzo che ogni donna dovrebbe leggere a mio parere. L'autrice mi è piaciuta molto e credo di leggern ...continue

    E' uno dei miei libri preferiti in assoluto. E' completo, scorrevole e chiaro e ti prende al tal punto da leggerlo tutto in una volta. Amo inoltre, le storie in costume nella Londra del '900. Un romanzo che ogni donna dovrebbe leggere a mio parere. L'autrice mi è piaciuta molto e credo di leggerne altri dei suoi romanzi. Stupendo!

    said on 

  • 2

    Quería que me gustase pero no lo ha conseguido. La historia me recuerda mucho a otras historias de otros libros y como hacia la mitad ya me olía el secreto que se desvela al final...

    said on 

  • 4

    Una vera sorpresa. Questo non è il mio solito genere di libri ma ho fatto bene ad acquistarlo. E' scritto molto bene, con una trama intricata e coinvolgente che ti lascia in sospeso fino alla fine.

    said on 

  • 4

    La storia è intricata, il mistero è ben tenuto e svelato a poco a poco grazie ad un intreccio ben costruito...Ma la commovente conclusione giungerà solo alla fine.. Bello. Davvero bello. Però solo 4 stelline, perché ho trovato la prima parte lenta, faticando parecchio a tenere il passo con i mol ...continue

    La storia è intricata, il mistero è ben tenuto e svelato a poco a poco grazie ad un intreccio ben costruito...Ma la commovente conclusione giungerà solo alla fine.. Bello. Davvero bello. Però solo 4 stelline, perché ho trovato la prima parte lenta, faticando parecchio a tenere il passo con i molteplici personaggi e lo sviluppo delle loro storie, considerando le diverse voci narranti e i continui salti temporali...Per apprezzarlo appieno necessita di una lettura continuativa, direi quasi compulsiva..Non è certamente uno di quei libri da centellinare...

    said on 

  • 5

    Tra atmosfere incantate e luoghi fatati

    Inghilterra, 1913. Una bambina di quattro anni viene abbandonata da una donna misteriosa su un transatlantico e dopo una lunga traversata si ritrova al porto di Maryborough, in Australia, sola e smarrita. Non ricorda nulla di sé, è muta dalla paura e stringe fra le mani un prezioso libro di favol ...continue

    Inghilterra, 1913. Una bambina di quattro anni viene abbandonata da una donna misteriosa su un transatlantico e dopo una lunga traversata si ritrova al porto di Maryborough, in Australia, sola e smarrita. Non ricorda nulla di sé, è muta dalla paura e stringe fra le mani un prezioso libro di favole. Ritrovata da un uomo, viene adottata col nome di Nell e ricostruisce la sua vita in questo nuovo mondo. Quando, all’età di vent’anni, tutto ciò le viene svelato, Nell, che nonostante l’amore della famiglia adottiva è cresciuta con un inspiegabile senso di abbandono, decide di andare alla ricerca delle sue vere origini, ma ci riuscirà solo fino a un certo punto. Australia, 2005. Alla morte di Nell, sua nipote Cassandra riceve in eredità un cottage inglese con un delizioso giardino. E così parte alla volta della Cornovaglia e sarà proprio questo giardino misterioso a svelarle, a poco a poco, la vera storia di sua nonna e della loro famiglia, tra intrighi, segreti e misteri. Il passato si rivelerà a dir poco sorprendente. Snodandosi tra questi due piani temporali, indissolubilmente legati fra loro, “Il giardino dei segreti” è il tipico Romanzo nel vero senso della parola, che ci prende per mano e ci conduce pian piano all’interno di un mondo vicino e lontano, fra vecchi enigmi, atmosfere incantate, segreti familiari impolverati ma che si sente che premono e che richiedono a gran voce di essere scoperti e risolti. Il classico romanzone di cui ci si ingolosisce a poco a poco, smaniosi di capire il mistero centrale attorno al quale tutto nasce e cresce e che qui è ovviamente mistero che circonda la vita di Nell: chi è veramente? Cosa nasconde il suo passato? Chi l’ha abbandonata su quella nave e perché? Fra le pagine non manca proprio nulla: amori, invidie, gelosie, affetti familiari, legami d’amicizia, sacrifici, misfatte. E anche splendidi paesaggi e luoghi fatati, che pare di avere sotto gli occhi, come il giardino del cottage in Cornovaglia che Cassandra erediterà e che sarà il cuore di tutto il mistero. Kate Morton, australiana, affascinata dall’Ottocento, si è laureata con una tesi sulla tragedia nella letteratura vittoriana. Tutte queste influenze sono evidenti nel romanzo che non nasconde l’ammaliante sapore dei grandi classici ottocenteschi, seppur con uno stile fresco e immediato, facilmente fruibile e apprezzabile dal lettore contemporaneo avido di storie e di avventure. Ciò che stupisce è la forza dei ritratti femminili che animano la vicenda, veri protagonisti di tutto il mistero: dalla confusa Nell, lacerata da un senso di sradicamento, alla coraggiosa Eliza Makepeace, spinta da un continuo moto d’amore nei confronti della cugina, passando per la perfida Lady Mountrachet e l’avventurosa Cassandra, alla ricerca di conferme e verità, e tante altre. Donne del presente e donne del passato, madri, figlie, nonne, nipoti, scrittrici, cugine, amiche. Di fatto, il romanzo colpisce per l’assoluta mancanza di personaggi maschili in grado di lasciare il segno. Cosa alquanto rara. Ho inoltre molto apprezzato l’atmosfera fatata profusa dal giardino segreto e che mi ha magicamente cullata per tutta la lettura, dandomi l’impressione di entrare in un disegno di Beatrix Potter, Anne Geddes o simili. Sono stata molto combattuta sul numero di stelline da assegnare a “Il giardino dei segreti”, poiché, nonostante la ricchezza di atmosfere, i ritratti dei personaggi e la meravigliosa storia ben costruita, non sempre mi ha emotivamente conquistata come fanno i romanzi che poi premio col massimo: l’emozione, il taglio nell’anima, il pregio di sentirsi sentimentalmente rapiti dalla lettura, è per me prerogativa di un’ottima lettura, indipendentemente da tutto il resto…e qui non sempre è capitato. Tuttavia mi sento di premiare tutto l’insieme, quello di una lettura straordinaria che non manca proprio di niente. Forse non sempre ci si emoziona fino in fondo, ma si sogna alla grande. E a tal proposito, poiché un libro per me è anche oggetto, citerei anche la bellissima copertina in bianco e nero della Sperling Paperback, raffigurante una bimba che varca, in punta di piedi, il cancello di una grande villa, probabilmente ignara del futuro che l’aspetta. Sì, decisamente questo di Kate Morton è un romanzo che fa sognare, e che andrebbe gustato all’ombra di un giardino in fiore, incantato quanto quello che descrive.

    said on 

  • 5

    5 stelle!!

    sempre avvincente ed emozionante come tutti i suoi romanzi, non viene a mancare neppure in questo la descrizione di luoghi misteriosi, quasi sembra di trovartici, ed una storia ingarbugliata ed affascinante. da non perdere!

    said on 

  • 5

    Una storia molto molto molto bella. Ben costruita, molto ricca e articolata ed anche molto complessa con un consistente numero di personaggi. Protagonista una donna forte, esuberante, eccentrica che, nonostante le avversità e le difficoltà, non si è mai arresa alla felicità ed alla vita, sino a q ...continue

    Una storia molto molto molto bella. Ben costruita, molto ricca e articolata ed anche molto complessa con un consistente numero di personaggi. Protagonista una donna forte, esuberante, eccentrica che, nonostante le avversità e le difficoltà, non si è mai arresa alla felicità ed alla vita, sino a quando qualcun altro non ha deciso per lei in modo drastico. Altra protagonista, in contrapposizione a lei, sua cugina, una donna debole, capricciosa, egoista che però l'Autrice non ha mai smesso di amare, nonostante tutto. Affascinante lo svolgersi della storia su tre momenti temporali molto lontani tra loro.

    said on 

Sorting by