El libro de las Almas

By

Publisher: Grijalbo

3.6
(4112)

Language: Español | Number of Pages: 408 | Format: Others | In other languages: (other languages) English , Italian , Portuguese , Dutch , French , Catalan

Isbn-10: 0307882969 | Isbn-13: 9780307882967 | Publish date: 

Also available as: Hardcover , Mass Market Paperback

Category: Fiction & Literature , Mystery & Thrillers , Science Fiction & Fantasy

Do you like El libro de las Almas ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description
Sorting by
  • 3

    Il dilemma della predestinazione

    C’è la storia di un libro che attraversa i secoli, c’è una caccia al tesoro che svelerà molti misteri, c’è un ex-detective simpatico e con qualche vizio, c’è il grande dilemma della predestinazione. T ...continue

    C’è la storia di un libro che attraversa i secoli, c’è una caccia al tesoro che svelerà molti misteri, c’è un ex-detective simpatico e con qualche vizio, c’è il grande dilemma della predestinazione. Tutti elementi che danno alla trama un buon ritmo e che creano una storia che suscita curiosità.
    Mi è piaciuto il personaggio di Will Piper perché non è il solito eroe giovane ed invincibile. Piper è in pensione, ha delle debolezze e commette anche degli errori … è molto umano.
    Questo libro suscita delle domande. La nostra vita e la nostra morte sono già scritte? Attraverso le nostre decisioni possiamo cambiare quel che ci accadrà oppure no?
    Per quel che mi riguarda, l’unica falla di questo libro l’ho trovata proprio davanti alle argomentazioni di questi interessanti spunti esistenziali. I personaggi se ne preoccupano poco o niente, affrontano l’intera faccenda con fin troppa filosofia. Credo sia nella natura degli esseri umani cercare sempre una via di scampo, rivendicare la propria libertà di creare il proprio futuro. Questa mancanza colpisce di riflesso anche il lettore che si rassegna, fin dalle prime pagine, all’ineluttabilità di una morte prestabilita. Avrei preferito che Il libro delle anime lasciasse spazio ad altre possibilità, ad altre interpretazioni.
    Nel complesso comunque, l’ho trovato un buon libro.

    Recensione completa: http://www.mr-loto.it/recensioni/il-libro-delle-anime.html

    said on 

  • 1

    Nel secondo capitolo della triologia de "La biblioteca dei morti" lo stereotipatissimo ex agente dell'FBI Will Piper dovrà cimentarsi con una caccia agli indizi a Cantwell Hall, dimora secolare di una ...continue

    Nel secondo capitolo della triologia de "La biblioteca dei morti" lo stereotipatissimo ex agente dell'FBI Will Piper dovrà cimentarsi con una caccia agli indizi a Cantwell Hall, dimora secolare di una nobile famiglia inglese. Dovrà fare i conti, anche questa volta, con i suoi antagonisti di sempre: i Sorveglianti della biblioteca.

    Ho trovato il libro talmente tanto brutto e insensato che ho paura che recensendolo possa risultare offensivo e, di conseguenza, censurabile.
    Mi limito perciò a constatare, dato che non leggerò più nessun libro di Cooper, che dopo aver toccato il fondo con un romanzetto del genere la prossima lettura, qualunque essa sia, mi sembrerà sicuramente un capolavoro.
    Will Piper e soprattutto il suo creatore dovrebbero andarci piano con lo scotch.

    said on 

  • 4

    Decisamente migliore del primo, a mio avviso. Pur mantenendo l'idea di partenza, inverosimile quanto si vuole ma funzionale come motore narrativo, questo romanzo si arricchisce di elementi ancora più ...continue

    Decisamente migliore del primo, a mio avviso. Pur mantenendo l'idea di partenza, inverosimile quanto si vuole ma funzionale come motore narrativo, questo romanzo si arricchisce di elementi ancora più inverosimili, ma non per questo meno efficaci, anzi. Basta aggiungere il tema della caccia al tesoro, e il gioco è fatto. È la parte centrale del romanzo, secondo me, quella che funziona meglio e che tiene il lettore incollato alle pagine. La parte iniziale e quella finale costituiscono un corollario abbastanza "lento" (come buona parte del romanzo precedente) che si dipana un po' stancamente tra brevi riepiloghi degli eventi narrati nel volume precedente e sprazzi di azione "all'americana". Una lettura non impegnata, ma sicuramente piacevole.

    said on 

  • 5

    Engancha desde el principio

    Continuación de La biblioteca de los muertos. Suspense predecible, en ocasiones, pero que te atrapa desde el principio. Le doy muy buena nota. Tener en cuenta que el tercer libro no sería El Fin de lo ...continue

    Continuación de La biblioteca de los muertos. Suspense predecible, en ocasiones, pero que te atrapa desde el principio. Le doy muy buena nota. Tener en cuenta que el tercer libro no sería El Fin de los Escribas (2011) si no La Hora de la Verdad (2013).

    said on 

  • 5

    Fa-vo-lo-so!

    Io non so, come faccia Glenn Cooper ad avere questa capacità di mischiare la storia reale, successa davvero, con quella inventata da lui!
    Ho apprezzato questo libro, più del primo!
    Più scorrevole, più ...continue

    Io non so, come faccia Glenn Cooper ad avere questa capacità di mischiare la storia reale, successa davvero, con quella inventata da lui!
    Ho apprezzato questo libro, più del primo!
    Più scorrevole, più contemporaneo!
    Fantastico davvero!

    said on 

  • 0

    Il titolo rimanda chiaramente al 1° libro, LA BIBLIOTECA DEI MORTI (anche per goderne della fama e del successo), e lo da un personaggio importante, Giovanni Calvino per il quale la parola-chiave non ...continue

    Il titolo rimanda chiaramente al 1° libro, LA BIBLIOTECA DEI MORTI (anche per goderne della fama e del successo), e lo da un personaggio importante, Giovanni Calvino per il quale la parola-chiave non può che essere 'predestinazione'. E' una caccia al tesoro ideata da uno scrittore che si firma W. SH., caccia che si svolge per sonetti e al giorno d'oggi, per cercare e trovare l'origine e il fine ultimo della Biblioteca, anche se quel che si scopre è solo una data...tranquilli, non è quella del 2012! Il libro ispira una considerazione sociologica, anche: il sapere le date di morte di un gran mucchio di persone potrebbe aiutare a prevedere e a prevenire disastri e guerre, mettendo a punto un'ottima ed efficace macchina dei soccorsi a livello planetario? Utopia? Davvero il nostro destino è già segnato? Tante le domande che lascia dietro sè, quasi come fosse un saggio.

    said on 

  • 4

    Mi è piaciuto piu questo secondo libro rispetto al primo.

    I personaggi sono sempre quelli, da questo punto di vista i difetti del primo libro rimangono,
    però il ritmo è stato piu incalzante quindi anc ...continue

    Mi è piaciuto piu questo secondo libro rispetto al primo.

    I personaggi sono sempre quelli, da questo punto di vista i difetti del primo libro rimangono,
    però il ritmo è stato piu incalzante quindi anche la parte che si svolge nel presente è stata piu coinvolgente.

    said on 

  • 3

    Mah, migliore del precedente, ma giusto di un pelo. C'è forse quel minimo di suspence in più che rende la lettura un po' più avvincente e mantiene vivo il giusto interesse.
    Will è un personaggio a cav ...continue

    Mah, migliore del precedente, ma giusto di un pelo. C'è forse quel minimo di suspence in più che rende la lettura un po' più avvincente e mantiene vivo il giusto interesse.
    Will è un personaggio a cavallo tra l'essere un imbecille totale e un tipo simpatico. Ma pende di più dalla parte dell'imbecille, mi sa. XD
    Da leggere solo perché si è letto il primo e allora si deve continuare il discorso.

    said on 

Sorting by