Create your own shelf sign up

Together we find better books

[−]
  • Search Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

El libro de los seres imaginarios

By

Publisher: Alianza

4.1
(874)

Language:Español | Number of Pages: 240 | Format: Paperback | In other languages: (other languages) English , French , Italian , Portuguese

Isbn-10: 8420633895 | Isbn-13: 9788420633893 | Publish date: 

Also available as: Others , Mass Market Paperback , Hardcover

Category: Fiction & Literature , Reference , Science Fiction & Fantasy

Do you like El libro de los seres imaginarios ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description
Ciento dieciseis seres imaginarios pueblan las paginas de este libro. Jorge Luis Borges los ha hecho venir de todos los rincones del mundo y la Mitología.¿ Pero, hasta donde son realmente imaginarios? Mística, metafísica, poesía, viejos relatos y realidades.
Sorting by
  • 4

    Borges ha radunato diversi animali, quasi un centinaio, che ha incontrato nelle sue molteplici letture. Molte le informazioni interessanti e sicuramente apprezzabili parecchi commenti che lo scrittore argentino ha affiancato a questo elenco in ordine alfabetico che va da A Bao A Qu a Zaratan. ...continue

    Borges ha radunato diversi animali, quasi un centinaio, che ha incontrato nelle sue molteplici letture. Molte le informazioni interessanti e sicuramente apprezzabili parecchi commenti che lo scrittore argentino ha affiancato a questo elenco in ordine alfabetico che va da A Bao A Qu a Zaratan.

    said on 

  • 0

    Un'escursione rapida e movimentata in un bestiario tra il mitologico e il fantastico, dipinto con le frasi brevi e veloci del reporter navigato e la magica alchimia di parole del favolista incantatore di bambini.

    said on 

  • 4

    Scrive Borges nel Prologo: "La zoologia dei sogni è più povera di quella di Dio", e questo era certo vero fino a internet che ha moltiplicato sia i sogni che la zoologia fantastica.
    Il libro resta godibile ed interessante ma se desiderate un bestiario più aggiornato, completo di illustrazio ...continue

    Scrive Borges nel Prologo: "La zoologia dei sogni è più povera di quella di Dio", e questo era certo vero fino a internet che ha moltiplicato sia i sogni che la zoologia fantastica.
    Il libro resta godibile ed interessante ma se desiderate un bestiario più aggiornato, completo di illustrazioni, potete cercarlo qui:
    http://drrestless.tumblr.com/tagged/bestiary

    said on 

  • 4

    Una lettura leggera e piacevole.

    Come idea del libro, credo l'opzione migliore sia citare l'ultimo paragrafo dell'intervento di Tommaso Scarano: "Col pretesto di accompagnare il lettore nei giardini zoologici delle mitologie, il Libro degli esseri immaginari lo conduce negli universi illusori e straordinariamente poetici che l ...continue

    Come idea del libro, credo l'opzione migliore sia citare l'ultimo paragrafo dell'intervento di Tommaso Scarano: "Col pretesto di accompagnare il lettore nei giardini zoologici delle mitologie, il Libro degli esseri immaginari lo conduce negli universi illusori e straordinariamente poetici che l'uomo ha sognato (e resi reali) per dare consistenza al proprio, che, come Borges ha detto più volte, resta ancora da capire se appartenga al sogno o alla realtà."
    Non è nulla di complesso, cattura per lo stile e per la capacità di soddisfare la nostra curiosità riguardo entità di cui abbiamo sempre sentito parlare e di cui desideriamo sapere qualcosa in più. Molto interessanti anche le fonti citate, che forse sarebbe un bene recuperare, come già mi è successo a partire da altri libri di Borges.

    said on 

  • 4

    Molto grazioso l’estro erudito di quest’opera di Borges, dove la curiosità intellettuale ad ogni pagina si screzia d’un polline d’ironia luminoso e impalpabile: un pulviscolo che alita svagato sulle notizie dotte tratte dalla mitologia classica, indiana, nordica o cinese, da repertorî arabi o tar ...continue

    Molto grazioso l’estro erudito di quest’opera di Borges, dove la curiosità intellettuale ad ogni pagina si screzia d’un polline d’ironia luminoso e impalpabile: un pulviscolo che alita svagato sulle notizie dotte tratte dalla mitologia classica, indiana, nordica o cinese, da repertorî arabi o tardoantichi, su animali fantastici, spaventosi o incredibili, minotauri e sirene, ippogrifi e unicorni. Il grande scrittore argentino in apparenza racconta e descrive con la limpida freddezza di chi redige le voci per un’enciclopedia: ma traluce ad ogni riga un’inspiegabile senso di leggerezza che rende piacevole la lettura del libro come se fosse una raccolta di favole piene di novità o di avvenimenti che lasciano col fiato in sospeso, sebbene in realtà molti degli esseri di questo bizzarro bestiario non siano che, in buona parte, le creature familiari a noi sia dalle nostre letture infantili. Se magici non sono gli animali di Borges, magica è senza dubbio la sua scrittura.

    said on 

  • 3

    Tipo Wikipedia, ma scritto meglio

    Esattamente quello che mi aspettavo: un manuale con creature immaginarie più o meno note che non ha la pretesa di essere completo. Tipo Wikipedia, ma scritto meglio.
    Mi ha fatto venire voglia di saperne di più su golem, nesnas e pèriti. Mi sono piaciuti molto gli animali degli specchi. L'ip ...continue

    Esattamente quello che mi aspettavo: un manuale con creature immaginarie più o meno note che non ha la pretesa di essere completo. Tipo Wikipedia, ma scritto meglio.
    Mi ha fatto venire voglia di saperne di più su golem, nesnas e pèriti. Mi sono piaciuti molto gli animali degli specchi. L'ippogrifo rimane il mio preferito.

    Stupisce la presenza di creature inventate o sognate da autori quali Kafka, Poe e C.S. Lewis.
    Stupisce anche che oltre le creature immaginarie note e che sono tuttora vive nell'immaginario comune ce ne sono un sacco di improbabili e che non è così strano che siano cadute nel dimenticatoio. Roba che certe descrizioni sono ai livelli di "ha le zampe di coccodrillo, la coda di gatto, la testa di criceto e il corpo di rinoceronte — oh, e gli occhi di cervo, le orecchie di elefante e tre ali di colibrì per zampa". Che tu dici: vabe', il prossimo?

    Nota: Non so se c'è una differenza tra l'edizione Einaudi e Adelphi, visto che la prima ha il titolo dell'opera originale e la seconda quello della versione definitiva. In ogni caso l'ebook che ho letto non ha tutte le creature elencate su Wikipedia. È un male? Non per forza: nella lista spiccano creature quali il gatto del Cheshire, gli Eloi e i Morlock. Boh, a 'sto punto tanto valeva metterci anche gli Yahoo e gli Hobbit. Rimango volentieri con la mia versione non definitiva, mi sa.

    said on 

  • 4

    Tassonomia fantastica

    Un'interessante rassegna di creature desunte da antichi miti o frutto di parti letterari particolarmente arditi. Molto singolare nel suo genere, ma quel che più colpisce è lo stile asciutto e coltissimo di Borges, del tutto inconfondibile e ineguagliabile.
    Un frase, tra le altre, ha colpito ...continue

    Un'interessante rassegna di creature desunte da antichi miti o frutto di parti letterari particolarmente arditi. Molto singolare nel suo genere, ma quel che più colpisce è lo stile asciutto e coltissimo di Borges, del tutto inconfondibile e ineguagliabile.
    Un frase, tra le altre, ha colpito la mia immaginazione: «se realmente il cielo è la casa degli angeli, questi senza dubbio sono le stelle, perché non ci sono altri abitanti del cielo».

    said on 

  • 3

    Un catalogo

    È anche una selezione interessante, e può servire come spunto per ulteriori ricerche, ma di per sé non saprei che valore darle: alcune creature le conoscevo e altre no, ma mi sarei aspettato qualche riflessione da parte dell'autore sui vari miti, qualche rimando più approfondito.


    Invece è ...continue

    È anche una selezione interessante, e può servire come spunto per ulteriori ricerche, ma di per sé non saprei che valore darle: alcune creature le conoscevo e altre no, ma mi sarei aspettato qualche riflessione da parte dell'autore sui vari miti, qualche rimando più approfondito.

    Invece è una sorta di prolisso elenco di creature fantastiche.

    said on 

Sorting by