Create your own shelf sign up

Together we find better books

[−]
  • Search Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

El misterio de Salem's Lot

By

Publisher: Plaza & Janes

4.0
(4765)

Language:Español | Number of Pages: 384 | Format: Paperback | In other languages: (other languages) English , Chi simplified , French , Italian , German , Czech , Swedish , Dutch , Portuguese , Polish , Russian , Chi traditional , Greek

Isbn-10: 8401321360 | Isbn-13: 9788401321368 | Publish date:  | Edition 4

Translator: Marta Isabel Gustavino Castro

Also available as: Hardcover , Mass Market Paperback

Category: Fiction & Literature , Horror , Science Fiction & Fantasy

Do you like El misterio de Salem's Lot ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description
Ben Mears había entrado en la casa de los Marsten. Quizás había sido el único en entrar allí. Lo había hecho veinte años atrás, por una apuesta infantil, y lo que vio entonces aún poblaba sus pesadillas. Y ahora, como escritor consagrado, había vuelto a Salem's Lot para exorcizar su fantasmas. Porque Salem's Lot era un pueblo tranquilo y adormilado donde nunca pasaba nada extraordinario, excepto la vieja tragedia de la casa de los Marsten. Y sus fantasmas estaban desapareciendo. Porque no pasaba nada. Hasta que empezó a pasar. Hasta que apareció el perro muerto colgado de la verja del cementerio. Hasta que el misterioso hombre delgado, calvo y frío que no empleaba luz eléctrica se instaló en la casa de los Marsten e hizo que le dejaran aquella caja en el sótano. Una caja con demasiados candados, por muy valioso que fuera el antiquísimo aparador que según la factura contenía. Demasiados candados y una tensión que se mascaba, un terror que cubría de sudor frío. Y los niños empezaron a desaparecer, los animales morían desangrados y la onda expansiva del horror vació el pueblo y se los dejó a ellos. Quienes quiera que fueran. Ellos.
Sorting by
  • 0

    alla fine è storia di vampiri

    Confesso che l'ho comprato per il nome dell'autore e-dal titolo- pensavo più ad una storia di streghe che di vampiri. Però non è male, un pò prolisso ma efficace...i vampiri sono una garanzia di terrore! Comunque lo consiglio perchè mi sembra migliore di altri libri un "pò tirati per i capelli" d ...continue

    Confesso che l'ho comprato per il nome dell'autore e-dal titolo- pensavo più ad una storia di streghe che di vampiri. Però non è male, un pò prolisso ma efficace...i vampiri sono una garanzia di terrore! Comunque lo consiglio perchè mi sembra migliore di altri libri un "pò tirati per i capelli" di King.

    said on 

  • 4

    Romanzo d'esordio del re dell'horror, nella scrittura si sente un pò la grossolanità del primo romanzo, ma la storia si sviluppa in puro stile King, per chi ama questo scrittore non può certo farsi mancare questo libro.

    said on 

  • 3

    King alle prime armi

    Il libro con la sua mole di pagine fa fatica a decollare. Ci vuole molta pazienza prima di riuscire a finirlo. Le ultime 100 pagine sono molto belle e scorrono benissimo, ma quanta fatica prima di arrivarci. Sincereamente mi aspettavo di meglio, ma alcune scene sono davvero forti!

    said on 

  • *** This comment contains spoilers! ***

    4

    Premessa. Nonostante legga un po' di tutto, questo non è un genere che mi appassiona. Mesi fa m'incuriosì e ad agosto l'ho iniziato. Ho impiegato ben due mesi per finirlo. Lo prendevo, poi lo abbandonavo per giorni leggendo altri libri che finivo e lo riprendevo nuovamente. Le prime duecento pagi ...continue

    Premessa. Nonostante legga un po' di tutto, questo non è un genere che mi appassiona. Mesi fa m'incuriosì e ad agosto l'ho iniziato. Ho impiegato ben due mesi per finirlo. Lo prendevo, poi lo abbandonavo per giorni leggendo altri libri che finivo e lo riprendevo nuovamente. Le prime duecento pagine le ho trovate fin troppo lente e noiose, King si dilunga davvero molto, a mio avviso facendo anche calare l'attenzione del lettore. All'inizio ricordare tutti i personaggi è stato difficile, inoltre non riuscivo a capire quale direzione prendesse la storia. Dopo però la lettura è diventata più scorrevole ed interessante e gli eventi sono esplosi. Mi hanno colpito. Ho avuto paura dei vampiri, per poco non prendevo una croce per appendermela al collo o guardavo la finestra, e nel buio credevo potesse arrivare Barlow a grattare sul vetro per poter entrare. Sono consapevole della mia stupidità ma proprio questo terrore e la forte suggestione mi ha fatto rivalutare il libro, potendo affermare e confermare la grandiosità di King. Le pagine in cui parla di Salem's Lot mi sono piaciute tantissimo, il modo di vedere la città assediata. Ovviamente, speravo in una vita più lunga per i personaggi. A malincuore la sorte di Jimmy, Matt e padre Callahan me l'aspettavo ma non Susan, questa stupida ragazza fiondatasi, senza se e senza ma, nella “bara del vampiro”. Mark Petrie è stato il personaggio a cui mi sono affezionata maggiormente. L'intreccio fumetti e realtà, il non dubitare mai del potere del male e dei vampiri, la forza nel non parlarne, se non con le persone giuste, cercare di sconfiggerli nonostante la tremenda paura di un bambino.

    said on 

  • 3

    3 stelline e mezzo

    Un King un po' acerbo, in certi punti ho rasentato la noia. Non mi ha completamente rapita come mi aspettavo. La nota positiva è che parla di vampiri, vecchio stile, cattivi e senza cuore come dev'essere.

    said on 

  • 3

    Facciamoci un goccetto...

    Una noia pazzesca. Sarà che non è il mio genere, ma non ho provato nessuna sensazione particolare: né paura, né ribrezzo, né orrore.
    La scrittura non è male.Ma che mortuorio!Ho provato più brividi con "le novelle marinaresche di mastro Catrame", di Emilio Salgari. Encomiabile solo per gli schei c ...continue

    Una noia pazzesca. Sarà che non è il mio genere, ma non ho provato nessuna sensazione particolare: né paura, né ribrezzo, né orrore. La scrittura non è male.Ma che mortuorio!Ho provato più brividi con "le novelle marinaresche di mastro Catrame", di Emilio Salgari. Encomiabile solo per gli schei che è riuscito a portare a casa.

    said on 

  • 4

    Voto 4,5

    Molto bello ma non un capolavoro (leggermente sotto ai successi del Re). Consiglio questa edizione della Pickwick che contiene anche i racconti collegati "Il bicchiere della staffa" e "Jerusalem's Lot".

    said on 

Sorting by