Create your own shelf sign up

Together we find better books

[−]
  • Search Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

El misterio de Salem's Lot

By

Publisher: Plaza & Janes

4.0
(4852)

Language:Español | Number of Pages: 384 | Format: Paperback | In other languages: (other languages) English , Chi simplified , French , Italian , German , Czech , Swedish , Dutch , Portuguese , Polish , Russian , Chi traditional , Greek

Isbn-10: 8401321360 | Isbn-13: 9788401321368 | Publish date:  | Edition 4

Translator: Marta Isabel Gustavino Castro

Also available as: Hardcover , Mass Market Paperback

Category: Fiction & Literature , Horror , Science Fiction & Fantasy

Do you like El misterio de Salem's Lot ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description
Ben Mears había entrado en la casa de los Marsten. Quizás había sido el único en entrar allí. Lo había hecho veinte años atrás, por una apuesta infantil, y lo que vio entonces aún poblaba sus pesadillas. Y ahora, como escritor consagrado, había vuelto a Salem's Lot para exorcizar su fantasmas. Porque Salem's Lot era un pueblo tranquilo y adormilado donde nunca pasaba nada extraordinario, excepto la vieja tragedia de la casa de los Marsten. Y sus fantasmas estaban desapareciendo. Porque no pasaba nada.
Hasta que empezó a pasar. Hasta que apareció el perro muerto colgado de la verja del cementerio. Hasta que el misterioso hombre delgado, calvo y frío que no empleaba luz eléctrica se instaló en la casa de los Marsten e hizo que le dejaran aquella caja en el sótano. Una caja con demasiados candados, por muy valioso que fuera el antiquísimo aparador que según la factura contenía. Demasiados candados y una tensión que se mascaba, un terror que cubría de sudor frío. Y los niños empezaron a desaparecer, los animales morían desangrados y la onda expansiva del horror vació el pueblo y se los dejó a ellos. Quienes quiera que fueran. Ellos.
Sorting by
  • 5

    FANTASTICO!

    Premetto che io di King non ho letto molto perchè mi ci sono appena appassionato,anzi devo confessarvi che non ho mai letto molto in generale. Questo libro mi ha cambiato la vita! (sembra pazzesco lo ...continue

    Premetto che io di King non ho letto molto perchè mi ci sono appena appassionato,anzi devo confessarvi che non ho mai letto molto in generale. Questo libro mi ha cambiato la vita! (sembra pazzesco lo so) Non so se è il più bello di King,presto lo scoprirò,ma oltre che a farmi appassionare del suo scrittore è riuscito a farmi innamorare dei libri stessi! Con questo romanzo è partita un avventura reale alla scoperta di un mondo nuovo fatto di lettere,emozioni e benestare!! E per questo ci sono veramente molto affezionato e grato. Riguardo la storia cosa vi aspettate che vi dica? :) Leggetelo,può piacere o non piacere giustamente,a me ha fatto un bell effetto !

    said on 

  • 2

    Really did not like it. I usually like King and their writing and story telling ability, but this one did not seem to deliver on any front.I see what they were trying to do in terms of describing a cr ...continue

    Really did not like it. I usually like King and their writing and story telling ability, but this one did not seem to deliver on any front.I see what they were trying to do in terms of describing a creepy small town, but way too many people to remember or get invested into and the overall vampire thing felt a bit underdeveloped.Failed

    said on 

  • 2

    Fail

    Really did not like it. I usually like King and their writing and story telling ability, but this one did not seem to deliver on any front.I see what they were trying to do in terms of describing a cr ...continue

    Really did not like it. I usually like King and their writing and story telling ability, but this one did not seem to deliver on any front.I see what they were trying to do in terms of describing a creepy small town, but way too many people to remember or get invested into and the overall vampire thing felt a bit underdeveloped.Failed

    said on 

  • 4

    L’idea alla base de Le notti di Salem è piuttosto semplice: si prende la tradizionale storia europea di vampiri, la si trasferisce nel New England e si guarda cosa succede. Uno scrittore qualsiasi di ...continue

    L’idea alla base de Le notti di Salem è piuttosto semplice: si prende la tradizionale storia europea di vampiri, la si trasferisce nel New England e si guarda cosa succede. Uno scrittore qualsiasi di quelli che potete raccogliere a mazzetti pescando a caso nello scaffale “Vampiri” delle librerie avrebbe ottenuto il risultato più prevedibile: una tradizionale storia di vampiri ambientata nel New England. Ma non il vecchio zio Steve King, oh no. Lui non può accontentarsi. Così, il risultato che ottiene lui è la differenza tra uno scrittore di genere che resta imprigionato nel suo genere, e uno scrittore e basta. E lo ottiene facendo ricorso a un ampliamento del punto di vista, che accantona il rassicurante concetto ottocentesco di “mostro” e scardina tutte le nostre certezze sulla reale natura di quella “tranquilla cittadina di provincia” che fa da sfondo alle vicende. Uno stratagemma narrativo che King aveva già ben sperimentato l’anno prima in Carrie e su cui poi sarebbe tornato in molti dei suoi migliori lavori.

    Anzi, m’allargo? M’allargo: a voler proporre una di quelle letture che piacciono tanto ai Critici Letterari Seri, potremmo dire che i primi tre romanzi di King mettono già sul tavolo tutti i temi più cari alla narrativa kinghiana dei quarant’anni successivi. Una specie di trilogia ideale che scoperchia e analizza le laceranti contraddizioni annidate tra le pieghe delle tre istituzioni fondanti del vivere civile: Famiglia, Scuola e Comunità.

    Continua qui: http://holdenandcompany.com/2015/01/21/la-gioia-e-il-tedio-a-morte-del-vivere-in-provincia-le-notti-di-salem-di-stephen-king/

    said on 

  • 2

    Noia e banalità allo stato puro. Troppo poche le pagine degne di nota, il resto risulta solo insulso ed inutilmente ridondante. Probabilmente l'unica "parte" horror risiede nella messa in mostra delle ...continue

    Noia e banalità allo stato puro. Troppo poche le pagine degne di nota, il resto risulta solo insulso ed inutilmente ridondante. Probabilmente l'unica "parte" horror risiede nella messa in mostra delle piccole brutture quotidiane degli abitanti, a mio avviso esageratamente stereotipati, di Salem's Lot.
    Concludendo più che un tributo sembra solo un pessimo scimmiottamento del libro di Stoker.

    said on 

  • 3

    I vampiri sbarcano nella provincia americana

    Jerusalem’s Lot, piccola cittadina americana, viene scelta dall’odierno capostipite del Male, Mr. Barlow alias novello Dracula, per far proliferare ai giorni nostri la sua disgraziata stirpe. E da qui ...continue

    Jerusalem’s Lot, piccola cittadina americana, viene scelta dall’odierno capostipite del Male, Mr. Barlow alias novello Dracula, per far proliferare ai giorni nostri la sua disgraziata stirpe. E da qui, pochi ma agguerriti umani cercheranno di fermarli con durissimi esiti.
    Il Re dell’horror agli inizi della sua carriera rispolvera il tema dei vampiri regalandocene una bella versione che mixa insieme le atmosfere cupe e gotiche tipiche delle storie con protagoniste le creature della notte e il ritratto impietoso della provincia americana con le sue nefandezze, le sue ipocrisie, i suoi crimini.
    Con grande equilibrio e altrettanta sapienza, King ci immerge in un clima terrorifico puro (che è quello più adatto alle storie di vampiri - non come le novelle versioni) ma allo stesso tempo ci sbatte in faccia le brutture umane quelle reali, quelle di tutti i giorni che non sono certo migliori e che portano l’orrore a mille.

    said on 

  • 3

    Il re non si smentisce mai scrive questo libro prendendo ispirazione dal celebre romanzo di Bram Stoker "Dracula" e mantenendo le caratteristiche del vampiro classico, astuti e cattivi, pallidi e zann ...continue

    Il re non si smentisce mai scrive questo libro prendendo ispirazione dal celebre romanzo di Bram Stoker "Dracula" e mantenendo le caratteristiche del vampiro classico, astuti e cattivi, pallidi e zannuti che odiano i crocifissi e l'acqua santa le armi più pericolose per loro, il tutto ambientato jerusalem's lot cittadina immaginaria del Maine.Le notti di Salem è il secondo libro pubblicato da King dopo Carrie e già rispetto a quest'ultimo si carpisce più maturità dello scrittore con una miglior caratterizzazione dei personaggi e dell'introspettiva,nonostante gli anni questo libro si difende ancora bene rimanendo attuale anche se ha perso un po' di quel terrore e suspence che invece si poteva riscontrare alla sua pubblicazione per le continue trasposizioni cinematografiche sui vampiri,ma è bene ricordare che fu il re a rispolverare i vampiri facendoli tornare di moda,il vampiro classico lo preferisco nettamente a quelli attuali in twilight che vanno a scuola si innamorano e io vorrei sapere che centra una figura dell'orrore simbolo come il vampiro con cotte adolescenziali bah per molti funziona di certo non per me sono più tradizionalista.Come al solito di King il libro è un prolisso ma come dice lui stesso perderebbe gran parte del suo fascino e della sua attrazione magnetica se non si permette al lettore di vivere le scene avendo ben in mente i paesaggi misteriosi creati dall'autore.In questa edizione oltre a essere presenti le illustrazioni vi sono 2 racconti presenti nella raccolta "A volte ritornano" che sono : "Il bicchiere della Staffa" e "Jerusalem's Lot" oltre alle scene tagliate per ragioni editoriali.....

    said on 

  • 4

    L'orrore della città dei "non morti"...

    Si tratta di una rielaborazione di un libro che King aveva scritto da adolescente e che ha pubblicato dopo "Carrie"; l'idea dell'autore era di concepire una storia di vampiri che fosse però ambientata ...continue

    Si tratta di una rielaborazione di un libro che King aveva scritto da adolescente e che ha pubblicato dopo "Carrie"; l'idea dell'autore era di concepire una storia di vampiri che fosse però ambientata in una cittadina di campagna dei giorni nostri...ed è così che è nato questo libro stupefacente e incredibile.
    In una piccola città di campagna arrivano due stranieri che hanno intenzione, almeno apparentemente di aprire un negozio di mobili e si piazzano nella casa maledetta di Marsten, chiusa e nella quale in epoche passate sono avvenuti fatti di sangue, infatti i vecchi proprietari, considerati alla stregua di killer sanguinari, sono morti entrambi in circostanze misteriose. Per quanto la casa sia in vendita a un prezzo modico, l'agente immobiliare non riesce a venderla, perchè gli abitanti del luogo la considerano stregata.
    I due stranieri invece, si piazzano proprio in quella dimora dopo averla comperata per l'irrisorio prezzo di un dollaro.
    E da qui parte l'orrore...un orrore che avanza nel quotidiano, in cui il male diventa sempre più manifesto e terribile, fino a corrodere tutte le fibre di quella tranquilla cittadina...
    Leggendo questo libro nella penombra e in solitudine, ci si può realmente spaventare...ma l'unica cosa che mi ha veramente disturbato e che io considero veramente un orrore più orrendo dei vampiri è la descrizione impietosa di una giovane madre che maltratta e prende a schiaffi il suo bambino di pochi mesi, offrendogli un biberon gelido di frigo, e facendogli un occhio nero perchè questo piange per la fame...
    Quando il piccolo muore non si capisce bene se è stato il feroce vampiro o la degenerata madre ad ucciderlo...
    I due fortunati superstiti di questa mattanza usciranno dalla città miracolosamente illesi, lasciandosi alle spalle una città di non morti, di vampiri affamati che girano la notte in cerca di sangue e nutrimento.
    Jerusalem Lot è così entrata nella leggenda: la città dei vampiri, la città dei morti-viventi.
    Nemmeno la purificazione del fuoco potrà più compiere un miracolo, un lavacro dal male, oramai è una necropoli, una città che non è riuscita a sopravvivere all'assalto dei vampiri.
    King, maestro del brivido è riuscito a scrivere una storia che supera grandemente, come intreccio e come pathos, la storia di Dracula il vampiro.
    Consiglio vivamente questo libro agli stimatori di King e agli amanti della letteratura del brivido.
    Saluti.
    Ginseng666

    said on 

  • 5

    Spettacolare e ansiogeno

    Sono partita da poco con King, e nel complesso tutti i libri che ho letto mi sono piaciuti molto, ma questo per ora è il mio preferito. Non sono un'amante dell'horror, ma anche se per ora ho letto poc ...continue

    Sono partita da poco con King, e nel complesso tutti i libri che ho letto mi sono piaciuti molto, ma questo per ora è il mio preferito. Non sono un'amante dell'horror, ma anche se per ora ho letto pochi libri di questo autore, ho capito che più che far paura con le immagini raccapriccianti, King mette ansia ed adrenalina per le sue digressioni psicologiche e per la descrizione dei fatti che nella realtà accadono quotidianamente e che non hanno niente di sovrannaturale.
    Personalmente le scene che mi hanno messo più angoscia rispetto ai vampiri sono state quelle in cui i mariti picchiano e violentano le mogli fedifraghe e le mamme adolescenti picchiano i loro figli.
    E quindi la mia personale visione de "Le notti di Salem" è che King abbia voluto farci capire che l'orrore fittizio dei romanzi e dei film lo possiamo anche combattere e sconfiggere, ma l'orrore umano resterà sempre finché noi esisteremo su questa terra.
    Bellissimo romanzo, molto descrittivo ma molto avvincente.

    said on 

Sorting by