Create your own shelf sign up

Together we find better books

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

El pèndol de Foucault

Per

Editor: Ediciones Destino, S.A.

4.0
(6784)

Language:Català | Number of Pàgines: 880 | Format: Paperback | En altres llengües: (altres llengües) English , Spanish , Chi traditional , German , Italian , Swedish , Dutch , Polish , Hungarian , Portuguese , Latvian , Slovenian , Czech , Greek

Isbn-10: 8423317730 | Isbn-13: 9788423317738 | Data publicació:  | Edition 7

Category: Fiction & Literature , History , Mystery & Thrillers

Do you like El pèndol de Foucault ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Registra't gratis
Descripció del llibre
Sorting by
  • 5

    Oltre 600 pagine divorate in quattro giorni, non riuscivo a fare altro che leggere questo libro. Alla fine di ogni capitolo morivo dalla voglia di proseguire, per capire dove sarebbero andati a finire i personaggi, per studiare la loro psiche e valutare le loro scelte, perché questo, più di altri ...continua

    Oltre 600 pagine divorate in quattro giorni, non riuscivo a fare altro che leggere questo libro. Alla fine di ogni capitolo morivo dalla voglia di proseguire, per capire dove sarebbero andati a finire i personaggi, per studiare la loro psiche e valutare le loro scelte, perché questo, più di altri, è un libro che mette di fronte protagonista e lettore a diverse scelte, che potrebbero avere delle conseguenze terribili come ottime per tutti.

    dit a 

  • 1

    Inutile noiosa erudizione

    Abbandonato poco dopo la metà perché ci sono cose molto più interessanti da fare nella vita. E pensare che ci tenevo tanto a leggerlo!
    Una noia mortale, un libro già nato vecchio dove l'utilizzo di termini caduti in disuso nel parlato rende i dialoghi dei personaggi surreali. Ma chi mai, parland ...continua

    Abbandonato poco dopo la metà perché ci sono cose molto più interessanti da fare nella vita. E pensare che ci tenevo tanto a leggerlo! Una noia mortale, un libro già nato vecchio dove l'utilizzo di termini caduti in disuso nel parlato rende i dialoghi dei personaggi surreali. Ma chi mai, parlando tra amici, cercherebbe una "toeletta"? Orrore. La storia poi è sempre la stessa, trita e ritrita, quindi noiosa. Molte parti si potrebbero tranquillamente cancellare perché completamente inutili. Sì signor Eco, lo sappiamo quanto è bravo, lo sappiamo quante cose conosce e quanti libri ha letto, ma ricordarcelo a ogni riga è massacrante. In ogni frase si trova un'inutile dimostrazione di erudizione. La vicenda poi è chiaramente autoreferenziale (nei luoghi e nei tempi, intendo) il che rende tutto pesantissimo. Insomma un libro illeggibile e saccente. Disturbante.

    dit a 

  • 5

    "Che io abbia scritto o no, non fa differenza. Cercherebbero sempre un altro senso, anche nel mio silenzio. Sono fatti così. Sono ciechi alla rivelazione. Malkut è Malkut e basta"

    dit a 

  • 3

    VIAGGIO NEL MONDO DELL'ESOTERISMO E... DELLA CREATIVITA'!

    La prima domanda che mi sono fatto, aprendo “Il pendolo di Foucault” è stata: come mai i capitoli sono suddivisi sulla base dell’albero sefirotico? E questo mi ha incuriosito molto.
    Al termine della lettura mi sono dato questa possibile risposta, ovvero:
    innanzitutto ricordo che l’albero sefiro ...continua

    La prima domanda che mi sono fatto, aprendo “Il pendolo di Foucault” è stata: come mai i capitoli sono suddivisi sulla base dell’albero sefirotico? E questo mi ha incuriosito molto. Al termine della lettura mi sono dato questa possibile risposta, ovvero: innanzitutto ricordo che l’albero sefirotico è un elemento fondamentale della Cabala ebraica ed esso è costituito da 10 Sefirot. Cos’è una Sefira? Ecco cosa dice Wikipedia: “La parola Sefirot è connessa, secondo il Sefer Yetzirah, con sefer (scrittura), sefar (computo) e sippur (discorso), che derivano dalla stessa radice SFR. Il significato basilare viene reso come emanazioni: le Sefirot nella Cabala ebraica sono le dieci modalità o gli "strumenti" di Dio (a cui ci si riferisce con אור אין סוף Or Ein Sof, "Luce Senza Limiti") attraverso cui l'Ein Sof (l'Infinito) si rivela e continuativamente crea sia il reame fisico che la Catena dei Reami metafisici superiori (Seder hishtalshelus)”. Ebbene, personalmente ritengo che quest’opera sia, quindi, un inno alla creatività; ed in cosa consistono l’intelligenza e la creatività umana se non nel trovare, ed evidenziare, quelle connessioni tra le cose e tra gli eventi, che non tutti sono capaci di vedere? La suddivisione dei capitoli secondo le sefirot ci parla, dunque, di un processo di creazione della storia, contenuta ne “Il pendolo di Foucault”, che, a sua volta, si presenta come un’opera di ricucitura di alcuni eventi della storia esoterica; come un tentativo, da parte dei personaggi, di completare un puzzle dove, i singoli pezzi da collegare tra loro, fanno parte della suddetta storia esoterica; il tutto per giungere ad identificare quello che dovrebbe essere un complessivo quadro di vendetta e di potere, ordito dai cavalieri Templari, identificato come “il Piano”. A mio personale avviso, in quest’opera, manca quasi del tutto l’azione dei personaggi, tranne che nelle sue ultime fasi, poiché essi operano su un livello del tutto intellettuale e creativo, raccontandosi quelle che dovrebbero essere le ipotesi da valutare e cercando, appunto, di trovare connessioni, a volte del tutto improbabili, tra gli eventi. A questo proposito il romanzo può indubbiamente risultare a tratti noioso, tenuto conto anche della corposa mole dello stesso e, dunque, della grande quantità di informazioni che in esso sono contenute. Ipotizzo, inoltre, che Eco, in questo contesto, abbia voluto far leva sul fascino che le tesi complottistiche possono suscitare su molti lettori, più che su una trama avvincente come poteva essere quella del precedente “Il nome della rosa”. Per rimanere in tema, personalmente percepisco “Il pendolo di Foucault” come un’Atanor, sul quale, “l’alchimista” Eco, pone un crogiolo ed, all’interno di esso, vari elementi che vanno dal templarismo alla cabalistica, dallo gnosticismo cristiano a quello islamico, dal satanismo al paganesimo druidico. Il risultato che ne scaturisce, però, non è sempre oro!

    dit a 

  • 0

    Ironico e sottile

    L'ho letto una dozzina di volte e sempre ho trovato nuovi spunti e nuovi punti di osservazione. Quasi ogni frase è interpretabile a più livelli, occorre un lavoro cabalistico per interagire con questo testo. Certo si diventa un po' paranoici, ma certe immagini sono strepitose; la derisione della ...continua

    L'ho letto una dozzina di volte e sempre ho trovato nuovi spunti e nuovi punti di osservazione. Quasi ogni frase è interpretabile a più livelli, occorre un lavoro cabalistico per interagire con questo testo. Certo si diventa un po' paranoici, ma certe immagini sono strepitose; la derisione della numerologia è da manuale!!!

    dit a 

  • 3

    La bibbia di Giacobbo

    Sono entrato in possesso di questo libro per caso, ma ne avevo sentito solo vagamente parlare come "un libro pesantissimo, difficile e che nessuno ha mai finito di leggere": ma io non mi sono tirato indietro!
    La storia è davvero molto interessante e avvincente: è un po' come un Indiana Jones, ma ...continua

    Sono entrato in possesso di questo libro per caso, ma ne avevo sentito solo vagamente parlare come "un libro pesantissimo, difficile e che nessuno ha mai finito di leggere": ma io non mi sono tirato indietro! La storia è davvero molto interessante e avvincente: è un po' come un Indiana Jones, ma più investigativo, a volte malato e senza frute & scazottate varie. L'ho trovato pesante solo in alcuni punti, ovvero quando iniziano le varie ipotesi storico politiche piene di nomi e riferimenti ad antichi scritti, ma per il resto la lettura è stata abbastanza scorrevole e piacevole; l'intrigo e il mistero che aleggiano in tutta la vicenda non annoiano, anzi: spingono a continuare a leggere sempre di più! Solo verso il finale il tutto lascia un po' delusi, mentre il finale in sè l'ho adorato.

    Nota negativa di tutto il libro sono le varie frasi riportate da testi antichi o dialoghi lasciati in latino, tedesco, francese, ecc. senza un minimo di traduzione

    dit a 

  • 5

    Saggia Lia
    L'apparenza superficiale del libro è predisposta per attirare gli amanti dell'esoterismo per poi aprir loro gli occhi , un libro che tratta certe cose meglio di altri , che da tante informazioni ma che è fatto per non prenderle sul serio, per portarti su un'altra via totalmente opposta ...continua

    Saggia Lia L'apparenza superficiale del libro è predisposta per attirare gli amanti dell'esoterismo per poi aprir loro gli occhi , un libro che tratta certe cose meglio di altri , che da tante informazioni ma che è fatto per non prenderle sul serio, per portarti su un'altra via totalmente opposta , la via della realtà e del suo bello, per farlo si traveste, mette tutti i colori di ciò che vuol demolire e ti attira alla lettura e poi quando ne esci sei convertito alla concretezza e alla sua "meravigliosità" ... P.S. Adoro chi parla per "interposta letteratura" ...

    dit a 

  • 0

    lettura in sospeso...troppo nozionistica e impegnativa per me al momento.
    Eco è un uomo coltissimo e ha concentrato molta della sua erudizione in questo tomo di cui sono arrivata poco oltre la metà...inoltre l'argomento trattato non mi affascina per niente e questo influisce sul piacere di legger ...continua

    lettura in sospeso...troppo nozionistica e impegnativa per me al momento. Eco è un uomo coltissimo e ha concentrato molta della sua erudizione in questo tomo di cui sono arrivata poco oltre la metà...inoltre l'argomento trattato non mi affascina per niente e questo influisce sul piacere di leggere che è scemato sino all'apatia totale.

    dit a 

Sorting by
Sorting by
Sorting by