Create your own shelf sign up

Together we find better books

[−]
  • Search Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

El país de las últimas cosas

By

Publisher: Anagrama

3.9
(816)

Language:Español | Number of Pages: 205 | Format: Paperback | In other languages: (other languages) English , German , Italian , French , Japanese , Polish

Isbn-10: 8435013448 | Isbn-13: 9788435013444 | Publish date: 

Also available as: Mass Market Paperback , Others

Category: Fiction & Literature , Science Fiction & Fantasy , Social Science

Do you like El país de las últimas cosas ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description
Anna cuenta, en una carta a su novio, enviada desde una ciudad sin nombre, lo que sucede en el pais de las ultimas cosas. Anna esta alli para buscar a su hermano William y describe una tierra en la que la busqueda de la muerte ha reemplazado a los avatares y negocios de la vida, las clinicas de eutanasia y los clubes para el asesinato florecen, mientras que los atletas y corredores no se detienen hasta caer muertos de cansancio y los saltadores se arrojan de los tejados.
Sorting by
  • 5

    Il viaggio di Anna Blume in cerca del fratello scomparso è un po’ il viaggio di un’umanità che senza valigie arriva ad estinguersi, in un paese dove tutto scompare, dove tutto perisce, dove oltre agli ...continue

    Il viaggio di Anna Blume in cerca del fratello scomparso è un po’ il viaggio di un’umanità che senza valigie arriva ad estinguersi, in un paese dove tutto scompare, dove tutto perisce, dove oltre agli oggetti a perdersi è anche la memoria di essi, delle parole stesse e delle esperienze vissute. Nel paese delle ultime cose l’apocalisse è vicina, niente più nasce e le cose muoiono con estrema rapidità. Sopravvivere e arrancare, giorno dopo giorno, nel dispotismo dei governi che si susseguono rapidi l’uno dopo l’altro; nell’egoismo d’ogni persona che ancora cammina, sorretta soltanto dai propri bisogni; nell’incapacità di scappare, perché quel che è entrata non è anche uscita.
    Anna però è tenace, in cuor suo ha il coraggio di cercare ancora, e quel che trova in questa devastazione – facendo amicizia, innamorandosi anche – è la vita nella morte. E ce la racconta in una lunga lettera senza fine.

    said on 

  • 2

    Este libro es un derroche de pesimismo y poca coherencia. Es decir, a diferencia de otras distopías famosas, como 1984, este país te resulta total y absolutamente inverosímil. Tanto su organización je ...continue

    Este libro es un derroche de pesimismo y poca coherencia. Es decir, a diferencia de otras distopías famosas, como 1984, este país te resulta total y absolutamente inverosímil. Tanto su organización jerárquica, como los estratos de su sociedad carecen de sentido. Tampoco se lo encuentras a la protagonista, narradora de la historia, que parece que se ha contagiado del mismo sentimiento.

    El autor escribe bien. Las descripciones, aunque tristes o brutales, están muy bien hechas y el libro no aburre. Aunque esto último creo que es debido más a su corta duración que a la historia en sí.

    En cuanto a los personajes, salvo Anne, la protagonista, el resto prácticamente carecen de importancia. En cualquier caso, hay que reconocer que están poco trabajados, aunque son lógicos en el contexto del libro.

    La historia ya es otra cosa. En realidad el libro no cuenta nada. Empieza y termina, pero deja al lector igual o más desconcertado de como empezó. El final es lo peor, dado a que es totalmente abierto.

    Resumiendo, es un libro corto, bien escrito pero con una historia que carece de sentido, haciendo que la novela te resulte aburrida.

    said on 

  • 0

    un romanzo che ti stringe la gola, toglie il respiro
    #azzzzo che angosciaun romanzo che non riesci ad abbandonare prima di essere arrivato alla ultima pagina.
    Ti viene in mente "la strada" di Cormac M ...continue

    un romanzo che ti stringe la gola, toglie il respiro
    #azzzzo che angosciaun romanzo che non riesci ad abbandonare prima di essere arrivato alla ultima pagina.
    Ti viene in mente "la strada" di Cormac Mc Carthy ma solo per questa atmosfera da "giorno dopo".
    "la strada" è più surreale, ambientata in uno spazio quasi mentale, oserei dire "beckettiano".
    Questo invece è molto più realistico, gli episodi sono quasi di vita quotidiana, quindi più inquietanti.
    Le perplessità vengono dopo, chiuso il libro.....forse non si capisce dove vuole arrivare se non in considerazioni abbastanza scontate e abusate,.....forse si pensa che per un grande scrittore come lui non sia stato troppo difficile scrivere questo romanzo, usare certi scenari apocalittici,.... sinceramente non so

    said on 

  • 4

    Lettura a me molto congeniale, a parte le prime pagine un po' arruffate, perché in poco riesce a dire molto e lascia lo spazio al lettore perché possa esprimere i suoi pensieri man mano che si procede ...continue

    Lettura a me molto congeniale, a parte le prime pagine un po' arruffate, perché in poco riesce a dire molto e lascia lo spazio al lettore perché possa esprimere i suoi pensieri man mano che si procede con la lettura. Anna scrive al fidanzato che sembra essere inghiottito in questa città dove per sopravvivere bisogna armarsi di forza e determinazione ma dove i sentimenti non sono assopiti perché ogni volta che una persona "vera" viene a contatto con la protagonista esce fuori tutta l'umanità che anche nei frangenti peggiori si affievolisce ma non scompare. Questo ottimismo dell'autore che pur descrivendo un mondo allo sbando è il punto di forza di questo libro, quello che ti fa vedere come in uno specchio le emozioni che si provano nel dover combattere per la sopravvivenza ma nello stesso tempo restando umani. E' un percorso dentro di noi che ho apprezzato molto.

    said on 

  • 3

    ...come urlare nel vuoto...

    "La fine è solo immaginaria, una destinazione che inventi per continuare ad andare anvanti, ma arrivi a un punto in cui ti accorgi che non vi giungerai mai. Può darsi anche che ti debba fermare, ma so ...continue

    "La fine è solo immaginaria, una destinazione che inventi per continuare ad andare anvanti, ma arrivi a un punto in cui ti accorgi che non vi giungerai mai. Può darsi anche che ti debba fermare, ma solatanto perchè è finito il tempo a tua disposizione. Ti fermi, ma questo non significa che sei arrivato alla fine."

    said on 

  • 0

    Incipit

    Queste sono le ultime cose, scriveva. A una a una scompaiono e non ritornano più.....

    http://www.incipitmania.com/incipit-per-titolo/p/nel-paese-delle-ultime-cose-paul-auster/

    said on 

  • 3

    Una scrittura man mano sempre più precisa, asciutta, tagliente. Uno scenario distopico. Un luogo desolato e desolante in cui "non c’è nulla che si spezzi tanto in fretta quanto il cuore".
    Governi che ...continue

    Una scrittura man mano sempre più precisa, asciutta, tagliente. Uno scenario distopico. Un luogo desolato e desolante in cui "non c’è nulla che si spezzi tanto in fretta quanto il cuore".
    Governi che si susseguono veloci, un colpo di Stato dietro l'altro.
    Fantasmi, Maratoneti, Ultimo Salto, Cliniche dell'Eutanasia, Club dell'Assassinio, tanti nomi per descrivere un unico inconcepibile ed umano desiderio: quello di morire per non dover più sopportare.
    Lavori degradanti e pericolosi. La fame, costantemente. Le ultime cose che, giorno dopo giorno, spariscono cadendo nell'oblio per non ritornare mai più. La speranza, ogni volta tradita.
    Non c'è possibilità di salvezza o di fuga per Anna e tutti gli abitanti di questa città.
    Si può solo cercare di sopravvivere ancora un giorno. Si può solo cercare di trovare conforto dove capita. Si può solo cercare in qualche luogo della propria coscienza il ricordo, la memoria, unica traccia di irrinunciabile umanità.
    Il paese delle ultime cose non è in nessun posto.
    Il paese delle ultime cose è ovunque.

    said on 

  • 0

    In una lunga lettera Anna Blume racconta la ricerca intrapresa per ritrovare il fratello William, giornalista scomparso mentre faceva un reportage nel “Paese delle ultime cose”, e come giunta in una c ...continue

    In una lunga lettera Anna Blume racconta la ricerca intrapresa per ritrovare il fratello William, giornalista scomparso mentre faceva un reportage nel “Paese delle ultime cose”, e come giunta in una città devastata e desolante si accorse ben presto che non sarebbe riuscita a concludere la sua missione, ne fare ritorno a casa.

    Il “Paese delle ultime cose” ricorda “visivamente” quelle ex-capitali sovietiche, dove edifici grandiosi ed immensi spazi vuoti che sembrano narrare un passato glorioso sono abbandonati lasciati a deteriorarsi, anche se in una versione più estrema post-apocalittica.
    Un governo che ha il solo intento di protrarre il proprio potere controlla con regime poliziesco e blocca tutti gli accessi al paese.
    Cittadini che come zombie vagano per le strade tra i rifiuti, recuperando oggetti da rivendere o solamente cercando la morte.
    Tutto è desolazione non c'è speranza ne ricordo del passato.
    Anche la protagonista immersa in questo limbo smarrisce le sue intenzioni e la sua memoria.
    La lettera è tutto ciò che rimane del suo estremo tentativo di fuggire dal paese e comunicare con qualcuno all'esterno.

    Auster utilizza un registro di fantascienza per parlare di disumanizzazione, consumismo, avvilimento, oblio, che solo la testimonianza/letteratura può contrastare.
    Ma il mondo rappresentato è così assurdo ed insensato che diventa difficile seguirne la metafora e ci si annoia nelle incomprensibili descrizioni.
    Scritto come un lungo resoconto con l'introduzione dell'ignoto destinatario della lettera; “scriveva” , “continuava Anna”, appaiono però solo nelle prime pagine, poi inspiegabilmente questa cornice scompare.

    Romanzo nel quale sembra sia lo stesso Auster che inseguendo un'idea abbia smarrito la forma.

    said on 

  • 2

    Avete scritto di meglio - 16 feb 14

    Sembra quasi che ogni tanto autori di rimarcata solidità trovino la voglia e la necessità di cimentarsi con qualcosa di catastrofico. Certo con risultati ed intenti diversi. Come non ricordare positiv ...continue

    Sembra quasi che ogni tanto autori di rimarcata solidità trovino la voglia e la necessità di cimentarsi con qualcosa di catastrofico. Certo con risultati ed intenti diversi. Come non ricordare positivamente “Le intermittenze della morte” di Saramago. E come non ricordare altrettanto negativamente “La strada” di McCarthy. Ecco, seppur in anni ed in contesti leggermente diversi, Auster con questo scritto mi ha riportato quei due alla mente. Ed alla fine della lettura, sempre ringraziando la mia amica Luana che me lo fece conoscere anni fa, trovo questo scritto dell’autore americano datato, carente, insomma, per me, insoddisfacente. Intanto (ed è sempre un mio pallino sottolinearlo) diffido sempre quando un maschio scrive tutto un romanzo nei panni di una donna. A meno di sensibilità particolari (e Auster, pur bravo, non vi arriva) c’è sempre qualcosa di forzato, di non lineare in questo. Certo, se l’autore si pone in terza persona riesce a presentare una panoramica di personaggi, di tutti i generi e di tutte le età. Ma scrivendo un diario (o come dice l’io narrante, una lunga lettera) nei panni di Anna Blume, il nostro Paul non mi convince. Secondo elemento di disturbo non è tanto la descrizione di cosa stia capitando “nel paese lontano”, ma questa immersione nel catastrofismo, senza nessuna transizione, senza nessuna spiegazione. Anna comincia a descriverci questo strano paese, dove si comincia a perdere la memoria delle cose, dove tutto va a scatafascio, dove si sopravvive più che si vive. E comincia con quegli elementi che dovrebbero far presa sul pubblico, elementi “di cassetta”. Tutto va male, la gente tende alla morte. Ed ecco, una cinquantina di pagine dedicate alle diverse compagnie della buona morte: i Maratoneti, i Saltatori, i Predicanti, gli Striscianti, i cultori dell’eutanasia e quelli dell’assassinio rituale. Mentre ci narra tutto ciò, apprendiamo che la nostra eroina si è recata nel paese di cui, per cercare il fratello giornalista scomparso. Fratello che, come è ovvio, non troverà mai. Dalle morti cercate, poi passa a raccontare i suoi possibili modi di vita. Prima randagia, poi spazzina (uno dei mestieri più semplici, anche se faticoso). Poi cercatrice; di cosa? Ma di quello che si può riusare e che Riciclatori comprano. In questa “ricerca della sopravvivenza”, incontra Isabel anziana signora dedita al marito Fernand, che non ci sta più con la testa. Nasce un sodalizio che resta fino alla morte (e non vi dico come) prima dell’uomo poi della donna. Anna continua a vagabondare senza arrendersi, ed incontra (sempre fortunati i cercatori…) un altro giornalista, Sam. Con il quale vive un’intensa storia d’amore. Con il quale rimane incinta. Poi, per circostanze fortuite, perde sia il bambino sia Sam. E si ritrova nella Casa gestita da Victoria. Lì dove rinasce per la terza volta, esce dal suo torpore, ed aiuta la bella Vic nella gestione di quel rifugio temporaneo per derelitti (non più di una settimana a testa, con docce, stanze e cibo, poi di nuovo in strada). Finché durano i soldi del padre di Vic. La quale si innamora, ricambiata, di Anna. Poi ritrovano (ma veramente, che c…) Sam sbandato, e rimettono in sesto pure lui. Alla fine, i soldi evaporano, Boris (uno strano tuttofare, metà ruffiano metà buon cuore) organizza la fuga in macchina dalla città. Purtroppo la carta di Anna finisce proprio in quel momento. E non sapremo come procede. La fuga, le storie, la vita. Ma che ci vuole dire Paul? Anzi, che ci voleva dire, visto che il libro ha più o meno venticinque anni sulle spalle? Che il mondo si avvia verso una brutta piega? Che le risorse finiranno, e saremmo costretti a riusare tutto? Prima la spazzatura, e poi i morti? Non vorrei illudere il caro scrittore, ma ci sono libri di fantascienza “pura” che ne parlano e con più efficacia e cattiveria. Ci sono anche romanzi che ne parlano meglio. Ed allora? Un viaggio di dannati nel girone dell’inferno? Povero Dante che si rivolta nella tomba. L’unico punto a favore di Auster è il fatto che dopo cinque pagine mi sembrava un libro insopportabile. E tuttavia è riuscito a tenermi sulla pagina fino alla fine. Non che mi sia piaciuto, ripeto. Ma volevo vederne le consequenzialità. E le “Invenzioni”. Purtroppo, oltre alla bella scrittura, niente che mi abbia riportato alla bellezza della “Trilogia di New York”. Peccato.
    “Le nostre vite altro non sono che la somma di molteplici contingenze, e non importa quanto possano essere diverse nei dettagli, condividono tutte un’essenziale casualità nel loro disegno.” (129)

    said on 

Sorting by