Create your own shelf sign up

Together we find better books

[−]
  • Search Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

El pasillo de la muerte, Parte 3

Las manos de Coffey

By

Publisher: Plaza & Janes Editores

4.5
(620)

Language:Español | Number of Pages: | Format: Paperback | In other languages: (other languages) English , Italian , German , French , Japanese , Dutch

Isbn-10: 9879909984 | Isbn-13: 9789879909980 | Publish date: 

Category: Fiction & Literature , Mystery & Thrillers , Science Fiction & Fantasy

Do you like El pasillo de la muerte, Parte 3 ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description
En el mundo de la penitenciaría de los condenados a muerte, Stephen King disecciona en profundidad la inquietante y compleja relación entre los prisioneros y el carcelero. ¿ Quién es realmente John Coffe, el condenado, y que terribles efectos ejercerá en la vida de los carceleros.
Sorting by
  • 5

    Nello scorso episodio, Stephen King aveva lasciato intendere che un piccolo topo addomesticato da Delacroix, un caijun condannato a morte in attesa di esecuzione nel penitenziario di Could Mountain, e da lui chiamato mister Jingles, avrebbe avuto un ruolo importante nello sviluppo della vicenda. ...continue

    Nello scorso episodio, Stephen King aveva lasciato intendere che un piccolo topo addomesticato da Delacroix, un caijun condannato a morte in attesa di esecuzione nel penitenziario di Could Mountain, e da lui chiamato mister Jingles, avrebbe avuto un ruolo importante nello sviluppo della vicenda. Sembrava anche di capire che non fosse un topo del tutto normale. Ma ecco che, inaspettatamente, il roditore viene fatto secco proprio nell' ultima pagina di questa terza puntata del racconto: a schiacciarlo sotto il tallone è Percy Wetmore, il più odioso fra i secondini di Could Mountain. A questo punto è assolutamente indispensabile leggere il seguito, per scoprire quali conseguenze potrà avere un gesto così crudele sull'esecuzione dello stesso Delacroix, prevista per il giorno successivo, con Percy in persona incaricato di legare il condannato su Old Sparky, la "vecchia scintillante", la sedia elettrica. Ma nessuno che sarà giunto fin qui potrà fare a meno di leggere il seguito anche perché sono parecchie ormai le vicende umane che si intersecano: quella dell'io narrante, innanzitutto, Paul Edgecombe, afflitto da una grave infezione alle vie urinarie che ha fatto soffrire il lettore per due puntate e mezzo, e che a un certo punto viene improvvisamente guarito dalle mani di John Coffey imposte su di lui quasi come in una seduta dal pranoterapista. E appunto quella di Coffey, sul cui passato Edgecombe comincia a indagare, spingendosi a interrogare i testimoni dell'orribile duplice delitto di cui si sarebbe macchiato, quello di due bambini gemelle. E poi il cancro al cervello della moglie del direttore del carcere; la follia di Bill Warthon, un altro condannato in attesa di esecuzione; il destino di Delacroix. Il diabolico Stephen King rende interessante persino la cornice, cioè i piccoli avvenimenti del presente di Edgecombe, che scrive il suo resoconto in una squallida casa di riposo e intesse una affettuosa e tenera amicizia con una ottantenne sua coetanea.

    said on 

  • 5

    Nel penitenziario di Cold Mountain, lungo lo stretto corridoio di celle noto come "Il Miglio verde", i detenuti come lo psicopatico "Billy the Kid" Wharton o il demoniaco Eduard Delacroix aspettano di morire sulla sedia elettrica, sorvegliati a vista dalle guardie. Ma nessuno riesce a decifrare l ...continue

    Nel penitenziario di Cold Mountain, lungo lo stretto corridoio di celle noto come "Il Miglio verde", i detenuti come lo psicopatico "Billy the Kid" Wharton o il demoniaco Eduard Delacroix aspettano di morire sulla sedia elettrica, sorvegliati a vista dalle guardie. Ma nessuno riesce a decifrare l'enigmatico sguardo di John Coffey, un nero gigantesco condannato a morte per aver violentato e ucciso due bambine. Coffey è un mostro dalle sembianze umane o un essere in qualche modo diverso da tutti gli altri?

    said on 

  • 5

    3.

    In questa parte conosciamo la magia di Coffey, la bravura di Mr Jingles, la malattia della moglie del direttore, l'umanità dei custodi del miglio, la follia di Wharton. Da incredibile tessitore di suspance, King termina lasciandoci in sospeso per la morte di Mr Jingles.

    said on 

  • 5

    Il King migliore secondo me è quello del surreale, della "magia", più che del sangue e dei vampiri. Al tempo contavo i giorni che mancavano all'uscita del capitolo successivo! Storia piacevolissima e piena di personaggi positivi. Per chi ha visto solo il film sarà interessante leggere anche il li ...continue

    Il King migliore secondo me è quello del surreale, della "magia", più che del sangue e dei vampiri. Al tempo contavo i giorni che mancavano all'uscita del capitolo successivo! Storia piacevolissima e piena di personaggi positivi. Per chi ha visto solo il film sarà interessante leggere anche il libro.

    said on 

  • 5

    Bellissimo racconto che ho avuto modo di leggere nella pubblicazione settimanale.
    Grande storia, devo dire degnamente riprodotta sul grande schermo.

    said on 

  • 3

    Il miracolo con le parvenze di un gigante condannato alla pena capitale per omicidio e stupro...abbinata veramente riuscita senza essere blasfemi.

    said on 

  • 4

    "Che bello! Un romanzo breve di Stephen King! Mai visto un suo romanzo così breve! Me lo leggo subito!". Solo dopo un pò mi sono accorto che è la terza di sei parti de "Il miglio verde". :)

    said on 

  • 4

    A powerful, disturbing story which tackles such weighty issues as racism, the death penalty, justice, grace, love and even old age with style and penache

    said on