Create your own shelf sign up

Together we find better books

[−]
  • Search Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

El perfume

Historia de un asesino

By

Publisher: Seix Barral

4.1
(20500)

Language:Español | Number of Pages: 239 | Format: Paperback | In other languages: (other languages) English , Chi traditional , Chi simplified , Portuguese , German , Catalan , French , Japanese , Russian , Italian , Dutch , Polish , Swedish , Turkish , Romanian , Greek , Indonesian , Basque , Hungarian , Czech

Isbn-10: 8432205311 | Isbn-13: 9788432205316 | Publish date: 

Translator: Pilar Giralt Gorina

Also available as: Mass Market Paperback , Hardcover , Others , Softcover and Stapled

Category: Crime , Fiction & Literature , Mystery & Thrillers

Do you like El perfume ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description
El perfume es la revelación de un narrador de primer orden. En la Francia del siglo XVIII, desde el convento que lo acoge lactante hasta el cementerio donde conoce su funesta apoteosis final, la vida del perfumista y asesino de muchachas Jean-Baptiste Grenouille nos propone, a la vez que una sección transversal de una sociedad secretamente resquebrajada, un descenso a los más turbadores abismos del espíritu humano. Fantasmagoría alucinante y obsesiva, al tiempo que cuadro impar de una época El perfume es una de las principales novelas de los últimos tiempos.
Sorting by
  • 4

    Un romanzo estremamente particolare, forse l'unico che fino ad ora mi abbia coinvolto cosí tanto fisicamente. Il mio olfatto è stato costantemente stimolato grazie alle accurate e numerose descrizioni ...continue

    Un romanzo estremamente particolare, forse l'unico che fino ad ora mi abbia coinvolto cosí tanto fisicamente. Il mio olfatto è stato costantemente stimolato grazie alle accurate e numerose descrizioni presenti nel libro. Dall'altro lato però, mi sono sentita poco coinvolta emotivamente nonostante il personaggio di Grenouille sia stato per me estremamente affascinante. In conclusione lo consiglio, è scorrevole, affatto noioso e tremendamente vivo. Voto 8 e mezzo.

    said on 

  • 4

    Diversi anni fa vidi il film tratto da questo romanzo: mi piacque, ma non al punto da leggere anche la versione cartacea. La storia mi era parsa grottesca e tutto sommato priva di interesse, al di là ...continue

    Diversi anni fa vidi il film tratto da questo romanzo: mi piacque, ma non al punto da leggere anche la versione cartacea. La storia mi era parsa grottesca e tutto sommato priva di interesse, al di là di quello suscitato da un paio d'ore di film.
    E invece, inaspettatamente, mi è piaciuto!
    La vicenda resta grottesca (il film era in questo molto fedele) ma ci sono alcuni suoi aspetti impossibili da rendere su pellicola, uno su tutti la questione degli odori. Suskind (che dev'essere un po' matto, come si fa ad avere un'idea del genere?? xD) ci racconta la storia di un uomo senza odore che tuttavia conosce gli odori come nessun altro al mondo, e comprende l'enorme e incontrollabile potere che essi esercitano sulle persone. Per me che ho l'olfatto poco sviluppato(credo sia il senso che uso meno in assoluto) è stata una vera scoperta! Il protagonista, con la sua assenza di moralità che definirei patologica (anche se compie atti efferati non si può parlare di cattiveria da parte sua, tanta è la sua inconsapevolezza e incapacità di padroneggiare tutto ciò che non riguardi gli odori, sentimenti compresi) è forse unico nella letteratura. Un romanzo bello e particolare, sicuramente.

    said on 

  • 3

    Troppo grottesco.... mi ha fatto pensare al film "Arancia meccanica" non per analogie di contenuti ma per l'originalità della storia e la truculenza della stessa.... Alla fin fine in molte pagine m ...continue

    Troppo grottesco.... mi ha fatto pensare al film "Arancia meccanica" non per analogie di contenuti ma per l'originalità della storia e la truculenza della stessa.... Alla fin fine in molte pagine mi è sembrato ripetitivo... Comunque molto bella la descrizione della nascita del protagonista, della sua infanzia .... e poi.... il gran finale !!!

    said on 

  • 5

    Scentless Apprentice

    Basti questo: che i Nirvana ne hanno scritto una canzone sul ragazzaccio che era senza odore, e poi parliamo del libro. Un libro che a molti non dice assolutamente nulla, mentre per me è uno tra i più ...continue

    Basti questo: che i Nirvana ne hanno scritto una canzone sul ragazzaccio che era senza odore, e poi parliamo del libro. Un libro che a molti non dice assolutamente nulla, mentre per me è uno tra i più bei libri che abbia mai letto: caotico, disordinato, ed anche blasfemo (la scena finale è una sorta di comunione con gli altri, quelli che di cui non sopporta neancher l'odore, ma da cui....). La cosa strana che il signor Süskind non abbia scritto cose di questo livello, è stato il suo picco massimo. un libro che ho letto e riletto almeno quatro o cinque volte ed ogni volta mi emoziona.
    un consiglio: dimenticate che esiste un film, e fatevi attrarre dal suo odore

    said on 

  • 4

    Una storia strana quella che ci racconta Suskind, e nonostante non sia il mio solito genere, nonostante non sia un romanzo che mi abbia preso il cuore come vado solitamente cercando devo dire che mi è ...continue

    Una storia strana quella che ci racconta Suskind, e nonostante non sia il mio solito genere, nonostante non sia un romanzo che mi abbia preso il cuore come vado solitamente cercando devo dire che mi è piaciuto, un racconto davvero geniale, unico nel suo genere.
    E' la storia di un uomo nato senza nessun odore ma dotato di un grandissimo senso olfattivo e della sua disperata ricerca di un profumo che lo identificasse, che lo facesse sentire vivo, e usa ogni mezzo per arrivare a creare questo “profumo perfetto”..
    Ma in fondo lui cercava solo di esistere agli occhi degli altri, di arrivare al cuore delle persone ed essere amato, un po' quello che stiamo cercando tutti...
    "..gli uomini potevano chiudere gli occhi davanti alla grandezza, davanti all’orrore, e turarsi le orecchie davanti a melodie o a parole seducenti. Ma non potevano sottrarsi al profumo. Poiché il profumo è fratello del respiro. Con esso penetrava gli uomini, a esso non potevano resistere, se volevano vivere. E il profumo scendeva in loro, direttamente al cuore e la distingueva categoricamente la simpatia dal disprezzo, il disgusto dal piacere, l’amore dall’odio. Colui che dominava gli odori, dominava il cuore degli uomini."
    Ma una cosa non riusciva a fare il grande potere di questo profumo: trasformarlo in una persona capace di amare..
    Una storia intensa, piena di profumi e odori di ogni genere e, mentre lo leggevo sembravano uscire dalle pagine, a volte mi hanno fatto veramente arricciare il naso dal disgusto, altre volte invece sentivo un piacevolissimo profumo di fiori avvolgermi come una nuvola..

    Scritto il 11 Set 2010

    said on 

  • 2

    Morboso.

    Trasuda compiacimento a ogni pagina. Quando non si compiace, neanche lui crede agli eccessi che descrive, sfiorando il ridicolo.
    Forse potevano essere anche tre stelline, ma oggi sono cattivissima. Po ...continue

    Trasuda compiacimento a ogni pagina. Quando non si compiace, neanche lui crede agli eccessi che descrive, sfiorando il ridicolo.
    Forse potevano essere anche tre stelline, ma oggi sono cattivissima. Pollice giù.

    said on 

  • 1

    Un vero strazio

    Il libro divide perchè è troppo ambizioso già nel modo di narrare, è artefatto, ripetitivo e di cattivo gusto. " Colui che domina gli odori, domina il cuore degli uomini" Beh, e allora??? Tutte quell ...continue

    Il libro divide perchè è troppo ambizioso già nel modo di narrare, è artefatto, ripetitivo e di cattivo gusto. " Colui che domina gli odori, domina il cuore degli uomini" Beh, e allora??? Tutte quelle povere ragazze ammazzate.... Mah... Una noia mortale

    said on 

  • 3

    Macabro e accattivante...

    Un libro che può togliere il sonno a chi lo legge...
    Se la fantasia dell'autore si calasse nella realtà susciterebbe terrore..
    Con uno stile elegante e scorrevole lo scrittore traccia il profilo psico ...continue

    Un libro che può togliere il sonno a chi lo legge...
    Se la fantasia dell'autore si calasse nella realtà susciterebbe terrore..
    Con uno stile elegante e scorrevole lo scrittore traccia il profilo psicologico di un serial killer dopo averne raccontato l'infanzia quasi per provocare nel lettore uno stralcio di pietà e simpatia per l'assassino...
    Man mano che la storia si snoda l'interesse aumenta e conduce il lettore in un intreccio che lo tiene in sospeso fino all'ultimo respiro.
    Un libro che sa sconvolgere e accattivare allo stesso tempo.
    Complimenti all'autore.
    Saluti.
    Ginseng666

    said on 

  • 3

    Non fate il mio stesso errore: non guardate il film prima di leggere il romanzo. Questo è uno dei rari casi in cui la versione cinematografica è migliore e più avvincente del romanzo da cui è tratta. ...continue

    Non fate il mio stesso errore: non guardate il film prima di leggere il romanzo. Questo è uno dei rari casi in cui la versione cinematografica è migliore e più avvincente del romanzo da cui è tratta. Il rischio è di aspettarsi altrimenti una storia di omicidi, la storia di un assassino come suggerisce il sottotitolo del film: nel romanzo però i crimini sono confinati alle ultime pagine e la ricerca dell'ultima vittima, l'unica adatta a creare il profumo dell'amore che catturi gli uomini, è priva di suspence. Il romanzo merita tuttavia di essere letto per le splendide descrizioni olfattive, in cui gli odori rappresentano l'anima delle cose e delle persone - e non a caso il protagonista di odori non ne ha; il mondo descritto non con gli occhi, ma con il naso, conferisce singolarità alla narrazione che, tuttavia, in alcuni punti è davvero piatta e monotona.

    said on 

  • 2

    sopravvalutato. surestimé. overestimated. na mezza sòla.

    inserito al volo sulla scia di un vivace scambio di pareri via wazzup, a proposito di indici di gradimento troppo generosi. leggi sopravvalutazioni. due segnalazioni a testa, e mi hanno già soffiato b ...continue

    inserito al volo sulla scia di un vivace scambio di pareri via wazzup, a proposito di indici di gradimento troppo generosi. leggi sopravvalutazioni. due segnalazioni a testa, e mi hanno già soffiato baricco (vabbè banalissimo), paulo coelho, il cinema di haneke (e qui non sono del tutto d'accordo) nonché la pizza con la bufala.
    al mio turno cito audrey hepburn -"credo che il sesso sia sopravvalutato" (l'ha detto, l'ha detto. nel 1951) - ma riservandomi di dissentire, e il drakkar noir che ci ammorbava nei lenti alle feste degli anni 80. e qui, parlando di profumi, mi sovviene il libro di süskind, tormentone che ha raccolto giudizi apologetici e del quale pensavo chissachè finché non l'ho letto. una scrittura pesantissima, e non credo solo per colpa della traduzione. e poi, nonostante l'idea originale, una noia una barba una noia ma con aggiunta di patina ansiogena. due stelle e mezzo proprio a essere generosi. nel gioco di whatsapp non lo potevo più inserire, ma qui gli tocca.

    said on 

Sorting by
Sorting by