Create your own shelf sign up

Together we find better books

[−]
  • Search Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

El policia que ríe

By ,

Publisher: RBA Libros, S.A.

4.0
(516)

Language:Español | Number of Pages: 287 | Format: Paperback | In other languages: (other languages) Chi traditional , English , Italian , Chi simplified , German , Dutch

Isbn-10: 8498673941 | Isbn-13: 9788498673944 | Publish date:  | Edition 1

Also available as: Softcover and Stapled

Category: Crime , Fiction & Literature , Mystery & Thrillers

Do you like El policia que ríe ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description
Originalmente publicado en Suecia en 1968, El policía que ríe tiene como escenario Estocolmo, en medio de las protestas antiamericanas. Una borrascosa noche de noviembre, alguien dispara a ocho personas y al conductor dentro de un autobús. Pronto se supone que se trata de un asesinato múltiple. ¿Pero es coincidencia que uno de los muertos sea un policía fuera de servicio? ¿Estaba en el lugar equivocado en el momento equivocado? ¿O llegó a seguir tan de cerca al asesino, que al final éste le dio caza?
Sorting by
  • 5

    Chapeau !

    Poco da dire: un noir perfetto.


    Rigorosa la ricostruzione quasi giornalistica, calibrati i personaggi, complessa ma ben dispiegata la serie di eventi e di figure che costituisce la struttura del romanzo.


    Atmosfere e luoghi sullo sfondo, com'è giusto vista la chiara intenzione degli ...continue

    Poco da dire: un noir perfetto.

    Rigorosa la ricostruzione quasi giornalistica, calibrati i personaggi, complessa ma ben dispiegata la serie di eventi e di figure che costituisce la struttura del romanzo.

    Atmosfere e luoghi sullo sfondo, com'è giusto vista la chiara intenzione degli autori di tenere in primo piano i personaggi.

    Se proprio si cercasse il pelo nell'uovo, si potrebbe dire che il colpevole appare un pò troppo lucido nello showdown finale, come se le conseguenze che lo aspettano non lo riguardassero e volesse starsene solo tranquillo . Al traduttore si potrebbero rimproverare alcuni vezzi come l'uso insistito e un pò fanè del pronome "egli".

    said on 

  • 4

    bravi

    non riesci a staccarti. Gli altri commentatori hanno già detto tutto: però aspettare quasi 50 anni a pubblicarlo in Italia!, con tutto il ciarpame che circola!

    said on 

  • 0

    Quarto episodio, in ordine di pubblicazione (1968), delle investigazioni dell'ispettore Beck.


    Personalmente lo ritengo uno dei migliori dell'intera serie: un poliziesco classico, in cui il tema predominante è l'indagine lenta e metodica condotta dalle forze di polizia, in cui ...continue

    Quarto episodio, in ordine di pubblicazione (1968), delle investigazioni dell'ispettore Beck.

    Personalmente lo ritengo uno dei migliori dell'intera serie: un poliziesco classico, in cui il tema predominante è l'indagine lenta e metodica condotta dalle forze di polizia, in cui il ruolo, che in altri romanzi occupano le brillanti intuizioni e le elaborate deduzioni, qui viene rivestito dal paziente esame dei dettagli, dalla caparbietà nel ricercare collegamenti e nel riesumare storie passate.
    Indagine in cui colpi di fortuna ed intelligenti collegamenti sono resi possibili da un lungo lavoro preparatorio di ricerca ed analisi.

    Inoltre, qui comincia ad affiorare quella vena di contestazione della società e dello stato svedese e di critica della degenerazione autoritaria di parte della polizia svedese che contraddistinguerà molti altri romanzi della serie.

    Decisamente eccellente: duecento e passa pagine che catturano l'attenzione e non mollano il lettore nemmeno nei passaggi più lenti e privi di colpi di scena.

    said on 

  • 4

    Un pullman inglese a Stoccolma - IV Indagine per Martin Beck

    Molto carino; quarto romanzo della coppia svedese, dopo un viaggio la scorsa estate a Stoccolma l'ho apprezzato in modo particolare. La minuziosa descrizione dei luoghi, i nomi delle strade e delle fermate della metropolitana, pare di essere lì in città. Tutto ciò è parte dell'inchiesta, come di ...continue

    Molto carino; quarto romanzo della coppia svedese, dopo un viaggio la scorsa estate a Stoccolma l'ho apprezzato in modo particolare. La minuziosa descrizione dei luoghi, i nomi delle strade e delle fermate della metropolitana, pare di essere lì in città. Tutto ciò è parte dell'inchiesta, come di consueto descritta in maniera minuziosa, con i suoi (apparenti) tempi morti di raccolta di notizie ancora affastellate.
    Lo sguardo degli autori sulla società e la morale scandinava è, come sempre, originale. Una frase soprattutto, quando il collega del commissario Beck deve andare a trovare la giovane e carina vedova del poliziotto da poco assassinato, passa prima da casa e, senza mezzi termini, domanda alla giovane moglie: spogliati; e lei, immediatamente consapevole e complice: Ti serve un vaccino prima della visita?

    said on 

  • 4

    7

    Novela muy entretenida,donde el caso policial es muy complicado al igual que original.La Comisaria y los personajes del libro estan muy logrados dando la sensacion de avanzar caoticamente hacia la resolucion del caso.
    Un poco floja la resolucion para mi gusto, pero sin duda recomendable.

    ...continue

    Novela muy entretenida,donde el caso policial es muy complicado al igual que original.La Comisaria y los personajes del libro estan muy logrados dando la sensacion de avanzar caoticamente hacia la resolucion del caso.
    Un poco floja la resolucion para mi gusto, pero sin duda recomendable.

    said on 

  • 4

    E se ti capita di incontrare il nostro poliziotto che ride allora dagli una corona in segno di gradimento

    Su un autobus di notte avviene una strage di passeggeri, tra loro un giovane poliziotto.
    Un delitto rimasto senza risposte mette Martin Beck e la sua squadra investigativa sulle tracce che il loro giovane collega stava seguendo.
    In un crescendo di scoperte, gli scrittori creano e dipa ...continue

    Su un autobus di notte avviene una strage di passeggeri, tra loro un giovane poliziotto.
    Un delitto rimasto senza risposte mette Martin Beck e la sua squadra investigativa sulle tracce che il loro giovane collega stava seguendo.
    In un crescendo di scoperte, gli scrittori creano e dipanano una storia che non ti lascia prendere fiato fino all'ultima pagina.

    Colpo di fulmine con questa copia di autori di gialli/polizieschi svedesi e della figura dell'ispettore Martin Beck, dalla personalità mutevole e umana.
    Scritto nel 1968, fin dalle prime pagine mi sono resa conto del fascino che esercitava e sono stata rapita dallo stile di scrittura, dalla trama, dalla fluidità, dai personaggi così umani e normali, così fragili e veri.
    Continuerò a leggere questa copia, partendo dal primo, "Roseanna" che sono già riuscita a reperire.
    E' un noir di classe, con un ottima ricostruzione dei personaggi e degli ambienti.
    Buona la prima!

    said on 

  • 4

    La sera del 13 novembre a Stoccolma pioveva a dirotto. Martin Beck e Kollberg erano impegnati in una partita a scacchi nell'appartamento di quest'ultimo, non lontano dalla stazione della metropolitana di Skrmarbrink, nell'hinterland meridionale. Entrambi era-no liberi, nel senso che negli ulti ...continue

    La sera del 13 novembre a Stoccolma pioveva a dirotto. Martin Beck e Kollberg erano impegnati in una partita a scacchi nell'appartamento di quest'ultimo, non lontano dalla stazione della metropolitana di Skrmarbrink, nell'hinterland meridionale. Entrambi era-no liberi, nel senso che negli ultimi giorni non era accaduto nulla di particolare.
    Martin Beck era un pessimo scacchista, ma giocava lo stesso. Kollberg aveva una figlia che da poco aveva compiuto due mesi. In quella particolare serata era costretto a fare il baby-sitter, e Martin Beck, d'altra parte, non aveva una gran voglia di rincasare prima che fosse assolutamente necessario. Il tempo era orrendo. Potenti scrosci di pioggia sferzavano i tetti delle case e tamburellavano sui vetri; le strade erano pressoché deserte, popolate solo da rari individui, che probabilmente avevano gravi motivi per trovarsi in giro in quelle condizioni.

    said on 

  • 4

    è un giallo?....uhmm...sì, è un giallo ma può passare come romanzo, una stoccolma per noi impensabile tranne che per l'orrore di ultima cronaca...scritto bene,alcuni protagonisti-situazioni hanno il retrogusto della Vargas quindi...vale la pena

    said on 

  • 4

    E' un peccato che non abbia cominciato dal primo della serie. Dovrò tornare indietro. I personaggi sono mitici e hanno uno spessore eccezionale. La trama è ben costruita e si arriva alla soluzione insieme ai personaggi, con i loro ritmi e le loro personalità. In modo per niente scontato. Un livel ...continue

    E' un peccato che non abbia cominciato dal primo della serie. Dovrò tornare indietro. I personaggi sono mitici e hanno uno spessore eccezionale. La trama è ben costruita e si arriva alla soluzione insieme ai personaggi, con i loro ritmi e le loro personalità. In modo per niente scontato. Un livello così alto che travalica il genere.

    said on 

Sorting by