Create your own shelf sign up

Together we find better books

[−]
  • Search Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

El sendero de los nidos de araña

By

Publisher: Círculo de Lectores

3.9
(8866)

Language:Español | Number of Pages: 230 | Format: Hardcover | In other languages: (other languages) Chi traditional , English , Italian , German , French , Polish

Isbn-10: 8422639068 | Isbn-13: 9788422639060 | Publish date: 

Also available as: Paperback , Others

Category: Fiction & Literature , History , Political

Do you like El sendero de los nidos de araña ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description
En plena segunda guerra mundial, en una Italia devastada por los enfrentamientos entre la Resistencia y los nazifascistas, Pin, un pícaro y precoz jovenzuelo, se ocupa de buscar clientes para su hermana, que ejerce de prostituta. Una historia divertida y conmovedora. Una visión tragicómica de los hombres abocados a su mayor desvarío: la guerra. La primera novela de un escritor fundamental de nuestro tiempo.
Sorting by
  • 0

    Un bambino alle prese con al Resistenza

    E' triste essere come Pin: "un bambino nel mondo dei grandi, sempre un bambino, trattato dai grandi come qualcosa di divertente e di noioso; e non poter usare quelle loro cose misteriose ed eccitanti, armi e donne, non potere far mai parte dei loro giochi". Con queste parole Calvino descrive il p ...continue

    E' triste essere come Pin: "un bambino nel mondo dei grandi, sempre un bambino, trattato dai grandi come qualcosa di divertente e di noioso; e non poter usare quelle loro cose misteriose ed eccitanti, armi e donne, non potere far mai parte dei loro giochi". Con queste parole Calvino descrive il protagonista del romanzo, Pin, che a dispetto della sua giovanissima età si trova invischiato in situazioni che poco hanno a che vedere con l'infanzia (la guerra, la Resistenza, i pestaggi, la morte violenta). Un ragazzino prematuramente cresciuto che agogna di essere adulto, salvo poi rimpiangere della propria età i giochi, lo scherzo, la spensieratezza. E' un romanzo che tocca il cuore e offre uno spaccato della storia d'Italia attraverso gli occhi, non tanto innocenti, di un piccolo uomo.

    said on 

  • 0

    Adoro Calvino

    Calvino ha accompagnato le mie letture sin dall'adolescenza e gliene sono grata.sono grata anche per aver scritto questo capolavoro :uno sguardo rivolto al mondo degli adulti,sconvolto dalla guerra è uno sguardo rivolto all'infanzia rubata di Pin.La sua bravura sta in questo:descrivere il dolore, ...continue

    Calvino ha accompagnato le mie letture sin dall'adolescenza e gliene sono grata.sono grata anche per aver scritto questo capolavoro :uno sguardo rivolto al mondo degli adulti,sconvolto dalla guerra è uno sguardo rivolto all'infanzia rubata di Pin.La sua bravura sta in questo:descrivere il dolore,le miserie di uomini adulti attraverso gli occhi di un bambino che non lo e'mai stato.

    said on 

  • 4

    Mondoboia

    "I tedeschi sono peggio delle guardie municipali. Con le guardie, se non altro, ci si poteva mettere a scherzare, dire: – Se mi lasciate libero vi faccio andare a letto gratis con mia sorella.
    Invece i tedeschi non capiscono quello che si dice, i fascisti sono gente sconosciuta, gente che n ...continue

    "I tedeschi sono peggio delle guardie municipali. Con le guardie, se non altro, ci si poteva mettere a scherzare, dire: – Se mi lasciate libero vi faccio andare a letto gratis con mia sorella.
    Invece i tedeschi non capiscono quello che si dice, i fascisti sono gente sconosciuta, gente che non sa nemmeno chi è la sorella di Pin. Sono due razze speciali: quanto i tedeschi sono rossicci, carnosi, imberbi, tanto i fascisti sono neri ossuti, con le facce bluastre e i baffi da topo." […]
    È triste essere come Pin, “un bambino nel mondo dei grandi, sempre un bambino, trattato dai grandi come qualcosa di divertente e di noioso; e non poter usare quelle loro cose misteriose ed eccitanti, armi e donne, non potere far mai parte dei loro giochi”.
    Pin è una piccola canaglia, canticchia canzonette per i carruggi e ama scimmiottare i grandi, ma si ritrova ben presto in un ginepraio e finisce malmenato e solo. Pin girovaga tra scoscesi sentieri e gerbidi campi con gli occhi gonfi di lacrime, quelle dell’abbandono, lui che avrebbe così tanto bisogno di un vero amico al quale poter mostrare il posto dove i ragni fanno il nido, che solo lui conosce.

    said on 

  • 3

    Il sentiero dei nidi di ragno è una storia della Resistenza, esperienza alla quale Calvino prese parte personalmente, come moltissimi uomini e donne del suo pubblico; chi non aveva partecipato al movimento, aveva comunque vissuto la guerra civile che si era determinata dopo l'8 settembre e ...continue

    Il sentiero dei nidi di ragno è una storia della Resistenza, esperienza alla quale Calvino prese parte personalmente, come moltissimi uomini e donne del suo pubblico; chi non aveva partecipato al movimento, aveva comunque vissuto la guerra civile che si era determinata dopo l'8 settembre e, per l'autore, il confronto con questa tematica non fu facile e richiese l'adozione di una prospettiva che rendesse più facile raccontare: di qui la scelta di rendere protagonista Pin, un ragazzino di dieci anni che, da ladruncolo di quartiere, diventa, attraverso il contatto con i partigiani, la loro lotta, le loro debolezze e i loro difetti, consapevole del vero valore della ribellione.
    http://athenaenoctua2013.blogspot.it/2014/12/il-sentiero-dei-nidi-di-ragno-calvino.html

    said on 

  • 2

    Sopravvalutato

    Libro con molte contraddizioni, a volte noioso, altre volte irritante, qualche volta molto interessante, in particolare l'analisi delle diverse motivazioni che hanno portato molti italiani fra le file dei partigiani per combattere tedeschi e fascisti. In ogni caso fa pensare che, prima di riuscir ...continue

    Libro con molte contraddizioni, a volte noioso, altre volte irritante, qualche volta molto interessante, in particolare l'analisi delle diverse motivazioni che hanno portato molti italiani fra le file dei partigiani per combattere tedeschi e fascisti. In ogni caso fa pensare che, prima di riuscire a leggere un testo di 148 pagine, sia necessario guadarne 64 di Prefazione (scritta dallo stesso Calvino) e di cronologia della sua vita artistica, con un'aggiunta di una Postfazione di 4 pagine di Cesare Pavese.

    said on 

  • 4

    Ma.

    C'è da dire che se ci sono dei libri che io in genere evito di leggere sono quelli scritti da autori italiani del '900 e quelli che parlano della seconda guerra mondiale. Eppure ho deciso, su consiglio della mia professoressa di italiano di leggere Il sentiero dei nidi di ragno e sono stata veram ...continue

    C'è da dire che se ci sono dei libri che io in genere evito di leggere sono quelli scritti da autori italiani del '900 e quelli che parlano della seconda guerra mondiale. Eppure ho deciso, su consiglio della mia professoressa di italiano di leggere Il sentiero dei nidi di ragno e sono stata veramente contenta di averlo fatto perché ho scoperto in Calvino un autore meraviglioso e in questo libro qualcosa di speciale. Pin è uno di quei protagonisti irritanti, eppure mi ha fatto tenerezza, la storia dei partigiani è una di quelle cose che mi annoiano, eppure questa mi ha esaltato e turbato. Insomma. È un libro che consiglierei a tutti, Calvino è un autore speciale e merita di essere letto.

    said on 

  • 4

    Un ottimo inizio

    Ho macinato parecchia letteratura sulla guerra civile italiana e credo che Il Sentiero sarebbe il libro perfetto da consigliare a chi si approccia per la prima volta all'argomento. L'ottimo inizio per un lettore, e anche per l'autore.

    said on 

  • 4

    E così [lei] e [lui] si sono buttati nella pentola con dentro i pop corn, ma non sono morti. Hanno rimbalzato e si sono ritrovati dall'altra parte del tavolo. Dev/essere successo qualcosa di assurdo, ha pensato [lui], come mai non siamo morti? Eppure non abbiamo sbagliato niente, com/è successo? ...continue

    E così [lei] e [lui] si sono buttati nella pentola con dentro i pop corn, ma non sono morti. Hanno rimbalzato e si sono ritrovati dall'altra parte del tavolo. Dev/essere successo qualcosa di assurdo, ha pensato [lui], come mai non siamo morti? Eppure non abbiamo sbagliato niente, com/è successo? [lei] gli è salita sule spalle di nuovo e gli ha detto non ti preoccupare, siamo pur sempre su un tavolo possiamo morire quando vogliamo. Ok, ha detto [lui], ma adesso che facciamo?, e poi io volevo morire mangiando pop corn, perché cazzo non posso morire mangiando i pop corn? Adesso non fare l/agnellino, ha detto [lei], forse dovremmo cogliere l/occasione e proseguire e vedere cosa c/è più avanti. Non lo so, dice [lui] guardando verso destra. Il solito negativo, dice [lei], piantala. Va bene, dice [lui], la pianto, ma tu rimanimi vicina. Ci provo, dice [lei], ma tu non lanciarmi troppo forte. E così [lei] e [lui] hanno ripreso a camminare. [lui] sembra stanco, aveva proprio voglia di morire, [lei] sembra invece più risoluta, per [lei] il tentativo di suicidio è già dimenticato, forse questo perché [lei] è molto più piccola di [lui] e non tiene ancora traccia del passato. Camminano, [lei] sopra [lui], non parlano ma per loro il silenzio non è un problema. Poi [lui] sente un fruscio arrivare dalla sua destra. Non può girarsi e chiede a [lei] se sente la stessa cosa. [lei] dice di sì e propone di fermarsi. Appena in tempo, il fruscio si fa rapidamente più forte e un coltello passa roteando davanti ai loro occhi increduli. Alla vista del coltello, [lei] ricorda improvvisamente il tentativo di suicidio e lo dice a [lui]. Questa è proprio una buona occasione per morire, dice [lei], vero? E [lui] alza gli occhi verso di [lei] e le chiede, morire?, ma di cosa stai parlando? Ah, fa [lei], pensavo di essere io quella piccola, ma tu non scherzi mica. E per un po/ [lei] e [lui] rimangono in silenzio, fermi, a vedere coltelli roteanti sfilare velocemente davanti ai loro occhi.

    said on 

  • 4

    "I sogni dei partigiani sono rari e corti, sogni nati dalle notti di fame, legati alla storia del cibo sempre poco e da dividere in molti: sogni di pezzi di pane morsicati e poi chiusi in un cassetto."

    Pin è un bambino orfano, antipatico, dispettoso, senza amici della sua età, che vive con una sorella prostituta. Il suo caratteraccio indisponente e la sua lingua lunga non lo fanno amare dai suoi coetanei. E' quindi costretto a vivere in un mondo di adulti che a malapena sopportano i suoi sberle ...continue

    Pin è un bambino orfano, antipatico, dispettoso, senza amici della sua età, che vive con una sorella prostituta. Il suo caratteraccio indisponente e la sua lingua lunga non lo fanno amare dai suoi coetanei. E' quindi costretto a vivere in un mondo di adulti che a malapena sopportano i suoi sberleffi e le sue crudeltà. Fino a che un'ulteriore "bravata"(il furto della pistola di uno degli amanti tedeschi della sorella) lo porta a conoscere un altro mondo: quello dei partigiani, nascosti nell'ombra e in rifugi segreti. Uomini soli, come lui. Adulti che hanno paura, come lui, e che come lui conoscono tanti luoghi segreti, come il posto dove Pin va a scovare i suoi amati e odiati ragni. La prefazione dell'autore e la stupenda immagine finale, valgono da sole tutto il libro. Bello, bello.

    said on 

Sorting by