El signo de los cuatro

By

Publisher: Anaya Touring Club

3.8
(2356)

Language: Español | Number of Pages: 179 | Format: Others | In other languages: (other languages) English , Italian , Catalan , Czech , Slovak

Isbn-10: 8466716521 | Isbn-13: 9788466716529 | Publish date: 

Also available as: Paperback , Hardcover , Softcover and Stapled

Category: Crime , Fiction & Literature , Mystery & Thrillers

Do you like El signo de los cuatro ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description
Sorting by
  • 4

    Il mio terzo Sherlock Holmes

    La seconda avventura dell’audace, imprevedibile, incosciente Sherlock Holmes che ci viene proposta - come di consueto - dalle parole del fidato collaboratore Watson, prende inizio nella rinomata resid ...continue

    La seconda avventura dell’audace, imprevedibile, incosciente Sherlock Holmes che ci viene proposta - come di consueto - dalle parole del fidato collaboratore Watson, prende inizio nella rinomata residenza di Baker Street, dove l’investigatore sembra in preda alla noia più devastante e cerca di porvi rimedio iniettandosi della cocaina in corpo, lasciando il suo amico del tutto privo di parole. Ben presto, la calma e la monotona quotidianità di Sherlock Holmes viene - per sua gioia e fortuna - ravvivata da un nuovo caso, che intreccerà e complicherà il susseguirsi delle pagine.
    Il caso viene presentato dalla signorina Mary Morstan, la quale sta ricevendo, del tutto inaspettatamente, una serie di perle preziose, a distanza di anni dalla scomparsa del padre (il quale aveva trovato un misterioso tesoro durante in viaggio in India). La giovane intende chiedere a Holmes di accompagnarla all’appuntamento con lo sconosciuto donatore; è così che Sherlock Holmes e Watson faranno la conoscenza di Thaddeus Sholto, un vecchio conoscente del padre di Mary.
    In seguito allo spostamento della scena presso la residenza di Bartholomew - fratello gemello di Thaddeus - ecco che i nostri protagonisti verranno posti dinanzi alla scoperta di un omicidio, sancito da un apparentemente ancestrale segno, il “Segno dei Quattro”.
    L’investigazione di Sherlock Holmes vedrà da qui la sua partenza e si snoderà tra la scoperta di antichi ricordi, inseguimenti navali sul Tamigi, dardi velenosi e un legame che supera il tempo: quello tra quattro individui riuniti sotto la fedeltà ad un unico, evidentemente potente “Segno”.

    Una lettura scorrevole ed evasiva - anche se, personalmente, non ho amato l’ultimo capitolo. Un romanzo adatto anche per una lettura a voce alta, da fare mentre le stelle della notte compaiono pian piano nel cielo, illuminandolo con la promessa di una notte serena.

    said on 

  • 4

    In questa avventura si consolida il "mito" di Sherlock Holmes e l'amicizia con il Dr. Watson, non potrebbero essere più diversi eppure complementari.
    Sempre affascinanti le ambientazioni londinesi e b ...continue

    In questa avventura si consolida il "mito" di Sherlock Holmes e l'amicizia con il Dr. Watson, non potrebbero essere più diversi eppure complementari.
    Sempre affascinanti le ambientazioni londinesi e ben confezionato l'intreccio.

    said on 

  • 3

    Carino

    Storia discreta, nel complesso una lettura piacevole. Non uno dei migliori romanzi di Conan Doyle, ma comunque da avere se siete appassionati di Sherlock Holmes.

    said on 

  • *** This comment contains spoilers! ***

    4

    "Dopo aver eliminato l'impossibile, ciò che rimane, per quanto improbabile, deve essere la verità".
    Cocainomane, razzista, misogino, razionalista, egocentrico, ma, come sempre, geniale, Holmes compren ...continue

    "Dopo aver eliminato l'impossibile, ciò che rimane, per quanto improbabile, deve essere la verità".
    Cocainomane, razzista, misogino, razionalista, egocentrico, ma, come sempre, geniale, Holmes comprende tutto già dalle prime pagine, con pochi e trascurabili elementi. E fin qui, tutto come da copione.
    Ma Watson innamorato dà al romanzo una piega gentile e romantica che non guasta e che, anzi, ingentilisce il clima austero e un po' rigido tipico de signori di Baker Street.
    Molto carino.

    said on 

  • 4

    Holmes è davvero IL detective per eccellenza, indipendentemente dalle sue stramberie, manie e vizi (leciti o meno che siano)
    La sua mente brillante stupisce anche ora, in epoca da CSI e analisi forens ...continue

    Holmes è davvero IL detective per eccellenza, indipendentemente dalle sue stramberie, manie e vizi (leciti o meno che siano)
    La sua mente brillante stupisce anche ora, in epoca da CSI e analisi forensi di primordine. La genialità dietro questo personaggio di Conan Doyle è più che evidente, e fa sempre piacere leggere di un'avventura della sua creatura più famosa.
    Un classico intramontabile.

    said on 

  • 3

    La premessa è che non ho ancora letto uno studio in rosso perciò questo è un parere "vergine". Pur non essendo appassionata di gialli questo romanzo (breve) mi ha affascinato. Il fondersi tra investig ...continue

    La premessa è che non ho ancora letto uno studio in rosso perciò questo è un parere "vergine". Pur non essendo appassionata di gialli questo romanzo (breve) mi ha affascinato. Il fondersi tra investigazione ed ironia lo rende frizzante. L'idea di Holmes che avevo, quella di un investigatore tutto d'un pezzo, noioso e fastidioso, un po' un mix tra Topolino e Colombo, mi si è cancellata dalla mente. Si, è un tuttologi esasperante ma non si può non adorare l'arroganza estrema di questo personaggio al limite, geniale, saccente e sregolato insieme.

    said on 

Sorting by
Sorting by