El signo de los cuatro

By

Publisher: Anaya Touring Club

3.8
(2483)

Language: Español | Number of Pages: 179 | Format: Others | In other languages: (other languages) English , Italian , Catalan , Czech , Slovak

Isbn-10: 8466716521 | Isbn-13: 9788466716529 | Publish date: 

Also available as: Paperback , Hardcover , Softcover and Stapled

Category: Crime , Fiction & Literature , Mystery & Thrillers

Do you like El signo de los cuatro ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description
Sorting by
  • 3

    Una notte di dolore

    Stanotte sono stato male (mangiato e bevuto troppo). Il gran mal di testa non mi faceva dormire e non riuscivo né a leggere né a guardare schermi. Così mi è venuta l'idea di ascoltare un audiolibro e ...continue

    Stanotte sono stato male (mangiato e bevuto troppo). Il gran mal di testa non mi faceva dormire e non riuscivo né a leggere né a guardare schermi. Così mi è venuta l'idea di ascoltare un audiolibro e ho scelto Il segno dei quattro, da anni presente nella mia libreria ma ancora non letto. Devo dire che, malgrado non faccia paura neanche lontanamente, il malore e l'atmosfera notturna me l'hanno fatto vivere con angoscia, tanto da fermare l'ascolto a 40 min su due ore. Stamane ho finito di ascoltarlo e rinnovo il mio parere sui gialli di Sherlock Holmes: non mi entusiasmano. Non amo il fatto che il lettore arriva alla soluzione solo per mezzo del protagonista, senza che gli siano presentati indizi o prove, solo il racconto di una soluzione.
    Comunque è stata un'esperienza strana e mi ha aiutato a passare la notte dolorante.

    said on 

  • 3

    Il segno dei quattro

    Secondo romanzo di Conan Doyle con protagonisti Sherlock Holmes e il dottor Watson. Un romanzo ormai entrato a far parte dei classici della letteratura, che si rilegge sempre con piacere.

    said on 

  • 3

    Il secondo caso di Sherlock

    Secondo caso, in linea cronologica, di Sherlock Holmes. Stavolta si tratta di due omicidi legati a un misterioso passato con tesoro al seguito, e naturalmente il grande detective riuscirà, col suo met ...continue

    Secondo caso, in linea cronologica, di Sherlock Holmes. Stavolta si tratta di due omicidi legati a un misterioso passato con tesoro al seguito, e naturalmente il grande detective riuscirà, col suo metodo deduttivo infallibile, a sbrogliare l'intricata matassa della misteriosa vicenda, e qua il nostro caro dottor Watson troverà la sua futura moglie.

    said on 

  • 3

    Amabilmente Sherlock

    Come sempre un giallo abilmente costruito. Semplice per passare un po' di tempo spensierati immersi in una lettura leggera.

    said on 

  • 4

    Il mio primo Sherlock Holmes

    La mia allergia a tutto ciò che è comunemente etichettato come giallo non mi ha impedito di vederne le varie versioni cinematografiche che mi sono piaciute molto. Allora, quando sulla solita bancarell ...continue

    La mia allergia a tutto ciò che è comunemente etichettato come giallo non mi ha impedito di vederne le varie versioni cinematografiche che mi sono piaciute molto. Allora, quando sulla solita bancarella ho trovato il volume a due euro, nonostante non fosse il primo della serie, l'ho comprato e nel pomeriggio di ieri l'ho anche finito. Ebbene devo darmi della grandissima imbecille per non averlo letto finora. Mi è piaciuto e più che un giallo l'ho trovato un grandissimo romanzo d'avventura in cui la parte investigativa lascia spesso e volentieri la spazio alla narrazione biografica del criminale di turno.
    Sicuramente leggerò altro, anzi se il tempo in libreria permette prenderò "in prestito" il primo volume.

    said on 

  • 3

    C'è poco da dire quando ci si trova davanti al lavoro da Arthur Conan Doyle, colui che è stato capace di creare due personaggi immortali nella memoria di chiunque.
    "Il segno dei quattro" è il secondo ...continue

    C'è poco da dire quando ci si trova davanti al lavoro da Arthur Conan Doyle, colui che è stato capace di creare due personaggi immortali nella memoria di chiunque.
    "Il segno dei quattro" è il secondo libro in linea cronologica del più famoso investigatore di tutti i tempi. Doyle inizia a delineare quelle che saranno le caratteristiche più note di Holmes e Watson, durante le indagini per venire a capo del mistero di un tesoro scomparso. Il ritmo della trama, all'inizio molto veloce e leggero, diventa tuttavia più lento nel finale a causa delle spiegazioni di Holmes per mettere insieme tutti gli indizi. Ed è questo a far sì che la lettura diventi più pesante, sei talmente concentrato a mettere insieme i punti del puzzle da non riuscire a seguire gli eventi. Spero che le prossime letture su Sherlock non presentino questa particolare caratteristica, o almeno in forma ridotta.

    said on 

  • 3

    "Il segno dei quattro" è il secondo romanzo di A. Conan Doyle che vede come protagonisti il celebre detective Sherlock Holmes e il dottor Watson.
    La vicenda ruota attorno ad un misterioso tesoro conte ...continue

    "Il segno dei quattro" è il secondo romanzo di A. Conan Doyle che vede come protagonisti il celebre detective Sherlock Holmes e il dottor Watson.
    La vicenda ruota attorno ad un misterioso tesoro conteso da diversi personaggi e ad un ufficiale britannico scomparso.
    Il ricco forziere di un rajha, un suggestivo inseguimento sul Tamigi, una misteriosa firma nel "segno dei quattro", un uomo con una gamba di legno e il suo aiutante indigeno: sono gli ingredienti di questo avvincente giallo che aggiunge alla cupa atmosfera grigia tipica di Londra un tocco di esotismo indiano.
    Una piacevole lettura che riconferma la bravura e lo stile inconfondibile di uno scrittore come Conan Doyle. Non può sfuggire agli appassionati del genere!

    said on 

  • 4

    Il mio terzo Sherlock Holmes

    La seconda avventura dell’audace, imprevedibile, incosciente Sherlock Holmes che ci viene proposta - come di consueto - dalle parole del fidato collaboratore Watson, prende inizio nella rinomata resid ...continue

    La seconda avventura dell’audace, imprevedibile, incosciente Sherlock Holmes che ci viene proposta - come di consueto - dalle parole del fidato collaboratore Watson, prende inizio nella rinomata residenza di Baker Street, dove l’investigatore sembra in preda alla noia più devastante e cerca di porvi rimedio iniettandosi della cocaina in corpo, lasciando il suo amico del tutto privo di parole. Ben presto, la calma e la monotona quotidianità di Sherlock Holmes viene - per sua gioia e fortuna - ravvivata da un nuovo caso, che intreccerà e complicherà il susseguirsi delle pagine.
    Il caso viene presentato dalla signorina Mary Morstan, la quale sta ricevendo, del tutto inaspettatamente, una serie di perle preziose, a distanza di anni dalla scomparsa del padre (il quale aveva trovato un misterioso tesoro durante in viaggio in India). La giovane intende chiedere a Holmes di accompagnarla all’appuntamento con lo sconosciuto donatore; è così che Sherlock Holmes e Watson faranno la conoscenza di Thaddeus Sholto, un vecchio conoscente del padre di Mary.
    In seguito allo spostamento della scena presso la residenza di Bartholomew - fratello gemello di Thaddeus - ecco che i nostri protagonisti verranno posti dinanzi alla scoperta di un omicidio, sancito da un apparentemente ancestrale segno, il “Segno dei Quattro”.
    L’investigazione di Sherlock Holmes vedrà da qui la sua partenza e si snoderà tra la scoperta di antichi ricordi, inseguimenti navali sul Tamigi, dardi velenosi e un legame che supera il tempo: quello tra quattro individui riuniti sotto la fedeltà ad un unico, evidentemente potente “Segno”.

    Una lettura scorrevole ed evasiva - anche se, personalmente, non ho amato l’ultimo capitolo. Un romanzo adatto anche per una lettura a voce alta, da fare mentre le stelle della notte compaiono pian piano nel cielo, illuminandolo con la promessa di una notte serena.

    said on 

  • 4

    In questa avventura si consolida il "mito" di Sherlock Holmes e l'amicizia con il Dr. Watson, non potrebbero essere più diversi eppure complementari.
    Sempre affascinanti le ambientazioni londinesi e b ...continue

    In questa avventura si consolida il "mito" di Sherlock Holmes e l'amicizia con il Dr. Watson, non potrebbero essere più diversi eppure complementari.
    Sempre affascinanti le ambientazioni londinesi e ben confezionato l'intreccio.

    said on 

Sorting by
Sorting by