El viejo y el mar

By

Publisher: Debolsillo

4.0
(16592)

Language: Español | Number of Pages: 208 | Format: Mass Market Paperback | In other languages: (other languages) English , Chi simplified , Chi traditional , Catalan , Galego , Portuguese , French , German , Italian , Swedish , Dutch , Japanese

Isbn-10: 8499089984 | Isbn-13: 9788499089980 | Publish date:  | Edition 1

Also available as: Paperback , Hardcover , Others , Leather Bound

Category: Fiction & Literature , Philosophy , Sports, Outdoors & Adventure

Do you like El viejo y el mar ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description
Sorting by
  • 4

    Spaventoso

    Spaventosamente bello, spaventosamente veloce (tranne alcuni punti molto tecnici e ripetitivi, ma la narrazione fotografica della storia lo permette in gran stile) e spaventosamente accattivante. La s ...continue

    Spaventosamente bello, spaventosamente veloce (tranne alcuni punti molto tecnici e ripetitivi, ma la narrazione fotografica della storia lo permette in gran stile) e spaventosamente accattivante. La storia è quella di ognuno di noi, la solitudine è di pochi ma cattura come un'esca in alto mare.

    said on 

  • 3

    Da leggere tutto d'un fiato

    Tutto il racconto, come del resto dice il titolo, è incentrato sul rapporto tra il vecchio pescatore cubano e il mare e tra il pescatore e il pesce spada, che tratta sempre con gran rispetto. Immagina ...continue

    Tutto il racconto, come del resto dice il titolo, è incentrato sul rapporto tra il vecchio pescatore cubano e il mare e tra il pescatore e il pesce spada, che tratta sempre con gran rispetto. Immaginate questo pescatore da solo, al largo, pochi viveri e pochi mezzi a disposizione. Un pescatore che dovrà anche combattere oltre che con il mare anche con se stesso, con la stanchezza, la fame e il dolore fisico. Un romanzo concentrato, come piace a me.
    Fantastica la descrizione che Hemingway fa del rapporto tra il pescatore ed il mare, paragonando quest’ultimo ad una donna: “[...] il vecchio lo pensava sempre al femminile e come qualcosa che concedeva o rifiutava grandi favori e se faceva cose strane o malvagie era perché non poteva evitarle. La luna lo fa reagire come una donna [...]“. In tal senso Santiago, questo il nome del pescatore, si rifiuta di pensar male del suo amato mare anche dopo 80 giorni di pesca sfortunata, fermamente convinto che prima o poi la fortuna tornerà anche per la sua barca.
    Il testo è molto scorrevole con dei termini tipici della pesca che a volte mi hanno un po’ confusa e infastidito perché non potevo immaginare per bene la scena. A tratti può sembrare una lettura un po’ noiosa, dovuta alla monotonia degli eventi, ma siccome l’ho letto insieme ad un altro libro, non ho avuto grossi problemi. In realtà penso che il libro sia uno di quelli che va letto d’un fiato.

    said on 

  • 2

    Ho letto questo libro incuriosito dalla sua grande fama e l'ho trovato lento, lentissimo, addirittura estenuante, nonostante le sole 94 pagine di cui é composto. Non vedevo l'ora che finisse, ma la fi ...continue

    Ho letto questo libro incuriosito dalla sua grande fama e l'ho trovato lento, lentissimo, addirittura estenuante, nonostante le sole 94 pagine di cui é composto. Non vedevo l'ora che finisse, ma la fine non arrivava mai. Ora l'ho finito e me lo scorderò in un lampo. Che delusione.

    said on 

  • 4

    Letto a spezzoni, poche pagine alla volta, compagno di qualche viaggio in autobus casa/lavoro. Molto bello come Hemingway riesca a catturare l'attenzione in maniera totale, fino a sentirsi davvero in ...continue

    Letto a spezzoni, poche pagine alla volta, compagno di qualche viaggio in autobus casa/lavoro. Molto bello come Hemingway riesca a catturare l'attenzione in maniera totale, fino a sentirsi davvero in compagnia di Santiago, sperduti in un pezzo di Oceano Atlantico. E' un racconto che ispira silenzio. Una storia di un uomo che non vuole arrendersi, una lotta tra uomo e pesce non brutale, ma all'insegna del più assoluto rispetto. Al tempo stesso è anche un manuale di pesca e questo è forse il suo unico difetto. O magari anche no.

    said on 

  • 5

    Mi piacerebbe vederlo.Mi piacerebbe vederlo un momento per sapere contro che cosa devo combattere.

    Avevo letto questo romanzo quando ero un ragazzo. L’avevo trovato buono ma un po ruffiano, decisamente inferiore ai racconti di Hemingway. Poi l’ho ripreso adesso, dopo una trentina d’ anni, e l’ho tr ...continue

    Avevo letto questo romanzo quando ero un ragazzo. L’avevo trovato buono ma un po ruffiano, decisamente inferiore ai racconti di Hemingway. Poi l’ho ripreso adesso, dopo una trentina d’ anni, e l’ho trovato incredibilmente toccante. Forse perché l’età ti insegna un sacco di cose. E il tempo passa e ci porta via persone che non potremo mai sostituire. Ma non puoi fermarti, devi rischiare come qualsiasi uomo o pesce o uccello. O come il vecchio, infuriato contro la notte, quasi alla fine dei suoi giorni che combatte contro la natura, il tempo, la morte, il dolore, il pesce. In alto mare. Alla fine non è riuscito, almeno non nel modo che egli aveva previsto, di tornare in porto con il pesce. In un modo inimitabile viene vinto. Le parole sono costruite in modo tale che io visualizzo tutta la storia come se fossi uno spettatore invisibile. Amo le descrizioni delle mani del vecchio, e l’intera storia è narrata con incredibile dettaglio. E poi questa scrittura è ingannevolmente semplice ma splendidamente tagliente. Il vecchio non ha ucciso il marlin per mostrare ad altri il suo valore ma solo a se stesso. E’ il suo ultimo atto per dimostrarsi il suo valore come pescatore e come uomo. E’ una storia di coraggio dove un uomo può essere distrutto ma non sconfitto. La bellezza è nella semplicità. L’economia della lingua rende il simbolismo infinitamente complesso ed allo stesso tempo facile da riconoscere. In fondo è solo un libro su di un vecchio, un grosso pesce ed il mare.

    said on 

  • 4

    Da ri-leggere

    Gran bella storia senza dubbio. Ma di difficile interpretazione oserei dire. L'ho letto in poco tempo, è un racconto che però richiede attenzione e disponibilità, l'ho iniziato più volte ma l'ho abban ...continue

    Gran bella storia senza dubbio. Ma di difficile interpretazione oserei dire. L'ho letto in poco tempo, è un racconto che però richiede attenzione e disponibilità, l'ho iniziato più volte ma l'ho abbandonato, poi mi sono deciso e in un paio di ore l'ho finito. Un buon libro, sembra quasi che Hemingway (appassionato di pesca) racconti una storia ad un amico, intorno ad un fuoco, in una sera d'estate...è certamente da rileggere, perchè il significato forse mi è sfuggito, ma la storia e la sua scrittura sono ineccepibili.

    A saper scrivere in questo modo....

    said on 

  • 4

    Il pomeriggio conosce cose che il mattino nemmeno sospettava...

    L’avevo già letto attorno ai venticinque anni. Ricordavo l’incipit proverbiale e il finale triste.
    Riletto da vecchi ti entra di più in circolo. Lo senti più tuo. Perché capisci la stanchezza, la test ...continue

    L’avevo già letto attorno ai venticinque anni. Ricordavo l’incipit proverbiale e il finale triste.
    Riletto da vecchi ti entra di più in circolo. Lo senti più tuo. Perché capisci la stanchezza, la testardaggine ma anche la vicinanza ai tuoi simili: siano essi uomini, gatti, pesci, ragni, carpini o roverelle. Da vecchio puoi capire la gioventù, ma non viceversa. Potrei osare una cosa: affermare che “Il vecchio e il mare” lo puoi apprezzare solo ad una certa età. Ma essendo io vecchio non mi crederebbe nessuno.

    said on 

Sorting by
Sorting by
Sorting by