Elogio de La Locura

By

Publisher: Ediciones 29

4.0
(3664)

Language: Español | Number of Pages: 106 | Format: Paperback | In other languages: (other languages) English , Portuguese , Italian , German , Dutch , French , Esperanto , Catalan , Polish , Chinese

Isbn-10: 8471753022 | Isbn-13: 9788471753021 | Publish date: 

Also available as: Mass Market Paperback , Others , Hardcover , Leather Bound

Category: Fiction & Literature , Humor , Philosophy

Do you like Elogio de La Locura ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description
Book in Spanish
Sorting by
  • 5

    Ai cervelli squinternati.

    Innanzitutto, un parere personalissimo e indissolubilmente legato a me stessa: questo è il mio libro-spirito guida. Lo scrivo qua, su questo sito lanciato nel vuoto, più per orgoglio che non per ricor ...continue

    Innanzitutto, un parere personalissimo e indissolubilmente legato a me stessa: questo è il mio libro-spirito guida. Lo scrivo qua, su questo sito lanciato nel vuoto, più per orgoglio che non per ricordarlo. Chiarito ciò, procedo con una recensione, almeno ci provo perché scriverei soltanto: "lo dovete leggere e basta" ma se scrivessi così, non sarei anche io pungolata dalla parte più femminea che è in me e cioè quella folle? Non starei pensando con noiosissima saccenteria che la mia opinione possa veramente interessarvi? Non vorrei promulgare, nell'errore umano più becero, il mio ego? Non mi starei adulando come una vecchia baldracca allo specchio considerando come utile la mia recensione? E cosa penserebbe di me Gesù che di orpelli aveva solo i sandali ai piedi? E non è forse una follia la vostra pensare che io sia stupida leggendo solamente queste parole? ECCO, ERASMO, ECCO COSA HAI FATTO DI ME.

    A poco a poco essi si liberano dalle pene che li opprimono e tornano sereni

    said on 

  • 4

    La pazzia è in mezzo a noi

    La prima nota di merito che bisogna riconoscere a questo libro è l'originalità dell'idea: dimostrare che in ogni ambito della vita umana (e divina) viva una buona dose di pazzia.
    Tra l'altro è proprio ...continue

    La prima nota di merito che bisogna riconoscere a questo libro è l'originalità dell'idea: dimostrare che in ogni ambito della vita umana (e divina) viva una buona dose di pazzia.
    Tra l'altro è proprio questa ad essere la voce narrante, impersonata da una figura femminile, a rafforzare certe idee un po' maschiliste di qualche secolo fa.
    L'autore cerca di dimostrare come la follia governi ogni cosa, ma l'opera riesce anche ad essere una critica piccata dei comportamenti di alcune classi sociali (porporati e aristocratici, su tutti), che risulta ancora oggi, a distanza di secoli, di un'attualità disarmante.
    Si legge con una facilità estrema, poiché la scrittura è totalmente basata su una sottile linea ironica.
    Soprattutto, non è un mattone, come qualcuno l'ha definito in alcune recensioni di questa pagina. Chissà di Proust cosa avrebbero detto, questi fini commentatori, che lasciamo alla più "nobile" lettura dei quotidiani sportivi.
    Un classico che non può mancare su alcuno scaffale.

    said on 

  • 5

    Attualissimo! Non si riesce a credere che sia stato scritto oltre cinquecento anni fa. Divertente, ironico, satirico, si burla di atteggiamenti umani, nostri, reali. Ma attenti, che ogni frase richied ...continue

    Attualissimo! Non si riesce a credere che sia stato scritto oltre cinquecento anni fa. Divertente, ironico, satirico, si burla di atteggiamenti umani, nostri, reali. Ma attenti, che ogni frase richiede una riflessione!

    said on 

  • 1

    Premetto che la ragione per cui avevo questo libro nella lista dei libri da leggere è un po' atipica (ma si giunge ai libri nei modi più svariati ed è proprio questo il bello, no?): parecchio tempo fa ...continue

    Premetto che la ragione per cui avevo questo libro nella lista dei libri da leggere è un po' atipica (ma si giunge ai libri nei modi più svariati ed è proprio questo il bello, no?): parecchio tempo fa c'era una bellissima pubblicità dell'Alfa Romeo che citava frasi da questo classico. La pubblicità forse non ha avuto l'effetto voluto, visto che non ho comprato l'auto, ma ho pensato a comprare il libro. Avevo grandi aspettative, che sono state totalmente deluse. Ci sono un paio di parti carine, alcune divertenti, e se si pensa a quando è stato scritto, in quale contesto storico, allora sì che merita di essere tra i classici. Ma resta un mattone e non ce l'ho fatta a finirlo.

    said on 

  • 3

    Meglio tardi che mai

    Ho letto questo libro con non poca fatica. Le numerose citazioni da testi greci o cattolici mi hanno rallentato parecchio. A parte questo ho trovato il testo interessante e comunque da leggere. ...continue

    Ho letto questo libro con non poca fatica. Le numerose citazioni da testi greci o cattolici mi hanno rallentato parecchio. A parte questo ho trovato il testo interessante e comunque da leggere.

    said on 

  • 4

    Idea grandiosa e ben sfruttata, anche se alcune parti sono più noiose di altre.
    Alcuni spunti sono formidabili, in generale l'elogio è chiaro ed anche piuttosto convincente.

    Voto: 7,5/10 ...continue

    Idea grandiosa e ben sfruttata, anche se alcune parti sono più noiose di altre.
    Alcuni spunti sono formidabili, in generale l'elogio è chiaro ed anche piuttosto convincente.

    Voto: 7,5/10

    said on 

  • 5

    Una tesi sul filo del paradosso, portata avanti con tono ironico e scherzoso, dietro cui si nascondono delle riflessioni profonde.

    L’Elogio della follia (1509) è un breve saggio composto da Erasmo mentre si trovava in Inghilterra ospite del suo amico Tommaso Moro, cui l’opera è dedicata. È un’opera composta velocemente nel giro d ...continue

    L’Elogio della follia (1509) è un breve saggio composto da Erasmo mentre si trovava in Inghilterra ospite del suo amico Tommaso Moro, cui l’opera è dedicata. È un’opera composta velocemente nel giro di una sola settimana, dopo un periodo di malattia ed ozio forzato. La protagonista è la follia, che prende la parola per elogiare sé stessa, e ricordare agli uomini il proprio valore. Si tratta di una satira verso la società dell’epoca, verso studiosi, dotti, sapienti, e prelati, giocata sulla connessione fra saggezza e follia. La follia secondo Erasmo permea ogni frangente della vita, è il vero motore dell’esistenza ed è ciò che dà senso a tutto il resto. Una tesi sul filo del paradosso, portata avanti con tono ironico e scherzoso, dietro cui si nascondono delle riflessioni profonde. L’Elogio è ormai un classico: ebbe uno straordinario successo all’epoca, ed è giustamente rimasto fino ad oggi nel canone delle grandi opere occidentali.

    said on 

  • 1

    A volte mi chiedo se esista una qualche ostinazione intellettuale a considerare come illuminante un libro che di fatto mi sembra sfiorare con superficialità e sconsideratezza, e allo stesso tempo estr ...continue

    A volte mi chiedo se esista una qualche ostinazione intellettuale a considerare come illuminante un libro che di fatto mi sembra sfiorare con superficialità e sconsideratezza, e allo stesso tempo estrema ridondanza e pesantezza, concetti banali e sterilmente provocatori.

    said on 

Sorting by
Sorting by