Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Elogio dell'antropologia

Di

Editore: Einaudi

3.9
(19)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 51 | Formato: Tascabile economico

Isbn-10: 8806196707 | Isbn-13: 9788806196707 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Genere: Education & Teaching , Non-fiction , Social Science

Ti piace Elogio dell'antropologia?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
"La nostra scienza è giunta alla maturità il giorno in cui l'uomo occidentale ha cominciato a rendersi conto che non avrebbe mai capito se stesso, finché sulla faccia della terra, una sola razza, o un solo popolo, fosse stato da lui trattato come oggetto. Solo allora l'antropologia ha potuto affermarsi per quello che è: un'impresa, che rinnova ed espia il Rinascimento, per estendere l'umanesimo a guisa dell'umanità. Permetterete dunque, che le mie ultime parole siano per quei selvaggi, la cui oscura tenacia ci offre ancora modo di assegnare ai fatti umani le loro vere dimensioni: quegli Indiani dei tropici, e i loro simili sparsi per il mondo, che mi hanno insegnato il loro povero sapere in cui consiste, tuttavia, l'essenziale delle conoscenze che voi mi avete incaricato di trasmettere ad altri; e verso i quali ho contratto un debito di cui non mi sentirei liberato nemmeno se, al posto in cui mi avete messo, potessi giustificare la tenerezza che mi ispirano, e la riconoscenza che ho per loro, continuando a mostrarmi quale fui fra loro, e quale, fra voi, vorrei non cessare di essere: loro allievo, e loro testimone."
Ordina per
  • 4

    "La nostra scienza è giunta alla maturità il giorno in cui l'uomo occidentale ha comniciato a rendersi conto che non avrebbe mai capito se stesso, finché sulla faccia della terra, una sola razza, o un solo popolo, fosse stato trattato da lui come oggetto. Solo allora l'antropologia ha potuto affe ...continua

    "La nostra scienza è giunta alla maturità il giorno in cui l'uomo occidentale ha comniciato a rendersi conto che non avrebbe mai capito se stesso, finché sulla faccia della terra, una sola razza, o un solo popolo, fosse stato trattato da lui come oggetto. Solo allora l'antropologia ha potuto affermarsi per quello che è: un'impresa, che rinnova ed espia il Rinascimento, per estendere l'umanesimo a guisa dell'umanità". Claude Lévi-Strauss Peccato per alcuni errori di battitura che potevono essere evitati in un testo così breve e non rendono giustizia alla lunga esperienza di casa Einaudi.

    ha scritto il