Embers

By

Publisher: Vintage Books USA

4.1
(5700)

Language: English | Number of Pages: 224 | Format: Paperback | In other languages: (other languages) Spanish , German , Italian , French , Catalan , Polish , Dutch , Portuguese , Slovenian , Hungarian , Greek

Isbn-10: 0375707425 | Isbn-13: 9780375707421 | Publish date:  | Edition Reprint

Also available as: Hardcover , Audio Cassette , Audio CD , Others

Category: Family, Sex & Relationships , Fiction & Literature , Philosophy

Do you like Embers ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description
Originally published in 1942 and now rediscovered to international acclaim, this taut and exquisitely structured novel by the Hungarian master Sandor Marai conjures the melancholy glamour of a decaying empire and the disillusioned wisdom of its last heirs. In a secluded woodland castle an old General prepares to receive a rare visitor, a man who was once his closest friend but who he has not seen in forty-one years. Over the ensuing hours host and guest will fight a duel of words and silences, accusations and evasions. They will exhume the memory of their friendship and that of the General’s beautiful, long-dead wife. And they will return to the time the three of them last sat together following a hunt in the nearby forest--a hunt in which no game was taken but during which something was lost forever. Embers is a classic of modern European literature, a work whose poignant evocation of the past also seems like a prophetic glimpse into the moral abyss of the present
Sorting by
  • 4

    Avvincente

    Lettura interessante, coinvolgente ed abbastanza scorrevole. Non mi sento di dare la quinta stella perchè l'ho ritenuto eccessivamente prolisso. In sostanza, credo che almeno il 25% delle pagine potre ...continue

    Lettura interessante, coinvolgente ed abbastanza scorrevole. Non mi sento di dare la quinta stella perchè l'ho ritenuto eccessivamente prolisso. In sostanza, credo che almeno il 25% delle pagine potrebbero essere eliminate. Il monologo del generale è stato rivoltato più volte esprimendo sempre lo stesso concetto in maniera ossessiva. Probabilmente era appunto questa l'intenzione dell'autore del libro e cioè quella di farci percepire attraverso la lettura l'ossessione del protagonista. Consigliato!

    said on 

  • 4

    La notte del cuore.

    Un romanzo sul lato oscuro dell’animo umano e sulle passioni che vi si annidano: passioni “ legate al sogno, al desiderio, alla vanità, all’egoismo, alla furia erotica del maschio, alla gelosia, alla ...continue

    Un romanzo sul lato oscuro dell’animo umano e sulle passioni che vi si annidano: passioni “ legate al sogno, al desiderio, alla vanità, all’egoismo, alla furia erotica del maschio, alla gelosia, alla vendetta ”; passioni che per anni si tenta di educare ed addomesticare, ma invano.

    Dunque un romanzo “tormentante” – ma probabilmente la parola più giusta anche in questo caso sarebbe stata “haunting” – perché ci costringe ad interrogarci sul nostro lato oscuro, sulle nostre passioni indomabili e sulla nostra verità, “quella verità diversa che viene occultata dai ruoli, dalle maschere, dalle circostanze della vita”.

    P.S.: è completamente diverso nello stile, ma per certi aspetti – la prevalenza dei pensieri sui fatti, i temi trattati – mi ha ricordato Javier Marìas.

    said on 

  • 5

    “Non è vero che il destino s'introduce alla cieca nella nostra vita: esso entra dalla porta che noi stessi gli abbiamo spalancato, facendoci da parte per farlo entrare.”

    Questa lettura mi ha riportato alla mente quando ero bambina e mia zia aveva una casa in un paese di montagna limitrofo a dove vivo e trascorrevo da lei le festività di Natale seduta davanti al camino ...continue

    Questa lettura mi ha riportato alla mente quando ero bambina e mia zia aveva una casa in un paese di montagna limitrofo a dove vivo e trascorrevo da lei le festività di Natale seduta davanti al camino a osservare le ultime fiamme spegnersi lentamente.
    Quel fuoco che arde violentemente, che lentamente si consuma e lascia alla fine degli strascichi di fumo è simile alla vita di Henrick, una vita la sua in attesa di una vendetta contro il suo miglior amico Konrad che le ha rubato l’amore di sua moglie Krisztina.
    L’attesa, il desiderio di rivalsa, l’orgoglio ferito, il perdono sono i temi principali, affrontati sotto forma di lungo e lento monologo interiore.
    Le parole di Marai sono raffinate e bellissime, così come bellissima è l’ambientazione, un antico e austero castello avvolto e protetto da un fitto bosco che quasi lo soffoca allo stesso modo in cui la rabbia e il risentimento soffocano il cuore di Heinrick.
    Nel confronto finale tra i due, che mi ha ricordato quello tra i duellanti di Conrad, non c’è un vincitore, solo un’unica certezza: solo i sentimenti danno un senso alla nostra esistenza.
    Un bellissimo gioiello. Ringrazio di cuore Teofano per avermelo fatto conoscere.

    “Sai, si sacrifica volentieri agli dei una parte di felicità, perché' essi sono invidiosi, e se regalano a un comune mortale un anno di felicità, si può essere certi che prenderanno immediatamente nota di quel debito per poi esigere la restituzione alla fine della vita, praticando tassi da usurai.”

    said on 

  • 3

    Un libro che non mi ha convinto del tutto, avrei voluto votare così: 5 stelle per la scrittura, 2 stelle per la trama.
    Scrittura scorrevole, che permette di leggere in modo agevole pagine e pagine di ...continue

    Un libro che non mi ha convinto del tutto, avrei voluto votare così: 5 stelle per la scrittura, 2 stelle per la trama.
    Scrittura scorrevole, che permette di leggere in modo agevole pagine e pagine di puro monologo. Ma la trama l'ho trovata stantia, ripiegata su stessa e forzatamente malinconica, che tende alla migliore letteratura russa del XIX secolo senza mai purtroppo raggiungerla.
    Peccato.

    said on 

  • 5

    un'amicizia lunga una vita

    un libro prestatomi da un amico, si è rivelato incredibile, una sorta di monologo di oltre 100 pagine, con un'atmosfera vibrante e profonda, emozionante, mi è piaciuto tantissimo, davvero. due uomini ...continue

    un libro prestatomi da un amico, si è rivelato incredibile, una sorta di monologo di oltre 100 pagine, con un'atmosfera vibrante e profonda, emozionante, mi è piaciuto tantissimo, davvero. due uomini dopo mezzo secolo si rivedono, ma la tecnica supera la storia del romanzo.

    said on 

  • 5

    Un libro profondo e intenso. Pagine scritte con passione che arrivano fino ai sentimenti più profondi e contrastanti. Legami forti che rimangono sospesi per decenni e che si ricongiungono anche oltre ...continue

    Un libro profondo e intenso. Pagine scritte con passione che arrivano fino ai sentimenti più profondi e contrastanti. Legami forti che rimangono sospesi per decenni e che si ricongiungono anche oltre la morte. Un libro davvero prezioso

    said on 

  • 5

    Bellissimo!

    Libro intenso e raffinato. Lo consiglio a coloro che aspettano delle risposte, una lettera, un ritorno, a chi si chiede dove ha sbagliato, a chi non vuole liberarsi dei ricordi, a chi ama perdersi nei ...continue

    Libro intenso e raffinato. Lo consiglio a coloro che aspettano delle risposte, una lettera, un ritorno, a chi si chiede dove ha sbagliato, a chi non vuole liberarsi dei ricordi, a chi ama perdersi nei luoghi pericolosi dell'anima, a chi sa perdonare le bugie, a chi ha imparato a sorridere delle cose che piú gli hanno bruciato dentro (e continuano a farlo come le braci) : le passioni, la sola cosa in grado di dare un significato alla vita.

    said on 

Sorting by
Sorting by