Create your own shelf sign up

Together we find better books

[−]
  • Search Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Emma

By

Publisher: DeBolsillo

4.0
(5968)

Language:Español | Number of Pages: 527 | Format: Mass Market Paperback | In other languages: (other languages) English , German , Chi traditional , Italian , Hungarian , French , Swedish , Chi simplified , Portuguese , Dutch , Greek , Turkish , Catalan , Czech , Polish , Danish , Russian , Croatian , Farsi , Romanian , Indian (Hindi)

Isbn-10: 8483463555 | Isbn-13: 9788483463550 | Publish date: 

Also available as: Paperback , Hardcover , Others , Board Book

Category: Family, Sex & Relationships , Fiction & Literature , Romance

Do you like Emma ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description
Obra maestra de la narrativa del xix y una de las grandes novelas de Jane Austen, Emma cuenta la historia de una inteligente y laboriosa joven empeñada en hacer de Celestina de todas sus amistades. Cuando su institutriz, amiga y confidente decide contraer matrimonio, Emma Woodhouse se queda sola con sus propios sentimientos y se enfrenta al vacío de su vida y a la penosa tarea de intentar que los demás lleven una vida tan perfecta como la suya. Todos sus trabajos de manipulación sentimental crean a su alrededor una telaraña de enredos, malentendidos y confusiones que ponen a prueba su confianza en sí misma. Novela exquisita y espléndido retrato de la Inglaterra de provincias de principios del siglo xix, Emma es una obra imperecedera y su protagonista ocupa uno de los lugares de honor en la galería de las heroínas inolvidables de la literatura universal.
Sorting by
  • 2

    **/***

    Ho cominciato a leggere Emma dopo giorni in cui non riuscivo ad andare oltre le prime pagine di nessun libro, cosciente che più avanti mi sarei pentito di non aver scelto qualcosa di più leggero.
    Ed è ...continue

    Ho cominciato a leggere Emma dopo giorni in cui non riuscivo ad andare oltre le prime pagine di nessun libro, cosciente che più avanti mi sarei pentito di non aver scelto qualcosa di più leggero.
    Ed è stato più o meno così. Circa. Perché per quanto avessi già amato una versione di questa storia (Emma Approved, anyone?), per quanto legga un libro della Austen qualcosa come una volta ogni cinque anni (stavolta, giuro, anche basta), per quanto mi si dica che il bello di questo libro è la satira e la costruzione dei personaggi, in nessun modo avrei potuto sorbirmi gruppi di persone che si riuniscono per parlare gentilmente delle loro vite oziose senza ritrovarmi a urlare: «CUT TO THE CHASE, FOR FUCK'S SAKE!»
    Mi è piaciuta Emma e la sua evoluzione. Mi è piaciuto Knightley, che anche se compare pochissimo come voce della ragione è sempre il benvenuto. In linea di massima mi è piaciuta tutta la parte che non ruota attorno a Frank e Jane, di cui ricordo solo un generico sentimento di noia. Mi spiace che molto spesso le scene importanti vengano raccontate e basta (la dichiarazione di Elton, la risposta di Emma alla dichiarazione finale, le scuse di Emma a Harriet), quando invece la Austen regala i momenti migliori proprio nei dialoghi in cui i personaggi si confrontano (tutto l'incidente con Miss Bates, per esempio).
    Il lieto fine mi è sembrato forzato: ero curioso di vedere come in quell'epoca il fatto che una donna capisse di amare un uomo potesse portarla al matrimonio, invece è solo la Austen che premia le proprie protagoniste con una dichiarazione nel momento più opportuno. Ma non fateci caso, è la Mrs. Elton che è in me a parlare.

    said on 

  • 3

    Ok, la bravura della Austen come scrittrice è indiscutibile (anche se questo è il suo primo romanzo che leggo).. ma che irritazione!! Il personaggio di Emma, in primis, l’ho trovato davvero arrogante: ...continue

    Ok, la bravura della Austen come scrittrice è indiscutibile (anche se questo è il suo primo romanzo che leggo).. ma che irritazione!! Il personaggio di Emma, in primis, l’ho trovato davvero arrogante: una ragazzetta viziata e capricciosa con l’ambizione davvero presuntuosa di combinare matrimoni e di elevare socialmente una povera ragazza, che diventa vittima della sua supponenza. Ovviamente i suoi desideri la rendono solamente cieca e non fa che combinare disastri.. Per non parlare poi del suo esasperante padre, sempre in mezzo in ogni occasione ad annoiare la gente con le sue raccomandazioni sulla salute o seccare con i suoi reumatismi e le sue fisse. Non dimentichiamoci dei coniugi Elton, soprattutto della signora Elton che se ci fossi stata io dentro al romanzo alla seconda comparsa gliene avrei già fatte passare di cotte e di crude. Un altro personaggio che stranamente mi ha infastidito è stato quella della povera Harriet. Ok, ho anche provato pena per lei, per carità, soprattutto nell’ultima parte dove viene crudelmente abbandonata da Emma, senza nemmeno troppi sensi di colpa, però.. un po’ di carattere dai! E’ completamente succube del volere di Emma, quasi non riuscivo a trovare differenze tra lei e un cagnolino! Grazie al cielo qualcuno si salva, ad esempio Miss Fairfax, che da come veniva descritta inizialmente da Emma pensavo fosse un altro personaggio da aggiungere alla mia lista nera, poi invece una volta comparsa mi ha ispirato molta compassione e simpatia, soprattutto per la sua storia e l’infelice situazione in cui era stata costretta a vivere. Nonostante tutta la stizza che ho provato però non è possibile non riconoscere l'inappuntabile ed efficace definizione e descrizione dei personaggi.
    La trama globalmente è piacevole anche se piuttosto banale e i “colpi di scena”(se così si possono chiamare) abbastanza scontati. Sull’ambientazione non posso discutere: l’Inghilterra, in qualsiasi epoca storica, rimane estremamente affascinante e nel libro viene ritratta in maniera molto elegante.
    Onestamente, in conclusione, non sono riuscita a trovare quella vena ironica da commedia degli equivoci di cui molti parlano. Mi è sembrato più un tentativo di giustificazione della vanità e superbia che caratterizzavano molte donne della vita mondana dell’epoca (e non solo) atte solo ad aver una buona reputazione e una brillante immagine di sé nella società borghese, ed è forse il motivo per cui non sono riuscita ad apprezzare totalmente il romanzo.

    said on 

  • 5

    Rilettura: all'inizio ero meno entusiasta rispetto a quando l'ho letto per la prima volta anni fa, poi invece ho riconfermato la massima valutazione, gli ultimi due terzi sono impareggiabili per carat ...continue

    Rilettura: all'inizio ero meno entusiasta rispetto a quando l'ho letto per la prima volta anni fa, poi invece ho riconfermato la massima valutazione, gli ultimi due terzi sono impareggiabili per caratterizzazione di una società, con le sue "macchiette" e per ironia. Inoltre conoscendo ormai la trama ho potuto meglio apprezzare le sfumature dei diversi personaggi ( la gelosia di Mr.Knightley, il rapporto tra Jane Fairfax e Franck Churchill). E ho anche trovato fantastica la cattiveria con cui viene descritta Mrs. Elton! Invece mi ha fatto soffrire molto di più Mr. woodhouse: con un genitore così il parricidio non sembra tanto grave...

    said on 

  • 5

    Del 1815.
    Bellissimo leggere i libri della Austen, anche quando la protagonista non è perfetta e intuisci quasi subito come andrà a finire: personaggi, descrizioni, riflessioni e prosa stupendi.
    Criti ...continue

    Del 1815.
    Bellissimo leggere i libri della Austen, anche quando la protagonista non è perfetta e intuisci quasi subito come andrà a finire: personaggi, descrizioni, riflessioni e prosa stupendi.
    Critica: il volume I è un po' troppo didascalico.

    said on 

  • 4

    S'intuisce chiaramente che Jane Austen nei suoi romanzi parla di se stessa Nella giovinezza era stata costretta alla prudenza, nell'età matura imparò ad essere romantica. E fu la "ragione" più che il ...continue

    S'intuisce chiaramente che Jane Austen nei suoi romanzi parla di se stessa Nella giovinezza era stata costretta alla prudenza, nell'età matura imparò ad essere romantica. E fu la "ragione" più che il suo vigile cuore a spingerla a preferire in ultimo l'autunno alla primavera.
    In "Emma", nonostante abbia trovato la prima parte un poco monotona, mi ha avvinto, come sempre, lo smalto del "virtuosismo" della scrittrice, ironica, talvolta irridente nel gioco delle personalità dei suoi personaggi.

    said on 

  • 3

    Devo essere sincera, non mi è piaciuto, ho trovato Emma irritante come l'orticaria e il libro veramente lento, ho temuto di non finirlo

    said on 

  • 5

    Emma Woodhouse vive nelle campagne inglesi insieme al padre ormai anziano e facoltoso. Mr. Woodhouse è rimasto vedovo da ormai molti anni e le sue due figlie, Emma in particolare, sono cresciute grazi ...continue

    Emma Woodhouse vive nelle campagne inglesi insieme al padre ormai anziano e facoltoso. Mr. Woodhouse è rimasto vedovo da ormai molti anni e le sue due figlie, Emma in particolare, sono cresciute grazie alle amorevoli cure della governate, signorina Taylor.

    Emma è ormai una giovane donna e, decisa a non cercare pretendenti per sé, si dedica a combinare matrimoni altrui. Il suo primo tentativo è felicemente riuscito, la signorina Taylor è, infatti, l’ormai felicissima sposa di Mr. Wenston; e allora perchè non dedicarsi anche alla ricerca di uno sposo per la giovane Harriet, che Emma decide di modellare a “sua immagine”?

    Il suo compito è facilitato dall’arrivo di Frank Churchill….

    Tra errori, fraintendimenti, sotterfugi e mancate intuizioni, le storie di tutti i personaggi si intrecciano e, alla fine, anche Emma riuscirà a scaldare il suo cuore.

    Un libro da leggere almeno una volta nella vita!

    La Austen è riuscita a creare una storia appassionante con pochissimi personaggi tutti ben caratterizzati e con una personalità ben definita che si muovono in un ambiente piccolo e non particolarmente colto, ma soprattutto è riuscita a portare in vita un personaggio come Emma, così viziata, testarda, a volte odiosa e particolarmente immatura. Ma la cosa incredibile è che riesce a farla maturare pur lasciandone intatti i difetti!

    said on 

  • 4

    Essendo un'amante di Jane Austen, sapevo che questo libro mi sarebbe piaciuto, ma devo dire che mi ha davvero sorpreso! Emma un personaggio pieno di difetti, ma nonostante ciò si tenta sempre di giust ...continue

    Essendo un'amante di Jane Austen, sapevo che questo libro mi sarebbe piaciuto, ma devo dire che mi ha davvero sorpreso! Emma un personaggio pieno di difetti, ma nonostante ciò si tenta sempre di giustificare i suoi aspetti negativi, in quanto sono aspetti in cui tutti noi ci identifichiamo, e ciò ci porta ad amare Emma come personaggio e come libro.
    Inoltre mi sono innamorata del Signor Knightley!

    said on 

  • *** This comment contains spoilers! ***

    4

    Lettura piacevole ma..

    ...ho trovato la protagonista veramente insopportabile. Ha combinato piu' guai della grandine per tutto il romanzo complicando la vita di varie altre persone. Per fortuna che alla fine si sistema tutt ...continue

    ...ho trovato la protagonista veramente insopportabile. Ha combinato piu' guai della grandine per tutto il romanzo complicando la vita di varie altre persone. Per fortuna che alla fine si sistema tutto.

    said on 

  • *** This comment contains spoilers! ***

    4

    Emma

    Devo dire che sono quel tipo di lettrice che "mangia" di tutto, ma non digerisce i classici... A dire il vero non so perché ho deciso di leggerne uno quando ho acquistato questo libro, ma so perché l' ...continue

    Devo dire che sono quel tipo di lettrice che "mangia" di tutto, ma non digerisce i classici... A dire il vero non so perché ho deciso di leggerne uno quando ho acquistato questo libro, ma so perché l'ho scelto: Un romanzo intero basato sul punto di vista di un'unica protagonista che ha per coincidenza uno dei nomi che prediligo... DOVEVO leggerlo.. Sono contenta della mia scelta, devo dire, perché ho amato Emma sin dalle prime pagine pur sapendo che il mondo in cui vive è un mondo subdolo ed egoista.. Devo dire che la Austen scrive divinamente e non lascia nulla al caso... Personaggi diversi tra loro e trama scorrevole... Unica nota negativa sono la signora Elton - qualcuno avrebbe dovuto ucciderla - e la signorina Bates - un bavaglio sarebbe stato comodo! Ma in linea generale è un libro che consiglio: Io ne sono rimasta piacevolmente colpita..

    said on 

Sorting by
Sorting by