Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Enciclopedia mitologica. Fate e altre creature magiche. Libro pop-up

Di ,

Editore: Rizzoli

4.5
(12)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: | Formato: Altri

Isbn-10: 8817026085 | Isbn-13: 9788817026086 | Data di pubblicazione: 

Curatore: J. Angela

Genere: Comics & Graphic Novels

Ti piace Enciclopedia mitologica. Fate e altre creature magiche. Libro pop-up?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Ordina per
  • 4

    Libro Pop-up classico con immagini MOLTO complesse e bellissime sopratutto nella fase di apertura delle pagine , che tra l'altro sembrano incollate a mano. Nell'aprire le pagine le immagini in 3D emergono e si trasformano sino al completo compimento della magia. Tirana, la regina delle fate, ha l ...continua

    Libro Pop-up classico con immagini MOLTO complesse e bellissime sopratutto nella fase di apertura delle pagine , che tra l'altro sembrano incollate a mano. Nell'aprire le pagine le immagini in 3D emergono e si trasformano sino al completo compimento della magia. Tirana, la regina delle fate, ha le ali che vibrano nell'aprirsi,splendida.

    ha scritto il 

  • 4

    A dispetto del titolo "diabetico" e del colore in tono (che ne dovrebbero fare il dono perfetto per bimbette di nome Sibilla Sofia o Carlotta), la qualità delle "animazioni" è buona, con almeno un paio di guizzi da Wunderkammer, come sempre, e qualche contenuto è meno sdolcinato del prevedibile. ...continua

    A dispetto del titolo "diabetico" e del colore in tono (che ne dovrebbero fare il dono perfetto per bimbette di nome Sibilla Sofia o Carlotta), la qualità delle "animazioni" è buona, con almeno un paio di guizzi da Wunderkammer, come sempre, e qualche contenuto è meno sdolcinato del prevedibile.
    Ma prima o poi questa coppia si dovrà decidere a pensare anche a noi adulti, o no?

    ha scritto il