Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Enigma in luogo di mare

Di

Editore: Arnoldo Mondadori

3.7
(788)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 414 | Formato: Copertina rigida | In altre lingue: (altre lingue) Tedesco

Isbn-10: 8804353104 | Isbn-13: 9788804353102 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Traduttore: Franco Lucentini

Disponibile anche come: Paperback

Genere: Fiction & Literature , Mystery & Thrillers

Ti piace Enigma in luogo di mare?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Non lontano da Grosseto, nel cuore della pineta della Gualdana, c'è un villaggio di lusso. Molti dei suoi frequentatori estivi, ci tornano anche per le vacanze di Natale: gioiellieri, artisti, nobili e politici che sanno apprezzare la pace della pianeta e il fuoco dei caminetti. Della stessa pace vorrebbe godere anche Aurelio Butti, maresciallo dei locali carabinieri, ma tre omicidi mandano all'aria i programmi di tutti. In particolare quelli del maresciallo che deve ricomporre un complicatissimo puzzle, in cui si intersecano storie di ieri e di oggi, di uomini e di animali. Un giallo d'alta scuola garantito da Fruttero & Lucentini.
Ordina per
  • 4

    Definirlo semplicemente un "giallo" sarebbe davvero riduttivo...La parte più affascinante, più dolce, più intrigante, è in quelle paraboliche architetture di parole che ogni tanto prendono spazio per descrivere un luogo, una voce, un momento del giorno, un gioco pettegolo di commenti e pensieri. ...continua

    Definirlo semplicemente un "giallo" sarebbe davvero riduttivo...La parte più affascinante, più dolce, più intrigante, è in quelle paraboliche architetture di parole che ogni tanto prendono spazio per descrivere un luogo, una voce, un momento del giorno, un gioco pettegolo di commenti e pensieri. Intramezzata da queste "chicche", la storia di un delitto e di una doppia misteriosa scomparsa si insinua nella calma placida di un inverno in riva al mare, nell'esclusiva pineta della Gualdana, animando le vacanze di Natale dei suoi abitanti.

    ha scritto il 

  • 3

    Depressi, istrici, ambiziosi, pigne e guardiani

    Il punto di forza di questo giallo sono, a mio parere, due:
    - i dialoghi brillanti, ricchi di quelle svolte di toni e gesti che F&L riescono a rendere con evidenza quasi cinematografica;
    - i personaggi: tanti, eterogenei, in gran parte di mezza età ma un po' "irrisolti" (ognuno per i propri motiv ...continua

    Il punto di forza di questo giallo sono, a mio parere, due: - i dialoghi brillanti, ricchi di quelle svolte di toni e gesti che F&L riescono a rendere con evidenza quasi cinematografica; - i personaggi: tanti, eterogenei, in gran parte di mezza età ma un po' "irrisolti" (ognuno per i propri motivi). Se, dunque, il romanzo vivesse esclusivamente di botte e risposte tra i protagonisti (come nella conclusione e nei siparietti esilaranti fra i due comici at work) sarebbe stato perfetto. Le eccessive (seppur incantevoli) descrizioni degli ambienti e dei retroscena umani rendono la trama gialla un po' lenta; alcune decine di pagine sono davvero stancanti e spingono a una lettura veloce e irrispettosa... Tuttavia, l'originalità dell'enigma poliziesco, lo svolgersi delle giornate con tutti i cambi climatici e paesaggistici, meritano attenzione e promettono il solito, classico, divertimento elegante, vero marchio di fabbrica della superba coppia di scrittori.

    (ebook)

    ha scritto il 

  • 4

    Quando un libro ti piace te ne accorgi fin dalle prime pagine. Tra l'altro questo è il primo della coppia Fruttero/Lucentini che leggo, e intuivo che non mi avrebbe deluso. Ho divorato in due giorni le 400 pagine che lo compongono; unica pecca: alcune erano piene di niente, ovvero passaggi descri ...continua

    Quando un libro ti piace te ne accorgi fin dalle prime pagine. Tra l'altro questo è il primo della coppia Fruttero/Lucentini che leggo, e intuivo che non mi avrebbe deluso. Ho divorato in due giorni le 400 pagine che lo compongono; unica pecca: alcune erano piene di niente, ovvero passaggi descrittivi e situazioni in cui non accadeva nulla. Pur se sempre ottimamente scritti, a mio parere si poteva tagliare qualcosa qua e là. Lettura ultra piacevole.

    ha scritto il 

  • 3

    Non lontano da Grosseto, nel cuore della pineta della Gualdana, c'è un villaggio di lusso. Molti dei suoi frequentatori estivi, ci tornano anche per le vacanze di Natale: gioiellieri, artisti, nobili e politici che sanno apprezzare la pace della pianeta e il fuoco dei caminetti. Della stessa pac ...continua

    Non lontano da Grosseto, nel cuore della pineta della Gualdana, c'è un villaggio di lusso. Molti dei suoi frequentatori estivi, ci tornano anche per le vacanze di Natale: gioiellieri, artisti, nobili e politici che sanno apprezzare la pace della pianeta e il fuoco dei caminetti. Della stessa pace vorrebbe godere anche Aurelio Butti, maresciallo dei locali carabinieri, ma tre omicidi mandano all'aria i programmi di tutti. In particolare quelli del maresciallo che deve ricomporre un complicatissimo puzzle, in cui si intersecano storie di ieri e di oggi, di uomini e di animali.

    ha scritto il 

  • 4

    Bello. Il giallo è un semplice contorno alla storia, ricchissima di personaggi dipinti nelle loro mille sfaccettature. L'indagine è un pretesto, la narrazione è ricercata, ha un sapore antico, pulito. I protagonisti sono tanti, tutte le storie si intrecciano tra loro rendendo il romanzo lo spacca ...continua

    Bello. Il giallo è un semplice contorno alla storia, ricchissima di personaggi dipinti nelle loro mille sfaccettature. L'indagine è un pretesto, la narrazione è ricercata, ha un sapore antico, pulito. I protagonisti sono tanti, tutte le storie si intrecciano tra loro rendendo il romanzo lo spaccato di una piccola società elitaria rinchiusa nel suo piccolo eremo "felice".

    ha scritto il 

  • 4

    Sono una fan di Fruttero e Lucentini, li reputo due menti geniali, due arguti personaggi scanzonati che sprizzano simpatia e intelligenza: questo mi ha condizionato nel dare 4 stelle al romanzo appena letto, che in fondo ne meriterebbe forse tre. Tre stelle perché, nonostante lo stile sempre fri ...continua

    Sono una fan di Fruttero e Lucentini, li reputo due menti geniali, due arguti personaggi scanzonati che sprizzano simpatia e intelligenza: questo mi ha condizionato nel dare 4 stelle al romanzo appena letto, che in fondo ne meriterebbe forse tre. Tre stelle perché, nonostante lo stile sempre frizzante, nonostante la vivacità dei dialoghi, nonostante l’ambientazione interessante, una pineta della Maremma toscana, detta la Gualdana, in cui sorgono tante villette abitate dalla più eterogenea popolazione italica e non , nonostante la miriade di personaggi ben delineati, una raccolta di esemplari umani che formano un credibile spaccato della borghesia italiana, a partire dal Monforti -colui che svolge il ruolo di detective nella soluzione di tre casi misteriosi che accadono alla Gualdana nella notte della Vigilia di Natale, sotto una libecciata violenta che spazza i 18.300 pini che la abitano-, un depresso cronico che si getta nelle indagini per sfuggire dalla malattia e alla fine troverà la soluzione; ebbene, nonostante tutto quanto sopra detto, la trama gialla è troppo sfilacciata, ci sono interi capitoli in cui non accade assolutamente nulla, e, benché la lettura sia piacevole e divertente, si rischia di annoiarsi. Per ora “La donna della domenica” rimane il mio preferito, devo ancora leggere “A che punto è la notte”.

    ha scritto il 

  • 0

    Considerando che sono partita con dei libri troppo pesanti per le vacanze estive, tra cui L'Ulisse di Joyce, questo m'è parsa una utilissima e divertente àncora di salvezza. È carino, davvero.

    ha scritto il