Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Enneadi

Di

Editore: Bompiani

4.6
(33)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 1598 | Formato: Cofanetto

Isbn-10: 8845290042 | Isbn-13: 9788845290046 | Data di pubblicazione: 

Traduttore: G. Faggin

Disponibile anche come: Altri , Tascabile economico

Genere: Philosophy , Religion & Spirituality

Ti piace Enneadi?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Testo greco a fronte

Le "Enneadi" contengono tutti gli scritti di Plotino, ossia cinquantaquattro trattati, scritti fra il 254 e il 269, sistemati dal discepolo Porfirio in sei gruppi di nove trattati, donde il nome Enneadi (dal greco ennea, che vuol dire appunto nove). Molte pagine delle "Enneadi" si collocano allo stesso livello delle più belle pagine di Platone e di Aristotele, e la storia dei loro influssi non è seconda a quella delle opere degli altri due grandi pensatori greci. Quando i Greci si sono interrogati sul senso dell'uomo nel suo più alto significato e valore, hanno risposto in maniera concorde che esso-consiste nel contemplare. Il ricercare la verità e il saper guardarla nel suo intero, traendo tutte le conseguenze che ne derivano, è la cifra emblematica del grande pensiero dei Greci. In Plotino la "contemplazione" assurge a forza creatrice di tutta quanta la realtà. E proprio in questo consiste il messaggio più sconvolgente di Plotino all'uomo contemporaneo: l'uomo di oggi crede che la prassi possa mutare ogni cosa e salvarlo; Plotino spiega invece che la prassi è solo l'orma scomposta della contemplazione che svanisce. Il vero e costruttivo fare suppone sempre strutturalmente un contemplare, che lo sorregge e lo motiva. Nella prassi l'uomo si svuota di sé; nella contemplazione, invece, si riempie dell'Assoluto. Inoltre, l'uomo di oggi non conosce le ansie del "permanere nell'essere" e del "ritornare": cerca di respingere in vari modi autorità e tradizioni culturali, né accetta sostegni metafisici in cui trovare la quiete dello spirito. Il suo paradigma emblematico è la velocità del correre, il fuggire da sé, l'andare oltre, e il rifiuto di tornare e di fermarsi. Ma per l'uomo di oggi che con Brecht dice: "Non lasciatevi sedurre: non esiste ritorno", Plotino costituisce come l'anamnesi metafisica del contrario: "Non lasciatevi sedurre: il ritorno è il destino irreversibile dell'uomo . Recenti studi sulla storia della scienza hanno messo in rilievo il ruolo determinante delle "Enneadi" e del Neoplatonismo nell'affermarsi e nel diffondersi della rivoluzione scientifica e in particolare di quella copernicana. La grande rinascita che il Neoplatonismo ha avuto nell'età umanistico-rinascimentale ha contribuito alla dissoluzione di concezioni aristoteliche che facevano da supporto al paradigma tolemaico, spianando così la via alla diffusione di quello eliocentrico alternativo.
Ordina per
  • 5

    In qualche passaggio ho preferito questa versione del Faggin a quella di Reale.
    L'ex-stasis può essere raggiunta solo attraverso la stasis. Dobbiamo comprendere cosa "sta-sotto"=hypo-stasis.

    ha scritto il 

  • 5

    "Elimina ogni cosa"


    Questo è l'imperativo che Plotino impone a chi volesse apprendere la natura dell'Uno.Il trattato raccoglie argomenti che spaziano dall'uomo fino alle verità "ultime" e realmente significative (le ipostasi) invitando alla contemplazione interiore e silenziosa ...continua

    "Elimina ogni cosa"

    Questo è l'imperativo che Plotino impone a chi volesse apprendere la natura dell'Uno.Il trattato raccoglie argomenti che spaziano dall'uomo fino alle verità "ultime" e realmente significative (le ipostasi) invitando alla contemplazione interiore e silenziosa dell'ineffabile istanza del Bene (la Fonte) celata nella nostra anima come tendenza e attività. Solo nell'assenza di parola si può realmente cogliere chi è Dio, poiché qualunque parola indica qualcosa di particolare e non ne afferra l'essenza, che è quella di essere prima di ogni particolarità.

    ha scritto il 

  • 0

    Non posso dare ancora un giudizio completo, anche se l'autore (filosofo neoplatonico) l'avevo studiato. Paganesimo e cristianesimo, qui, trovano un terreno comune di pensiero. L'uomo e il suo rapporto con il divino è analizzato con metodo rigorosamente filosofico, partendo dalla materia per giung ...continua

    Non posso dare ancora un giudizio completo, anche se l'autore (filosofo neoplatonico) l'avevo studiato. Paganesimo e cristianesimo, qui, trovano un terreno comune di pensiero. L'uomo e il suo rapporto con il divino è analizzato con metodo rigorosamente filosofico, partendo dalla materia per giungere all'Uno. Lettura difficile, ma fondamentale.

    ha scritto il 

  • 0

    estetica dell'oro

    di questo testo mi interessa soprattutto la parte sulla bellezza, con la sua estetica dello splendore e dell'oro, e con le sue metafore di ulisse e di narciso.

    ha scritto il