Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Enrico VIII

Testo inglese a fronte

Di

Editore: Mondadori

3.8
(74)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 250 | Formato: Altri

Isbn-10: 8804499117 | Isbn-13: 9788804499114 | Data di pubblicazione: 

Traduttore: V. Gabrieli

Disponibile anche come: Copertina rigida

Genere: Biography , Fiction & Literature , History

Ti piace Enrico VIII?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Ultima opera di Shakespeare, "Enrico VIII" appare il proseguimento ideale dei 'romances', drammi finali del suo itinerario teatrale. Coronamento delle "Storie inglesi" nell'immagine di una monarchia pacifica e trionfante, offerta dalla gloria di Enrico e più ancora dai trionfi futuri, annunciati nella scena conclusiva, di Elisabetta e Giacomo I, il dramma trova il suo punto di forza nella figura di Caterina. Unico grande personaggio della vicenda, insieme a quello di Wosley, la regina abbandonata conclude la serie delle figure femminili dei 'romances' con l'immagine di una donna sconfitta, esempio forse unico del teatro shakespeariano di una parabola di ascesa e caduta vissuta in assoluta innocenza.
Ordina per
  • 5

    Il dramma degli sconfitti

    "Le colpe degli uomini sono incise nel bronzo; le loro virtù le scriviamo nell'acqua."
    Se Amleto è la tragedia della vendetta e Macbeth del sangue, questo è il dramma degli sconfitti: è a loro che uno ...continua

    "Le colpe degli uomini sono incise nel bronzo; le loro virtù le scriviamo nell'acqua."
    Se Amleto è la tragedia della vendetta e Macbeth del sangue, questo è il dramma degli sconfitti: è a loro che uno Shakespeare insolitamente indulgente dedica la gran parte dell'opera. Considerati gli intrighi della Corte inglese di quegli anni, in cui i rovesci della sorte -leggi: della benevolenza del re- erano all'ordine del giorno, non fa meraviglia che ci siano il perdono e una buona parola per tutti. Perfino il buon -si fa per dire- cardinale Wolsey riceve l'assoluzione dei posteri.
    L'ho amato molto. Del resto la storia di Enrico VIII è appassionante anche a sentirla in un documentario, figuriamoci se è Shakespeare a farla rivivere! Lo consiglio!

    ha scritto il 

  • 4

    Drammatico. Eroico. Difendere la libertà a costo della vita.
    Tristissima la frase della regina Caterina ripudiata dal marito e re Enrico VIII:
    "Come il giglio
    che un tempo era sovrano del campo e fioriv ...continua

    Drammatico. Eroico. Difendere la libertà a costo della vita.
    Tristissima la frase della regina Caterina ripudiata dal marito e re Enrico VIII:
    "Come il giglio
    che un tempo era sovrano del campo e fioriva,
    chinerò il capo e perirò"

    ha scritto il 

  • 3

    Non mi è piaciuto granchè questo dramma storico (peraltro incompiuto) di Shakespeare. Forse la vicinanza storica di quegli avvenimenti impedì al drammaturgo di essere obbiettivo, ma mi è sembrato un l ...continua

    Non mi è piaciuto granchè questo dramma storico (peraltro incompiuto) di Shakespeare. Forse la vicinanza storica di quegli avvenimenti impedì al drammaturgo di essere obbiettivo, ma mi è sembrato un lavoro su commissione e non mi ha esaltato molto.

    ha scritto il 

  • 3

    Letto per la storia di Anna Bolena ed Enrico VIII (e di rimando per T. Moro), non si tratta certamente di un lavoro particolarmente ambizioso - plot piuttosto esile e linguaggio sicuramente non degno ...continua

    Letto per la storia di Anna Bolena ed Enrico VIII (e di rimando per T. Moro), non si tratta certamente di un lavoro particolarmente ambizioso - plot piuttosto esile e linguaggio sicuramente non degno del miglior Shakespeare.

    ha scritto il