Ensel e Krete

Una storia di Zamonia

Di

Editore: Salani

3.6
(343)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 259 | Formato: Altri

Isbn-10: 8884511607 | Isbn-13: 9788884511607 | Data di pubblicazione: 

Traduttore: U. Gandini

Disponibile anche come: Tascabile economico

Genere: Narrativa & Letteratura , Fantascienza & Fantasy

Ti piace Ensel e Krete?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Fratello e sorella, semi-nani gemelli di Lontandisotto, Ensel e Krete sono invacanza con i genitori nella Grande Foresta di Zamonia amministrata dagli orsicolorati. Un brutto giorno, contravvenendo ai divieti, i due escono dalla zonasegnata e sorvegliata della Grande Foresta e si inoltrano nel suo interno,dove si smarriscono. Incontrano piante sempre più strane e soprattuttocreature vegetali dai tratti umani e/o animali e animate per lo più dabruttissimi propositi. Riescono a sottrarsi a ripetuti pericoli e capitanoinfine in una radura dove sorge una casetta.Età di lettura: da 8 anni.
Ordina per
  • 4

    La storia di Hansel e Gretel come non l'avete mai sentita

    Occhei. Se uno legge il titolo di questo libro gli viene immediatamente in mente la favola di Hansel e Gretel, e immagino che l'idea di Walter Moers fosse quella, anche se i protagonisti sono due orse ...continua

    Occhei. Se uno legge il titolo di questo libro gli viene immediatamente in mente la favola di Hansel e Gretel, e immagino che l'idea di Walter Moers fosse quella, anche se i protagonisti sono due orsetti (come? non l'avevate capito dal nome Ensel?). Ma la storia è molto più complicata. Ildebrando de' Sventramitis, il dinosauro di Zamonia le cui opere sono tradotte da Moers, non si accontenta infatti di infilare specie senzienti dei più svariati tipi ma introduce (con una font diversa, sia mai che il lettore si confonda!) le "divagazioni sventramitiche", considerazioni che non hanno nulla a che fare con la storia vera e propria e che parecchi lettori potranno ritenere inutili e noiose. Io, da buon matemattio divagatore, non mi sono certo fatto di questi problemi: in realtà le divagazioni, come del resto le note a piè di pagina sulle creature fantastiche di Zamonia, servono spesso per contibuire alla creazione del mondo tutto intorno, un po' come Pratchett faceva per il Discworld. Sono come sempre solidale con Umberto Gandini che nel tradurre si è dovuto inventare non so quanti nomi: spero per lui che la struttura del tedesco, dove le parole si compongono, l'abbia aiutato un poco.

    ha scritto il 

  • 4

    Peccato, peccato, peccato per un finale troppo frettoloso (quello vero, intendo!), è un romanzo delizioso come tutti gli altri di Zamonia. Lo spunto di Hansel e Gretel si limita a fornire il pretesto ...continua

    Peccato, peccato, peccato per un finale troppo frettoloso (quello vero, intendo!), è un romanzo delizioso come tutti gli altri di Zamonia. Lo spunto di Hansel e Gretel si limita a fornire il pretesto per la solita camionata di invenzioni, divagazioni (addirittura istituzionalizzate come interventi del presunto autore di Zamonia!), strizzate d'occhio e graziosissime illustrazioni. Con Moers, è proprio amore.

    ha scritto il 

  • 4

    ancora tanta unza

    Se la realtà con i suoi schemi unti e bisunti vi sta troppo stretta, basta prendere questo libro di Moers (ma anche la città dei libri sognanti, che ho già letto e recensito) per ritornare a sorridere ...continua

    Se la realtà con i suoi schemi unti e bisunti vi sta troppo stretta, basta prendere questo libro di Moers (ma anche la città dei libri sognanti, che ho già letto e recensito) per ritornare a sorridere.
    Ma per capire uesto libro è necessario fare una cosa fondamentale: accettare che le categorie classiche siano SCARDINATE.
    Altrimenti non ci si diverte per nulla a leggere questo libro.

    ha scritto il 

  • 3

    Apprezzo molto Moers come scrittore, e la vicenda in quanto tale mi ha molto divertito e appassionato...PERO' non sono proprio riuscito ad apprezzare le intromissioni di Ildefonso de' Sventramitis (ca ...continua

    Apprezzo molto Moers come scrittore, e la vicenda in quanto tale mi ha molto divertito e appassionato...PERO' non sono proprio riuscito ad apprezzare le intromissioni di Ildefonso de' Sventramitis (capisco il senso della cosa, e come principio teorico la apprezzo, ma in sostanza non mi ha divertito). Una lettura che è quindi piacevole, ma ben lontana da altre sue opere come La città dei libri sognanti

    ha scritto il 

  • 5

    Semplicemente stupendo!

    L'ho iniziato ieri sera e finito oggi: impossibile non continuare a leggere!
    Gli abitanti di Zamonia e le creature della Grande Foresta sono fortissimi e persino corredati di "descrizione scientifica" ...continua

    L'ho iniziato ieri sera e finito oggi: impossibile non continuare a leggere!
    Gli abitanti di Zamonia e le creature della Grande Foresta sono fortissimi e persino corredati di "descrizione scientifica", la storia è scorrevole e scritta benissimo, adoro le illustrazioni e, soprattutto, le divagazioni sventramitiche sono geniali. Adesso non vedo l'ora di leggere tutti gli altri di libri: Walter Moers è un mito!

    ha scritto il 

  • 5

    Grimm a zonzo per Zamonia!

    Il libro meno riuscito nella produzione di Moers, ma comunque un must have per tutti i suoi fan!

    Non c'è bisogno di comprare "Le 13 vite e mezzo del Capitano Orso Blu" per apprezzarlo, in quanto è una ...continua

    Il libro meno riuscito nella produzione di Moers, ma comunque un must have per tutti i suoi fan!

    Non c'è bisogno di comprare "Le 13 vite e mezzo del Capitano Orso Blu" per apprezzarlo, in quanto è una storia a se, ma se proprio dovete iniziare Moers acquistate prima "Le 13 vite e mezzo del Capitano Orso Blu"...

    Perché 5 stelle?
    Beh, perché è Moers!

    ha scritto il