Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Epitaffio per una spia

Di

Editore: Adelphi (Gli Adelphi; 187)

3.8
(139)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 231 | Formato: Paperback | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Spagnolo , Francese , Tedesco

Isbn-10: 884591612X | Isbn-13: 9788845916120 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Traduttore: Franco Salvatorelli

Genere: Crime , Fiction & Literature , Mystery & Thrillers

Ti piace Epitaffio per una spia?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Costa Azzurra, 1938. Vittima di un banale scambio di rullini Josef Vadassy, un timido insegnante di origine ungherese e incerta cittadinanza, viene arrestato con l'accusa di spionaggio. In realtà la polizia francese sa benissimo che Vadassy è innocente, ma sa anche che non è in condizione di trattare: quindi, o entro tre giorni scoprirà chi, fra gli ospiti del suo stesso alberghetto, è il vero agente nemico, o si vedrà revocare l'indispensabile permesso di soggiorno. Per imparare il mestiere di spia tre giorni possono essere pochissimi, specie se i tuoi compagni di villeggiatura provengono da ogni parte d'Europa e ai tuoi occhi poco addestrati appaiono, di volta in volta, l'incarnazione dell'innocenza o della perfidia. Ma sono invece quanto basta, a un fuoriclasse come Ambler, per dimostrare a quale perfezione narrativa possa essere elevata quella spy story che prima di lui veniva giudicata più o meno da chiunque "una forma infima di vita letteraria". (dalla quarta di copertina)
Ordina per
  • 4

    Very enjoyable novel, well written and fluent. Not-classical story of spies, because here, differently from Le Carre's or Follet's novels, the spies are not a super-men but ordinary people who find themselves caught into an unwanted game, into a web of lies and suspicions from which for them, not ...continua

    Very enjoyable novel, well written and fluent. Not-classical story of spies, because here, differently from Le Carre's or Follet's novels, the spies are not a super-men but ordinary people who find themselves caught into an unwanted game, into a web of lies and suspicions from which for them, not used to this stuff, is hard to deal with.. advised!

    ha scritto il 

  • 3

    dal blog Giramenti

    Adelphi – in quarta di copertina – mi avverte che sto per imbattermi in un fuoriclasse – l’autore – che mi dimostrerà «a quale perfezione narrativa» possa arrivare la spy-story. Sì, ok, è un buon libro, ma non si tiri fuori la perfezione come un paio di pattine da usare sul pavimento in graniglia ...continua

    Adelphi – in quarta di copertina – mi avverte che sto per imbattermi in un fuoriclasse – l’autore – che mi dimostrerà «a quale perfezione narrativa» possa arrivare la spy-story. Sì, ok, è un buon libro, ma non si tiri fuori la perfezione come un paio di pattine da usare sul pavimento in graniglia: il colpevole arriva con troppo anticipo e alle fine speri d’aver preso un granchio: fa’ che non sia proprio lui o quando chiudo il libro m’incazzo. E tocca incazzarsi.

    SEGUE su http://gaialodovica.wordpress.com/2012/08/24/epitaffio-per-una-spia-di-eric-ambler/

    ha scritto il 

  • 5

    Una spia in Costa azzurra

    Eric Ambler è riconosciuto come un maestro del genere spionaggio e questo suo romanzo è considerato forse il suo capolavoro. Scritto nel 1938 e rivisitato dallo stesso autore nel 1966, questa divertente spy story è ambientata in un hotel di lusso della Costa azzurra.
    Uno degli ospiti, dopo esser ...continua

    Eric Ambler è riconosciuto come un maestro del genere spionaggio e questo suo romanzo è considerato forse il suo capolavoro. Scritto nel 1938 e rivisitato dallo stesso autore nel 1966, questa divertente spy story è ambientata in un hotel di lusso della Costa azzurra. Uno degli ospiti, dopo essere stato apparentemente derubato della sua macchina fotografica, verrà suo malgrado reclutato dalla polizia locale per tentare di scoprire quale tra gli altri ospiti dello stesso albergo è in realtà una pericolosa spia. Peccato che il nostro protagonista sia piuttosto maldestro e tutt’altro che a suo agio nell’impresa, dando così vita ad una sorta di commedia degli equivoci piuttosto divertente ma non perciò meno intrigante. Dall’inizio alla fine si cerca insieme al protagonista il “colpevole”, e non si può non apprezzare – oltre alla storia – anche la prosa, certamente di gran classe, ed i personaggi, ben tratteggiati con uno stile degno della migliore tradizione gialla (penso ad Agatha Christie o John Dickson Carr).

    ha scritto il 

  • 0

    Trova il libro nell'OPAC delle bilbioteche mantovane: http://mantova.on-line.it/SebinaOpac/Opac?action=search&thTitoloBase2=Epitaffio+per+una+spia&startat=0

    Libro scritto molto bene, coinvolgente e “vero”. Da leggere senz’altro.

    ha scritto il 

  • 5

    Bravissimo Ambler

    Classico giallo anni 30, dove l'autore ricostruisce sapientemente le atmosfere, gli usi e i dialoghi di un tempo che sembra ormai lontanissimo. Consigliato.

    ha scritto il 

  • 5

    << Spy Story intinte di Noir>>...

    Eric Ambler non è stato uno scrittore di spy story qualunque. Senza di lui e Graham Greene probabilmente lo spionaggio non sarebbe un genere.. Stile asciutto e poco incline alla spettacolarità, il suo mondo è popolato da anti-eroi e personaggi che guardano la societa' «dal basso», magari con un p ...continua

    Eric Ambler non è stato uno scrittore di spy story qualunque. Senza di lui e Graham Greene probabilmente lo spionaggio non sarebbe un genere.. Stile asciutto e poco incline alla spettacolarità, il suo mondo è popolato da anti-eroi e personaggi che guardano la societa' «dal basso», magari con un po' di rancore e cattiveria, storie intinte di Noir mai banali e spesso "intimiste", insomma. "Epitaffio per una spia" credo sia uno dei suoi libri più belli. Il protagonista, Jozsef Vadassy, vittima innocente d'uno scambio di macchine fotografiche, ha tre giorni di tempo per scoprire una trama spionistica sulla Costa Azzzura del 1938 ordita alle sue spalle. Egli viene arrestato come sospetto di spionaggio, e sarà rilasciato solo a condizione di scoprire il vero doppiogiochista, che certamente fa parte della clientela del piccolo albergo in cui soggiorna.. Non a caso nella letteratura di genere,è stato creato l'aggettivo "Ambleriano". Eric Ambler secondo il mio modesto parere non è stato secondo nè a Le Carrè nè a Forsyth. Anzi forse è vero il contrario, purtroppo come tanti altri validi scrittori che hanno la sventura di essere poco conosciuti è sottovalutato dalla critica e dagli appassionati, specialmente in Italia..tanto per cambiare.

    ha scritto il