Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Era meglio morire da piccoli?

Nuovi monologhi

Di

Editore: Baldini Castoldi

3.5
(231)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 160 | Formato: Altri

Isbn-10: 8880890263 | Isbn-13: 9788880890263 | Data di pubblicazione: 

Disponibile anche come: Paperback , Copertina rigida

Genere: Home & Gardening , Humor , Political

Ti piace Era meglio morire da piccoli??
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
In questo libro non sono contenuti soltanto i principali interventi de "Illaureato". Ci sono anche i migliori pezzi teatrali di Paolo Rossi, mai raccolti finora in un libro, tratti da "Pop e Rebelot", "Operaccia Romantica", ilrecentissimo "Milanon Milanin" e l'ormai lontano "Chiamatemi Kowalski". Unaspecie di storia italiana e degli italiani, vittime e carnefici, attraversol'intero percorso artistico di Paolo Rossi, costruito insieme ai suoi coautori Gino&Michele, Giampiero Solari, Riccardo Pifferi.
Ordina per
  • 2

    I monologhi di Paolo Rossi sono surreali, pungenti, grotteschi, onirici e assolutamente geniali. Purtroppo leggerli anziché vederli fanno perdere tantissimo della sua comicità.
    Cercateli e guardateli. ...continua

    I monologhi di Paolo Rossi sono surreali, pungenti, grotteschi, onirici e assolutamente geniali. Purtroppo leggerli anziché vederli fanno perdere tantissimo della sua comicità.
    Cercateli e guardateli.

    ha scritto il 

  • 2

    Non mi è piaciuto. Non amo leggere testi teatrali. Questo non è un libro, bensì una raccolta di monologhi. Noioso perché i fatti sono datati e perché i monologhi letti fanno un altro effetto. Tutto so ...continua

    Non mi è piaciuto. Non amo leggere testi teatrali. Questo non è un libro, bensì una raccolta di monologhi. Noioso perché i fatti sono datati e perché i monologhi letti fanno un altro effetto. Tutto sommato una lettura che potevo saltare a piè pari.

    ha scritto il 

  • 3

    L'impressione sin da subito è che le raccolte proposte siano troppo teatrali e molto poco cartacee. L'autore in effetti suggerisce di non leggere questa raccolta come fosse un libro ma di vivere il te ...continua

    L'impressione sin da subito è che le raccolte proposte siano troppo teatrali e molto poco cartacee. L'autore in effetti suggerisce di non leggere questa raccolta come fosse un libro ma di vivere il testo come si fosse a teatro. Purtroppo non sempre sono riuscito in questo arduo (per me) intento.

    ha scritto il 

  • 4

    Tormentone Rossi

    Sagace, sottile, ironico, tagliente.
    Una raccolta del meglio dei monologhi di questo brillante "piccolo uomo" (o uomo piccolo?), artista a tutto tondo come pochi ce ne sono.
    Ed il ricordo di tante not ...continua

    Sagace, sottile, ironico, tagliente.
    Una raccolta del meglio dei monologhi di questo brillante "piccolo uomo" (o uomo piccolo?), artista a tutto tondo come pochi ce ne sono.
    Ed il ricordo di tante notti in bianco trascorse a ridere delle sue battute con le amiche del liceo; quando seguire Paolo Rossi sembrava, di per sè, un segno distintivo, un moto di liberazione, un tocco di classe. Fantastico!

    ha scritto il 

  • 4

    Questo libro è diviso in 7 capitoli come le fasi della "boracchera, la ciuca anarchica spagnola:
    prima fase "borracho";
    seconda fase "muy borracho;
    terza fase "cantos populares";
    quarta fase "cantos p ...continua

    Questo libro è diviso in 7 capitoli come le fasi della "boracchera, la ciuca anarchica spagnola:
    prima fase "borracho";
    seconda fase "muy borracho;
    terza fase "cantos populares";
    quarta fase "cantos patrioticos";
    quinta fase "cantos religiosos";
    sesta fase "negation de l'evidencia;
    settima fase "insulti al clero y apoteosis final".
    Questa è anche l'idea più bella di tutto il libro.

    ha scritto il