Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Eragon

Di

Editore: Fabbri

3.7
(9133)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 593 | Formato: Copertina rigida | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Spagnolo , Tedesco , Chi tradizionale , Catalano , Francese , Portoghese , Svedese , Olandese , Turco , Sloveno , Finlandese , Polacco , Ceco , Croato , Ungherese

Isbn-10: 8845102971 | Isbn-13: 9788845102974 | Data di pubblicazione: 

Traduttore: Scotto di Santillo M. C.

Disponibile anche come: Altri , Paperback

Genere: Fiction & Literature , Science Fiction & Fantasy , Teens

Ti piace Eragon?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Un ragazzo. Un drago. Un mondo di avventure. Quando Eragon trova una liscia pietra blu nella foresta, è convinto che gli sia toccata una grande fortuna: potrà venderla e nutrire la sua famiglia per tutto l'inverno. Ma la pietra in realtà è un uovo. Quando si schiude rivelando il suo straordinario contenuto,un cucciolo di drago, Eragon scopre che gli è toccata in sorte un'eredità antica come l'Impero. Forte di una spada magica e dei consigli di un vecchio cantastorie, dovrà cavarsela in un universo denso di magia, mistero e insidie,imparare a distinguere l'amico dal nemico, dimostrare di essere il degno erede dei Cavalieri dei Draghi...
Ordina per
  • 4

    Il Ciclo dell’Eredità è diventato uno dei classici del genere fantasy, insieme alle Cronache di Narnia, al Signore degli anelli ecc.. e se è diventato così famoso a livello mondiale un motivo ci deve pur essere…
    Il primo volume parla di Eragon, giovane contadino che scopre di essere un Cava ...continua

    Il Ciclo dell’Eredità è diventato uno dei classici del genere fantasy, insieme alle Cronache di Narnia, al Signore degli anelli ecc.. e se è diventato così famoso a livello mondiale un motivo ci deve pur essere…
    Il primo volume parla di Eragon, giovane contadino che scopre di essere un Cavaliere dei Draghi. Questi uomini leggendari sono vissuti centinaia di anni fa poi furono traditi, da un membro del loro stesso ordine, e uno di loro attualmente è il re di tutto l’Impero. Eragon in pochissimo tempo si trova al centro di conflitti e intrighi al di sopra di ogni sua immaginazione, e non solo diventerà parte della leggenda e della storia di Alagaesia, ma ne sarà il protagonista. Da lui dipenderà il futuro di tutto il mondo conosciuto e in base alle sue scelte gli uomini e le donne del suo paese potranno tornare a vivere in pace e prosperità.
    “Qual è il valore di ciò che facciamo? Il valore consiste nell’atto. Il tuo valore ha fine quando ti arrendi e non provi più il desiderio di cambiare, di vivere la vita. Ma hai parecchie strade davanti a te: scegline una e dedicati a essa anima e corpo. Saranno le azioni a darti una nuova speranza e un nuovo scopo.”
    Devo confessare che prima di leggere il libro ho visto la trasposizione cinematografica e in realtà mi era piaciuta, al contrario dei giudizi negativi dei critici del settore. Leggere il libro è totalmente diverso! Ovviamente i vari passaggi di scena sono meglio descritti e il viaggi di Eragon, dal suo paese sperduto nelle montagne fino alla grande capitale dell’Impero e poi dai Varden, è descritto abilmente dall’autore. Non ci sono punti morti e i colpi di scena si susseguono a ritmo incalzante, quando si crede che ormai i protagonisti siano al sicuro, ecco che spunta un’armata di nemici che sconvolge la tranquillità del gruppo. Una cosa che mi è piaciuta molto è che gli eventi e le nuove informazioni non si scoprono in maniera forzata, tutto è lineare e ha un filo logico all’interno della storia. Anche se siamo in un universo fantasy con draghi, elfi e altre creature fatate, ogni evento ha la sua logica e in un certo senso potrebbe capitare anche nella vita vera.
    Il personaggio che mi è piaciuto di più è sicuramente Brom e spero che nei prossimi volumi si possa conoscere di più su questa figura semi-mitica, che ha aspettato per tutta la vita il ritorno di un Cavaliere dei Draghi, che fosse in grado di opporsi al malvagio re dell’Impero e di far tornare i draghi a volare nel cielo di Alagaesia. Mi ha colpito molto anche la maturazione di Eragon che da ragazzino sprovveduto è diventato un uomo, conscio delle proprie responsabilità e che non sempre nella vita tutto va come vorremmo.
    “Rammenta che molte persone sono morte per le proprie convinzioni; succede spesso. Il vero coraggio consiste nel vivere e soffrire per ciò in cui credi”
    Paolini è riuscito a creare un libro unico e appassionante, capace di affascinare intere generazioni! È veramente difficile non leggere immediatamente anche il secondo volume, e scoprire come continueranno le avventure di Eragon, Cavaliere dei Draghi.

    ha scritto il 

  • 5

    Bella partenza, ma l'arrivo...

    Paolini apre la saga dell'eredità nel migliore dei modi, scrivendo "Eragon", un testo fluido, scorrevole e carico di avvenimenti emotivi. E' il tripudio dell'amicizia, vista come legame profondo e indissolubile tra due esseri, è la storia di un ragazzo che stravolge la sua vita per crearne una nu ...continua

    Paolini apre la saga dell'eredità nel migliore dei modi, scrivendo "Eragon", un testo fluido, scorrevole e carico di avvenimenti emotivi. E' il tripudio dell'amicizia, vista come legame profondo e indissolubile tra due esseri, è la storia di un ragazzo che stravolge la sua vita per crearne una nuova andando oltre quelle che credeva le sue effettive capacità.
    Purtroppo però la carismatica vicenda ha iniziato ad incepparsi, infatti il secondo libro è stato decente, ma il terzo assolutamente no.
    In Brisingr non c'è niente, una storia, un po' di pepe, emozione. E' piatto, sciapo, come se fosse stato scritto per allungare il brodo ed aumentare la suspance per il capitolo finale della saga.
    Secondo me Paolini si è bruciato così tutti i lettori. Io personalmente ogni volta vado in libreria, vedo Inheritance che mi guarda desideroso di esser comprato al suo modico prezzo di cinque euro in copertina rigida (e questo già la dice lunga sul successo che ha riscosso), ma niente..non c'è niente di peggio di un lettore deluso da quello che credeva essere il suo beniamino.

    ha scritto il 

  • 4

    Ti lascia con un bel finale in modo da invogliarti a leggere il secondo libro. è descritto molto bene ma ci sono talmente tanti particolari che ho dovuto leggere più volte delle frasi per riuscire ad immaginarli davvero bene nella mia mente. Non è uno di quei libri che mi hanno fatto scoccare la ...continua

    Ti lascia con un bel finale in modo da invogliarti a leggere il secondo libro. è descritto molto bene ma ci sono talmente tanti particolari che ho dovuto leggere più volte delle frasi per riuscire ad immaginarli davvero bene nella mia mente. Non è uno di quei libri che mi hanno fatto scoccare la scintilla nel cuore perché lo abbandonato per molte settimane tra un capitolo e l'altro, ma finirlo è stato comunque un sollievo perché anche se non mi aveva preso molto, la storia è stata davvero affascinante. Leggerò sicuramente il secondo libro!

    ha scritto il 

  • 4

    Eragon ha circa 15 anni quando vive insieme a zio Garrow e al figlio Roran nel villaggio di Carvahall.. sperduto tra i monti del continente di Alagaësia: il nostro eroe è coraggioso, abile a cacciare, tant’è vero che durante una battuta di caccia sui monti della Grande Dorsale si imbatte in un og ...continua

    Eragon ha circa 15 anni quando vive insieme a zio Garrow e al figlio Roran nel villaggio di Carvahall.. sperduto tra i monti del continente di Alagaësia: il nostro eroe è coraggioso, abile a cacciare, tant’è vero che durante una battuta di caccia sui monti della Grande Dorsale si imbatte in un oggetto misterioso, una grossa pietra blu zaffiro, piovuta non si sa bene come dal cielo. Una pietra che, in verità, si rivelerà essere un uovo di drago.. anzi, di dragonessa! Che un gruppo di elfi, braccati da Durza e da un gruppo di feroci Urgali, ha cercato di sottrarre ad un triste destino.
    In Alagaësia, infatti, i draghi sono ormai estinti grazie a colui che ora regna, Galbatorix, e che un tempo è stato anch’Egli Cavaliere dei Draghi: sarà proprio grazie ad Eragon che la speranza riaffiora, che i Cavalieri dei Draghi possano nuovamente sorgere e che forse il malvagio Galbatorix e chi gli è appresso finalmente potranno morire!
    Ma l’eroe non è mai solo, questo è risaputo: sarà grazie al coraggioso Brom che imparerà a combattere con la spada, a cavalcare Saphira, ad imparare a leggere e a scoprire l’uso della magia. Insieme a Brom, dunque, Eragon intraprende un lungo e pericoloso viaggio, ricco di insidie e di incontri, allargando così la cerchia d’alleanze grazie a Murtagh, Arya, Angela e il gatto mannaro.

    Commento:

    Sebbene di base simile agli altri fantasy – l’eroe che deve fare un viaggio per sconfiggere il cattivo di turno, l’apprendimento nel combattimento etc etc – devo dire che inizialmente non mi convinceva granché: in realtà, poi, dopo la prima parte del romanzo, ho decisamente apprezzato la caratterizzazione dei personaggi, le fasi di apprendimento del giovane protagonista, la differenza tra Eragon e Brom..
    Il libro è accattivante, coinvolgente, interessante proprio perché molto diverso dalla trasposizione cinematografica che è stata fatta alcuni anni fa.
    Anche questo è solo il primo della trilogia.. bisogna quindi leggere gli altri per comprendere il nesso intero della storia.

    ha scritto il 

  • 4

    Empatia

    Di Eragon ho amato alla follia il rapporto tra il protagonista e Saphira. E' da pelle d'oca!!!!
    Difficile fare una recensione visto che la storia è ancora all'inizio, ma mi è piaciuto molto e credo che il miglior feedback sia che non vedo l'ora di leggere il seguito! :D

    ha scritto il 

  • 5

    E' la storia di un ragazzino di nome Eragon, che un giorno di caccia trova una pietra blu nella foresta.
    Crede che gli sia toccata una grande fortuna; con esso potrà sfamare la famiglia durante l'inverno. Ma essa è invece un uovo di drago che Da quel giorno cambiò la sua vita.
    In segu ...continua

    E' la storia di un ragazzino di nome Eragon, che un giorno di caccia trova una pietra blu nella foresta.
    Crede che gli sia toccata una grande fortuna; con esso potrà sfamare la famiglia durante l'inverno. Ma essa è invece un uovo di drago che Da quel giorno cambiò la sua vita.
    In seguito a una grande battaglia, dovrà cercare di annientare l'impero di Galbatorix.

    ha scritto il 

  • *** Attenzione: di seguito anticipazioni sulla trama (SPOILER) ***

    3

    Non è semplice scrivere bene un romanzo a quindici anni.
    Lo stile del Paolini esordiente è piacevole, fresco e accattivante per l’adolescente medio che si affaccia a questo genere.
    La vicenda, meno articolata rispetto a Eldest e Brisingr, dove è tirata per le lung ...continua

    Non è semplice scrivere bene un romanzo a quindici anni.
    Lo stile del Paolini esordiente è piacevole, fresco e accattivante per l’adolescente medio che si affaccia a questo genere.
    La vicenda, meno articolata rispetto a Eldest e Brisingr, dove è tirata per le lunghe fino alla esasperazione, scorre senza intoppi.
    Inoltre, cosa non da poco, l’autore non sposta i suoi personaggi come se fossero sulla plancia del Monopoli: si macinano kilometri e Paolini lo fa capire.
    Tutto ciò vale per la struttura. L’originalità della storia è un altro paio di maniche.
    Non ho mai visto la saga di Star Wars se non l’episodio IV ed è chiaro come il sole che Eragon è tale e quale a Una nuova speranza.
    Qualche esempio?
    1)All’inizio alla principessa Arya/Leila, in viaggio per una importante missione, viene tesa una imboscata da Durza/ Darth Vader. Lei fa appena in tempo a spedire lontano un uovo/C1-P8 prima di essere catturata dal malvagio.
    2) Il giovane Eragon/Luke trova l’uovo/C1-P8 e, ignaro di quante magagne gli porterà, lo porta a casa sua dove vivono lo zio Garrow e il cugino Roran/gli zii Owen e Beru
    3) Una serie di eventi inaspettati portano Eragon/Luke a fuggire, accompagnato dalla sua dragonessa/(accostarla a C1-P8 e al petulante C-3PO vale?) e il vecchio Brom/ Obi-Wan Kenobi, che farà dono al ragazzo di una spada
    Le somiglianze non finiscono qui, ma è inutile andare per le lunghe.
    Se la storia sa di già sentito, nulla toglie che Eragon meriti comunque molto di più delle sconclusionate fanfiction che circolano in rete.
    Come detto prima, Paolini non si è sprecato granché in novità ma, a conti fatti, quanta ce ne può essere in un romanzo adolescenziale?

    ha scritto il 

Ordina per