Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

Eravamo giovani in Vietnam

By Joseph L. Galloway,Harold G. Moore

(116)

| Others | 9788838479908

Like Eravamo giovani in Vietnam ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

Il 23 ottobre del 1965, 450 soldati americani del primo battaglione del 7°Cavalleggeri vengono trasportati con gli elicotteri in un piccolo spiazzonelle valli di Ya Drang. Sono immediatamente circondati da 2000 militarinordvietnamiti. Tre giorni dopo Continue

Il 23 ottobre del 1965, 450 soldati americani del primo battaglione del 7°Cavalleggeri vengono trasportati con gli elicotteri in un piccolo spiazzonelle valli di Ya Drang. Sono immediatamente circondati da 2000 militarinordvietnamiti. Tre giorni dopo, a poco più di due miglia di distanza, ilbattaglione che avrebbe potuto giungere in loro soccorso viene letteralmentefatto a pezzi. Il luogotenente Hal Moore ha un solo ordine: resistere. E unsolo obiettivo: mantenere la promessa di riportare a casa tutti i suoi uomini,vivi o morti.

36 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 1 person finds this helpful

    Ho capito qualcosa in più sulla vita dei soldati durante guerra del vietnam.

    Is this helpful?

    Antonio Rollo said on Jun 9, 2013 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    400 pagine di noia

    Andrò in controtendenza, viste le numerose recensioni positive che mi hanno peraltro portato ad acquistarlo, ma a me non è piaciuto.
    L'ho trovato un resoconto, sicuramente attendibile, crudo, toccante, interessante per l'approccio, ma scritto male. 4 ...(continue)

    Andrò in controtendenza, viste le numerose recensioni positive che mi hanno peraltro portato ad acquistarlo, ma a me non è piaciuto.
    L'ho trovato un resoconto, sicuramente attendibile, crudo, toccante, interessante per l'approccio, ma scritto male. 400 pagine di battaglie e di testimonianze rese in maniera confusa nonostante l'aiuto delle mappe e delle tattiche adottate. Presenta centinaia di soldati per nome e grado, senza mai approfondire l'aspetto umano di nessuno, neanche dei personaggi che bene o male ci accompagnano per tutta la durata del libro. Non ho mai avuto la sensazione di trovarmi "in battaglia", quanto più di leggere il rapporto stilato dall'ufficiale in comando in maniera molto sterile e distaccata. E non ho apprezzato, inoltre, questa mitizzazione del soldato americano (pur essendo io decisamente filoamericano), nonostante l'inserimento qua e là di qualche intervento di generali nordvietnamiti. Il concetto ricalca un po' il Vietnam hollywoodiano, il nordvietnamita che muore è un muso giallo che serve a fare numero nella statistica delle uccisioni, l'americano che muore è sempre e comunque un eroe che si è immolato con onore per la patria. Avrei apprezzato qualche accenno in più, oltre che agli episodi di eroismo che sicuramente ci sono stati, anche all'aspetto "umano" di paura, vigliaccheria se vogliamo, tipiche però di una situazione estrema come può essere la guerra per dei ragazzi di 20 anni.

    Is this helpful?

    Musashinden said on Nov 21, 2012 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Da leggere!!!

    Riprendendo il commetno de "La Stampa"..."Non è un libro contro la guerra, e neanche un'apologia patriottica. E' la storia semplice e terribile di come è cominciata la carneficina vietnamita".
    Un libro che racconta orrore, eroismo, terrore e sacrific ...(continue)

    Riprendendo il commetno de "La Stampa"..."Non è un libro contro la guerra, e neanche un'apologia patriottica. E' la storia semplice e terribile di come è cominciata la carneficina vietnamita".
    Un libro che racconta orrore, eroismo, terrore e sacrificio di 400 uomini presi da ogni parte degli U.S.A., con estrazione culturale diversa...un libro magnifico e terribile.

    Is this helpful?

    Delendalatina said on Jan 22, 2012 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Duro e crudo

    Un resoconto duro e crudo di una delle prime battaglie della guerra del Vietnam. Nessun libro, potrà mai farti provare veramente ciò che si prova in guerra... però questo forse ci va vicinissimo.

    Is this helpful?

    GELO77 said on Jan 14, 2012 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Ne uccide più la penna della spada.

    Diario di servizio del colonnello H.G. Moore, che dimostra ugual disinvoltura nel massacrare i nemici e la letteratura. Testo totalmente autoreferenziale in cui si spaccia una battaglia per la guerra. Pur consigliato "vivamente" ai perversi del voyeu ...(continue)

    Diario di servizio del colonnello H.G. Moore, che dimostra ugual disinvoltura nel massacrare i nemici e la letteratura. Testo totalmente autoreferenziale in cui si spaccia una battaglia per la guerra. Pur consigliato "vivamente" ai perversi del voyeurismo da incidente stradale, il libro non riesce nemmeno a raggiungere le vette del genere splatter. La sostanza di 400 e passa pagine si riassume nella scoperta che in guerra si muore e si muore male. Finale strappa lacrime per gli abituè della tv spazzatura. Concedo una stella perchè, per una volta anzichè il fucile, gli autori hanno provato ad usare la penna, mantenendosi in linea con il detto "ne uccide più la penna della spada".

    Is this helpful?

    Cristiano Ferrari said on Nov 29, 2011 | 1 feedback

  • 1 person finds this helpful

    Non sono sicura

    Non sono sicura del voto da dare. Questo libro è sicuramente una cronaca precisa di quello che è accaduto in guerra, in "quella" guerra, ma avrei voluto un po' meno cronaca e più vissuto emotivo e psicologico. Forse il capitolo che ho apprezzato di p ...(continue)

    Non sono sicura del voto da dare. Questo libro è sicuramente una cronaca precisa di quello che è accaduto in guerra, in "quella" guerra, ma avrei voluto un po' meno cronaca e più vissuto emotivo e psicologico. Forse il capitolo che ho apprezzato di più è proprio il conclusivo, quello sui "postumi" perchè rispecchia proprio questo punto di vista. E' stata una guerra, quella del Vietnam, che da "guerra lampo" si è trasformata in un'Odissea sanguinosa che ha lasciato strascichi a non finire. E questo, in particolare, avrei voluto approfondire.

    Is this helpful?

    freckles said on Oct 13, 2011 | Add your feedback

Book Details

  • Rating:
    (116)
    • 5 stars
    • 4 stars
    • 3 stars
    • 2 stars
    • 1 star
  • Others 463 Pages
  • ISBN-10: 8838479909
  • ISBN-13: 9788838479908
  • Publisher: Piemme
  • Publish date: 2003-01-01
  • Also available as: Mass Market Paperback
Improve_data of this book