Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

Esattamente il contrario

By Paolo Nori,Fausto Gilberti

(62)

| Others | 9788895082141

Like Esattamente il contrario ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

10 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 1 person finds this helpful

    E noi? Siamo immuni al male? La risposta è no, e la spiegazione è contenuta in questo libro di poco più di 30 pagine.

    Is this helpful?

    Quad said on Aug 9, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    La capacità di Nori è di farti sorridere anche mentre leggi qualcosa di terribile come la questione eugenetica. Ciò non significa sminuire l'argomento ma dare una valenza terrena ai tanti mali che affliggono la storia.
    Breve. Scorrevole. Consigliato.

    Is this helpful?

    Dagio Maya (scambio solo ebook!) said on Jul 16, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Allora, la cosa che un po’ mi vien da pensare è questa qua: Stalin era un tiranno, come dice oggi la storia, Pasternàk era un grande poeta, come dice oggi la letteratura, allora a Stalin oggi bisogna sputargli in ...(continue)

    Allora, la cosa che un po’ mi vien da pensare è questa qua: Stalin era un tiranno, come dice oggi la storia, Pasternàk era un grande poeta, come dice oggi la letteratura, allora a Stalin oggi bisogna sputargli in faccia sempre e comunque, Pasternàk sempre e comunque elogiarlo.
    E, io non lo so, ma chi oggi la pensa così, secondo me sessant’anni fa avrebbe sempre e comunque elogiato Stalin e sempre e comunque sputato in faccia a Pasternàk. Perché allora era quello che diceva la storia, e la letteratura.

    Is this helpful?

    Chico Pipa said on Feb 28, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    In questo piccolo libro (di pagine, non di contenuti) Nori riporta un discorso sulla razza pronunciato il 26 gennaio 2009 a Cracovia, nell'ambito della manifestazione Un treno per Auschwitz.
    Si inserisce in maniera degna nel filone della "banalità de ...(continue)

    In questo piccolo libro (di pagine, non di contenuti) Nori riporta un discorso sulla razza pronunciato il 26 gennaio 2009 a Cracovia, nell'ambito della manifestazione Un treno per Auschwitz.
    Si inserisce in maniera degna nel filone della "banalità del male" (Arendt) e degli "uomini comuni" (Browning), sostenendo come sia difficile pensare con la propria testa e disobbedire al potere quando siamo invece condizionati dalla nostra educazione, dalle informazioni che ci vengono fornite e dalle innumerevoli spinte al conformismo.
    Certo spegnere la televisione aiuterebbe...

    Is this helpful?

    Dr.Restless said on Aug 26, 2013 | Add your feedback

  • 7 people find this helpful

    «prendi uno schiaffo. non lo meriti e lo sai. la rabbia è così grande che guardi in faccia chi ti ha schiaffeggiato, torni indietro e noti, solo ora noti, che stava ridendo dolcemente»

    Razza.
    r a z z a.

    è evidente, te l'hanno inculcato sin dai primi vagiti di storia insegnata e ascoltata come fosse la cosa più vicina a calmare ogni sete di curiosità.
    fatti, posti, locazioni, numeri, persone, ancora persone e poi ...(continue)

    Razza.
    r a z z a.

    è evidente, te l'hanno inculcato sin dai primi vagiti di storia insegnata e ascoltata come fosse la cosa più vicina a calmare ogni sete di curiosità.
    fatti, posti, locazioni, numeri, persone, ancora persone e poi occhi, occhi di gente che vorrebbe scappare ma non ne avrà il tempo, occhi di chi ha visto il tempo sbriciolarsi, bruciare. occhi di chi ha insegnato ai propri occhi la pietà inutile, inutilizzata. e poi dall'altra parte occhi di chi crede, occhi di chi crede così forte che spara più forte. quel forte, roboante e fortissimo che serve a non rimpicciolirsi dinnanzi al rigurgito di coscienza di quel dubbio che a quel punto, ma neanche prima, neanche prima non si poteva, che all'unisono gridava la stessa cosa confortato da chi aveva il suo stesso sorriso sgargiante, gelato e impreciso.

    a quanto pare e non ne avevo né memoria, né dubbio, ai primi del novecento, nell'occidente che contava (e conta) nella noia del troppo agio e delle troppe possibilità che accentuano non solo l'intelligenza ma anche un cocktail delle migliori qualità veniali, si scriveva, si sottoscriveva e si legiferava la necessità della sterilizzazione delle donne e degli uomini in qualche maniera non allineati con la virtù (intesa in senso lato e totale). e viene istantaneamente alla memoria l'uso degli spartani di gettare dalla rupe i figli deformi.

    fra le tante fonti da cui Nori attinge per parlare a un'insieme di giovani persone riunite davanti a lui a Cracovia in un giorno della memoria di qualche anno fa, un sottoinsieme che le unisce tutte parla della creazione nella realtà e in vitro di un esercito di persone perfette, senza difetti fisici né disallineamenti intellettuali rispetto a un potere che si da per scontato essere giusto, imparziale e quant'altro.
    e non so per quale diamine di ponte mentale, mi viene in mente pleasantville, il film. il rigore che impera. l'ordine che annienta l'eco del sentimento, del colore.
    sovvertire la regola è insito all'animo umano, anche in quella famiglia dove prospera virtù in sonanti bot(ti) bancari.

    poi penso a columbine (giusto per dirne una) e a come la normalità decide di distruggere decine di vite nel nome del normale non senso.
    roosevelt decretava la necessità di limitare in aree precise i malati di mente, gli imprecisi, gli sbagliati, nel nome di un credo decisamente troppo "si annienteranno da soli".

    poi ripenso e sento la mia fronte aggrottarsi e centrifugarsi più volte sulla frase di Nori che dice: «...il male derivato dall'obbedienza all'autorità è stato molto superiore rispetto a quello derivato dalla disobbedienza all'autorità, diffidare dell'autorità, ribellarsi all'autorità è esattamente il contrario di quel che ci insegnano fin da quando siamo piccoli».

    poi penso e penso forte. e so che non mi basta. ché davanti alla necessità e a un ordine preciso potrei anche io obliare la mente per un istante e compiere quello da cui non si torna indietro. o forse no. forse nel nome di qualcosa che non ha una bandiera né un effigie, né un reale ideale, potrei sacrificarmi e magari mi deriderebbero per "insufficienza di autostima". e mi viene così semplice sottolineare con il mio neurone più nero e professore, che in fondo essere giusti è solo un modo di scomporre in tempo reale la propria intelligenza e metterla su una posizione che non è migliore di altre ma può ergersi a essere equa.
    e questo pensiero mi fa sentire migliore esattamente come si sentivano migliori coloro che ruminavano nei semi più torbidi ed autoreferenziali della scienza e del sapere umano, ma mai e poi mai mi consegnerà il benché minimo diritto di decidere sull'annientamento delle possibilità di chi geneticamente o meno, possiede e vive sulla pelle difficoltà che non sta a me giudicare, né stroncare.

    e nel suo modo rispettoso, libero e sensato, Nori ha detto cose per cui vale la pena di rimediare la ristampa di questo discorso.

    e quando penso a ceffoni formativi, penso a una cosa così. uno schiaffo di 60 pagine con carta a buccia d'arancia e quella sapienza di chi se ne frega di mettersi l'altarino sotto i tacchi.

    e ci sono almeno un paio di termini che finiscono con "tà" che mi vengono in mente, ma braccia conserte, fronte aggrottata e una gran voglia di fare compagnia alla notte per un passeggiata amichevole, mi bastano e avanzano.

    Is this helpful?

    http://www.youtube.com/watch?v=TqES9stVBS0 said on Apr 7, 2013 | Add your feedback

  • 3 people find this helpful

    Discorso sulla razza

    Leggere questo libro, ricordando le parole di Paolo Nori, di 3 anni fa, su quel palco, in una fredda serata, a Cracovia, dopo un lungo viaggio su quel treno. E' un qualcosa che non è facile da spiegare. Leggere un testo e sentire la sua voce, sempre ...(continue)

    Leggere questo libro, ricordando le parole di Paolo Nori, di 3 anni fa, su quel palco, in una fredda serata, a Cracovia, dopo un lungo viaggio su quel treno. E' un qualcosa che non è facile da spiegare. Leggere un testo e sentire la sua voce, sempre di quella sera là, a tratti fa persino paura.
    Voto 10 e lode a questo discorso sulla razza, che fa riflettere, che fa chiedere: ma davvero sono così anche io?
    Illuminante, semplice ma profondo, a tratti angosciante. Per la tremenda consapevolezza che Paolo Nori non sta mentendo quando parla di (dis)obbedienza all'autorità.

    Is this helpful?

    Serena said on Oct 3, 2012 | Add your feedback

Book Details

  • Rating:
    (62)
    • 5 stars
    • 4 stars
    • 3 stars
  • Others
  • ISBN-10: 8895082141
  • ISBN-13: 9788895082141
  • Publisher: Drago
  • Publish date: xxxx-xx-xx
Improve_data of this book