Create your own shelf sign up

Together we find better books

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Escorxador-5

Per

Editor: Proa

4.1
(7037)

Language:Català | Number of Pàgines: 224 | Format: Paperback | En altres llengües: (altres llengües) English , Chi traditional , Portuguese , Spanish , French , German , Italian , Finnish , Swedish , Polish , Greek , Czech , Romanian

Isbn-10: 8484370356 | Isbn-13: 9788484370352 | Data publicació: 

Category: Fiction & Literature , History , Science Fiction & Fantasy

Do you like Escorxador-5 ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Registra't gratis
Descripció del llibre
Sorting by
  • 3

    Così va la vita

    Mah... Sinceramente mi ha lasciato un po' perplesso. L'ho trovato un po' sconclusionato, confuso e dall'ironia piuttosto inutile. Pregevoli alcuni spunti o piccoli dettagli, soprattutto sui racconti d ...continua

    Mah... Sinceramente mi ha lasciato un po' perplesso. L'ho trovato un po' sconclusionato, confuso e dall'ironia piuttosto inutile. Pregevoli alcuni spunti o piccoli dettagli, soprattutto sui racconti di guerra.

    dit a 

  • 4

    Non trovo modo migliore di definire questo libro che una citazione dal libro stesso: "così va la vita". La frase è esemplificativa del senso di rassegnazione e impotenza dell'uomo e della sua condizio ...continua

    Non trovo modo migliore di definire questo libro che una citazione dal libro stesso: "così va la vita". La frase è esemplificativa del senso di rassegnazione e impotenza dell'uomo e della sua condizione che secondo me permea quasi ogni pagina di questo libro. Ho fatto un po' di fatica con le prime pagine per il tipo di scrittura e i continui stacchi ma una volta abituatomi lo ho davvero apprezzato. Consigliato!

    dit a 

  • 5

    Come al solito, dopo una bella lettura sono alle prese con la frustrazione con la F maiuscola. Uffa! Perché non so scrivere? Di questo libro vorrei scrivere cose bellissime ma mi vengono in mene solo ...continua

    Come al solito, dopo una bella lettura sono alle prese con la frustrazione con la F maiuscola. Uffa! Perché non so scrivere? Di questo libro vorrei scrivere cose bellissime ma mi vengono in mene solo banalità. Ho scoperto ora questo scrittore, che oltre a scrivere magnificamente, deve essere stato un grandissimo uomo. Questo libro è geniale, come quando racconta del robot che lanciava napalm sugli esseri umani, ma che l'unica cosa che non gli si perdonava era l'avere l'alito cattivo. Trovo geniale che alcuni episodi sembrano leggeri, fanno sorridere, ma che c'è un collegamento che riporta sempre all'orrore della guerra. Meglio non so scrivere, ma così va la vita.

    dit a 

  • 4

    "Dopo un massacro tutto dovrebbe tacere, e infatti tutto tace, sempre, tranne gli uccelli."

    2012:

    Questo non è solo uno dei più importanti libri contro la guerra, questo è un capolavoro, un cult, un libro che dovrebbe essere inserito fra le letture scolastiche dei ragazzi e non solo per il m ...continua

    2012:

    Questo non è solo uno dei più importanti libri contro la guerra, questo è un capolavoro, un cult, un libro che dovrebbe essere inserito fra le letture scolastiche dei ragazzi e non solo per il messaggio che porta con sé, ma anche per l’originalità della costruzione: stralunato, schizofrenico, irriverente, ironico, fantastico. Billy Pilgrim rapito dagli alieni del pianeta Tralfamadore, scopre che “ non c’è principio, parte di mezzo o fine, non c’è suspance, né morale, né cause ed effetti”, egli viaggia nel tempo avanti e indietro, svolgendo e riavvolgendo il nastro dei suoi terribili ricordi, sapendo che non c’è nessun perché, ogni momento semplicemente è, e che così è la vita.....

    dit a 

  • 4

    Frasi dal libro

    “Era gente spregevole, quella di Sodoma e Gomorra, come tutti sanno. Il mondo stava meglio senza di loro.
    E alla moglie di Lot, naturalmente, fu detto di non voltarsi indietro a guardare il luogo dov ...continua

    “Era gente spregevole, quella di Sodoma e Gomorra, come tutti sanno. Il mondo stava meglio senza di loro.
    E alla moglie di Lot, naturalmente, fu detto di non voltarsi indietro a guardare il luogo dove prima c’era tutta quella gente con le sue case. lei invece si voltò, e per questo io le voglio bene: perché fu un gesto profondamente umano.”

    https://frasiarzianti.wordpress.com/2015/03/11/mattatoio-n-5-k-vonnegut/

    dit a 

  • 4

    Mmmm, forse mi aspettavo di più da questo libro e diciamo che questa scrittura sincopata e così poco letteraria forse non è nelle mie corde, tuttavia è un libro che si basa su una esperienza personale ...continua

    Mmmm, forse mi aspettavo di più da questo libro e diciamo che questa scrittura sincopata e così poco letteraria forse non è nelle mie corde, tuttavia è un libro che si basa su una esperienza personale (dove per giunta i "cattivi" diventano vittime) che è così difficile immaginare in termini di sconvolgimento e tragicità, che apprezzo davvero molto la scelta dell'autore di descriverla evitandoci l'orrore e il senso di colpa, senza per questo togliere nulla al dramma. C'è un punto che mi pare centrale e che ruota intorno alla scelta del sottotitolo "La crociata dei bambini" ed è proprio la sensibilità nei confronti dei "bambini" o giovani esseri umani, che va persino oltre la denuncia evidente dell'assurdità -troppo umana- di addossare loro le sciagurate conseguenze dell'avidità, dell'ambizione e della follia dei "grandi", perchè è anche appunto quella di come spiegare loro (quelli che fortunatamente quell'esperienza non la faranno mai) qualcosa di sconvolgente senza sconvolgerli. E, poichè ho un figlio che ha avuto una brutta crisi di ..panico in seguito alla preparazione alla giornata della memoria durante le scuole elementari, lo apprezzo davvero sopra ogni altra cosa e credo voglia dire per l'autore essere riuscito a conservare una grande umanità e amorevolezza nonostante quella esperienza disperante. Grazie per questo sig. Vonnegut.

    dit a 

  • 3

    un viaggiatore del tempo (nella sua testa)

    Billy è il protagonista di questo romanzo e viaggia nel tempo (almeno secondo lui): fa spesso ritorno ai giorni del bombardamento di Dresda, ai giorni della sua infanzia, all'incidente con l'aereo, al ...continua

    Billy è il protagonista di questo romanzo e viaggia nel tempo (almeno secondo lui): fa spesso ritorno ai giorni del bombardamento di Dresda, ai giorni della sua infanzia, all'incidente con l'aereo, alla vita vissuta tra gli alieni che lo hanno rapito (i quali, lo tengono in una teca che riproduce il suo mondo, insieme ad un'altra terrestre rapita. Qui lo guardano accoppiarsi, mangiare e fare le cose tipiche degli umani, come faremmo noi, con gli animali allo zoo).
    Molto ben scritto, originale l'idea dello sbalzo nel tempo continuo.
    Un utile mezzo per raccontare del triste bombardamento, di cui anche l'autore fu testimone (nel primo capitolo, che sembra, insieme all'ultimo, distaccato dalla narrazione, l'autore progetta di scrivere un romanzo sull'eccidio, assieme ad un suo vecchio commilitone).

    dit a 

  • 5

    Vonnegut scampato miracolosamente allo storico bombardamento di Dresda, dopo vent'anni trova la forza di scrivere il suo romanzo Contro la guerra.
    Questo "libricino" è un cocktail di sequenze narrativ ...continua

    Vonnegut scampato miracolosamente allo storico bombardamento di Dresda, dopo vent'anni trova la forza di scrivere il suo romanzo Contro la guerra.
    Questo "libricino" è un cocktail di sequenze narrative tipico dello stile di Vonnegut, un misto tra testimonianza storica, fantascienza e passaggi nel tempo; la metafora guerra-alieni è originale, e Vonnegut la prende con filosofia e umorismo... non è un libro di critica alla guerra o al potere ma semplicemente una rassegnazione alla natura/stupidità umana... "così va la vita".

    L'aneddoto dal quale è nato il titolo "La crociata dei bambini" mi ha colpito particolarmente sia come fatto storico che come promessa mantenuta.

    dit a 

Sorting by